Jump to content
Melius Club

Membri


Popular Content

Showing content with the highest reputation since 05/16/19 in all areas

  1. gianventu

    Liquidisti sull'orlo di una crisi di nervi.

    @Vittorio58 E tu smetti di leggere, qui e altrove, i trattati degli alchimoaudiofili, e vivrai felice e sereno. Hai sicuramente modo di giudicare con le tue orecchie se il tuo sistema liquido suona meglio, peggio o uguale al cd o al vinile, Veramente credi alla storiella dei rumori, dei router e switch audiofili, e del loro nirvanico posizionamento, dell’Imprendiscibilità di alimentatori lineari per NAS e PC? Eddai!
  2. jazee

    Liquidisti sull'orlo di una crisi di nervi.

    Concordo, poi io ultimamente ho rivalutato un sacco il CD, che ha ancora meno menate del girA
  3. senna

    Help per scelta dac! Conviene spenderci tanti €?

    Onestamente non ho letto tutte le oltre 190 pagine... io dico la mia, visto che in questi ultimi quattro anni ho provato nel mio ambiente, con il mio impianto, più di 25 dac, molte volte in gruppi di 2 -3 alla volta, di modo da poter fare confronti in diretta, credo che questo sia l'unico modo per poter capire veramente se ci sono differenze tra convertitori. Per la maggior parte ho provato dac di livello alto, sia recenti che del passato, qualche volta anche dac economici come x Sabre, teac 501 e qualcun'altro portato da amici... Io ho sempre avvertito le differenze tra i Dac provati, ed insieme a me, molte volte le hanno avvertite anche amici appassionati che hanno partecipato a queste prove, dalla mia esperienza tra dac da 1000 o 2000euro è dac top , sia che siano recenti che di 20 anni fa, la differenza c'è ed è anche molta, i dac economici mantengono sempre un non so che di artificiale, di meccanico, e questo si avverte subito quando si confrontano con convertitori di livello alto... man mano si sale di livello le differenze diventano più sfumate, ed effettivamente a volte sono più differenze di interpretazione, ma comunque il convertitore che risulterà migliore, sarà quello che durante ascolti prolungati, darà meno la sensazione di artificiale di meccanico, e le orecchie se ne accorgono, soprattutto dopo un'ora di ascolto si riescono ad apprezzare questi miglioramenti, E poi è difficile tornare indietro non si troverà più la stessa soddisfazione durante gli ascolti, Io credo che in un impianto di buon livello La Sorgente sia fondamentale, perché migliore sarà il segnale in ingresso donato dalla sorgente, e meglio riuscira ad esprimersi tutto il resto, onestamente dopo tutte le prove fatte, non credo che una sorgente da €1000 o da €2000 possa far rendere al massimo un impianto con componenti di livello alto, quindi alla domanda se vale la pena spendere tanti euro per un dac di livello, io rispondo sì, ma allo stesso tempo dico che, pescando dai dac top del passato, si riescono ad ottenere risultati di livello massimo, senza spendere un capitale
  4. Allora riassumiamo i vari periodi storici: Prima Puntata: Ci hanno detto che la liquida, il pc soprattutto, suonava male anzi malissimo e che il collegamento usb sincrono era la madre di tutti i mali. Seconda Puntata: E abbiamo collegato i nostri dac in asincrono con la usb per evitare problemi di clock. Tutti contenti. Terza Puntata: Tutti contenti per poco in quanto ci hanno detto che bisognava isolare galvanicamente la usb dal dac. Ok. Fatto anche questo e tutti felici. Quarta Puntata: Non proprio tutti e piano piano si inizia a parlare di dac e network player/streamer integrati in un unico chassis collegati in ethernet con router e Nas. Benissimo siamo al top. Non vi è nessuna interferenza elettrica che disturba il nostro segnale. Siamo a posto e possiamo bearci con la nostra musica preferita. Quinta Puntata: I disturbi fanno capolino in quanto bisogna isolare anche la Lan con gli isolatori di rete. Nascono gli switch di rete audiofili. Dimenticavo: bisogna se si usa il pc anche fargli una cura dimagrante e eliminare tutto il superfluo sia come programmi, processi e servizi molte volte inutili o superflui. A quando i prossimi episodi? Saluti. PS: Alla fine ci si compra un gira, un braccio, una testina ed un prefono, si mette un LP e via con la musica. Mi sa tanto che la complessità del giradischi analogico alla fine della fiera è più plug and play della semplicità del digitale. A parte tutto la liquida se configurata bene è splendida. Solamente non è semplice ottenere prestazioni al top.
  5. Prendo spunto da una presentazione del nostro Audioantiquary che sto preparando per il circolo per fare alcune considerazioni sui prezzi dell'alta fedeltà top odierna che definire fantasiosi è poco Chi ha avuto modo di visitare il Monaco High End negli ultimi anni ha potuto toccare con mano l'escalation: esistono diffusori bookself da 30-40000 euro, da pavimento tra i 200 e gli 800000 euro cablaggi da una milionata, testine da 20-30000 euro per non parlare dei giradischi per i quali oramai i modelli oltre i 150-200000 euro si contano a decine. Non sono manufatti costruiti per gli appassionati, so di almeno due costruttori di giradischi che hanno semplicemente raddoppiato il costo all'utente finale che inizialmente avevano previsto per andare incontro alle esigenze dei distributori delle zone ricche del pianeta che hanno in modo esplicito detto che altrimenti non si sarebbero venduti. Io stesso a Monaco ho dibattuto con un distributore Russo che disquisiva sul prezzo fuori mercato (troppo basso) del braccio innovativo che abbiamo presentato. Questo non aiuta certo a stimolare le nuove generazioni a interessarsi di questo splendido hobby. Vi faccio un esempio: chi si ricorda dell'integrato A27 di Pioneer ? Era meraviglioso, nato per far concorrenza al 2010 Yamaha e ai top di gamma Sansui, Kenwood ecc. Costava nel 1981 un milione di vecchie lire. Attualizzati parliamo di poco più di 2000 euro (una Fiat Panda nello stesso periodo costava 3.700.000 lire non molto distante dal costo odierno attualizzato, giusto per avere un paragone). Cosa offre il mercato attuale di analogo ? I finali tra i più costosi dell'epoca gli ML2 costavano di listino 14 milioni di vecchie lire, 22000 euro a coppia attualizzati, le Acoustat X quattro milioni e mezzo nel 79: 13000 euro oggi le Beveridge 2 SW nove milioni di lire alla fine degli anni 70 e queste si erano i più costosi diffusori prodotti circa 35000 euro oggi, e gli esempi potrebbero continuare all'infinito. Ma la cosa che più preoccupa è che non vi è di contro un reale incremento delle prestazioni sonore. Nel poco tempo che ho avuto sono andato ad audizioni mirate che mi hanno realmente rattristato. Soprattutto a fronte di una offerta mostruosa, i numeri parlano chiaro dai dati appena ricevuti dall'organizzazione: Facts and figures on the HIGH END 2019 551 espositori 508 giornalisti accreditati 8200 visitatori professionali 12900 visitatori non professionali intanto stupisce che vi sia un numero così elevato di professionisti (per la verità c'è da considerare che molti professionisti in realtà sono gli amici degli espositori che vengono invitati il giovedì) in rapporto al numero di appassionati. Poi 551 costruttori di prodotti specificatamente a due canali creano una offerta sicuramente ridondante rispetto alla richiesta di mercato. Quindi tornando al discorso iniziale: frammentazione, nel 1980 erano presenti si e no 100 marchi e quasi tutti ben conosciuti, la richiesta era probabilmente 10 volte quella attuale. L'impressione è che la stragrande maggioranza delle nuove aziende che si affacciano non abbiano neppure la più pallida idea di quale sia il reale mercato, basta conoscere un buon tecnico (e forse in molti casi neppure questo) una azienda in grado di lavorare i metalli e il legno che assecondi le stravaganze del malcapitato e il gioco è fatto "tanto ne vendiamo due o tre all'anno ai ricconi e ci facciamo i soldi". Triste ma è così ho sentito più volte frasi simili. Guardate che meraviglia, nel 1978, Stereoplay a 1500 lire circa 5 euro, questi si li spenderei ancora volentieri. Valerio
  6. ics

