Cerca nel Forum

Mostra risultati per tag 'tecnica e ascolto'.

  • Cerca per Tags

    Tag separati da virgole.
  • Cerca Per Autore

Tipo di contenuto


Forum

  • Forum
    • Benvenuti a Bordo!
    • Riproduzione Audio
    • Vintage Room
    • Ascolto in Cuffia
    • DIY Do It Yourself
    • Video Home Theater
    • Fotografia
    • Music Room
    • Joe's Garage
    • Cineclub
    • Lounge Bar

I Blog di Melius Club

Nessun risultato

Nessun risultato

Categorie

  • Numero 42 - Anno 2016
  • Numero 41 - Anno 2014
  • Numero 40 - Anno 2014
  • Numero 39 - Anno 2013
  • Numero 38 - Anno 2013
  • Numero 37 - Anno 2013
  • Numero 36 - Anno 2012
  • Numero 35 - Anno 2012
  • Numero 34 - Anno 2012
  • Numero 33 - Anno 2012
  • Numero 32 - Anno 2009
  • Numero 31 - Anno 2008
  • Numero 30 - Anno 2008
  • Numero 29 - Anno 2008
  • Numero 28 - Anno 2007
  • Numero 27 - Anno 2007
  • Numero 26 - Anno 2007
  • Numero 25 - Anno 2007
  • Numero 24 - Anno 2007
  • Numero 23 - Anno 2006
  • Numero 22 - Anno 2006
    • Cavi di potenza
    • Cavi di segnale
  • Numero 21 - Anno 2006
  • Numero 20 - Anno 2006
  • Numero 19 - Anno 2006
    • Scelti per voi
    • Scelti da voi
  • Numero 18 - Anno 2006
  • Numero 17 - Anno 2005
  • Numero 16 - Anno 2005
    • Interviste ai costruttori di cavi hifi
  • Numero 15 - Anno 2005
    • Sonic Impact T-Amp
  • Numero 14 - Anno 2005
    • Scelti per voi
    • Scelti da voi
  • Numero 13 - Anno 2005
  • Numero 12 - Anno 2004
  • Numero 11 - Anno 2004
  • Numero 10 - Anno 2004
  • Numero 09 - Anno 2004
  • Numero 08 - Anno 2004
  • Numero 07 - Anno 2004
  • Numero 06 - Anno 2003
  • Numero 05 - Anno 2003
  • Numero 04 - Anno 2003
  • Numero 03 - Anno 2003
  • Numero 02 - Anno 2003
  • Numero 01 - Anno 2003
  • Numero 00 - Anno 2002

Categorie

  • Audio, Video e Fotografia
  • Compact disc, vinili, nastri

Trova risultati in...

Trova risultati che...


Data di creazione

  • Partenza

    Fine


Ultimo Aggiornamento

  • Partenza

    Fine


Filtra per numero di...

Trovato 51 risultati

  1. Io Booker Ervin/Setting The Pace. Con la SR60 (sto al computer - ma guarda te che caso - per cui m-audio 2496->M3->...) suon bene, è veloce, si fa rispettare, ma con la 580 schioppetta (solo che devo tenerla a volume quasi da dolore, perché le senns basse sono tappe)! In playlist ho successivamente The Individualism Of Gil Evans, ma mi ammoscia e penso lo leverò
  2. Ospite

    Sennheiser HD 660S

    Molto interessante questa nuova cuffia. La dichiarano l'erede della gloriosa 650. https://en-us.sennheiser.com/headphones-audiophile-high-end-hd-660-s
  3. Filippo86

