Jump to content
Melius Club

Search the Community

Showing results for tags 'politica ed economia'.

The search index is currently processing. Current results may not be complete.


More search options

  • Search By Tags

    Type tags separated by commas.
  • Search By Author

Content Type


Forum

  • Forum
    • Welcome on board!
    • Home Audio
    • Vintage Room
    • Listening in Headphones
    • DIY Do It Yourself
    • Video Home Theater
    • Music Room
    • Joe's Garage
    • Visual Arts Room
    • Lounge Bar

Blogs

There are no results to display.

There are no results to display.

Product Groups

There are no results to display.

Categories

  • Number 43 - Year 2019
  • Number 42 - Year 2016
  • Number 41 - Year 2014
  • Number 40- Year 2014
  • Number 39 - Year 2013
  • Number 38 - Year 2013
  • Number 37 - Year 2013
  • Number 36 - Year 2012
  • Number 35 - Year 2012
  • Number 34- Year 2012
  • Number 33 - Year 2012
  • Number 32 - Year 2009
  • Number 31 - Year 2008
  • Number 30- Year 2008
  • Number 29 - Year 2008
  • Number 28 - Year 2007
  • Number 27 - Year 2007
  • Number 26 - Year 2007
  • Number 25 - Year 2007
  • Number 24 - Year 2007
  • Number 23 - Year 2006
  • Number 22 - Year 2006
    • Cavi di potenza
    • Cavi di segnale
  • Number 21 - Year 2006
  • Number 20 - Year 2006
  • Number 19 - Year 2006
    • Scelti per voi
    • Scelti da voi
  • Number 18 - Year 2006
  • Number 17 - Year 2005
  • Number 16 - Year 2005
    • Interviste ai costruttori di cavi hifi
  • Number 15 - Year 2005
    • Sonic Impact T-Amp
  • Number 14 - Year 2005
    • Scelti per voi
    • Scelti da voi
  • Number 13 - Year 2005
  • Number 12 - Year 2004
  • Number 11 - Year 2004
  • Number 10 - Year 2004
  • Number 09 - Year 2004
  • Number 08 - Year 2004
  • Number 07 - Year 2004
  • Number 06 - Year 2003
  • Number 05 - Year 2003
  • Number 04 - Year 2003
  • Number 03 - Year 2003
  • Number 02 - Year 2003
  • Number 01 - Year 2003
  • Number 00 - Year 2002

Categories

  • Audio, Video, Photo
  • Compact discs, vinyls, tapes

Find results in...

Find results that contain...


Date Created

  • Start

    End


Last Updated

  • Start

    End


Filter by number of...

Found 794 results

  1. Buona sera a tutti. Si parla tanto (e si fa troppo poco) di abbassare le tasse, questa famosa flat tax, ma mi è giunta voce che questo varrebbe soltanto sino ad un reddito massimo di 60.000,00 euro all'anno. Ma mi domando, le aziende di piccole, medie e grandi dimensioni sono automaticamente fuori da questi sgravi. Quindi l'occupazione chi dovrebbe crearla? Il lavoro come si crea? Sessantamila euro non sono pochi, ma chi guadagna tale cifra è assai improbabile che assuma chi che sia. Può essere che immetta nell'economia Italiana quello che risparmia, ma può essere che se ne vada semplicemente all'estero in vacanza con tale risparmio. L'investimento sarebbe?
  2. L'occupazione del palazzo in cui ha anche sede CasaPound a Roma ha generato un danno erariale di 4 milioni 600mila euro che ora deve essere risarcito da una decina di dirigenti dell'Agenzia del Demanio e del Miur per mancata riscossione del canone. Lo scrive la Corte dei Conti nell'atto di 'invito a fornire deduzioni' con cui chiude l'indagine sull'immobile in via Napoleone III in pieno centro a Roma, occupato da ormai 15 anni. articolo adnkronos pagherà qualcuno, è probabile si vada alle lunghe per favorire le prescrizioni?
  3. che vordì debito non contabilizzato? da un estratto dell'editoriale di Giavazzi del Corriere di oggi: ... L’approvazione da parte di un Parlamento incredibilmente unanime, della norma che crea i mini-bot ha avuto ieri due effetti. Innanzitutto ha obbligato Draghi a spiegare, davanti alle televisioni di tutto il mondo, che i mini-bot sono o moneta, e in questo caso sono illegali, oppure sono debito. E più tardi, quando il loro ideatore, il deputato leghista Borghi, ha detto: «Certo che sono debito, ma non contabilizzato», abbiamo servito su un piatto d’argento ad Eurostat la motivazione per far salire verso il 135% di pil il nostro debito ufficiale...
  4. karnak

