Vai al contenuto
Melius Club

  • Contenuti In Evidenza

    • Sculture di luce. Vi chiedo un parere sincero
      Mi diletto da alcuni mesi a fare queste cose che definisco "sculture di luce".
      Tranne alcuni amici, i cui parei sono ovviamente condizionati, non le ho ancora fatte vedere praticamente a nessuno.
      Ho pensato di sottoporle qui, perché credo sia più facile ottenere delle opinioni sincere, quando non ci sono legami personali e ben sapendo che molti di voi hanno gusti raffinati.
      Ho postato in questa sezione del forum, ma se i moderatori ritengono di spostarla o anche di chiudere, nessun problema.
      Siate sinceri, ve ne sarei grato.
      • 14

        Punti di reputazione

      • 95 risposte
    • Ritorno al futuro
      di Enrico Felici
       
      Dopo anni di silenzio la rivista torna, ci stiamo impegnando per dare continuità a questa iniziativa. Non vogliamo scimmiottare le riviste cartacee, ma sfruttare le potenzialità che il web offre. Abbiamo riflettuto a lungo su come strutturare la rivista, ed abbiamo ipotizzato uno schema che ovviamente pensiamo di realizzare a regime, dopo un congruo periodo di rodaggio.
      • 21

        Punti di reputazione

    • Musica Antica
      prendo lo spunto dal fatto che il 21 marzo, oltre ad essere la giornata della Poesia, è anche la Giornata Europea della Musica Antica per segnalare un bel disco...
      Disco prodotto grazie al museo del Violino di Cremona  e ben suonato da Federico Guglielmo che, presumo, non abbia bisogno di presentazioni

      disco che mi ricorda molto un altro bel disco dei bei tempi passati, di quando si era giovani e si frequentavano costantemente i concerti a Milano per Musica e Poesia a San Maurizio

      ovviamente non stiamo parlando di capolavori della musica, ma in ogni caso di musica "bella"
      • 2

        Punti di reputazione

      • 46 risposte
    • Focal Elite ER1. Il cavo di segnale ammazzagiganti?
      Di grande marchio, bello, coassiale, 0.12 x 64 strands di rame OFC, tripla schermatura con doppia calza 0.12 x 10 e schermo in alluminio, guaina soft touch semitrasparente, connettori spring interamente metallici, massicci, placcati oro, saldatura all'argento.
      E' il Focal Elite ER1... a soli... prima pensate una cifra e poi cliccate https://amzn.to/2Ce0e0r   🙂 
      • 6

        Punti di reputazione

      • 1.379 risposte
    • qual è il componente più "vintage" che ascoltate sull'impianto?
      Vediamo fra tutti quali sono i componenti più datati che comunque utilizziamo sui nostri impianti, e mettiamoci pure una foto (anche dalla rete và bene).
      Parliamo comunque di componenti separati (non valgono compattoni, fonovaligie grammofoni ecc. ecc.). Comincio io...il più anziano fra i componenti che utilizzo, dovrebbe essere questo tuner Armstrong che data 1965.

      A voi la parola...
      • 4

        Punti di reputazione

      • 335 risposte
    • toh..il concerto di Ciaikoski con Berman e Temirkanov
      ... qualcuno ha ristampato il concerto di Ciaikoski con Berman e Temirkanov, abbinandolo ad un altro caposaldo interpretativo di quelli da capogiro.
      https://www.amazon.it/Concerto-Piano-N-1-Op-23/dp/B06XJRDTJ5/ref=sr_1_5?ie=UTF8&qid=1552068694&sr=8-5&keywords=lazar+berman
      Di gran lunga la più bella e irrinunciabile esecuzione del concerto di Ciaikoski: spettacolare dal punto di vista virtuosistico (la Argerich è un chihuahua, Berman è un leopardo), lirica e piena di passione e di fuoco, lussureggiante nella ricchezza del suono di pianoforte e orchestra, con una direzione sontuosa e meravigliosamente in sintonia con il pianista.
      Amo Lazar Berman con tutto il mio cuore per mille e mille motivi, e questo è certamente uno di quelli: una di quelle rarissime cose per le quali la tutti gli altri chinano il capo e dicono sì.
      C'è solo un motivo per non comprare questo disco, ed è perché ce l'hai già.
      Ciao
      C
      • 4

        Punti di reputazione

      • 84 risposte

Discussioni

  1. Appero'!

  2. koss ksc 75

  3. Denon AH-D 7200

  4. Beyerdynamic Amiron.

  5. Ibasso SR1

  6. CUffie Neumann NHD20

  7. Beyerdynamic DT 1990

  8. Koss ESP/9

  • I Blog di Melius Club

    1. INGRESSO.thumb.JPG.96b89f760d250b9e7058bd6fe8b766e5.JPG

       

      La vera magia che compie il Carnevale è quella di fermare il tempo: almeno per qualche giorno si può dimenticare il quotidiano e lasciarsi trasportare in un mondo fantastico, ritornare bambini inventarsi battaglie a colpi di coriandoli e volare con la fantasia in quei mondi fatti di streghe, elfi, draghi, fate, creature misteriose che evocano personaggi mitologici o del futuro che viaggiano nel nostro inconscio: DES MONDES FANTASTIQUES!