    Cavi tra dap e amp

    Volevo chiedere una cosa, ma un cavo di interconnessione (tipo jack 3.5 -jack3.5) da oltre 100 euro può essere molto meglio di un cavo di buona qualità? Ad esempio: vorrei sapere se io passo dal mio attuale cavo di fiio l16 dal costo di 15 euro circa a un cavo della forza audioworks di circa 60 euro sentirei effettivamente la differenza di qualita?
  4. Un saluto a tutti, voglio condividere con voi una comparativa tra cuffie che ho potuto fare nei giorni scorsi, avendole contemporaneamente in casa. Trattasi della Sennheiser hd 598 (quella color beige) e della Audio-Technica ath-m50x in finitura “Gun Metal”. La precisazione sul colore della 598 non è causale, perché esiste una versione closed back di colore nero pressoché identica, mentre la beige mi risulta esistere solo aperta: nel collocamento dei prodotti in gamma, trovo Sennheiser generalmente poco chiara, e anche sui prezzi di listino i tedeschi si tengono spesso molto larghi (tanto che la 598 è venuta via con un forte sconto); mentre Audio-Technica colloca la 50 nel novero dei prodotti professionali, con scontistica molto risicata e promozioni molto rare. Le cuffie sono agli antipodi come tipologia (la Senny è aperta, la AT chiusa), ma molto simili come fascia di prezzo...diciamo che lo “street price” si aggira intorno ai 150 euro. Vi chiederete: perché un confronto tra una cuffia aperta e una chiusa? Lo ritengo molto utile per chi volesse approcciare per la prima volta al mondo cuffie in maniera consapevole (come ho iniziato a fare io qualche mese fa). L’uso ed il fine per i quali le due cuffie sono state concepite è abbastanza diverso: la Senny è una cuffia da home hi-fi, la AT invece viene definita "monitor" ed è molto apprezzata negli studi di registrazione. Le cuffie sono assimilabili invece, oltre che per il prezzo, per il fatto che ambedue sono “over ear”, nonché per alcuni dati elettrici, in particolare l’impedenza molto bassa, che le rende adatte anche ad un ascolto tramite dispositivi portatili. Più avanti tornerò sui dati tecnici, partiamo intanto dagli elementi esteriori: Costruzione ed estetica: La costruzione è in materiale plastico per ambedue, ma la Sennheiser è di fattura superiore, molto più rifinita e curata anche nei dettagli (pads in velluto, archetto in ecopelle, intarsi in finta radica); non discuto sul gusto che è sempre soggettivo (avrei magari preferito un colore meno classico del beige), ma oggettivamente è ben realizzata e la qualità dei materiali - almeno quella percepita - è eccellente. Di contro la Audio-Technica risulta meno curata; la ritengo anche meno riuscita esteticamente, ma tolte le valutazioni, la costruzione, seppur solida, risulta meno rifinita e in qualche tratto persino dozzinale. La finitura richiama un grigio metallizzato scuro denominato “gun metal” (ma gli elementi metallici sono pressoché inesistenti). Sul web ho letto qualche parere che loda la robustezza della giapponese; al momento si sono rivelate piuttosto solide ma non saprei dire quale delle due sia più robusta; prove di sforzo non ne ho fatte e la resistenza dello chassis si vedrà, ovviamente, alla lunga. Dotazione: Qui vince Audio-Technica a mani basse. Mentre la Sennheiser arriva in una confezione blister senza sacchetto né custodia, con un solo cavo da 3 m e adattatore da 6,3 a 3,5, la AT 50 presenta un custodia rigida molto gradevole e robusta, un cavo spiralato da 3 m e uno normale da 1,2 m (comodo per collegarla al cellulare), con un adattatore da 3,5 a 6,3. Ergonomia: La più comoda è la tedesca. “Fitta” benissimo anche sulla mia testa, non proprio piccola, non stringe, i pads sono morbidi e soprattutto hanno quella forma ellittica che avvolge completamente l’orecchio; la Audio-Technica invece ha i padiglioni di forma circolare più regolare, e qualcuno con le orecchie più grandi potrebbe avere problemi a farle entrate (stavolta la cosa non mi riguarda); la giapponese inoltre risulta stringere un po’ troppo (forse anche per il fatto che, essendo chiusa, deve isolare nel miglior modo possibile); non mi è parsa scomoda, ma probabilmente potrebbe diventarlo dopo lunghe sessioni. Suono: Probabilmente è quanto più interessa a voi lettori, fermo restando che si tratta delle mie impressioni. Le due cuffie vanno molto bene ma mi sento di preferire la AT come rendimento complessivo; benché la rf risulti più movimentata e con un andamento a “V” (anche se non troppo accentuato), la giapponese risulta più completa agli estremi di banda, più dettagliata, presenta una ottima separazione degli strumenti e un buon palcoscenico; la Senny è un po’ leggera in basso e con il tipico timbro di fabbrica che la porta ad essere molto più morbida e gradevole per ascolti rilassati, ma meno dettagliata della AT. La 598 da buona cuffia aperta risulta preferibile per il palcoscenico, anche se non ho notato sfigurare la AT50 in questo parametro. Ricordo che l’impedenza é molto simile, così come il rendimento acustico (benché la giapponese sia meno sensibile): ambedue risultano molto facili da pilotare con il mio Prism Sound Callia, dotato di un uscita cuffia molto curata. Ribadito che le impressioni di ascolto sono molto soggettive, a maggior ragione quando si parla di cuffie dato va tenuto conto anche della forma anatomica dell'orecchio e del padiglione auricolare di ognuno, passo ad elencarvi i dati tecnici delle due cuffie, con tanto di grafico della risposta in frequenza, presa dalla svariate prove fatte sul web. HD 598 ATH-M50x Fitting Over-Ear Over-Ear Peso 0.6 lbs (270g) 0.63 lbs (285g) Impedenza 50 Ω 38 Ω RF 12 - 38500 Hz 15 - 28000 Hz Sensibilità 112 dB 99 dB Che dire…spero di aver fatto cosa gradita nell'elencare sensazioni, pregi e difetti di due cuffie abbastanza “entry” come prezzo e prestazioni, mettendole a confronto secondo le mie (limitate) possibilità di tempo e di risorse. A voi la parola, laddove vogliate intervenire, ed un saluto.
  5. Mister66