    Help per scelta dac! Conviene spenderci tanti €?

    Attenzione però, il virus da immunorefrattarieta' tecnologica si diffonde rapidamente; i pre ormai ne sono affetti, un top Burmester equivale al pre interno di Rme in tutto e per tutto (certificato con il metodo oggettivo ed insindacabile del pistacchio). I vinili subiscono la pulizia etnica attraverso il braccio armato Rme..rei di essersi distinti non provocando infiammazioni ai timpani.Le valvole sono acquistabili solo nei mercatini sovietici o, in nero, nelle discariche. I finali sono in via di estinzione in quanto possono ben essere sostituiti dall`amplificatore interno ai diffusori, senza differenze udibili a seguito di test al doppio pistacchio. E all`orizzonte si profila l`armata giostraia con i cannoni unidirezionali da 30.000 watt...con i quali saranno spazzate via le ultime velleità audiofile, disincrostate le vecchie orecchie dal cerume stratificato e annientati i bastioni della scena, tridimensionalità e ultime fuffe varie.
  7. adriatico

    cronaca e costume Spiegatemi i lager libici

    ma state scherzando? o vivete sulla luna? li filmano mentre li torturano, mandando i filmati alle famiglie, i nr li hanno dai telefonini dei disgraziati. Se non pagano i riscatti richiesti li tengono lì sotto sevizie. Oppure li fanno chiamare e li seviziano a telefono aperto con le famiglie. Così sentono le urla e mandano il denaro. Ultimamente li torturano per "convicerli" ad arruolarsi come carne da macello nella milizia che si stanno scannando in libia. Le donne le stuprano e basta a prescindere. Ma vi siete mai chiesti come cavolo è possibile che dalla navi di salvataggio sbarcano(vano) sempre donne con bimbi appena nati? secondo voi una donna già incinta si mette in cammino dal darfour, dalla somalia, dal sub sahara per arrivare ai lager libici e riuscire a salire alla fine su un barcone? son tutti figli degli stupri. Chi pretende di rimandare i naufraghi in libia è complice conclamato e cosciente di questo orrore. Un giorno la Storia chiederà conto a chi si è reso complice ed anche a chi si è girato dall'altra parte.
  8. aleph67