    politica ed economia Bangla Market

    Sono un fenomeno in espansione. Qui a Torino, fino ad ora, si sono limitati alle zone semi periferiche o periferiche, ma ora cominciano, sulle tracce di Roma o Milano, ad esserci anche in centro e ad essere presenti anche in qualche via un po più di pregio. Ho un negozio che ho appena comprato, Via di fortissimo passaggio, semi pedonale, zona di movida diurna e notturna. Ho esposto il cartello da un paio di gg e, praticamente, mi tocca staccare il telefono altrimenti mi chiamano in continuazione perché posizione e metratura sono appetibili. 75 metri + 25 di magazzino, in un punto così, fanno gola a molti imprenditori. Mi hanno chiamato un paio di italiani, forse tre. Una ventina tra cinesi e, soprattutto, bangla, attirati dal passaggio pedonale e turistico che penso sia tra i più alti della fascia urbana torinese. Insomma, ho la coda di gente che lo vuole e posso permettermi di scegliere che attività farci mettere in maniera da avere l' affitto garantito. Non hanno problemi a darmi quello che chiedo, garanzie e ben 6 mesi di caparra che mi metterebbe al riparo dai furbi. Quasi quasi, ne faccio un bangla market figo e rompo le palle al variegato mondo dei radical residenti che blaterano di integrazione, ma che velatamente mi suggeriscono di non farlo per il decoro di uno stabile progettato dal Juvarra, appena restaurato e molto, molto bello. Che ne dite? In un colpo solo, affitto a quello che voglio io, mi ringraziano a mani giunte ogni volta che mi vedono, divento l' idolo di Brian&C. Se gira, posso rilevare anche altri muri, creare una catena di BanglaFiko e comprarmi pure un paio di sandali etnici da sfoggiare nelle ispezioni dei punti vendita. Non voglio gestirli, voglio solo darli a loro in affitto e dargli un'opportunità di imprendere e una vita migliore, creando allo stesso tempo "risorse" per la mia famiglia. Cosa ne pensate dei Bangla? E se fossero pure fiki, ben illuminati e in posizioni decenti, non potrebbe essere un nuovo trend? Un Bangla che mi ha contattato ne ha due in Via Po, uno in San Salvario e adesso vuole pure il mio. Quasi quasi... poi, alle prossime, voto pure Zinga...
  5. Leggo che in nottata la FCA ha deciso di ritirare l'offerta di fusione con Renault per mancanza di condizioni politiche. Come alcuni di voi sanno sono assolutamente ignorante in materia economico/politico/finanziaria. Qualcuno mi spiega in parole semplici come e perché la proposta lanciata pochi giorni fa' è stata così repentinamente ritirata ? Grazie.
  6. Appena sentito dai TG radiofonici, il Governo sta per approvare una vera e propria stangata sulle seconde case e sugli immobili commerciali è partita la festa ed adesso si ride...amaro. La patrimoniale tanto attesa sta arrivando?
  7. In una delle tappe di questo bollente Giro d’Italia, non ciclistico, un tour destinato a esasperare e a eccitare sempre di più la gente, destabilizzandola, con il chiaro fine di portare a una guerra civile e creare caos per poter poi giustificare, con arroganza, i provvedimenti atti a ristabilire l’ordine, è successo questo: https://www.lastampa.it/2019/05/13/italia/contestato-a-torino-EB7PiAgWOTdZ3FbfdyYnHO/pagina.html
  8. cioè, si prendono i soldi intascati dalle bollette di acqua, luce e gas e li si riversano nelle casse dell'alitalia, che ne dite, giusto un contributo diffuso per salvare l'azienda o che vada pure in malora ha già ciucciato abbastanza??? https://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2019-05-29/authority-energia-rischio-aumento-bollette-salvare-alitalia-175359.shtml?uuid=ACox2HK
  9. Calenda: Non ho mai detto, come riportato dal titolo dell’intervista a Repubblica, che sono pronto a trasformare Siamo Europei in un partito. Ho anzi esplicitamente detto che sono e resto nel Partito Democratico e che a meno che non sia lo stesso PD a chiedermi di dare una mano per costruire la “gamba” liberal democratica in vista delle elezioni politiche non farò assolutamente nulla. Mai, dicasi mai, provocherò una scissione. Dalla nascita l’obiettivo di SiamoEuropei è allargare il campo del centro sinistra unendo liberal democratici, popolari e social democratici e non dividere le forze che sono già in campo.
  10. mozarteum

    politica ed economia Ma il Pd?