    Upgrade Dap...consigli

    Ciao a tutti, posseggo un Fiio X1 da qualche anno e in abbinamento uso un Fiio montblanc E12. Vorrei salire di qualche gradino sostituendo il lettore x1 con qualcosa di più performante e attuale. L'uso è in percentuale 80% in casa nelle ore notturne, ho un nas e tidal che mi piacerebbe sfruttare con il dap. Ora dando una veloce occhiata a quello che offre il mercato ho individuato sempre in casa fiio l'M9 che sembra abbia tutte le caratteristiche che cerco ad un prezzo piu che abbordabile. Chiedo ai più esperti se effettivamente oltre alle caratteristiche wifi etc avrò un miglioramento nella qualità audio. Le cuffie attualmente in mio possesso sono le Sennheiser 598, Akg q460 quincy Jones , Shure se215. Altra curiosità,... nel caso del' m9 l'amplificatore è sempre necessario? C'è qualche altra alternativa al fiio m9? Grazie a tutti...
  6. Iotelodico

    DAP per ascolto Spotify

    Ciao a tutti, sono entrato (con grande ritardo) nel mondo di Spotify, credo che per ascolti non troppo impegnativi ed in mobilità sia sensazionale. Attualmente ho un DAP della Sony (di cui sono super soddisfatto) ma che non ha WiFi integrato, nè app Spotify a bordo, quindi mi tocca usare il mio telefono quando voglio ascoltare dalla app. Ho un ampli per cuffie (Fiio A5) e come cuffie utilizzo una chiusa della BeyerDynamic Quando ascolto la "mia" musica utilizzo il DAP, quando ascolto da Spotify collego il telefono all'ampli per cuffie. Bene, ma non benissimo, soprattutto per quanto riguarda l'ingombro e la comodità. Mi suggerite qualcosa di alternativo, anche non comporti l'utilizzo del telefono? Grazie
  7. Marzius

