Jump to content
Melius Club

Search the Community

Showing results for tags 'amplificatori cuffia'.



More search options

  • Search By Tags

    Type tags separated by commas.
  • Search By Author

Content Type


Forum

  • Forum
    • Welcome on board!
    • Home Audio
    • Vintage Room
    • Listening in Headphones
    • DIY Do It Yourself
    • Video Home Theater
    • Music Room
    • Joe's Garage
    • Visual Arts Room
    • Lounge Bar
    • From the Melius Market now
  • Circolo fan Silcable's Forum del Circolo Silcable
  • Circolo fan Pylon Audio's Forum del Circolo Pylon
  • Circolo fan Audiogears's Topics

Blogs

There are no results to display.

There are no results to display.

Categories

  • Number 32 - Year 2009
  • Number 31 - Year 2008
  • Number 30- Year 2008
  • Number 29 - Year 2008
  • Number 28 - Year 2007
  • Number 27 - Year 2007
  • Number 26 - Year 2007
  • Number 25 - Year 2007
  • Number 24 - Year 2007
  • Number 23 - Year 2006
  • Number 22 - Year 2006
    • Cavi di potenza
    • Cavi di segnale
  • Number 21 - Year 2006
  • Number 20 - Year 2006
  • Number 19 - Year 2006
    • Scelti per voi
    • Scelti da voi
  • Number 18 - Year 2006
  • Number 17 - Year 2005
  • Number 16 - Year 2005
    • Interviste ai costruttori di cavi hifi
  • Number 15 - Year 2005
    • Sonic Impact T-Amp
  • Number 14 - Year 2005
    • Scelti per voi
    • Scelti da voi
  • Number 13 - Year 2005
  • Number 12 - Year 2004
  • Number 11 - Year 2004
  • Number 10 - Year 2004
  • Number 09 - Year 2004
  • Number 08 - Year 2004
  • Number 07 - Year 2004
  • Number 06 - Year 2003
  • Number 05 - Year 2003
  • Number 04 - Year 2003
  • Number 03 - Year 2003
  • Number 02 - Year 2003
  • Number 01 - Year 2003
  • Number 00 - Year 2002

Categories

  • Audio, Video, Photo
  • Compact discs, vinyls, tapes

Find results in...

Find results that contain...


Date Created

  • Start

    End


Last Updated

  • Start

    End


Filter by number of...

Found 362 results

  1. Paolosnz

    Topping A90

    A giugno dovrebbe essere finalmente disponibile il nuovo amplificatore/preamplificatore di topping al momento solo in preordine su audiophonics.. su audiosciencereview.com si trovano le prime misurazioni moolto interessanti!! parola d'ordine tanti ma tanti mw si parla di 1000mw a 300 ohm e 500mw a 600 ohm interessanti le uscite ne troviamo 3, xlr e pentaconn 4,4 mm in bilanciato, 6,35 mm il se. Dettagli del produttore L'A90 è un amplificatore per cuffie ad altissime prestazioni che può funzionare anche come preamplificatore. Viene fornito con tre impostazioni di guadagno e ha numeri di prestazioni eccezionali tra cui <0,00006% THD + N, 145 dB DNR, <0,2 uVrms rumore, impedenza di uscita <0,1 ohm e 7200 mW x 2 potenza massima in uscita. L'A90 è dotato di moduli NFCA (Amplificatore composito a feedback nidificato), che insieme alla tecnologia di feedback ad altissimo guadagno offrono eccellenti prestazioni in CA e CC. L'elevata capacità di corrente in uscita dell'A90 consente di pilotare facilmente cuffie a bassa impedenza. Inoltre, il rumore ultra basso di 0,2uV e l'elevata gamma dinamica di 145 dB guidano gli IEM più sensibili senza produrre alcun rumore udibile o sfondo scuro. Per le uscite, l'A90 viene fornito con una XLR a 4 pin, una bilanciata da 4,4 mm e una porta a estremità singola da 6,35 mm. Il Single Ended 25 V pp con un'alta tensione di uscita bilanciata di 49 V pp insieme a un'elevata corrente di uscita e un'impedenza di uscita inferiore a 0,1 ohm, A90 è compatibile con una vasta gamma di cuffie. Viene inoltre fornito con l'impostazione del guadagno in tre fasi e un'ampia varietà di impostazioni di sensibilità che consentono all'amplificatore di pilotare IEM sensibili per alimentare cuffie impegnative. Essendo dotato di moduli NFCA, A90 può anche funzionare come preamplificatore. In modalità preamplificatore, l'uscita single ended da 20ohm e l'impedenza di uscita bilanciata da 40 ohm la rendono facilmente compatibile con vari amplificatori di potenza. È inoltre possibile collegare l'A90 con il DAC D90 in modalità preamplificatore per pilotare altoparlanti attivi e creare un sistema audio ad alte prestazioni. Specifiche: Uscite: 4 pin XLR, bilanciato 4,4 mm, 6,35 mm porte single-ended Moduli NFCA (amplificatore composito a feedback nidificato Rumorosità ultra bassa di 0,2uV Gamma dinamica di 145 dB Può guidare IEM sensibili per alimentare cuffie esigenti Funzionalità Pre-Amp Numeri di performance Amp e Pre-Amp forniti nelle immagini
  2. maxnalesso

