Jump to content

SoNineties

Members
  • Content Count

    62
  • Joined

  • Last visited

Community Reputation

28 Excellent

Recent Profile Visitors

The recent visitors block is disabled and is not being shown to other users.

  1. Ovviamente anche io 😄 Era solo per dire che non vale quella di default fatta a suo tempo in Italia ma bisogna farla ex novo.
  2. Spedizione è inclusa. Ma non è tracciata, quindi devi aspettare. le tasse: se compri dal Regno Unito e superi il limite dove è prevista la dogana, paghi le tasse doganali. sì Cambia nulla. Tanto pure se compri da iIalia o Francia non è detto che te lo spediscano da lì. Non è quello giusto. Quello giusto è questo a 21,99. Sul punto IT costa 35€ e spicci. Per quelle Europee si. mi ricordo di non essermi mai registrato alle altre ma sono un utente di lunghissima data. In Giappone devi fare registrazione a parte. Fai prima a provare ad an
  3. L'ho ben colto! Infatti anche io ho messo una faccina 🙂 Ho solo approfittato del tuo post per segnalare l'altra discussione in caso qualcuno fosse interessato, tutto qua. Lungi da me voler riprendere e censurare nessuno. Sono il re dell'anarchia ! 🙂
  4. Posso chiederti perché? Lo trovo personalmente un po' un controsenso anche per quello che dici giustamente dopo. Negli anni 90 il digitale era fashion, motivo di vanto a livello di marketing. Tanto più che lo standard era trasferire il mix su DAT a prescindere dall'origine della registrazione. Per esempio il master di Badmotorfinger, Superunknown dei Soundgarden ( registrati in analogico) sembra sia stato ricavato addirittura dal CD a suo tempo. Non c'è da meravigliarsi visto che il formato che si aveva in mente per una release era il cd. Così si spiega anche l'aumento della durata m
  5. Ricordo di aver letto che alla Capitol in quegli anni usavano una preview digitale per il taglio. Poiché mi sembrava uno schiaffo alla miseria inserirlo negli 'affaton' 😛 Segnalato nel topic apposito
  6. Premessa, non ho la versione della mofi, anche perché essendo più incline ad un approccio filologico non sono particolarmente affascinato dalle versioni a 45 giri. Ciò detto andrebbe fatta una precisazione sulle fonti. La MOFI come master utilizza un riversamento (mix down) fatto dalle copie safety del tre tracce da Mark Wilder nel 97. Grundman invece realizzò il suo master direttamente dalle tre tracce originali. Di fatti un remix.Quindi essenzialmente la MOFI è due step più lontana dal master originale. 3 Tracce -> Safety -> Mix Wilder -> Master Mofi 3 Tracce -> Mas
  7. Concordo, ce l'ho anche io. La mia copia però è un po' più rumorosa di quanto mi piacerebbe. Avevo pensato di rimpiazzarla ma i costi di spedizione + importazione mi hanno fatto desistere.
  8. Per chi fosse interessato, In pre order versione 33 stereo UHQR Analogue Productions. RIutilizza lo stesso riversamento di Bernie Grundman per Classic Records . 25.000 Copie. I primi 6.000 ordini spediti il 21 Maggio. Prevista in seguito (data ignota) anche una versione 2x45 rpm.
  9. EAN è 0011105020015. Una ristampa del 97. Quasi sicuramente una RM mastered by capitol. Presunta AAA, in realtà con step digitale. Questo titolo è anche parte della serie Acoustic Sounds. Prevista uscita il 22 Ottobre.
  10. Sì. Tutti i titoli della serie NON sono in edizione limitata (come d'altronde i Tone Poets o i Blue Note Classic). La percezione che siano sold out è data dal fatto che la produzione di dischi è al momento in ritardo cronico per vari ed ovvi motivi e quindi le ristampe sono tutte a data da destinarsi con conseguente speculazione ed aumento ingiustificato dei prezzi.
  11. Probabilmente abbiamo stampe prodotte da batch diverse, o semplicemente ho una copia non venuta a regola d'arte. Sui dischi ci sono variabili infinite oltre la qualità del master. E' comunque un buon vinile quello che ho io, sia chiaro. Solo sotto agli altri della stessa serie che ritengo di grandissimo valore in relazione al rapporto qualità prezzo. Questo lo pagai sui 14€ mi pare di ricordare. Un affaròn sicuramente 🙂 Mi aspettavo la stessa esperienza con questa serie classic. Ad oggi non è così. Come ha detto qualcuno sarò stato particolarmente sfortunato io, poiché comm
  12. Dodax me li ha rimborsati tutti senza battere ciglio. Avrei preferito avere un vinile degno di tal nome ! Speriamo tocchi un po' di buona stella anche a me 🙂 Ti dico la verità, sul jazz ancora insisto per l'AAA , così come anche per alcune registrazioni riversate recentemente di altri generi (Zappa, Neil Young, Hendrix). SU roba recente ormai mi sto convincendo che tornare al cd sia cosa buona e giusta nonostante i noti problemi. Anche l'ultimo disco dei tomahawk è pieno di difetti nonché storto . Va beh, chiudo sfogo ed OT... grazie anche a te per la solidarietà
  13. Anche io ne ho parecchi della serie 80. Tutte ottime stampe e con master di livello a parte secondo me Herbie Hancock Takin' Off e Dexter Gordon Doin’ Allright che non mi hanno impressionato ma sono comunque due stampe ok per il prezzo. Questa serie BN Classic è invece uno scempio pur apparentemente proseguendo sulla stessa falsariga. Sono in attesa di Moanin' ed onestamente l'entusiasmo non è molto. Sapere che qualcun altro invece ha avuto miglior fortuna mi fa almeno sperare che le cose possano migliorare. Grazie per la solidarietà.
  14. Oggi si va di comodità. Approfitto del recente remaster per ridare un ascolto a :
  15. Non lo volevo citare io perché sono di parte 🙂 Ho tutti i dischi originali fino a Green Mind (incluso). Questo l'ho ascoltato ieri e credo di poter affermare senza grossi timori di essere smentito che chi li conosce e li ama non rimarrà deluso a mio avviso. Approfitto per segnalare un cd uscito quasi 2 mesi fa e che tenevo da parte. Prima di sbilanciarmi volevo capire che effetto mi avrebbe fatto dopo un break fisiologico. Mogwai - As The Love Continues (Post Rock) Se siete amanti/conoscitori del genere non potete non conoscerli. Forse il disco non è esattamente al
×
×
  • Create New...

You seem to have activated a feature that alters the content of pages by obscuring advertisements. We are committed to containing advertising to the bare minimum, please consider the possibility of including Melius.Club in your white list.