Jump to content
Melius Club

La pubblicazione di inserzioni è riservata a membri con almeno 50 post all'attivo.
You need to be logged in to see additionnal information and be able to contact the advertiser!
THIS ADVERT HAS EXPIRED!

Beyerdynamic T90

Beyerdynamic T90

199.00 EUR


  • Advertiser
    Pliskin
  • Type of Advert VENDO
  • Item Condition Usato
  • Time Left THIS ADVERT HAS EXPIRED!
  • Quantity 1
  • Price 199.00 EUR
0 Offers
0 Questions
249 views

Description

Vendo queste cuffie Beyerdynamic, per mera necessità economica. Ottima musicalità e coinvolgimento. Tecnologia TESLA. In condizioni pari al nuovo, tenute come reliquie, comprensive di borsa originale Beyer.

 

Anche scambio a mano, in Roma.

 

 

Specs

  • Marca
    Beyerdynamic
  • Modello
    T90
  • Imballaggio
    Imballaggio non originale
  • Spedizione
    Costi di spedizione esclusi
Sign in to follow this  


Roma, RM - Italy



Recommended Questions

There are no questions to display.

Guest
This advert is now closed to further questions.

Other adverts from Pliskin


Other adverts from audio-video-e-fotografia




  • Cerca nel Market per tag

  • Similar Content

    • Bazza
      By Bazza
      Un'amica mi ha chiesto in consiglio su un paio di cuffie Bluetooth per il figlio undicenne per uso vario, musica col cell e qualche gioco offline. Vorrebbe rimanere sul centone. Io non sono ferrato in materia quindi chiedo numi a voi 😁.
    • kibosh
      By kibosh
      ... budget massimo 600 euro, e di facile reperibilità. 
      Al momento l'unico candidato interessante pare essere lo Schiit Valhalla 2. Qualche alternativa?
    • mimmo69
      By mimmo69
      Ben ritrovati tutti 😀
      Dopo aver usato per lungo tempo delle in-ear cinesi, per la precisione TrnV80 e Tin Audio T2 ho deciso, se non proprio di buttare la spugna, di dare un po' di conforto alle mie orecchie che le in-ear proprio non le digeriscono bene. Stare lì sempre a dover premere per farle stare su, nonostante i tips in foam, mi sta facendo sclerare.
      D'inverno uso la mia fidata ATH MSR7, ma d'estate è impossibile, specie in spiaggia.
      Così ho riesumato la Jays V-jays e devo dire che avevo un ricordo peggiore del suo suono. L'unico problema è che i pads, così come sono fatti, isolano e avvolgono poco. Li trovo piuttosto "ballerini" sulle orecchie, non ben piantati come una buona on ear.
      Per di più la scimmia, lasciata a dormire per lungo tempo, si è svegliata.🤦‍♂️
      Mi piacerebbe una on ear che suoni come la mia ATH (lo so, chiedo troppo :-)) e che magari sia anche pieghevole da poter portare in giro, ma che una volta indossata stia li ferma fino a "quaaaando lo dico iooooo" (Lo ricordate?? 😂😂).
      Datemi qualche idea, grazie 😗
    • pl_svn
      By pl_svn
      Vendo cuffie aperte Focal Elex
      Si tratta di un modello prodotto da Focal in esclusiva per Massdrop e venduto solo sul mercato americano
      (non è stato semplice, nè economico, procurarsene un paio 🙄)
      Sostanzialmente sono le Elear ma con componenti delle Clear (le Elear costano, da noi, 900€ e le Clear 1500)
      A questo link la pagina prodotto e varie recensioni/opinioni
      Altra review delle Elex e un confronto tra Elex e Utopia
       
      Dopo aver provato varie cuffie (tutti i "soliti sospetti" in una fascia di prezzo dai 750 ai 1500€ e oltre)... sono state la mia scelta assoluta (a scatola chiusa o quasi: tra le Focal avevo potuto provare solo Elear, Clear e Utopia, e le Clear sono quelle che più mi erano piaciute). Il suono delle Elex è molto simile, quasi identico, a quello delle Clear ma... alla metà del costo di queste ultime.
      Vendo solo perché un amico mi ha offerto le sue Clear a un prezzo irresistibile e, in un confronto diretto con le Elex, trovo le Clear *leggermente* più... "chiare" 😛  e *forse* appena un filo più "ariose". Ma quanto a dettaglio, timbrica e accuratezza sono pressochè indistinguibili. E perché il grigio delle Clear mi è sempre piaciuto più del total-black.
       