    Collocazione Router

    @scroodge Se cerchi studi scientifici in questo settore non credo ne troverai perché siamo la nicchia di una nicchia e non ci sono forti interessi in gioco, dato che la maggior parte della gente si accontenta di ascoltare musica con cuffiette e MP3 e vive felice. Io non voglio venderti nulla e nemmeno il tizio che ha scritto quanto ti ho riportato; "studio" era inteso nel senso di "stiamo studiando" o "analizzando", ancor meglio "stiamo cercando di capire perché". Talmente non voglio venderti nulla che non ho fatto riferimento né ad apparecchi, né a luoghi sulla rete e nemmeno a persone. La cosa resta "vaga" perché ne conosciamo gli effetti ma non le cause, quindi si sta cercando di misurarle ma non è semplice. Il tizio è talmente onesto che ha prodotto da un anno l'apparecchio e non lo vende finché non darà uno straccio di misura decente. E – scusami – apprezzo chi prima di vendermi una cosa mi spiega come funziona. L'approccio apodittico – expectation bias come lo chiama qualcuno, negativo aggiungo io – per cui è tutta fuffa per venderti qualcosa perché tu non senti niente, non porta da nessuna parte. Del resto, è però socialmente comprensibile perché viviamo in un mondo dove creano una malattia per venderti una medicina. Ma – almeno tra amici che condividono la stessa passione – potremmo avere l'approccio più corretto, ovvero c'è la malattia, quindi vediamo di che si tratta e troviamo la medicina, nemmeno escludendo a priori effetti placebo. Dato che i bit sono bit, ci siamo sempre stupiti che due chip, o addirittura lo stesso chip, suonassero differenti in circuiti differenti; che due cavi usb diversi producessero lievi variazioni e così due cavi ethernet; o che la liquida suonasse diversa da una meccanica cd. Per farla breve, alla fine si è capito che ciò che sta a monte (trasporto digitale) conta quanto ciò che sta a valle (il dac), e quindi si sta "sperimentalmente" cercando di capire quali fattori "a monte" hanno influenza sul suono. Nell'audio – e non ci sono solo io a dirlo – l'effetto nefasto di una cattiva alimentazione è noto; cambiare un semplice regolatore di tensione in un'alimentazione con uno più recente e con misure migliori, produce innegabilmente vantaggi. Dato che l'isolamento galvanico e il reclocking ha prodotto ingressi usb migliori di quelli che c'erano all'inizio, si sta cercando di applicare questo anche al trasporto digitale via ethernet, che è afflitto almeno da metà degli stessi problemi del collegamento usb. E dato che "sperimentalmente" abbiamo visto – almeno alcuni – che la situazione migliora, si "studia" perché e come. Tutto qui. Tu non senti differenze? Non saprei che dirti dato che non so che sistema di trasporto hai e che prove hai fatto per non sentire differenze. Io e altri possiamo dirti che saldatura dopo saldatura, switch dopo switch, oscillatore dopo oscillatore, siamo soddisfatti del risultato. Ci sono differenze eclatanti? No, ma sono i cosiddetti dettagli che fanno la differenza, quelli che oltre a darti la corretta timbrica, ad esempio, di un violino, ti danno anche un'ambienza corretta, cioè suona in una sala con i giusti riverberi e il giusto decadimento armonico, oppure ti fanno sentire ben articolato un pianissimo di violoncelli che prima sentivi indistinto quasi come un lieve muggito. O non ti fanno rimontare il giradischi perché il digitale "strilla". Tutti dettagli che se affogano nel rumore non senti, o almeno non senti bene. Ovviamente, su un live di un concerto rock inciso negli anni 70 non sentirai nessuna differenza. Del resto, la nostra passione è un crescere sui dettagli e, se così non fosse, andrebbe bene anche MP3 e cuffietta.
  9. stel1963

    thorens td 125 mk ii

    Ps. Aggiornamento dal Garrard 301. Plinto finito ora si tratta solo più di incollare e rifinire. Mi eviterei lo strato di piombo tra i lastroni. Già non lo alzo così, se gli aggiungo altro mi ci vuole il muletto!
  10. Savgal

    cronaca e costume Togliere il voto agli anziani

    Un paese in cui un giovane neo occupato percepisce sensibilmente meno della pensione di un anziano che ha svolto il suo identico lavoro, non è un paese per giovani.
  11. oscilloscopio

    sulla mia pelle..lo streaming ha gia vinto

    Questione di gusti ed abitudini, non disdegno lo streaming, ma non posso fare a meno del supporto fisico, vedere girare un vinile sul piatto ed osservare il braccio con la testina che si sposta e "legge" la musica, completa quel senso di appagamento che mi dà ascoltare la musica
  12. ago

    Help per scelta dac! Conviene spenderci tanti €?

