Jump to content

SalD

Members
  • Content Count

    291
  • Joined

  • Last visited

Community Reputation

48 Excellent

Recent Profile Visitors

The recent visitors block is disabled and is not being shown to other users.

  1. Approfitto di questo thread per chiedere se qualcuno ha provato o conosce l’iFi micro USB3.0 . Sarei tentato di prenderlo per frapporlo tra un Mac Mini e l’ingresso USB del Gustard X16…. Solo che costa da solo quanto ognuna delle altre due componenti. Ne può valere la pena secondo voi?
  2. Ciao @damy79 sono proprio contento di sentire che anche per te ci sia stato l’effetto wow.
  3. @Barone Birra anche. Ho indicato le Shure giusto in base alla mia esperienza. Adesso che mi indichi la IER-Z1R me la vado a guardare subito.
  4. Non per farmi i fatti tuoi. Ma, per essere un po’ pragmatici nei consigli, questo mi sembra un punto importante. Se il sonno è quello dei vicini di casa, ok come non detto. Ma se, come nel mio caso, è quello della dolce metà, per esperienza diretta ti posso dire che anche le Sony non sono proprio silenziosissime per chi ti sta accanto, per non dire delle cuffie aperte. Andrei piuttosto di IEM, con un bel paio di Shure 846 hai due subwoofer negli auricolari e ci puoi anche dormire, con la testa sul cuscino. . Purtroppo non conosco l’IFI idsd. Ma con il budget che ti sei dato ci sta tr
  5. Visto che si parla di Mac mini ne approfitto per chiedere cosa ne pensate di un Mac Mini Core i5 2,5 GHz - HDD 500 GB - 8GB - late 2012, da dedicare alla musica liquida prevalentemente tramite streaming su Qobuz e TIDAL? Ci sono punti di attenzione rispetto alle versioni di iOS incompatibili etc.?
  6. E' proprio così! ☺️ Subito dopo aver scritto il messaggio mi è venuto lo scrupolo di essere stato sopraffatto dall'entusiasmo e di aver utilizzato un linguaggio fin troppo commerciale. Però per me è stato proprio così. Ormai sono passati un po' di anni dalla prima volta che ho provato le 846, ma l'effetto wow me lo ricordo abbastanza bene e ad ogni ascolto un po' si rinnova, soprattutto se c'è la possibilità di concentrarsi un minimo. Metto però lo stesso le mani avanti. Per apprezzare davvero le IEM, e le Shure 846 in particolare, bisogna prendere confidenza con
  7. Riporto su questo thread in quanto da ieri ho “spostato” l’ingresso da coax a usb notando una certa differenza in termini di maggiore ariosità e dinamica del suono. Possibile che l’ingresso usb sia migliore del coassiale nel Gustard X16? Qualcuno ha fatto delle prove o ha avuto una esperienza di questo tipo?
  8. @damy79 se prendi le 846 troverai grande soddisfazione e un nuovo modo di ascoltare la tua musica preferita anche attaccandole direttamente al cellulare 😲
  9. @damy79 penso sia sempre la SE846. Io ho preso gli auricolari e il modulo BT in due momenti diversi. Ma credo che non ci siano differenze se non per il colore del guscio. Anche il cavo Apple vedo incluso, anche quello lo avevo preso separatamente. Mi sembra proprio un bel bundle ad un ottimo prezzo.
  10. Così a caldo ti direi... Da paura amico mio, da paura... . Ora, non è che io abbia chissà quale parco cuffie. Ho la Sony ovviamente, poi ho le IEM della Shure (le 846 e le sorelle minori), poi ho la Deva. A parte la Deva che forse è l'unica che devo "studiare" meglio nelle due catene, anche le 846 mi sembra vadano meglio sull'ampli-dac Sony. Oddio è pure possibile che mi sia abituato io al suono del Sony. Non so. Però dalla prima sensazione che ho avuto sembra che la magnetoplanare possa avere una risposta migliore in questa seconda catena. . Tra non molto però farò la pro
  11. @n.enrico Lui lo sarebbe pure. A parte piccole cosette, tipo il fatto che ha solo due uscite cuffie, oppure il telecomando che insomma sembra un giocattolo rispetto al Sony, che scalda comunque abbastanza e che per dare il meglio ha bisogno di scaldarsi. In più però ha gli ingressi in bilanciato e una potenza di fuoco che come scrivevo è "imbarazzante" per esuberanza (peraltro ho anche scoperto con piacere che la maggiore corrente dell'ingresso in bilanciato arriva anche sull'uscita single ended). Però il Sony è anche un DAC, peraltro con tutta una serie di accorgimenti che lo rend
  12. Allora siamo d’accordo al 100%. La sinergia viene prima, il prezzo ne è una derivata. . Il mio problema è proprio che faccio fatica a trovare una sinergia paragonabile a quella del mio primo impianto Sony Signature (MDR-Z1R con TA-ZH1ES), allo stesso prezzo. . Nel mio caso, il Gustard X16 con il Loxjie P20 e ora con il Burson Soloist 3X Performance non esprimono la stessa musicalità che ho con il dac-ampli Sony. Non solo in abbinamento con la MDR-Z1R (cosa abbastanza normale), ma anche con le IEM Shure 846 (cosa che invece mi è sembrata già più strana). . Questo m
  13. @do2707 mi sembra sbilanciato il mix sulla cuffia. Se prendi una cuffia da 2K a mio avviso le altre due componenti meritano almeno 1,5K se non di più. . Io il mio equilibrio magico l'ho trovato in casa Sony con la serie Signature. Sinergia massima. Costo più o meno simile, street price sui 1.500 / 1.600 euro sia per la cuffia che per l'ampli-dac. . La stessa cuffia su una catena diversa non rende allo stesso modo. E' proprio il mio problema attuale, con il Gustard. E purtroppo devo dire che non è un problema specifico della MDR Z1R, perché lo stesso stipo di "strozzatura" l
  14. In linea di principio condivido la filosofia ... nel concreto però poi succede che hai una cuffia da quasi 2 mila euro e che fai resti con il dac da 400 euro? la senti che soffre e si lamenta... è come avere una Ferrari ferma in garage... fortuna che non ho il garage così il problema non mi si pone...
×
×
  • Create New...

You seem to have activated a feature that alters the content of pages by obscuring advertisements. We are committed to containing advertising to the bare minimum, please consider the possibility of including Melius.Club in your white list.