    FiiO Q1 Mark II - Amp/Dac x cuffie

    Apro questo thread per parlare del nuovo Ampli/Dac della FiiO... Il mio è in consegna x oggi e vi terrò aggiornato ma se qualcuno ne è già in possesso e vuole condivedere le sue opinioni qui sul forum farebbe cosa molto gradita a tutti.
  8. aleniola

    Bluetooth vs cavo

    Ho trovato questo interessante articolo sui diversi codec BT... https://www.soundguys.com/ultimate-guide-to-bluetooth-headphones-20019/
  9. mauri71

    consiglio cuffie chiuse surround digitali

    buongiorno,vorrei chiedere quali possono essere le migliori cuffie per i film,budget 500 euro .Grazie a tutti
  10. Disponibilità (limitatissima) fine marzo c.a. In occasione dell'ottantesimo anno fondazione storico Marchio giapponese, un combo davvero interessante e per il prezzo (circa 1600€) e perché -da quanto si presume, dopo discussioni aperte al riguardo sulla rete da appassionati e conoscitori del Marchio- trattasi di una specie di ibrida proveniente dalle esperienze con la L700, la quale già di suo è stata -in alcuni parametri di ascolto- paragonata alla top di gamma, la famosissima e strepitosa Omega II (009). Che il Thread abbia inizio, io... ci sono! (combo ordinato) Siti di riferimento: http://www.stax.co.jp/80th/80th_Anniversary-SRL300Limited.html https://www.staxaudio.com/earspeaker/sr-l300limited
  11. Nella mia recente ricerca di “suono realistico come da ascolto da diffusori” per l’ascolto in cuffia ho trovato diverse risposte e soluzioni, per una delle quali ho già postato una discussione, cioè la tecnica di registrazione binaurale. In quella discussione ho anche detto che mi pareva giunto il momento, anche per i rapidi progressi nella realtà virtuale di questi anni, di un software che potesse simulare, quando si ascolta la cuffia, l’ascolto di un sistema con i diffusori. Spulciando su internet ho trovato Il software “Out of Your Head” della Darin Fong Audio, recensito pochi mesi fa anche su The Absolute Sound (sono abbonato a quella rivista, ma chissà perché mi era sfuggito quell’articolo). Nessuno di voi ne ha esperienza diretta? Prima di scaricare la versione Demo, che pure é gratis, volevo sapere l’opinione di qualcuno di voi, se ne vale la pena insomma...
  12. amarolucano

    Nuove DENON AH-D9200

    https://www.denon.co.uk/uk/product/portableaudio/onearheadphone/ahd9200 Ne parliamo..?
  13. Giovanni90

    Beyerdynamic serie DT

    Ciao a tutti, vorrei chiedere un consiglio in merito a questo tipo di cuffie. Vorrei capire meglio quale dei tre modelli DT 770/880/990 è ideale per l’ascolto in cuffia da casa e con quali Ohm dato che Per ogni modello ci sono diversi ohm. L’ascolto come dicevo è home su amplificatore Nad 302 (ascolto Cd e vinili)
  14. djansia