    Il tour dell' RME ADI-2 è finito venerdì. L'astronave è partita per altri lidi dove sta per atterrare. ( ho cercato di mettermi in contatto, come promesso, con @maxnalesso che aveva manifestato il desiderio di non lasciarsi sfuggire l'esemplare nel caso lo avessimo rivendito, ma non si è fatto vivo). Per lo stesso motivo non ho potuto farlo provare a@Vmorrison . Non posso fare ulteriori verifiche di ...qualità ( scusate la deformazione professionale nel gergo) mi dispiace quindi per Luca. Riassumo qui le impressioni di ascolto dell'RME in un impianto ben assortito con sorgente digitale Pioneer N 70-A, integrato Gryphon Diablo e Proac. ADI-2fs DAC rigorosamente poggiato per terra onde evitare travisature a mantra ripetitivo sul perché in passato ne era stato appesantito lo chassis. Anche perché nessuno di noi, al momento , ha a disposizione costosi e sofisticati dispositivi tipo basi , pesi, piedini e piedoni che utilizza a rotazione sul suo dac @FabioSabbatini Presenti noi tre ( ora ex) acquirenti dell'RME ADI-2fs e l'ospite ( anima candida migliore non poteva essere trovata, dato che costui, come il resto della popolazione italiana che non partecipa a Melius manco sa che è la RME figurarsi l'ADI-2 dac). Le differenze percepite anche dopo un caffè ( per me sempre decaffeinato sennò mi altero @Ettore Achilleo ) erano sempre le stesse. Per descriverle prendo in prestito le modalità descrittive dalla prosa di @contemax. In modo da rendere, come d'incanto, le prove e/o le parole... oneste. Le sue: ...Io l'ho avuto e ascoltato anche con altre persone... ( mi ci ritrovo perbacco) ...Io di certi personaggi non solo non mi fido ma sono talmente arroganti che addirittura si inventano una prova. ( non mi ci ritrovo perché non ne ho le ...prove ) ...Pochi mesi fa volli provare sto benedetto RME e lo tenni per qualche giorno... ( mi ci ritrovo in parte: è un bel po' che lo sentiamo). Ma mi chiedo se sia lo stesso Contemax che, dopo aver acquistato RME dac spinto dalla ...corrente di curiosità si era ...arenato ed alterato come un riccio perché non riusciva a farlo funzionare bene, mandando quindi a belle donnine anche l'iscrizione alla chat privata aperta tra fan RME dove, invero, avevano tentato invano di istruirlo e restituendo in tempo utile l'acquisto? Tranquilli cose lette qui su melius CA: nessun segreto. Ma forse mi sbaglio e non è la stessa persona. Se è così chiedo scusa in anticipo. Allora ...partiamo.. Una grande notizia: a detta di tutti i presenti ( unaminità) le differenze tra i due dac erano molto attenuate. Sintetizzando, per tutti, compresa l'ignara cavia, suonava meglio il Pioneer ma di poco. Cosa si deduce? Che anche il Pioneer è un dac allo stato dell'arte e a quel prezzo o giu di li è anche streamer? Fate voi. RME costa meno ed offre a contraltare più modalità di equalizzazioni. Si dice ( si mormora sarebbe un parolone) che tra dac allo stato dell'arte le differenze siano veramente piccole indipendentemente dal prezzo. Allora riporto quanto scritto da @GianGastone "perché affannarsi tanto a caldeggiare uno dei tanti? Mica sarà il solo a costare così e ad essere allo stato dell'arte" Concordo. Che poi sto "stato dell'arte" riferito all'oggetto e ripetuto all'infinito mi pare " l'importante " del venditore di improponibili tele interpretato in tv da Guzzanti...Un altro personaggio della serie di quelli costruiti molto bene. Quell'Armà che, con il cartellino del prezzo che usciva dal colletto del completo, iniziava a parlare delle correnti artistiche alle quali appartenevano gli autori delle opere in vendita (artisti come Fragolari, Carciofani, Mutandari ed il grandissimo Staccolanana, tutti spacciati a turno per grandi pittori) esponenti di fantomatiche correnti pittoriche quali il Nascondismo e il Sorpresismo ( questa calza proprio a...pennello ) per finire con l'eloquente invito a comprare i quadri perché... quello che oggi costa dieci, domani costa venti! Dopodomani costa trenta! I soldi passano, l'arte resta!". Parole sante! Manca la prova nell'impianto del terzo acquirente che però è ampiamente giustificato dalle incombenze familiari in questo periodo di comunioni dei figli.( Auguri ). Le motivazioni che sussistono , a mio giudizio, per acquistare RME ADI-2 le ho ampliamente elencate nei post precedenti. Rinnovo, come sempre, la raccomandazione a provare le cose nel proprio impianto: nessuno regala niente. Istruttivo il post Di costruttori benefattori nell'ambito di questo hobby non ne vedo alcuno. Saluti Luigi
  13. iBan69

    Cosa state ascoltando?

    Apro una piccola parentesi ( ... è sempre un piacere scorrere questa discussione ... fonte di ricordi, di scoperte e chicche provenienti dalle vostre collezioni ... e poi qui, i nostri impianti, sono lo strumento per ascoltare buona musica e non un’oggetto da venerare fine a se stesso.) Complimenti a tutti, continuiamo così!
  14. meridian

    Liquidisti sull'orlo di una crisi di nervi.