    Avete sentito qualche presa di posizione sui fatti del CSM che ne vedono qualche esponente coinvolto? io no
  11. nell'articolo sopra citato si parla di lavoro precario che oggi grazie al reddito di cittadinanza non viene più assolto dai giovanni, in maggioranza dal sud italia, quindi le strutture alberghiere e non solo a chi credete che si dovranno rivolgere se non vogliono chiudere??https://www.repubblica.it/cronaca/2019/06/08/news/il_caso_dei_lavoratori_stagionali_a_gabicce_il_sindaco_manca_personale_colpa_del_reddito_di_cittadinanza_-228268824/?ref=RHPPLF-BH-I228282156-C8-P7-S1.8-T1
  12. Una interessante ricostruzione dei retroscena che hanno portato al “fallimento” della popolare di Vicenza scaricando i costi di quella malagestio sui contribuenti italiani: https://www.linkiesta.it/it/article/2019/04/16/banca-popolare-vicenza-gianni-zonin/41822/ Dov’è finito Zonin? Ascesa, declino e oblio del banchiere del popolo che ha affossato Vicenza Era il re di Vicenza, la sua parabola è stata la madre di tutte le crisi bancarie, adesso è sotto processo: ma la storia del vignaiolo prestato alla finanza è istruttiva per capire che si fa presto a parlare di truffati dalle banche 16 aprile 2019 di Stefano Cingolani La saga dei rimborsi è ancora lontana dalla conclusione, nonostante l’accordo raggiunto dal governo con le associazioni degli investitori. Il miliardo e mezzo di euro già stanziato, è alla ricerca di un sistema legittimo per essere erogato, perché non sfugge a nessuno che l’italica pretesa di intascare i profitti e farsi pagare le perdite da tutti gli altri contribuenti, è iniqua e illegale. A rullare i tamburi di guerra più delle altre è la tribù dei “truffati” veneti, in particolare gli ex azionisti, obbligazionisti, sottoscrittori, depositanti della Banca Popolare di Vicenza, la madre di tutte le popolari fallite, l’alfa e l’omega di un sistema che ancor oggi si insiste a difendere. La banca del territorio, la banca del popolo, la banca di sistema: tutti caciocavalli appesi come le idee hegeliane secondo Benedetto Croce. Perché la realtà è che non ci sono da una parte lupi e dall’altra candide pecorelle: le ire funeste di chi oggi ha perso il proprio capitale andrebbero bilanciate con le gioie di chi brindava in mezzo alla tempesta. A Vicenza è crollato il paradigma che ha fatto grande, robusto, ricco quel territorio finché è durato il carnevale. Lo ha ammesso Giancarlo Ferretto, proprietario della Armes (sistemi di imballaggio), già presidente della Confindustria veneta e vicepresidente della BPV: "Se il Nord Est ha retto lo si deve anche alle banche popolari le quali, mentre le altre chiudevano i rubinetti, hanno continuato a erogare credito. Ma distribuivano utili che di fatto non avevano, incrementavano le azioni senza che ci fosse un corrispondente effettivo". L’autodafé si spinge più in là: “Noi risparmiatori abbiamo sbagliato, le abbiamo considerate la mucca da mungere. Ogni anno distribuivano i dividendi, ci mettevano lì la monetina e aumentava il valore delle azioni. Io per primo ho fatto questo errore. Dovevamo capirlo: mentre i titoli delle banche quotate in borsa scendevano, quelli della BPV o di Veneto banca continuavano a crescere. Eravamo come drogati. Teniamo in piedi il territorio, ci ripetevano, siamo un sistema protetto”. Al centro di questo sistema si era collocato Gianni Zonin, personaggio chiave nella Vicenza dell'ultimo quarto di secolo. “Troppo facile adesso dargli la croce addosso”, dice Ferretto che pure ha sfidato il “vignaiolo prestato alla finanza”. E affonda: “C'è stata un'omertà, un silenzio, un'acquiescenza. Ci sono molte responsabilità e quelle più grandi le ha la Banca d'Italia”. È così? La vigilanza di via Nazionale è sotto il tiro incrociato. Per i difensori dei piccoli soci-debitori, non si è mossa con la dovuta fermezza. Per Luca Zaia, il presidente leghista della regione Veneto, al contrario, la banca centrale ha peccato di “eccesso di zelo”, perché insieme al governo “ha preso le banche e le ha gettate sul mercato”. A via Nazionale si difendono inanellando i fatti. Il 15 febbraio 2018 il giudice della udienza