    Denon RCD-M40

    Da un po' di tempo mi è tornata la voglia di ascoltare nuovamente il CD, il supporto fisico insomma. Da anni i CD facevano tutti la stessa fine: ripping e condanna a vita in libreria praticamente. Oltretutto da tempo acquisto particolari edizioni e/o ripubblicazioni in box, cofanetti e via discorrendo, che appunto subiscono la stessa condanna. Da tempo quindi volevo prendere un lettore CD dedicato alla cuffia, possibilmente portatile tipo DiscMan e via discorrendo, da amplificare se fosse stato necessario. Purtroppo non vengono più prodotti al ritmo di un tempo, quindi o si cerca tra l'usato o sul nuovo si trovano soprattutto "giocattolini" con chissà quale qualità come stadio cuffia. Qualche settimana fa poi e per puro caso ho visto esposto in un Mediaworld il Denon RCD-M40 e incuriosito l'ho preso. Trova posto tranquillamente sul comodino e se si vuole lo si può spostare in un attimo in un altro punto della casa. Ha uscite 2.1 per casse stereo e un'eventuale subwoofer, un'uscita cuffia (appunto, sennò de che stamo a parlà?) che pompa a meraviglia (almeno le mie cuffie) e che ha la possibilità di regolare il guadagno, di regolare anche alti e bassi se si vuole. C'è la radio, la sveglia, lo sleep, telecomando e via discorrendo. Suona benissimo per me (parlo di uscita cuffia, casse non ne ho collegato), silenziosissimo nella meccanica (una sorpresa davvero questa, viste le dimensioni), molto equilibrato, abbastanza caldo e non aggressivo e duro negli alti e senza estremi di banda, ottimo headstage e separazione tra gli strumenti e via discorrendo. Insomma, una vera sorpresa e lo consiglio a chiunque ha bisogno o anche semplicemente voglia e desiderio, di semplificare al massimo il setup senza dover per forza rinunciare alla qualità sonora e anche a chiunque sia tornata la voglia mettere su qualche CD.
  15. SimoTocca

    Registrazioni Binaurali...suggerimenti...

    Può darsi che io “arrivi dopo i fochi” (cioè tardi, a spettacolo finito, come si dice a Firenze...), però ecco, non ho trovato un Thread sulla sezione dedicata alle cuffie che parlasse esplicitamente di registrazioni binaurali, cioè registrazioni “native” con ripresa microfonica attraverso una testa artificiale, ma anche registrazioni che siano state rese “binaurali” con elaborazione successiva in studio. Dico questo perché la modalità di registrazione binaurale fa superare d’un balzo tutti i limiti dell’ascolto in cuffia (il suono “strano” che sembra provenire da dentro la testa...) , mantenendone tutti i vantaggi (la sensazione di “intimità”, la maggiore attenzione ai dettagli e ai passaggi musicali). Ho trovato su Qobuz e Tidal alcuni titoli registrati in maniera binaurale...e il loro ascolto é sorprendente! Non so se qualcuno ne avesse già parlato prima, se sì magari si chiude questo Thread e vado a leggermi quello che mi dite voi. Ma se non se ne fosse parlato, adesso che esiste la possibilità della musica digitale in streaming e in download, ecco forse sarebbe bene iniziare a parlarne per creare “una massa critica” in maniera di spingere case discografiche e fornitori di streaming e download a rendere disponibili registrazioni binaurali. Se avete Qobuz (o Tidal) e non avete ancora provato io vi suggerisco questo album per la classica... E per il jazz..
  16. Ciao a tutti, vorrei condividere con voi il mio piccolo impianto cuffia che mi stà dando belle soddisfazioni. Ho da diversi anni un ampli cuffie Lake People g 109s, che ho sempre ascoltato col lettore CD. Da alcune settimane ho acquistato un giradischi, si tratta del rega P3(nuovo modello) con il suo bel pre phono e a quest'ultimo ho collegato all'ampli cuffia, così per provare i miei gingilli elettronici... Gli ascolti li faccio con le mie cuffie di riferimento, le DT 880 con impedenza 600ohm. Ho provato anche le ultrasone pro 900 ma non vanno altrettanto bene, non sò come mai... Ascoltando con il CD, le mie due cuffie, vanno molto bene entrambi, ognuna con le sue caratteristiche ovviamente, ma il messaggio sonoro è sempre corretto, viceversa con il gira le ultrasone si impastano un pochino troppo sul medio basso per i miei gusti. Ho diversi LP, una venticinquina al momento tra vecchi e nuovi, non tutti sono in ottime condizioni ma ragazzi, quando il vinile è ok, è un vero piacere ascoltare la musica così. Alcuni dischi sono molto vecchi, come l'album deggli Alan Parson Project "I Robot" per esempio, è una vera bomba di dinamica e pulizia, si tratta di un disco di fine anni 70. Ho altri lp che vanno divinamente tipo Crueza De mà di De Andrè o L'ultimo dei Daft Punk, insomma, molto dipende dalla registrazione del disco, ma è stata una rivelazione l'ascolto dei vinili in cuffia. A chi ha l'attrezzatura adeguata, e piace il vinile, è una tipologia d'ascolto molto gratificante, la consiglio a tutti coloro che cercano il suono analogico, secondo me è anche un ascolto più coinvolgente e meditativo, per tutto quello che necessita mettere sù un vinile. Grazie per aver letto fino a quà. PS come puntina ho una Audiotechinica ET120elb
  17. giorgiogaber