      Acquistate ai primi di Marzo
      Usate davvero molto poco (c'è stato un trasloco di mezzo e... solo da un paio di settimane ho potuto rimettere in marcia il mio impianto)
      Condizioni pari al nuovo
      Complete di tutti gli imballi e accessori (cavi) originali
       
       
      Richiesta €700 €650 non trattabili
      Consegna a mano preferibile, così stiamo tutti più tranquilli
      (ma nel caso posso spedire)
       
       
       
    • Neuro
      By Neuro
      Sto valutando l'acquisto di un lettore cd di buona qualità e ho notato che non costano poco, non si trova granché (a prezzi decenti) e se dovessi avere problemi con qualche componente molto probabilmente la spesa di riparazione sarebbe molto alta visto che se fanno sempre meno. Inoltre ho alcuni CD audio, ma la mia collezione non è così grande da giustificare una spesa elevata per il lettore. 
      Quindi dopo tutte queste considerazioni mi è balenata un'idea che forse è strampalata, vista la mia poca conoscenza. 
      Se collego un lettore cd di medio/basso livello (tipo xbox360 che possiedo) ad un dac esterno decisamente migliore di quello interno del lettore (ad esempio fiio taishan che possiedo), la qualità sonora può arrivare ad essere paragonata a dei lettori di maggiore pregio e costo? 
      In poche parole, considerando solo la qualità audio (no meccanica, durata, materiali ecc), aumentando la qualità del dac esterno potrei arrivare ad un buon compromesso audio "hifi"? 
      Poi ovviamente passerei per ampli dedicato e cuffie. 
    • kibosh
      By kibosh
      Buongiorno a tutti,
      causa aumento del nucleo familiare e poco tempo da dedicare agli ascolti, ho deciso di dedicarmi per un po' all'ascolto in cuffia, così da potermici dedicare nel poco tempo libero la sera, senza disturbare la famiglia.
      Ho acquistato su amazon, complice la possibilità di provarle ed eventualmente rispedirle indietro entro un mese, un paio di Sennheiser hd660s, che in primissima battuta utilizzerò con il teac ud-501 già in mio possesso, consapevole dell'accoppiamento non proprio felice.
      Mi piacerebbe poterle collegare al Cayin a55t già in mio possesso, perché il suo suono in modalità triodo mi piace parecchio, e stavo indagando la soluzione di un partitore resistivo.
      Pareri a riguardo, ed eventualmente uno schema di riferimento da farmi realizzare da qualche autocostruttore?
      In alternativa un amplificatore low budget da utilizzare ed eventualmente sostituire più avanti con qualcosa più performante, qualora l'ascolto in cuffia mi conquisti?
      Grazie per l'eventuale supporto
    • Hoya
      By Hoya
      Salute a tutti, vorrei che mi consigliate una cuffia (aperta/chiusa) per ampli integrato stereo. Mi piacerebbe che fosse leggera che non stringa in quanto porto gli occhiali e non vorrei mi dasse fastidio e che non faccia sudare. Inoltre che si adatti un po' a tutti i generi musicali e per finire il budget sui 100 - 120 € conun cavo di circa 2 - 2.5 m. 
      Grazie dei consigli. 
    • Don Giuseppe
      By Don Giuseppe
      Buongiorno a tutti.
      Mi rivolgo agli esperti di cuffie Stax per chiedere una piccola consulenza:
      ho l'occasione di venire in possesso di una Lambda Pro vintage, ma il venditore segnala un problema del quale - non essendo un grande esperto - non riesco a comprendere l'effettiva gravità.
      In uno dei due canali la cella elettrostatica impiega un po' di tempo a caricarsi, per cui il suono raggiunge il volume pieno soltanto dopo alcuni minuti, dopo di che non esistono problemi di sbilanciamento dei canali. Vorrei sapere se tale difetto è grave... se, ad esempio, è il segnale di un deterioramento del driver, che potrebbe "ammutolirsi" definitivamente nel giro di poco tempo.
      Ringrazio anticipatamente chi vorrà venirmi in aiuto.
      Giuseppe
    • 2slow4u
      By 2slow4u
      Perche' con tutto il ciarpame vintage di cui gia' dispongo, mi sono messo in casa anche la K500?
      Semplice, perche' e' la mamma della K501, e io sono un grande fan della K501! 😍
      Era da tempo che ne cercavo una, il problema era trovarla.
      Se reperire oggi una K501 in buone condizioni non e' propriamente banale, trovare una K500 ben conservata comincia ad essere una discreta impresa.
      Dopo aver cercato a lungo una buona occasione, inaspettatamente si e' finalmente presentata la possibilita' di acquistarne una ben messa, tra l'altro, a un prezzo ridicolo.
      Ovviamente i pads erano un po' cotti, ancora utilizzabili volendo, ma ho preferito sostituirli.
      E altrettanto ovviamente, gli elastici di sospensione dell'archetto erano ormai totalmente snervati.
      Poco male, la sostituzione, contrariamente al caso che interessa la K701, non comporta difficolta' e rischi particolari, infatti in 20 minuti la cuffia era operativa.
      La parentela tra le due cuffie e' palese gia' a colpo d'occhio, ed e' molto stretta.