    DAP MQA: quale scegliere?

    Ciao a tutti, da poco sono entrato nel mondo Tidal con i dispositivi portable, e sono qui a chiedervi, alla data attuale, come è la sitazione dei dispositivi portatili (DAP) compatibili con lo streaming Mqa. Dal sito ufficiale, questi sono i marchi compatibili: - Astell&Kern - Cayin - Fiio - HiBy - iBasso - Onkyo - Pioneer - Sony In base alle vostre esperienze, che modello scegliereste in queste fascie di prezzo e per quale motivazione?: sotto i 500 euro tra 500 e 1000 euro oltre 1000 euro (se davvero c'è un notevole salto di qualità sonora e tecnica). Grazie per le info che saprete darmi per iniziare ad orientarmi! Ciao, Max
  3. Buongiorno a tutti, Sono Gianni, mi sono appena iscritto. Volevo chiedere consigli sull' acquisto di un dap. Spesa massima 700€( se meno è meglio😀) Ho appena reso un fiio m9 perché mi sono trovato parecchio male. A livello di suono mi piaceva, il problema era l' eccessiva lentezza del sistema operativo, a dir poco frustrante. Come servizio musicale utilizzo principalmente tidal. Oltre all' ascolto in cuffia, il dap lo utilizzo collegato tramite usb al dac esterno che è collegato all' amplificatore del mio impianto hifi. Sto valutando il fiio m11 pro e l' ibasso dx 160. Qualcuno di voi ha esperienze con questi due modelli? Grazie
  4. Premesso che il mio sistema attuale è composto da Tidal, Iphone, Chord Mojo, DT 880 Pro BE e 400i, vorrei passare ad un sistema desktop budget e la mia idea sarebbe di andare su componenti separati, ma è solo un'opzione. Premesso che non mi intendo di auto costruzione e non vorrei passare da pc/mac come sorgente e, se dovessi comprare un Lake People, il solo pensare di doverlo aprire per cambiare il gain mi provoca fastidio! 😁 Ciò premesso, considerato che la sorgente resterebbe l'Iphone (fino a quando non prenderò uno streamer) avrei individuato nella fascia di prezzo fino a 600 euro i seguenti componenti: 1. Topping DX7 Pro; 2. SMSL 200 + SMSL SU 8; 3. SMSL 200 + SMSL M200 dac (è appena uscita la nuova versione, monta gli AK4497EQ e su audiosciencereview.com ne parlano molto bene, funziona anche come bluetooth ma non ha MQA) ; 4. solo ampli o ampli + dac Shiit; 5. Iniziare con un Bluesound Node 2I e successivamente implementare ampli e dac esterni. Altre idee? Consigli? Grazie Roberto
  5. Soundbox

    Sony MDR CD 850

    Salve a tutti gli utenti Mi ritrovo da tanto tempo in possesso di questa cuffia con cui condivido piacevoli momenti di ascolti musicali. Attualmente la uso con un po'di tutto, ma principalmente con un pre NAD 1000 e con un lettore Sony CDP 997 (modificato). Proprio su quest'ultimo ne traggo una buona soddisfazione, ma... ...nonostante sia una cuffia di buona sensibilità certe volte preferirei una maggiore spinta energica. Sono combattuto se comprare un amplificatore dedicato. Attualmente dal CD player ho 30mW su 32 Ohm, avevo addocchiato un Sabaj PHA2, non costa molto e sembra un buon prodotto. Qualcuno che potrebbe darmi qualche indicazione, esperienza affine, consigli? Grazie per l'attenzione
  6. Gianni