preliminare, Roberto Venditti, ha stabilito il sequestro conservativo di beni per 176 milioni di euro donati da Zonin ai familiari dopo l'inizio dell'inchiesta. Il danno per i risparmiatori della banca (a causa del calo di valore delle azioni, da 62,50 euro precipitate a 10 centesimi) ha fatto perdere 6 miliardi di euro a 118.000 piccoli azionisti. Nel marzo 2018 il Tribunale di Vicenza ha ordinato un ulteriore sequestro di beni di Zonin per 19 milioni di euro. “Paron Zani” si è rifugiato nella sua villa a Terzo d’Aquileia pretendendo di apparire come un perseguitato dalla sfortuna e dalle serpi covate in seno. Tutto è passato ai figli Domenico (presidente al posto del padre), Francesco (vice) e Michele che fa l’avvocato, più la moglie Silvana Zuffellato; il pacchetto azionario è suddiviso tra i membri della famiglia direttamente o attraverso alcune società veicolo. E l’eroe di un tempo diventa il grande traditore come nella novella di Jorge Luis Borges. Il processo, il più grande mai celebrato fino ad oggi in Italia per reati bancari, si è aperto a dicembre. Sono imputati i vertici della banca, a partire da Zonin fino agli ex vicedirettori Emanuele Giustini e Paolo Marin, l’ex dg Andrea Piazzetta e l’imprenditore Giuseppe Zigliotto, già presidente della Confindustria locale e consigliere di amministrazione. Le accuse sono di aggiotaggio, ostacolo alla vigilanza di Bankitalia e Consob e falso in prospetto. Secondo i pm, Zonin non può essere considerato “un inconsapevole pensionato perché era perfettamente a conoscenza di quello che avveniva in banca. Si comportava come un amministratore delegato e tanti suoi amici hanno compiuto operazioni baciate”. La difesa, invece, sostiene che i veri responsabili del crac “sono fuori dal processo”, e intendono gli ex manager che avrebbero agito per proprio conto con operazioni spericolate che hanno eroso il capitale fino a portarla al collasso. Il “tribunale del popolo” capeggiato dalle organizzazioni dei soci ha già emesso le sue condanne, vuole che a pagare sia lo stato, cioè tutti gli altri contribuenti. Intanto, su tutto l’impero Zonin, compresa il pezzo forte, il vino, s’allunga l’ombra dell’incertezza. Nel dicembre scorso Alessandro Benetton con la finanziaria 21Invest è entrato in Zonin1821 la holding dell’azienda vinicola prendendo il 36% e portando 65 milioni di euro (su un fatturato attorno ai 200 milioni) che saranno tutti investiti per sviluppare le attività produttive. E tra cinque anni, se tutto va bene, la borsa. Si chiude così un’altra storia centenaria di capitalismo familiare. Giovanni detto Gianni, classe 1938, con diploma d’enologo a Conegliano e una laurea in giurisprudenza, nel 1967 a soli 29 anni aveva preso il posto dello zio Domenico alla guida dell’azienda di famiglia, trasformata in società per azioni. Allora la Zonin imbottigliava il vino comprato dai produttori e per compiere un salto di qualità era necessario uscire dalla provincia. Il primo balzo avviene nel 1970 con l’acquisto della tenuta di Ca’ Bolani in Friuli; seguiranno San Gimignano, la Maremma, il Piemonte, l’Oltrepo pavese. Poi il grande passo verso i sontuosi grappoli dell’area mediterranea con la Masseria Altemura nel Salento e il Feudo Principi di Butera in Sicilia tra il 1997 e il 2000, “acquistate con mezzi propri”, precisa l’azienda vinicola. L’Italia non basta e arriva anche il sogno americano. Nel 1976, Zonin pianta le viti in Virginia, a Barboursville Vineyards, una impresa già fallita ai tempi di Thomas Jefferson e mai più tentata dai primi dell’800. La popolare vicentina gli spalanca le porte quando è già nel club dei grandi produttori di vino e si è affermato come imprenditore coraggioso. Diventare soci significava entrare nel giro esclusivo di chi conta davvero, quindi era sempre stato molto difficile. Nata nel 1866 per servire il popolo, la BPV in realtà serviva la classe dirigente locale. Finché il capitale non si è aperto anche ai dipendenti creando così un “parco buoi” manovrabile, visto che le carriere interne sono strettamente legate alla sorte dei vertici. Zonin prende il timone nel 1996, quando l’istituto