    @Vittorio58 Falla ancora più semplice, ti cerchi un ottimo lettore CD integrato, ormai li tirano dietro, e compri molti buoni CD, anche quelli te li tirano dietro, e torni alla semplicità senza rinunciare alla qualità, io lo faccio da una vita . . . !! saluti , Dario
  15. SimoTocca

    cronaca e costume Spiegatemi i lager libici

    @adriatico, @appecundria, @briandinazareth, @wow hanno tutti fornito già dati e indicazioni sufficientemente chiare e argomentate. Ho esperienza diretta del problema, in quanto ho partecipato ad una missione sanitaria in Eritrea e lá sono rimasto due anni... In Africa SubSahariana (Eritrea, Etiopia, Sudan, ecc) si sono succedute negli ultimi 30 anni guerre e carestie (ricordate la famosa canzone We are the World? Fu fatta per raccogliere i fondi per la terribile carestia in Etiopia di quegli anni...). Chi non é stato di persona sul posto non si può rendere conto della “totale mancanza di futuro” per i giovani che preferiscono rischiare di morire per “arrivare alla terra promessa”. Sono tutti abbastanza ben consapevoli dei rischi, ma preferiscono affrontarli per fuggire da situazioni per noi inimmaginabili (per es. anche solo il servizio militare obbligatorio, di durata di almeno 3 anni in posti lontanissimi, inospitali e desertici, e a rischio di “scaramucce” mortali con i confinanti, solo per dirne una... o la “scomparsa” per uccisione e deportazione se uno/una é oppositore politico...tanto per dirne un’altra...). In più la TV satellitare ha fatto il resto: immagini continue di opulenza e bella vita, che si ricavano dalla Telenovelas e serie televisive europee e americane, roba vecchia ovviamente e rivenduta poi in Africa... La mia esperienza: in ogni villaggio rurale mancava tutto, ma mai una parabola e una TV! Questo mix, cioè “mancanza di futuro e esca televisiva”, é assolutamente esplosivo ed incontenibile... In Libia poi le varie tribù, sempre in guerriglia, approfittano della situazione... si fanno pagare per allestire campi e barconi per l’Europa, e in diversi casi (ma non in tutti, se no il “giochino” finirebbe..) ci sono violenza, stupri e torture... In generale ci sono maltrattamenti, lavori faticosi “da schiavi” per diverse settimane (per “integrare la somma necessaria ad essere messi sul barcone”) e, a volte, richieste di riscatti alle famiglie che si concludono con l’uccisione se non perviene la somma richiesta...e altre volte no...(ma non é che l’orrore diminuisce per questo..). E l’ONU? Ma che diavolo deve fare l’ONU, continuamente attaccata (da Trump, per es., che ha dimezzato i finanziamenti USA) e sempre divisa al suo interno? E l’Europa allora, nella guerra civile attualmente in corso in Libia?? L’Europa dico!! E l’Italia?? Ma via, “ragazzi”, di che cosa stiamo parlando??
  16. Giemme

    Liquidisti sull'orlo di una crisi di nervi.

    ... e ci si ritrova negli anni quaranta, preferibilmente a fine guerra. In quel periodo, complici le ristrettezze degli anni precedenti, si usava l'impianto per ascoltare la musica e non viceversa. Con gli anni, le cose sono peggiorate ed all'arrivo del CD, molti "giornalisti", temendo di aver meno pagine da scrivere e soldi da prendere, avendo presenti le paranoie di molti lettori, si dedicarono a coltivarle, amplificarne e crearne delle nuove. Stabilizzatori, pennarelli, i primi cavi e stranezze a bizzeffe per intortare chi vedeva nelle nuove macchine, qualcosa di magico e probabilmente provvisto di anima. Basta tornare con la mente a quegli anni per rendersi conto di quel che dico. Con la crisi, buona parte di questi sedicenti guru, finirono per occuparsi d'altro, ma con l'arrivo della musica tramite internet ecco rinascere tanti piccoli e paranoici guretti, quelli che ad esempi, consigliavano di non mettere i tag agli mp3, per non guastarne la purezza sonora (sic). Ora il problema è lo streaming, la paura che non tutti i bit arrivino in tempo, col possibile stravolgimento del testo nelle canzoni. Se non hai il giusto cavo USB potresti trasformare il tuo interprete preferito in un balbuziente dislessico, secondo certe teorie. È solo di un paio di settimane fa il thread delirante di un tipo che sentiva le differenze fra un file wave e lo stesso compresso in flac ed in parecchi gli hanno dato spago e credito. Gente che probabilmente crede che in un file di Word, trasformato in zip e poi decompresso per la stampa, possano formarsi messaggi cospirazionisti derivati dall'operazione oppure errori nell'orario dei treni. Siamo arrivati a questi punti e quotidianamente su Melius c'è qualcuno che chiede se c'è un cavo per addolcire la musica riducendo gli acuti, risultando nel contempo "radiografante", altra parola inventata da qualche guro degli anni novanta che probabilmente ora si sta arrabattando per vendere pentole, in una gita organizzata a basso prezzo, agli anziani che ha portato in visita a qualche santuario. Perché, prima di tornare carichi di pentole, dalla visita alla madonna piangente di turno, i simpatici vecchietti che su queste pagine millantano le orecchie dei vent'anni, non tornano ad ascoltare la musica e non l'impianto e lasciano da parte tutte quelle fisime?
  17. GianGastone

    Help per scelta dac! Conviene spenderci tanti €?