    ibasso dx 160

    Buongiorno a tutti, Mi rivolgo ai possessori dell' ibasso dx160. Vorrei sapere come vi trovate con questo dap. Grazie
  7. Ciao a tutti, ho acquistato da qualche mese il DAC/AMP portatile XDUOO-XD05 Plus di cui sono molto soddisfatto, sia da un punto di vista della resa sonora, sia dalla qualità costruttiva e soprattutto per la durata della batteria, veramente granitica. E'il mio set-up da viaggio che utilizzo sia con Monolith 1060 aperte, sia con Senny HD650. Ciò premesso, l'utilizzo che faccio è per la maggior parte del tempo con lo smartphone android (huawei mate 20 pro). Per ragioni di comodità (mia soggettiva esigenza) vorrei avere la musica "scollegata" dal telefono che per necessità lavorative "infesta" la serenità di ascolto con le varie notifiche. Quindi di conseguenza mi direte di comprare un DAP ovviamente. Ne esistono di svariati livelli di prezzo e sarei orientato sulla fascia medio alta ma ecco la domanda: è possibile investire verso un oggetto che non abbia l'ampli e che mi permetta soltanto l'utilizzo delle piattaforme streaming (spotify e Tidal) + storage e quindi investire una cifra ragionevole solo per il lettore? Grazie per i vostri pareri.
  8. marco_music