di credito contava 150 sportelli e poco più di 20 mila azionisti. Con lui le filiali diventano 650 e gli azionisti oltre 110 mila. La sua prima mossa è rifiutare le nozze già apparecchiate con la banca di Padova. Due anni dopo, insieme all’Ina e allo spagnolo Banco de Bilbao, compra una quota della BNL appena privatizzata. Frutterà lauti guadagni, ma anche un processo per complicità nella scalata lanciata nel 2005 dall’Unipol di Giovanni Consorte alla banca romana. Zonin verrà assolto, e finora nessuna delle numerose indagini giudiziarie contro di lui si è mai conclusa con una condanna. Nel 2002 la Cassa di Prato, in grave difficoltà, viene salvata dalla BPV. Nel frattempo, c’è lo sbarco in Sicilia dove Zonin acquistava poderi importanti. Nel 1998 la Popolare di Vicenza cerca di acquisire il polo creditizio nato dalla fusione tra il Banco di Sicilia e la Sicilcassa. L’operazione, in cordata con altri soci, non riesce perché prevale la Banca di Roma. I primi dubbi sulla irresistibile ascesa del vignaiolo spuntano nel 2001. Gli ispettori della Banca d’Italia trovano “poco oggettivo” il valore delle azioni (44 euro). Ci mette il becco anche la magistratura che avvia un’indagine per falso in bilancio, ma il procuratore capo Antonio Fojadelli archivia il tutto. Un tentativo di riaprire il caso finisce con il “non luogo a procedere”. Affonda nel nulla anche l’accusa lanciata dall’Adusbef di “metodi estorsivi per diventare azionisti” archiviata nel 2009 perché “non si ravvisano credibili ipotesi di reato”. Intanto, scoppia la grande crisi finanziaria. Il 2007 è un anno che fa da cerniera. L’Antitrust guidato da Antonio Catricalà dice no all’ingresso nel patto di sindacato di Mediobanca per incompatibilità visto che la banca guidata da Zonin è azionista della Cattolica Assicurazioni e della Nordest Merchant (insieme ai Benetton). Sarebbe stato il coronamento del grande sogno, invece rappresenta il punto di svolta negativo. Allora si consuma anche la rottura con un socio di rilievo come Nicola Amenduni, il gran capo delle acciaierie Valbruna, per un conflitto sulle strategie e sul direttore generale. Gli uomini della vigilanza contestano inoltre alcune operazioni in derivati perché nel frattempo si era acceso il semaforo rosso sui contratti ad alto rischio nascosti nei bilanci. Nel 2012 nuove indagini, mentre nell’anno successivo vengono effettuati diversi interventi (con lettere e nel corso di incontri) per richiamare la banca al rispetto dei limiti previsti all’epoca per il riacquisto delle azioni proprie e “per porre all’attenzione l’esigenza di non ingenerare nei soci aspettative di sicura e pronta liquidabilità del titolo azionario o di garanzia di un rendimento minimo dell’azione”, come scrive la Banca d’Italia nella nota tecnica trasmessa alla commissione d’inchiesta del consiglio regionale del Veneto. La lettera è un meticoloso elenco delle cose fatte, fino alla “spinta” per le dimissioni di Zonin e la trasformazione in società per azioni il 3 marzo scorso. Eppure la popolare vicentina era riuscita a superare gli stress test anche se di stretta misura. ”La Banca Centrale Europea ci ha promosso in Europa fra i primi 13 più importanti gruppi bancari italiani – scriveva orgoglioso Zonin – siamo risultati una banca solida e fortemente patrimonializzata”. Era il 4 dicembre 2014. Solo due mesi dopo la Bce avrebbe avviato un primo accertamento per monitorare il sistema di governo, di gestione e controllo dei rischi, proseguito con una nuova verifica nel mese di marzo. All’assemblea dell’11 aprile 2015, quello stesso presidente che a Natale si felicitava con gli azionisti, propose di ridurre il valore del titolo da 62,50 a 48 euro. Un anno dopo sarebbe arrivato a 6 euro, perdendo in sostanza il 90%. Perché allora, nonostante ciò, si è continuato a parlare della BPV come possibile “aggregatrice” per salvare la Popolare dell’Etruria?Una tesi evocata da più parti è il buon rapporto con la Banca d’Italia grazie alla rete protettiva formata da ex funzionari di palazzo Koch: Gianandrea Falchi, già capo della segreteria quando Mario Draghi era governatore, assunto nel 