      Questo è stato il tema dell’ 86esimo Carnevale di Menton durante la tradizionale e celebre Fête du Citron che ha richiamato una gran folla entusiasta un po’ da tutto il mondo.

      Domenica eravamo 240000 e, alla fine, tutti eravamo cosparsi di “confettis” (coriandoli). Moltissimi i controlli e massiccia la presenza dei gendarmi ma,  più importante ed evidente, era la voglia di fare festa e divertirsi tutti insieme... no, non c’erano gilets jaunes ma tanti...citrons jaunes che, volentieri,  giocavano e si facevano fotografare soprattutto con i bambini. La temperatura era quasi estiva, il sole splendeva e, nel cielo, neanche una nuvola! Dopo la burrasca dei giorni scorsi, anche il mare si era calmato. La scenografia era quindi perfetta!

      Prima di partire con le foto delle cartoline, però, leggete il lato B, quello che vi racconta qualcosa sulle origini e la storia di questa bella festa, e probabilmente scoprirete qualche notizia interessante. Buon divertimento!

       

      #############################

      L’idea del Carnevale a Mentone, fino allora legato a quello di Nizza, è venuta all'inizio del 1900 ad opera di alcuni albergatori che volevano alimentare e intrattenere i villeggianti durante la stagione in cui era tradizione che re, principi, nobili, imprenditori, artisti e ricchi borghesi venissero su “la Côte” a trascorrere qualche salutare settimana al mare cercando anche di curare quel triste mal sottile che era la piaga del tempo. 

      Il Carnevale di Nizza, antichissimo e risalente addirittura al XIII secolo, era l’appuntamento ideale con la sua famosa Parade e i fantastici fuochi artificiali che chiudevano i festeggiamenti . Anche la regina Vittoria partecipò alla manifestazione nel 1882. 

      Una simpatica curiosità: durante questo periodo, nella seconda serata, si svolgeva una famosa e attesa gara, retaggio genovese, che era chiamata dei “Moucouleti”.

      In realtà, come racconta la storia, questa serata presentava un gioco molto divertente dedicato agli innamorati: i giovani tenevano in mano una candela accesa mentre le ragazze la portavano ugualmente ma tenendola, con la mano alzata, sulla testa. Il combattimento consisteva nel cercare, soffiando, di spegnere a vicenda la candela degli avversari mantenendo accesa la propria. Anche le ragazze cercavano di spegnere quella di quei corteggiatori che non gradivano o quelle delle rivali. Quelli che riuscivano a mantenere il moccolo acceso cercavano poi di spegnere quello della ragazza di cui erano innamorati: se ci riuscivano avevano in premio il bacio della fanciulla amata.

      @

      Intanto, nel 1929, quando si diceva che Mentone fosse il primo produttore di limoni del continente, un albergatore decise di allestire una Mostra di Fiori e di Agrumi  nel giardino dell’Hotel Riviera. L’esposizione riscosse un notevole interesse tanto che, a poco, si sviluppò sempre di più arricchendosi di carretti decorati di agrumi, piante di agrumi e bancarelle disseminati qua e là per la cittadina con graziose majorettes abbigliate in costume. 

       

      Finalmente, la vera FÊTE du CITRON nacque nel 1934 e diventò una manifestazione indipendente dal Carnevale di Nizza, offrendo un proprio défilé “al limone”!

      Nel 1936 apparvero  i primi  manifesti e la Festa si trasferì nei pressi del Casinò, nei giardini pubblici Biovès: qui nacquero le prime creazioni con l’utilizzo di 10000 limoni e 12000 arance: il tema era un omaggio al territorio.

      .

      Da allora, ogni anno, in autunno, viene deciso il tema per il prossimo Carnevale, tuttavia, come succede per tutti gli eventi, alcuni anni sono stati felici e altri meno sia per cause climatiche (anni di forti piogge e addirittura neve nel 1956!) che politiche, come il 1991, soppresso per motivi di sicurezza a causa della guerra del Golfo.

      Ecco le tappe principali e alcuni dei temi importanti che sono stati sviluppati nel corso degli anni passati:

      Nel 1959 gli agrumi dei carri non vengono più infilzati in lunghi spilloni ma ancorati e legati tra loro per mezzo di elastici. Quest’anno ne sono serviti 750000!

      Nel 1973, in omaggio a Jules Verne e allo sbarco sulla luna, il tema è stato: “Dalla Terra alla Luna”; a Jules Verne si ritornerà nel 2013 con “ Il giro del mondo in 80 giorni”.

      Dal 1995 al 1999 i temi sono dedicati agli eroi dei fumetti : Asterix, Obelix, Tintin, Lucky Luke, personaggi di Walt Disney e del film “Fantasia”.