    Feliks Espressivo mkII

    Bere bene stappando un Sassicaia o un amarone di Quintarelli è cosa certa, e visto il costo, guai se non fosse cosi ! Ma la bella sorpresa arriva in genere da quei produttori che non si sono ancora affermati sul mercato ma hanno molto da raccontare, e con una bottiglia da medio prezzo sanno regalarci ottime sensazioni, sapendoci stupire. E’ il caso di Feliks una azienda polacca che si sta impegnando molto nel settore dell’audio di qualità e che ha prodotto 4 amplificatori a valvole molto interessanti. Per farmi un’idea sono andato a sondare la parte centrale dell’offerta, lasciando momentaneamente da parte il modello entry level, in genere ben suonante ma frutto di una impostazione di marketing volta ad avere un prezzo d’attacco sacrificando qualcosa qua e là; altrettanto dicasi per i top di gamma che spesso presentano orpelli e raffinatezze anche eccessive. Di sicuro i modelli intermedi vantano tecnologia e soluzioni tali da farci risparmiare qualcosa lasciandoci la libertà di customizzare il prodotto secondo i nostri gusti, tanto più quando si parla di valvole. Il modello in prova è il Feliks Espressivo mkII un amplificatore cuffie valvolare che si pone a metà strada fra il piccolo Echo ed il più raffinato Elise che viene preceduto solo dall’ottimo Euforia. L’esemplare è arrivato nuovo e quindi l’ho messo un po’ in rodaggio prima di esprimere un parere. Come dicevo questo piccolo amplificatore dalle dimensioni contenute che passano di poco i 20x25 è stata una piacevole sorpresa, bello a vedersi nella sua veste nera con la prominenza cilindrica sul fondo e le 4 valvole in bella vista; sul frontale una manopola per controllare il volume, l’output cuffia da 6,3mm ed un selettore per decidere quale dei 3 ingressi far suonare; il pannello posteriore è ricco di ingressi con connettori di tipo rca dorati di buona qualità, in linea con la ricercatezza di design generale. Il Feliks espressivo può essere anche utilizzato come pre-amplificatore e trovo che questo sia un valore aggiunto da considerare al momento dell’acquisto. La manopola dei selettori e quella del volume fanno la loro bella figura, però al tatto si percepisce una qualità migliorabile di questi due componenti: fattore più che mai trascurabile, ma il livello di qualità generale del prodotto è cosi elevato che è più facile notare l’unica nota fuori dal coro. Venendo al suono, che è l’aspetto che interessa tutti noi, l’ampli è silenzioso e scalda nella norma, lo preferisco appena isolato dal piano ( non servono disaccoppiatori esoterici ) basta dargli un po’ di sfogo anche sotto la pancia. Suggerisco una cavetteria di pari rango, e se posso permettermi meglio dare la precedenza a quello di alimentazione in quanto questo apparecchio si è dimostrato più sensibile al cambio del cavo che porta corrente rispetto a quelli che portano il segnale, del resto se c’è una cosa che ho imparato in tanti anni è la validità di uno stadio d’alimentazione dedicato soprattutto negli amplificatori, aspetto sacrificato per ovvie ragioni, in un modello cosi contenuto nella forma e nel costo. Ho trovato il suono dell’Espressivo molto piacevole e ben proposto, musicale ed assolutamente non stancante; ricco di armoniche ed invitante all’ascolto. Una volta raggiunta la temperatura di esercizio sembra un mezzo che vi porterà lontano accompagnandovi in perfetta souplesse per ore ed ore di ascolto. La scena è resa bene ed i registri proporzionati nella riproduzione complessiva senza particolari enfasi per l’una o l’altra frequenza. La scena riprodotta dal Feliks è molto buona, direi piacevolmente corretta, pur tenendo una impostazione appena più stretta di alcuni amplificatori ( in vero più costosi ) che ho provato ad affiancare. Ma in questi casi sappiamo quanto tutto ciò possa dipendere dalle valvole. Quelle che ho ascoltato sono quelle offerte nel pacchetto standard, oneste e ben suonanti ma pronte all’upgrade per regalare maggior respiro e rifinitura agli orecchi più esigenti specie nella timbrica collocata agli estremi di banda. Infatti se nella parte acuta l’orecchio potrebbe essere anche ben disposto a tollerare un leggero arrotondamento dell’estremo acuto (motivo per il quale le mie vecchie senny HD 560 Ovation II sono andate a nozze col Feliks ) assicurando ore di ascolti non affaticanti, diverso è per il basso profondo che in certi momenti non è articolato quanto potrebbe essere, lasciando immaginare nei fraseggi più nitidi, un potenziale non interamente svelato. Però c’è anche il rovescio della medaglia da non trascurare: per via di questa impercettibile scontornatura sugli estremi banda, l’amplificatore sa rendere gustose anche le incisioni meno nuove e dettagliate, restituendo la bellezza di un ascolto più attento alla parte musicale che a quella audiofila. La distorsione è molto contenuta e fa un timido capolino soltanto in occasionali slanci acuti che trovano combinazione nella risonanza specifica di cuffie e diffusori. Per ottenere una visione più chiara del comportamento del Feliks ho fatto un giro di generi musicali utilizzando le cuffie che ho a disposizione e che ho imparato a conoscere per impostazione timbrica e risposta di gamma. In questo modo, incrociando le varianti timbriche offerte dalle cuffie con quella dell’amplificatore ho potuto confermare le impressioni d’ascolto emerse in questi giorni. L’arrotondamento nella parte acuta giova molto a quelle cuffie di per se un po’ “canterine” proprio nelle frequenze alte: per fare un esempio sono riuscito ad ascoltare più di qualche brano persino con le shure 840 che a dispetto dei loro appena 44ohm sono risultate godibilmente addomesticate, con appena un po’ più di corpo nel basso ( non si fanno i miracoli ) e moderatamente trattenute nel dettaglio in alto. Ma come dicevo quelle che mi sono piaciute di più in termini assoluti sono state le sennheiser HD560, comode come le pantofole del nonno, scaldate sul caminetto prima di calzarle. Solo che il caminetto in questo caso sono le valvole del Feliks espressivo che vanno a nozze in generale con le alte impedenze delle tedesche. Buone anche le 660s che soprattutto nel registro medio, sulle voci in particolare, mi hanno saputo offrire il giusto equilibrio ed un’espressività eccitata verso il suono caldo e morbido, pur non possedendo la naturalezza musicale delle precedenti, ma senza mai decadere in coloriture eccessive. Ho trovato una buona sinergia anche con cuffie con impedenza relativamente bassa come le AKG 701 che mi sono piaciute più che con altri amplificatori. Meno bene le Amiron che per propria accordatura sfoggiano un basso consistente che però ha bisogno di essere ben controllato, pena un’eccessiva “massa grassa” che finisce per sbilanciarle e le allontana dalla qualità musicale che saprebbero offrire. Chiudo con le 800s che mi sono piaciute molto, e con le quali ho ascoltato ore di musica fra la classica, il jazz ed un po’ di leggera senza star troppo a pensare all’ampli, semplicemente attratto dalla musica. Certo la cuffia ci mette del suo ma sono rimasto sorpreso di come suoni a suo agio con questo amplificatore. Sappiamo tutti quanto la tedeschina sia schizzinosa in fatto di amplificazioni, e per carità, non voglio dire che l’Espressivo rappresenti il nirvana per la 800s, ma riesce a tirar fuori il suo timbro specifico ed il suo carattere. Lo fa cosi bene che fa venir voglia di ascoltare il fratello superiore Elise o Euforia che a dispetto di un prezzo un poco più elevato da sborsare offrono circuitazione e valvole di qualità superiore per mettersi alla pari delle 800s. Infatti solo con le top di gamma sennheiser è emerso qualche piccolo limite in combinazione con masse sonore consistenti come alcuni pieni orchestrali o passaggi densi con strumenti come l’organo che riescono a riempire agevolmente l’intero spettro acustico. Solo in questi occasionali frangenti si potrebbe avvertire l’esigenza di un respiro maggiore da parte del Feliks ed una capacità di introspezione migliori. Ho notato che con la manopola del volume ruotata nella parte bassa si tende a perdere una parte di equilibrio e qualità che il Feliks Espressivo sa sfoggiare, mentre superate le ore 9/10 - a seconda dell’impedenza - c’è tutta la magia che un amplificatore valvolare degno di questo nome riesce a riprodurre. In conclusione ho trovato il Feliks Espressivo mkII un amplificatore molto valido e capace di offrire tutte le caratteristiche di ascolto che ci si aspetta da amplificatori di questa classe e talvolta riservati ad oggetti più costosi; abbinando anche una ricerca nelle forme che accontenta lo sguardo, il tutto raccolto in uno chassis di 20x25 centimetri che trova facile collocazione sulla scrivania, sul mobiletto del salotto o sul comodino. Come suonerà il modello superiore Elise ? …magari con un ritocchino alle valvole ? Spero di sapervelo dire prossimamente, e nel frattempo un doveroso ringraziamento a Spirit Torino per avermi offerto la possibilità di valutare questo gustoso amplificatore. Discografia My double bass – DG concerto di Bottesini De Andrè con la PFM Vivica Genaux – Farinelli Barbara Hendricks – Gershwin De Crescenzo – essenze jazz E molto altro !
  9. Ciao a tutti, non sono un profondo conoscitore di cuffie e dopo l'ultimo acquisto K371, grazie ai suggerimenti del forum di @pliskin , sto valutando un'eventuale acquisto di un ampli dedicato, anche perché attualmente ascolto attraverso l'uscita cuffia dl mio pre ampli C 2400 che pur non mancando una spinta generosa, volevo avere una gamma media magari un po più luminosa e un effetto profondità più marcato. Leggendo alcune caratteristiche del Beresford Capella riguardo alla possibilità di regolare smorzamento, guadagno , profondità e brillantezza ho pensato che potrebbe fare al mio caso, voi lo avete mai ascoltato ? grazie in anticipo PS in panchina siedono comodamente : AKG K260 e K340 degli anni '80 Koss Porta pro più qualche in ear della AKG e Shure
  10. Buongiorno a tutti, siccome sono molto interessato da questo dap volevo chiedere se qualcuno lo ha provato e se può dare delle opinioni.
  11. Time Left: 2 months and 19 days