    Nono, il dac e' l'unica tipologia di apparecchio refrettaria a tutto. Al progetto, all'alimentazione, al chip, alla conversione, all'uscita, alla connessione, alla componentistica, ai disturbi vari. A qualsiasi cosa. Garantisce il duo genius.
  18. Jazzlover

    Addio a Niki Lauda

    24 ottobre 1976 - GP F1 del Giappone - Circuito del Fuji PIove. Piove a dirotto. La pista è un fiume in piena. Le macchine sono schierate. La tua Ferrari ha 500 cavalli da domare sul bagnato, la frizione da spingere centinaia di volte per tutta la gara e la leva del cambio che piega le mani. Sono passati 84 giorni da quel giorno e non sei più lo stesso, è il tuo stesso volto a dirtelo. 84 giorni prima hai incontrato la morte e le hai detto:" non oggi, non adesso". Sei abituato a calcolare tutto. Durante il giro di ricognizione, ti rendi conto che, sul rettilineo da 1,6 km, fai fatica anche solo a scorgere l'alettone della macchina davanti. Una follia. Pronti. Via! Due giri, entri ai box, spegni il motore. E' finita. Nessuna vergogna. Sei un uomo. Un grande Campione. Per sempre.
  19. Ettore Achilleo

    Help per scelta dac! Conviene spenderci tanti €?

    Ciapa qua.
  20. kauko

    cultura generale Tweet del giorno

    Che aggiungere???
  21. fabbe

    Help per scelta dac! Conviene spenderci tanti €?

    Posseggo l'RME ormai da qualche mese e a dire la verità mi piace come suona , non voglio difenderlo a spada tratta e mi sono promesso che appena posso farò un confronto diretto con dac detti top in senso assoluto sia in termini di qualità sonora e costo. La mia in questa fase è solamente una sintesi di n recenzioni letti nei vari test in rete e del mio senso critico. Il punto è che questo DAC non è stato creata per suonare HIFI, intendo dire che è stato concepito per riportare fedelmente ciò che è inciso nella registrazione, nel bene e nel male. Non è colorato, non è ruffiano, non leviga piacevolmente gli strumenti ed è fedelmente spietato nei confronti delle registrazioni. D'altronte sono pochi gli strumenti che hanno un suono particolarmente morbido e soave e caldo come noi audiofili cerchiamo. Qualcuno ha detto che il suono sembra uscire dalla cassa in maniera piatta. Io dico che è vero se quella è la registrazione. Qualcuno ha detto che il suono non è tridimensionale, ci stà anche questo se quella è la registrazione, ma ieri sera mi sono trovato la Krall in mezzo al salotto cantare per me. Qualcuno dice che non c'è profondità, ci sta , ma qualche giorno fa ascoltavo un disco di classica inciso bene e il suono della grancassa proveniva da 10 metri dietro la parete. Qualcuno dice che non c'è ambienza a sufficienza, puo essere, ma qualche settimana fa ho ascoltato un disco live dei Tears For Fears ed ero immereso nel suono , il palcoscenico era enorme senza fine , ero completamente sommerso dalla musica. Quidi se questi sono diffetti, ben vengano. Poi, come indicato nella premessa, sono sempre in tempo a ricredermi.
  22. SirEdward

    celestion ditton 44

    Rieccomi, siccome non riesco a stare fermo quando ho un tarlo che mi perseguita, ho comprato il diaframma nuovo e l'ho montato al posto di quello che segnava 9,6 Ohm. Ho comprato il kit completo di cartoncino che, a dispetto della foto su eBay arriva separato e va incollato (semplice vinavil, ma un vero velo). Oh, ora sono soddisfatto di aver riportato all'antico splendore originale questi diffusori, che, onestamente devo dire suonano magnificamente. Foto: il kit, il tweeter scollato, l'incollaggio e il risultato estetico. All'ascolto devo dire non riesco a distinguere l'originale da quello ridiaframmato. Ora ho un nuovo tarlo, costruire con i tweeter Seas un canale centrale che ricrei omogeneità timbrica. Dovrei trovare una coppia di midrange ...
  23. newton

    Collocazione Router

    @Ligo Non c'è da scusarsi. Il tema delle prove in doppio cieco carpiato e degli esperimenti scientifici esce a ogni pié sospinto, merita una lunga e avvincente discussione tutta per sé, che prometto per quanto mi riguarda di non intasare. Quanto alle conoscenze delle reti ti capisco...personalmente m'appassionano il giusto: perché le differenze si sentono nelle varie soluzioni, almeno quelle che ho provato io. Quindi la teoria in sé lascia il tempo che trova se all'ascolto poi non torna. Il perché e il per come non lo so, mi basta capire se una soluzione suona meglio dell'altra. A chi non sente differenze fra cavi ethernet, usb,, interfacce, switch, hd etc...e però si sente Karl Popper mi sentirei di suggerire un forum di fisica teorica, ne trarrebbe sicuramente più soddisfazione che accendere lo stereo.
  24. SuonoDivino

    Help per scelta dac! Conviene spenderci tanti €?