    Denon AH-D7200 - Mitchell and Johnson MJ2

    Ciao a tutti! Ho trovato, dopo diverse ricerche, altre due cuffie che mi attirano e che non avrebbero bisogno dell'amplificatore dedicato e sono: - Denon AH-D7200 https://www.amazon.it/DENON-AH-D7200-Denon/dp/B06XD8HMKK - Mitchell and Johnson MJ2 https://www.amazon.com/Mitchell-Johnson-MJ2-Electrostatic-Headphones/dp/B01LZH3DF0 La seconda è una cuffia ibrida tra una elettrostatica e una dinamica. Data la bassissima impedenza di entrambi i modelli, potrebbero essere pilotate con dispositivi portatili, almeno sulla carta... è così? Qualcuno di voi le conosce? Sa dirmi qualcosa in merito? Come suonano e tutto il resto... Resto in attesa di vostre news. Grazie a tutti.
  18. iBan69

    Quante cuffie avete?

    Buongiorno, quante cuffie avete? Avete una sola cuffia con cui ascoltate tutto, oppure più cuffie “dedicate” all’ascolto di un certo genere musicale? La stessa cuffia, aperta o chiusa che sia, la usate con l’impianto, lo smartphone o il computer oppure differenziate in funzione della sorgente? Forza ... !
  19. KnifeEdge

    Sennheiser HD 820 nuova top chiusa

    Eccola finalmente! La nuova top chiusa, che dichiarano imitare il disperdersi delle onde sonore posteriori di una aperta. https://en-us.sennheiser.com/high-end-headphones-audiophiles-hd-820 Interessantissima! E costosetta.
  20. Flaviobei

    Consigli lettore Dap da relax in spiaggia

    Salve a tutti .Con l'avvicinarsi delle mie vacanze vorrei prendere un lettore Dap per rilassarmi in spiaggia. Spento lo smartphone per ovvi motivi vorrei caricare molta musica su un lettore che digerisca file alta risoluzione e file m4a che scarico a pagamento. Mi interessa la qualità audio e ottimo rapporto qualità /prezzo.Ascolto jazz e rock in ogni forma e epoca. Cosa mi consigliate? Le cuffie le ho già.Grazie
  21. djansia

    Sony NW-WM1A

    Chi possiede o comunque ha avuto modo di ascoltare questo lettore, può dirmi se per caso anche questo modello ha la limitazione europea dei volume e se, eventualmente anche come, è possibile rimuoverla? Per il resto se vi va anche di dire come suona e come vi ci trovate... Grazie.
  22. andrea7617

    Da Fidelio X1 ad Hifiman

    Buongiorno a tutti, considerando di amplificare un'ortodinamica come si deve (avevo letto un po' riguardo alle Hifiman HE400 ed HE560 che hanno prezzi umani), la differenza sul suono può giustificare il passaggio dalla mia Fidelio X1 (amplificata con l'ampli VHF 1.2) ad un'ortodinamica? Cosa guadagnerei? Ascolto di tutto, tranne la classica. Lo so che è una domanda un po' generica...ma non ho esperienze d'ascolto con questo tipo di cuffia... Grazie in anticipo
  23. Neuro

    Quale ampli?