      Nel 2000 sfilano per la prima volta i carri di agrumi articolati nei movimenti.

      Nel 2002 il tema è italiano : Pinocchio.

      Molte edizioni, invece,  hanno scelto temi geografici che spaziano nei viaggi e vanno dalla Cina all’India, a regioni europee e grandi isole.

      L3.thumb.JPG.48d55203ecf972de92d77955e12366e7.JPG

       

      Occupandoci di questioni più pratiche, viene spontaneo domandarsi da dove vengano ben 140 tonnellate di agrumi, quantità impossibile per un comprensorio così piccolo... E poi, se i limoni di Mentone sono così speciali e pregiati, perché sciuparli nella creazione dei carri? E dove finiranno alla fine del Carnevale?Chi li fa e chi li disfa?

      Eccomi qua a cercare di dare una risposta a queste domande che io, come voi, suppongo vi siate posti!

      Allora, da quel che ho saputo, nessuno degli agrumi impiegati proviene dal territorio e neppure dalla Francia! Arrivano in maggioranza dalla Spagna, dal Marocco e, forse anche un po’ dall’Italia e altri Paesi del Mediterraneo. Delle più di 140 tonnellate, acquistate dal Comune, 100 servono per decorare il Jardin, la cui visita costa 12€ e che ospita le strutture immobili. Un po’ più di 30 invece servono per allestire i carri della sfilata ( per assistere i costi vanno dai 10, in piedi ai 25 €, seduti in tribuna) e il restante per risistemare quelle che, nel corso di quindici giorni, periodo della durata della manifestazione, si deteriorano. Alla fine, quando si smontano gli allestimenti, gli agrumi vengono svenduti, per pochi euro, in sacchetti che le famiglie acquistano ( ma solo in parte, circa 6 o 7 tonnellate), per divertirsi creando giochi per i bambini o dilettandosi, a loro volta, in piccole creazioni. Uno dei giochi più comuni è quello di creare piramidi e, sempre con gli agrumi, bombardarle per vedere chi riesce ad abbatterne il maggior numero.

      Va detto che questi agrumi non sono di grande qualità e che, difficilmente si sarebbero venduti perché magari trattati con prodotti non conformi alle norme relative all’alimentazione. Restano comunque dubbi su altri eventuali usi.

      Dalla preparazione allo smantellamento, ogni anno, vengono assunte dal Comune centinaia di persone tra cui molti studenti e pensionati che si avvicendano nei vari compiti.

      L1.thumb.JPG.f1fbb4c189cc8afe6de44a2b7fa54ce7.JPG

       

      Adesso però divertitevi e rilassatevi guardando un po’ di cartoline che arrivano fresche fresche dalla festa del 24 febbraio scorso! Alla sfilata però, lo vedrete, non c’erano solo i carri di agrumi, 10 in tutto, ma parecchie altre attrazioni si susseguivano con performances di acrobati e artisti di strada, animali gonfiabili giganti, danze tipiche eseguite dalle simpatiche e bellissime rappresentanti dei Territori d’Oltre Mare, dame e cicisbei della Commedia dell’arte, violiniste, robot, maschere varie, velocipedi, carri meccanici di mostri  giganteschi che sparavano neve e coriandoli o che sbuffavano fumo dalle narici... Fantasie oniriche di ogni età e di ogni tipo...senza tempo, insomma, come le mie cartoline!CA3.thumb.JPG.3afa2e46908c76f0e59b25d76283c265.JPGCA4.thumb.JPG.c6858f40433065d8e276d242cd62156f.JPGCA5.thumb.JPG.98077b8241b9b351262ff0b891ee259a.JPGCA7.thumb.JPG.29bf76c49f543035cf6d648deaab51d0.JPG

      CA3.thumb.JPG.3afa2e46908c76f0e59b25d76283c265.JPG

      CA8.thumb.JPG.bc49f2879dbd0c2c6887f6536ef6bd93.JPG

      CA1.thumb.JPG.847eb1f46bad2972a4ea3236d1cf894c.JPG

      CA2.thumb.JPG.0b415bad8d9d4e40616af72e12791993.JPG

      .

      Purtoppo la mia carrellata finisce qui, con la Chimère... lo spazio è tiranno e io avevo ancora un po' di cartoline... vedremo se mi sarà possibile inserirne altre prima o poi...per ora restano alcuni spazi vuoti...Peccato!

      BUON CARNEVALE A TUTTI!!! 

      IMPORTANTE! Sono riuscita a postare qui sotto, in altri post successivi...  😁

       

      CA6.JPG

  • La Galleria Fotografica del Club

  • Statistiche forum

    293.506
    Discussioni Totali
    6.314.803
    Messaggi Totali


Facebook

About Melius Club

Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con codice fiscale 07710391215.
Powered by K-Tribes.

Follow us

×

Informazione Importante

Privacy Policy