Jump to content

walge

Members
  • Content Count

    184
  • Joined

  • Last visited

Community Reputation

64 Excellent

1 Follower

Recent Profile Visitors

The recent visitors block is disabled and is not being shown to other users.

  1. va avanti, con qualche imprevisto marginale W
  2. Molte delle radio di quell'epoca non avevavo il trasfromatore di alimentazione completo. O meglio, avevano il trafo per alimentare i filamenti mentre la alta tensione veniva derivata tramite un diodo ed un condensatore direttamente dalla 220 volt ( una fase) . Quindi si potrebbe partire da questo punto Se ci fate caso molte di queste radio avevano lo chassis interno separato e tutte le manopole in bakelite; inoltre c'era sempre una etichetta dove si avvertiva di togliere la corrente se si doveva aprire il coperchio. Detto questo è necessario capire il marchio e modello e ca
  3. il finale sembra originale in tutto. Purtroppo non si vedono bene gli zoccoli octal . Se il tecnico che conosci può misurare le prestazioni dell'ampli questo aiuterà a capire se le valvole di potenza sono in buono stato; tieni presente che adattare la tensione negtiva di griglia per poter tarare bene quelle che hai non è una oprazione complicata ed invasiva Le 6s3p sono le 5881-6l6gc però io cercherei un quartetto o due coppie di valvole selzionate magari quelle per uso nei valvolari delle testate per musicisti dato che sono sottoposte ad un duro lavoro e quindi la selezione è piutto
  4. Intanto ti devi assicurare che il puntale - del tester sia effettivamente collegato a massa per una effettiva lettura. Il venditore ti ha detto se ha eseguito qualche modifica, per esempio portarlo a triodo anzichè UL come in origine? Mi sembra strano che ti abbia venduto un apparecchio con questa caratteristica. La compatibilità delle valvole finali è garantita; tra i vari produttori qualche differenza esiste ma la ampia regolazione del trimmer dovrebbe assicurare una ottima regolazione. Se ti va fa una foto dell'interno dell'apparecchio togliendo il coperchio.
  5. Non so dire, ritengo che il 200 sia una evoluzione del precedente soprautto per l'interfacciamento Walter
  6. Questo era quello più conosciuto come prepre in corrente https://www.dynavector.com/products/amp/e_pha100.html poi commercializzarono il PHA200 sepre ad integrati Poi il collo di bottiglia potrebbe essere lo stadio fono ma spesso l'accoppiamento testina-braccio-gira è molto più critico W
  7. Ho visto lo schema dell'alimentatore; mi sembra inutilmente ridondante Walter
  8. Sugli ascolti io mi rifaccio sempre ai boys a cui "impongo" di sentire e riferire. Per i pre line e fono ho sempre avuto feedback positivi migliori sulla alimentazione a ss. Ovviamente le altre non è che suonassero male ma quel qualcosa in più si riusciva a percepire. Ora se me lo dice uno vabbè, ma se sono in buon numero ( alcuni che scrivono su Audioreview) allora il conto torna. Tieni presente che su un linea ed un fono che costruii anni fa l'alimentazione L-C-L-C prevedeva come C finale 1.500 uF a 400 Vdc (uno per ogni canale); i test furono moltissimi per capire sia l'affidabil
  9. Quando dico che non ci sono paragoni ( a mio parere) ti rispondo dato che proprio il confronto tra le due tipologie di alimentazione mi ha convinto di una soluzione piuttosto che un altra, a parità di circuito attivo. E non è una risposta OT, evidentemente. poi questo lo hai scritto tu, mica io Walter
  10. Guarda che alla tua domanda iniziale ho già risposto con il mio punto di vista. Che, per quanto mi riguarda, è frutto di molte prove. E dimensionare correttamente un alimentazione induttiva non è proprio semplice. La mia richiesta di vedere il circuito è dovuta al fatto che hai scritto cose non molto chiare. Tutto qui. Poi, per la precisione, ti confermo che gli elettrolitici ben fatti (piccoli o grossi che siano), se ben usati, difficile che perdano l'elettrolita. Walter
  11. Il condensatore in tantalio è un elettrolitico. E tutti i condensatori polarizzati sono elettrolitici. La parola stessa lo dice. Poi il liquido, che si chiama elettrolita ( per la precisione) i condensatori lo perdono per difetto di costruzione o per un unso non conforme; la tecnologia odierna è di alto livello e quel rischio non c'è, in pratica. Ed in ogni caso ti avevo chiesto di pubblicare lo schema così magari si capisce cosa vuoi dire e fare. Se ti va, se no fa niente. Walter
  12. @domenico80 ho la sensazione che tu abbia le idee un po’ confuse Secondo te un tantalio non è un elettrolitico? W
  13. Ma lo schema lo hai? di entrambe? w
×
×
  • Create New...

You seem to have activated a feature that alters the content of pages by obscuring advertisements. We are committed to containing advertising to the bare minimum, please consider the possibility of including Melius.Club in your white list.