    @Gici HV Io ho la netta impressione che c'è gente che ha troppi soldi da buttare via. E hanno perso il contatto con la realtà. E solo una mia sensazione, eh!!!
  25. melos62

    cronaca e costume Togliere il voto agli anziani

    @maurodg65 occhio che stai per diventare anziano pure tu, metti che oltre al voto ti tolgono anche il diritto di postare corbellerie sui forum, ti resterebbero solo i cantieri
  26. LaVoceElettrica

    consigli su impianto stereo vintage per ascolto dischi in vinile

    Di una cosa sola siamo sicuri: anche se si orientasse su un apparecchio nuovo di zecca, ora che lo sceglie è già diventato vintage.
  27. giordy60

    Help per scelta dac! Conviene spenderci tanti €?

    un giorno un grade scrittore e premio nobel per la letteratura ( tale Andrè Gide ) scrisse : il numero di stupidaggini che una persona intelligente può dire in un giorno è incredibile e senza dubbio io ne direi quante ne dicono gli altri se non avessi il buon senso di tacere più spesso.
  28. TheoTks

    Riparazione Setton 3300

    - Il transistor incriminato, e causa del guasto è questo: Ma, per prudenza, cambio anche i 2 differenziali sospetti. - Vedrò poi se è il caso di cambiare qualche altro componente vetusto, ma l'aspetto interessante della riparazione, finisce qui. (mi scuso per le foto e i tavoli segnati, ma, non avendo più un vero laboratorio, sono costretto a lavorare "in cantina") Un saluto - Questa è presa dal web...
  29. adriatico

    politica ed economia attacco alla democrazia

    un 3ad ridicolo. Mo' dovrei portare solidarietà a chi sbraita dalla mattina alla sera che i negri se ne devono stare a casa loro dove o c'è una guerra oppure non mangiano. E se non se ne stanno a casa loro e li trovano in mare devono lasciarli lì finché arrivano delle motovedette di una ex nazione ora in piena guerra civile E quando arrivano i libici devono riportarli nei loro lager per continuare a spremere soldi ai maschi con le torture e godimento animale alle femmine con gli stupri. Io dovrei portare solidarietà a sta gente. Ma che gli spacchino i pali dei gazebi sul groppone catzo, senza accopparli solo qualche costola incrinata. e @radio ti pungesse vaghezza di darmi del compagno o giù di lì... vedi che Maggie Thatcher a me va piaceva al 70-80% perché per un 20-30 era troppo di sinistra... le persone cattive le schifano tutti. Ed i leghisti di oggi sono anzitutto cattivi.
  30. Oggi è atterrata questa astronave a casa mia: Già collegata (volante con trasformatore avvolto ad hoc) e testata.
  31. gianventu

    Help per scelta dac! Conviene spenderci tanti €?

    @telesforo shhhhhhhh, non mettere pulci nell'orecchio a qualche moderatore...se mi chiudono questo 3d, mi viene a mancare quello che mi regala alcuni tra i momenti più divertenti della giornata e un ottimo antidoto all'audiofilia. Non me ne perdo una singola parola.
  32. Fare del male a una brava persona per piccoli calcoli politici, per la fake montatura di un vigliacco, per distrarre il pubblico, per forse un voto in più. Mi riferisco alla vicenda della professoressa palermitana sospesa dal servizio per 15 giorni, perché incurante dei tempi che cambiano si ostina a fare bene il suo lavoro e ad amarlo e ad essere una vera servitrice dello Stato...che non la merita. https://www.corriere.it/scuola/secondaria/19_maggio_17/prof-sospesa-ecco-video-studenti-scuola-si-mobilita-ritirare-sanzione-e3dd11a0-787e-11e9-8596-c65b94f06070.shtml https://video.repubblica.it/edizione/palermo/palermo-la-docente-sospesa-per-il-video-su-salvini-ecco-le-immagini-contestate-nessuno-e-stato-offeso/334679/335280?ref=RHPPLF-BH-I226461865-C4-P6-S1.4-T1 Ministri vigliacchi e ipocriti.
  33. zalter

    sport Juventus: via al totoallenatore

    adani ,sarebbe la scelta naturale...
  34. ClasseA

    Numeri su Monaco e i costi dell'hi-fi

    Perdonate ma mi paiono i soliti discorsi banali. Il mondo gira così. La statistica ci dice che il divario tra poveri e ricchi è aumentato in alcuni paesi e relativamente poche persone detengono fette significative del Pil. Questo è un dato di fatto, che può non piacere, chiaramente, data l'iniquita' insita. Di conseguenza si strutturano i mercati. Alcuni beni si posizionano nel segmento lusso e stanti forme di mercato non concorrenziali le imprese sono price makers. Non vale la regola secondo cui all'aumentare del prezzo di un bene cala la sua domanda, al contrario il prezzo molto elevato determina l'esclusività e la desiderabilita' del prodotto. Questo è un primo aspetto. Un altro importante è che questi offerenti lusso sono imprese piccole, cantinari che tentano il colpo, in alcuni casi. Sono meno presenti quei nomi che hanno dato diffusione all'hifi per tutti, i vari Marantz, Sansui, Pioneer, Technics, Sony. Ad ogni modo non capisco le lamentele: esistono infatti ottimi prodotti di ogni prezzo e anche l'appassionato giovane e squattrinato può avere buone soddisfazione da prodotti entry level. E poi esistono prodotti di eccellenza di grandi nomi e produttori che costano parecchio ma comunque sono abbordabili e lontani dagli eccessi del lusso " cantinaro".
  35. lucadvt