    Ciao a tutti. Qualche anno fa ho comprato un paio di cuffie Grado (sr60), che ho iniziato ad ascoltarle attraverso il computer e il lettore mp3. La musica in cuffia mi piace molto, mai mi sarei aspettato di ascoltare così tante sfumature che prima evidentemente mi sfuggivano. Sempre più incuriosito, gli ho affiancato un ampli fiio e9 con un dac fiio e7, migliorando un po' il suono, ma senza grandi rivoluzioni. Da qualche mese ho preso delle Beyerdynamic dt880 da 250 Ohm, con l'intenzione di affiancarci un ampli dedicato. Il budget non è altissimo, anche perché non mi ritengo così "audiofilo" da spenderci molti soldi. Ho adocchiato gli ampli della Schiit e in particolare i modelli Magni3 e Vali2. Cosa mi consigliate tra questi due modelli? O altri suggerimenti se ne avete. Sono incuriosito dal suono valvolare, dato che non l'ho mai provato, ma non vorrei che con un budget così basso i risultati siano scarsi.
  24. Ciao, mi piacerebbe analizzare con voi i pro e contro dell’ascolto in cuffie rispetto a quello fatto con i diffusori da un punto di vista del passaggio da incisione ad orecchio, del messaggio sonoro. Possiamo dire che a parità di una ipotetica catena di riproduzione, dal punto di vista qualitativo avremmo in condivisione il supporto musicale (vinile, cd, liquida) e la relativa sorgente, (giradischi, CDP, streamer). L’ amplificatore sarebbe necessariamente diverso, ma non troppo in senso assoluto (comunque è una variabile). Poi ovviamente l’utimo differente anello: diffusori o cuffie. Lasciando da parte per il momento i gusti personali d’ascolto, cercando di valutare le due catene in modo obbiettivo e distaccato. Qual’è la variabile che secondo voi fa pendere la qualità di riproduzione intesa come assenza di modificazioni del messaggio sonoro originale (a parità di catena, sempre che questo sia verosimilmente paragonabile) da una parte o dall’altra? Diffusori o Cuffie? Secondo me, al di là dell’esperienza più fisica e realistica che la riproduzione con i diffusori necessariamente hanno, rispetto alle cuffie, c’è una variabile importantissima che gioca a favore dell’uno e a scapito dell’altro. Una variabile spesso, sottovalutata, ma che può determinare il risultato finale della riproduzione il più fedele possibile all’incisione del supporto musicale, ovvero l’ambiente e la sua acustica. Queste non possono in nessun caso non influenzare il messaggio sonoro pervenuto alle nostre orecchie, che invece per le cuffie, anche con tutte le proprie limitazioni, non avviene. Mi direte che anche le cuffie suonano in modo differente, ma d’altronde anche i diffusori lo fanno. Quindi, potremmo dire che l’ascolto in cuffia, per un minore numero di variabili (ambiente) che possono modificare anche di poco il messaggio sonoro, può essere uno strumento di riproduzione più attendibile dei diffusori per valutare la qualità sonora della musica incisa su un supporto? Ps: Spero di non essere stato troppo banale sull’argomento, sicuramente già dibattuto in passato. Questa vuol essere solo una riflessione, non una scelta o uno schierarsi per l’una o per l’altra, tipologia d’ascolto, di cosa sia meglio, diffusori o cuffie. Personalmente continuerò a dividere i mio tempo d’ascolto in parti abbastanza uguali tra diffusori e cuffie, traendo il massimo piacere da entrambe gli strumenti con i loro relativi vantaggi e svantaggi. Attendo le vostre riflessioni sull’argomento, grazie.
  25. Walkiria

    Dac, dap e smartphone in auto

    Le auto di oggi sono sempre più sofisticate, ma montano sistemi audio sempre più infimi, non permettendo all’utente medio di potervi mettere mano senza il rischio di perdita garanzia. Chi di voi ha provato a collegare all’impianto di serie le proprie elettroniche mobili? E con quali risultati?

Facebook

About Melius Club

Melius Club: la nuova casa di Videohifi.com
Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con sede legale e operativa nell’Incubatore certificato Campania NewSteel in Napoli via Coroglio 57/d e codice fiscale 07710391215.

Powered by K-Tribes.

Follow us