      Da un punto di vista esteriore, la K500 si presenta semplicemente come una K501 coi colori invertiti.
      Padiglioni grigi e archetto in pelle nera per la K501, padiglioni neri e archetto (sempre in pelle) grigio per la K500.
      Molto simili anche i cuscinetti, entrambi in tessuto (piu' "traspiranti" della media e relativamente freschi d'estate), grigio chiaro nella K500, tendente al nero per la K501.
      Gli originali per la K500 non sono piu' disponibili da molto tempo, ma quelli della K501 li sostituiscono senza alcun problema, la stessa AKG li offre infatti come ricambio dedicato anche a K400/401 e K500.
      Anche i dati tecnici dichiarati sono pressoche' identici, le due cuffie sono caratterizzate entrambe da un impedenza di 120 ohm, e la sensibilita' si assesta in entrambi i casi a 94 miseri dB/mW.
      La K701, definita da molti "difficile da pilotare", in realta' e' sensibilmente meno energivora delle due vecchiette e al confronto sembra una cuffia per l'iPod.
      Anche sotto il vestito le differenze non sono eclatanti.
      Ma era prevedibile, perche' di fatto la K501 voleva semplicemente essere una rifinitura del progetto K500 che risale ai primissimi anni '90, e le rifiniture si attuano agendo sui dettagli.
      Fermo restando che per entrambe le cuffie ci sono state piccole modifiche in corso d'opera che hanno modificato qualche particolare costruttivo nell'arco degli anni in cui sono state prodotte, restano comunque evidenti a un occhio attento delle piccole differenze nel driver e nel baffleplate, che le rendono facilmente riconoscibili.
      La differenza tecnica piu' importante, e' pero' quella meno visibile.
      La K501 infatti, come le altre della serie "x01" adotta un diaframma a spessore variabile (Varimotion), piu' sottile in periferia, quindi sulla sospensione, piu' spesso nella parte centrale, ed e' questo il vero elemento di innovazione.
      Ma come suonano queste K500?
      Indovinate un po', in maniera molto simile alla K501! 😋
      Attenzione, cuffie simili ma comunque a loro modo diverse!
      E' qualche giorno che le ascolto, e volutamente ho ridotto ai minimi termini i confronti A-B.
      La conclusione cui sono arrivato e' che la K500 potrebbe essere definita come una sorta di K501 estremizzata.
      I punti forti della 501, nella 500 sembrano a tratti ancor piu' forti, quelli deboli, ancora piu' deboli.
      Quindi anche nella K500 ritroviamo la stessa ricostruzione ariosa, delicata e dettagliata della K501, la stessa naturalezza dei timbri, la stessa ricostruzione ad ampio respiro dell'headstage.
      Ma la K500 sembra avere persino un leggero vantaggio in termini di trasparenza.
      Meglio quindi della 501?
      Non necessariamente, dipende.
      Eh si, perche' come gia' detto, se la 500 riesce ad andare qua e la anche oltre la 501 nei suoi punti di forza, lo fa purtroppo anche nelle criticita'.
      In particolare, le capacita' dinamiche della progenitrice, sono un po' inferiori a quelle della sua evoluzione, che gia' di suo in quel parametro non esibisce certo una prestazione da urlo.
      Credo comunque di poter affermare con sicurezza che chi gradisce il suono della K501, sicuramente gradira' anche quello della K500.
      Il DNA e' pressoche' lo stesso della 501, ed e' sintetizzabile in poche righe.
      Un suono arioso e gentile, dettagliato ma non in maniera pedante e appariscente.
      Resa dei timbri naturale e realistica, equilibrio delle gamme che tende al "light" per via di una gamma bassa non propriamente esuberante.
      E' un suono molto diretto, che arriva direttamente al cuore e disimpegna il cervello.
      La K501 non e' una cuffia universale, ci si puo' ascoltare di tutto ma per le sue caratteristiche, e' una cuffia che offre il meglio di se con la musica acustica in genere, in particolare la classica, ma anche il jazz ad esempio.
      In questi contesti, le limitazioni risultano meno ovvie e le sue doti musicali vengono esaltate.
      Anche la gamma bassa, oggettivamente sotto la media in termini di presenza, estensione e sopratutto impatto, col programma musicale giusto, non appare cosi' limitante, e brilla persino per compostezza e nettezza.
      La K500 e' nel macro molto simile alla K501 ma con qualche differenza.