    Diffusori SM63

    Ciao a tutti apro questo thread perche dopo mesi di lavoro ho finalmente completato la costruzione dei miei nuovi diffusori . Il progetto e' di Salvatore ( alias sm 63 ), io ho modificato il mobile solo per quanto riguarda la forma della parete laterale che nel progetto originale si raccorda al frontale tramite due pannelli angolati ma io la volevo curvata per motivi puramente estetici ( scelta che ha allungato notevolmente i tempi di realizzazione... ) . La distanza tra i driver cosi come la larghezza del baffle e rimasta uguale al progetto originale. I due mesi sono tb da 4 pollici il tweeter e' seas mentre il woofer laterale e' lo scan speak 22w8534. Premettendo che ho veramente poca esperienza in campo audiofilo per cui mi e difficile descrivere il suono e che comunque l'ho appema finita per cui l'ho ascoltata veramente poco le cose che balzano subito all'occhio rispetto alle mie precedenti casse ( 2 vie diy scanspeak ) sono l impatto del basso, la tendenza a ascoltare a volume piu elevato, segno di scarsa fatica d'ascolto e il suono che non sembra mai provenire dalle casse anche se la posizione attuale non consente una valutazione piu affidabile della scena sonora. Ringrazio tamtissimo Salvatore per la disponibilita e la pazienza , davvero una persona squisita, parlandoci al telefono si percepisce immediatente la passione che lo anima.
  36. gian62xx

    Il disco in vinile che state ascoltando ora!

    non poteva essere che ... giallo !
  37. capodistelle

    Il disco in vinile che state ascoltando ora!

    Non vedo l'ora di essere a casa per ascoltarlo
  38. @scubi...buongiorno, ti allego due foto ma come dicevo work in progress...ieri sera ho fatto un tre orette di ascolto e devo dire che non rilevo particolari problemi per quanto riguarda la stanza, si possono far suonare anche in 15 mt.q...ovviamente devo sistemare qualcosina per farle rendere al meglio ma ora sono certo di poter far emergere tutta la loro qualità e gestire il loro basso, si tratta solo di ponderare bene dove posizionare i vari pannelli e bass trap per il trattamento... P. S. Potresti dirmi il tuo nome?...sono un po' all' antica e chiamarti sempre "scubi" mi fa un certo che Cordialmente Andrea
  39. alexis

    Help per scelta dac! Conviene spenderci tanti €?

    @ics praticamente l'esatto contrario del RME...
  40. Martin

    cronaca e costume Fare del male a una brava persona

    La cosa più triste è questa: Sono pressoché sicuro che dai piani alti del ministero non siano partite disposizioni. Questo sopruso, come molti altri, potrebbe essere opera di grigi funzionarietti affetti da servitù spontanea che credono di interpretare e anticipare le intenzioni del "capo"... e magari sono lieti di attuarle offrendogli il paracadute di un' "Inchiesta ministeriale" se il clamore mediatico dovesse montare troppo intaccando gli indici di gradimento. Essi permettono al capo di "fare senza aver fatto" e di cadere sempre in piedi. Tali squallidi individui, i grigi funzionarietti, i servi-spontanei, sono presenti ovunque e sono una delle metastasi di questo paese.
  41. gianp

    cronaca e costume Togliere il voto agli anziani

    Penso che il pensiero di De Luca sia suggestivo e centri il punto sulla attuale inadeguatezza del suffragio universale (lo so che è stata una enorme conquista civile...). Al contrario di De Luca però limiterei il voto non in funzione dell’età (ci sono anziani e vecchi molto più saggi e illuminati di tanti giovani) ma in funzione della cultura. Un bel test di educazione civica e cultura generale e un diritto di voto proporzionale al proprio sapere (più sai più il tuo voto conta). Chi sa zero non vota.
  42. @v15 Lo so, lo so... Approfitto per mandare un saluto a quel pezzo di banda dei Marzagliesi che ho avuto modo di conoscere di persona e di cui conservo un carissimo ricordo: i padroni di casa, Carla e Maurizio, poi Franco, Andrea "il collezionista", Riccardo e Rosy che per fortuna ho rivisto da poco... uno speciale saluto è indirizzato "lassù" al buon Fabio che ho conosciuto di presenza in quell'occasione davanti a dell'eccellente Prosecco. Ovviamente non dimentico tutti gli altri mitici di cui leggo "gesta eroiche" ma che non conosco "di persona personalmente".
  43. È sempre un piacere...
This leaderboard is set to Rome/GMT+02:00


Facebook

About Melius Club

Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con codice fiscale 07710391215.
Powered by K-Tribes.

Follow us

×
×
  • Create New...

Important Information

Privacy Policy