2013 alle relazioni istituzionali; Mariano Sommella, arrivato fin dal 2008 e Luigi Amore l’uomo che aveva condotto l’ispezione del 2001. Nel 2011 era stato nominato vicepresidente Andrea Monorchio l’ex potentissimo direttore generale del Tesoro. Ad essi s’aggiungono magistrati in pensione (tra i quali quel Fojadelli che aveva archiviato l’inchiesta del 2001) e ufficiali della finanza. Uno schieramento singolare, una batteria di fuoco imponente rimasta alla fine senza cartucce perché in realtà è proprio la banca centrale a scoperchiare il pentolone magico. L’ispezione del 2014 rivela che la popolare di Vicenza aveva comprato azioni proprie senza chiedere l’autorizzazione e “mette in luce un diverso problema, vale a dire quello delle azioni finanziate”. La BPV non aveva dedotto “per un ammontare cospicuo” dal patrimonio di vigilanza il capitale raccolto a fronte di finanziamenti erogati dalla stessa banca ai sottoscrittori delle sue azioni. Ciò ha provocato un buco di circa un miliardo di euro al quale si aggiunge il deterioramento del portafoglio creditizio, che ha comportato la contabilizzazione di 1,3 miliardi di euro di rettifiche di valore nel bilancio 2015 (+54% rispetto all’anno precedente). Le operazioni baciate, come vengono chiamate in gergo, sono concesse “a patto che i relativi finanziamenti siano autorizzati dall’Assemblea straordinaria” e “che le azioni non siano conteggiate nel patrimonio di vigilanza”. Sia la Popolare di Vicenza sia Veneto Banca, invece, le hanno praticate per mostrare una solidità che in realtà era solo frutto di una partita di giro, visto che i crediti concessi alla clientela rientravano in parte sotto forma di azioni. Gli investitori ottenevano in cambio tassi agevolati, una cedola annuale oppure la “ricompensa” di un euro per ogni azione quando la banca, attraverso il fondo che avrebbe dovuto regolare e movimentare il mercato interno dei soci, ricomprava le sue stesse azioni dal cliente. Dal gennaio del 2014 era richiesta l’autorizzazione della Bce per ogni riacquisto, ma Popolare di Vicenza ricomprava azioni con disinvoltura, fino a quando il fondo non è stato bloccato e l’azione è divenuta illiquida, impossibile da vendere. Molti, a cominciare dalla Lega, gettano la colpa sulla riforma delle popolari, rimpiangendo il bel tempo in cui il valore di una azione veniva deciso a tavolino dai soci, magari senza perizie indipendenti, come era successo a Vicenza. Allora c’era champagne per tutti come nella cantina di Auerbach quando il dottor Faust ne cavalcava le botti. Ma a partire dal 2015 tutto questo non è più possibile, quel piccolo mondo antico fatto di amicizie, collusioni, clientele, svanisce. Molti soci di prima classe mangiano la foglia e scappano. La fuga dalla nave che affonda comincia proprio nel 2014 e mese dopo mese s’arricchisce di nomi: Giuseppe Stefanel, Renzo Rosso, la banca IBL, le Autostrade del Brennero, Giuseppe Zigliotto, allora presidente della Confindustria vicentina (la terza in Italia per associati), Giovanni Roncato, Luca Marzotto, il cognato di Zonin e consigliere della banca, Roberto Pavan. S’aggiungono ai vecchi “soci eccellenti” come la Cattolica assicurazioni, le Generali, Ferrarini il re dei salumi locali, Zigliotto della Confindustria vicentina (uscito prima del crac), la Fondazione Roi (ha investito nella banca 29 milioni che oggi valgono un decimo), la Fondazione cassa di Prato e persino Stefano Dolcetta della Fiamm (accumulatori) il quale aveva preso la presidenza. Non c’è dubbio, era davvero una banca di sistema e il sistema bancario cerca di salvarla, sensibile ai gridi di dolore che vengono anche dal sistema politico, soprattutto dalla Lega che governa il Veneto, ma non solo. Prima fallisce un tentativo di andare in borsa, nonostante la garanzia di Unicredit; è un flop che contribuisce alla uscita di Federico Ghizzoni, l’amministratore delegato della grande banca milanese. Poi ci prova il fondo Atlante nato soprattutto ad opera di Giuseppe Guzzetti con la Cariplo, proprio per impedire che la crisi della popolare vicentina inneschi un effetto domino cadendo, innanzitutto, su