      Partendo proprio dal basso, devo dire di essere un po' in disaccordo con quello che a volte ho letto nel web.
      Il mio esemplare perlomeno, non sembra esibire una gamma bassa realmente inferiore alla K501.
      A volte, basso e sopratutto mediobasso della 500, sembrano avere consistenza e spessore addirittura leggermente superiori alla 501, altre volte la situazione si capovolge, dipende dalla natura dei suoni.
      Certo, resta una prestazione che a molti potrebbe risultare insufficiente, ma torno a ripetermi, queste sono cuffie che vanno inquadrate e valorizzate per quello che sono.
      Chi ascolta solo musica barocca, ad esempio, potrebbe tranquillamente vivere felice anche con la sola K500/501.
      Non potrebbe pero' farlo chi ascolta anche pop/rock e certa elettronica.
      Tornando alle differenze, parliamo di headstage.
      Quello della 501 e' uno dei tratti distintivi della cuffia.
      Molto ampio e ossigenato, gli strumenti sono disposti nello spazio con un tangibile senso di aria.
      Quello della K500, e' ugualmente ampio e arioso, ma gli strumenti appaiono un po' piu' avanzati e densi nel centro immagine.
      Questo comporta una resa forse un filino meno "wow!", ma un ascolto un po' piu' intimo, che qualcuno potrebbe trovare addirittura preferibile.
      L'equilibrio tonale e' simile, ma la K500 e' un pochino piu' "mediosa", meno "bright" della K501.
      Sempre in gamma media, la K501 ha un leggero vantaggio in termini di purezza timbrica, la K500 in certi passaggi puo' tendere a indurirsi un po' di piu', ma parliamo di differenze, si apprezzabili, ma comunque abbastanza sfumate.
      In entrambi i casi la leggibilita' dei suoni e' veramente ottima. I fiati sono vibranti e definiti, e gli archi non sono solo crine, ma anche casse di risonanza che appunto risuonano.
      Piccole differenze anche in gamma alta.
      La K501 e' piu' contrastata e puo' dare l'impressione di fornire una resa piu' dettagliata nel transiente di un pizzicato ad esempio.
      Ma non e' esattamente cosi.
      La K500 e' piu' fine e delicata, meno scintillante e piu' sottile, diciamo che ha un approcio un po' piu' rilassato.
      La trasparenza, considerata la classe delle cuffie in oggetto, e' veramente ottima in entrambi i casi.
      Qualcuno ha definito la K501 "l'elettrostatica dei poveri", ovviamente esagerando, ma non si puo' dire che l'affermazione sia definitivamente una fesseria.
      Viene piuttosto da chiedersi quanto realmente si sia avanzati col progresso nel tempo.
      Certo, sono sicuro che oggigiorno siano disponibili cuffie piu' competenti tecnicamente, sicuramente migliori in termini di capacita' dinamiche, di estensione, pulizia e impatto in gamma bassa.
      Ma la musica?, ne fruisce sempre?
      Personalmente non ne sono convintissimo.
      In conclusione, dovete cestinare le vostre HD800, Utopia, SR-009 et similia?
      Assolutamente no!
      K500 e K501 oggi sono cuffie da amatore, oggetti da collezionare.
      L'eccezionalita' sta nel fatto che riescono tuttora a farsi apprezzare anche all'ascolto.
      Offrono una resa particolare, sintonizzata su stilemi diversi da quelli attuali.
      Non sono cuffie da emozioni forti, anche se emozionano, a modo loro.
      Sono cuffie per animi gentili, forse un po' demodé.
      E io sono sicuramente demodé.
      Concludo con un pensiero triste.
      La AKG di quegli anni, non esiste piu'.
      E' rimasto un brand, e dietro di questo, le multinazionali.
      Purtroppo, ma anche per fortuna, tutto ha una fine.

       
    • _EmmE_
      By _EmmE_
      Buonasera, premettendo che non è una richiesta "audiofila" quella che stò per fare, procedo alla domanda:   sapreste indicarmi un paio di cuffie on ear, possibilmente comode e dal suono diciamo degno ? 
      cifra massima 100-120. sono per la mia ragazza, io interessandomi di cuffie di tutt'altro genere poco so su questi modelli e non so aiutarla nella scelta. Sperando che qualcuno qui sappia consigliarmi, vi ringrazio e vi auguro buona serata.
      Cordialmente, Marco

Facebook

About Melius Club

Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con codice fiscale 07710391215.
Powered by K-Tribes.

Follow us

×
×
  • Create New...

Important Information

Privacy Policy