Unicredit. Atlante, guidato da Alessandro Penati, investe un miliardo e mezzo di euro, ma non ce la fa; a quel punto si leva un coro di voci per chiedere un salvataggio di stato e la più acuta è ancora una volta quella della Lega. Dichiara Luca Zaia nel giugno 2017: “Il bail-in costerebbe 11 miliardi al fondo interbancario di garanzia, per salvarle basterebbe invece solo un miliardo. Mi sembra logico che convenga investire questo miliardo fregandosene dell’Europa per garantire i risparmiatori e salvaguardare i loro risparmi”. La Popolare di Vicenza insieme con Veneto Banca, finirà a Intesa Sanpaolo al costo simbolico di un euro. Il Tesoro guidato da Pier Carlo Padoan sborsa 4,8 miliardi di euro liquidi e 12 miliardi sotto forma di garanzie. Un anno dopo Eurostat certifica che il costo sui conti pubblici per le due venete è stato di 4,7 miliardi di euro che pesano per 11,2 miliardi sul debito. Zaia non ha fatto bene i conti, o forse li ha fatti per i suoi elettori, ma non per il resto degli italiani. Per loro ci saranno la flat tax e le pensioni anticipate. Chi paga? Pantalone che a quanto pare ha messo le braghe giallo-verdi. Finché reggeranno le bretelle.
  13. In arrivo una lettera da Bruxelles: pare sarà una sorta di avviso bonario, un invito a rientrare nei vincoli di bilancio. Se L'Italia non si adeguerà dovrebbe partire la procedura di infrazione. Come pensate si comporterà il governo, alla luce della redistribuzione dei consensi?
  14. ...da potenza coloniale a colonia di una tua ex colonia, un Trump al solito tronfio ed arrogante che sputa sentenze sui politici britannici e straparla sulla politica interna inglese sputando giudizi e che soffia sul vento del no deal inglese, promettendo la firma di “accordi commerciali mirabolanti” che firmerà con gli inglesi in caso di uscita dalla UE senza accordi, accusa la May nella conferenza stampa congiunta di essere una pessima negoziatrice, “io farei di meglio” afferma, poi blandisce i politici pro Brexit, Johnson e Farage e sfancula Corbyn, ha chiesto di vedermi ma non mi interessa incontrarlo, non rispetta il protocollo nell’incontro con la regina, da cui riceve lezioni di educazione e bon ton, praticamente un Presidente USA in versione “rutto e scorreggia” libera, pessimo presidente ed uomo di m***a.
  15. Prendo spunto da un dato, secondo me molto significativo, e penso di non sbagliarmi: se date un occhiata alle classifiche di vendita delle automobili del 2018, nel mondo, non compare UNA SOLA AUTO ITALIANA fra i primi 100 posti... C'è dentro di tutto: Volkswagen, Toyota, Citroen, Ford, Honda, ecc, ecc, ecc ... Ma di auto nostrane NISBA. Ora, mi chiedo io: - valutando il potere del nostro mercato automobilistico nel mondo (come esempio) - valutando il livello della nostra classe politica da parecchi decenni a questa parte - valutando il tenore di vita dei lavoratori dipendenti e il costo del lavoro - valutando le tasse e gli sprechi evidenti in ogni dove - valutando la corruzione e l'evasione fiscale imperante ovunque (senza una legge ad hoc... pazzesco!) ma come possiamo parlare MINIMAMENTE male della Germania? Ma ci remdiamo conto che siamo quasi il "terzo mondo" dell'Europa? Non so cosa ne pensiate voi, ma io comincio davvero a credere che siamo molto più simili alla Grecia, e mi spingerei anche "più in là" , rispetto ai veri paesi civili ed industrializzati...
  16. Qualcuno è più uguale degli altri “Diversi membri hanno sollevato la possibilità di ridurre i tassi, altri la possibilità di riavviare il programma di acquisto titoli”.
  17. Rivoluzione in arrivo insieme a 57 miliardi di titoli statali
  18. Nell’arco di una notte. Ieri c’eara e oggi non c’è più, 1800 persone (senza contare l’indotto) senza lavoro. Ennesimo schiaffone (ma ormai c’è abituato) al Ministro del lavoro che aveva in programma un incontro con la proprietà, rappresentanti dei lavoratori ecc. per salvare l’azienda
  19. Un trafiletto del corriere di gramellini, che di base mi sta sul piloro, che mi pare semplice e condivisibile nel ragionamento e nelle conclusioni, esemplare del 'sistema' italia: - Certezze in fumo Corriere della Sera 31 May 2019 di Massimo Gramellini Vendere i derivati della cannabis light è reato. Lo ha stabilito la Cassazione, cioè un potere dello Stato. Ma allora chi aveva autorizzato in questi anni l’apertura delle centinaia di negozi che smerciano quei prodotti? Sempre lui, lo Stato. Non voglio entrare nel merito della decisione, né inoltrarmi nella disputa di salviniana memoria sull’efficacia drogante o calmante di certe resine. Mi limito sommessamente a urlare che è più facile scalare l’everest in solitudine di quanto non lo sia fare impresa nel nostro Paese. Mettiamo che uno abbia la bizzarra idea di aprire un’attività consentita dalla legge. Per prima cosa si accerterà che sia effettivamente consentita. Consulterà avvocati, pagherà parcelle, consumerà tempo e denaro in marche da bollo e code agli uffici del Comune. Ottenuto il sospirato via libera, investirà una parte del proprio patrimonio, oppure chiederà un mutuo alle banche e in qualche raro caso lo otterrà. Allora affitterà un locale, assumerà dipendenti, creerà un magazzino. Ma appena l’attività comincia a uscire dalla fase embrionale, il semaforo acceso sul verde diventa rosso. Quello che era permesso, improvvisamente non lo è più. Diventa oggetto di una contesa giudiziaria, rimpallando da un ricorso all’altro, fino a planare sulle scrivanie della Cassazione o del mitologico Tar del Lazio. Se questo è lo Stato delle cose, uno straniero può pensare di investire in Italia solo se si trova sotto l’effetto di qualche droga, e neanche tanto light.
  20. oggi sul giornale la tabella aliquote IRPEF. Cito a spanne, fino a 5-6000 euro si paga tra l'11 e il 14 %. Poi tra i 6000 e 10.000 euro ( ceto medio?) l'IRPEF si assesta sul 5- 6 %. Poi risale gradualmente fino ai redditi massimi. Motivo?
  21. Gad Lerner: "Pd riparta senza di noi Siamo amici dei potenti" ... Gad Lerner scarica il Pd. In un'intervista al Fatto Quotidiano, il giornalista archivia i dem in modo duro e ... ... Gad Lerner: "Pd riparta senza di noi Siamo amici dei potenti" (Di mercoledì 22 agosto 2018) Gad Lerner scarica il Pd. In un'intervista al Fatto Quotidiano, il giornalista archivia i dem in modo duro e non risparmia critiche al partito e a tutto il centrosinistra sottolineando tutti gli errori fatti in questi anni: "La subalternità del centrosinistra al capitalismo non è certo nuova, semmai ha inizio negli anni '90, quando i post-comunisti potevano ambire al governo nazionale e in loro si è determinata un'ansia da legittimazione: non mangiamo i bambini, sappiamo stare composti a tavola, garantiremo i vostri interessi".A questo punto Lerner si chiama fuori dall'area di centrosinistra: "Reputo la mia biografia compromessa. Io da giornalista mi sono occupato a lungo dei lavoratori e dei loro diritti perché ritenevo giusto farlo. Ma sono un borghese benestante, un 'radical chic', l'amico di Carlo De Benedetti. Sono tutte cose vere. Per questo la nuova classe dirigente del ... https://www.zazoom.info/ultime-news/4578117/gad-lerner-pd-riparta-senza-di-noi-siamo-amici-dei-potenti
  22. http://www.ansa.it/sito/notizie/cronaca/2019/05/19/aggressione-a-stand-lega-contusa-17enne_ad734cca-71a1-466e-8eed-d6607feeee6e.html che schifo, che vergogna
  23. Diamoci un taglio, grazie.
  24. 31canzoni

    politica ed economia Prima gli ultimi

    In tempi di slogan, di "prima gli italiani", di semplificazioni che rasentano e talvolta superano il paradosso: "PRIMA GLI ULTIMI", potrebbe essere una buona base per ripartire e ricostruire questo paese, per ricordare e dare anche alla parte delle popolazione più acculturata e più ricca un senso, un ideale. PRIMA GLI ULTIMI e quindi una raccomandazione al PD: non ti accontentare di trovare il nemico in Salvini come hai fatto con Berlusconi.
  25. Ho il bonus apertura discussione, Gb ha votato ma niete exit poll fino a domenica, Olanda equa distribuzioni dei seggi. Vedremo un Europa composta da un fritto misto?

Facebook

About Melius Club

Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con codice fiscale 07710391215.
Powered by K-Tribes.

Follow us

×
×
  • Create New...

Important Information

Privacy Policy