    • VENDO
    • Usato

    Come da titolo vendo Cuffie Koss Esp 950 elettrostatiche con il loro amplificatore E/90. La cuffia è pari al nuovo, avrà si e no 15 ore di ascolto totali. Comprata a fine 2018 in negozio hifi a Roma. La vendo perché uso un’altra cuffia per una questione di comodità e questa non la uso quasi mai. La vendo a 900 euro perché, ripeto, è pari al nuovo con accessori ancora all’interno dei sacchetti ma, se SERIAMENTE interessati all’acquisto, possiamo parlarne. Ovviamente, in termini ragionevoli, non proposte assurde. Preferisco il contatto telefonico, le email fanno solo perdere tempo. 3393667888. Saluti. Jacopo

    900.00 EUR

    Roma, Italia - IT

  12. Gentili utenti, ho in mente di procurarmi un impianto cuffia costituito, per motivi di spazio e famigliari, da alcune cuffie chiuse Top o Mid Level (Focal Elegia, Denon 7200, Sony Z1R o le sorelline minori Z7, insomma avete capito il tipo) e sto cercando disperatamente una soluzione DAC/AMp, che sempre per i motivi di spazio citati sopra, dovrà essere in un'unica soluzione (non posso permettermi di acquistare due macchine). Ovviamente, essendo le cuffie citate tutte a bassa impedenza e buona sensibilità, avrei bisogno diciamo di un apparecchio che sia più dac che amp. Mi hanno parlato benissimo del Chord Hugo (1,2 e TT), ma vorrei una macchina da poter sempre collegata alla corrente, non importa che non sia trasportabile, e odio tutte quelle lucine colorate. La sorgente sarebbe un PC. I candidati (in ordine di preferenza) sono il Sony TA-Z1HES, che pare avere una qualità costruttiva strepitosa e moltissime opzioni di uscita, il Burson Conductor (che però mi riferiscono essere più amp che dac) e altri (Benchmark, anche se fuori budget). Qualcuno sa suggerirmi? Ovviamente, se per ottenere un suono eccellente da queste cuffie posso spendere di meno, ben venga.
  13. Ciao a tutti! Dato che sempre più smartphone non hanno più l uscita audio jack da 3.5 e comunque chi c'è l'ha, a parte alcuni, fa pena, ero interessato ad acquistare un ampli bluetooth portatile. Questo anche per togliermi il problema di pilotaggio che hanno gli smartphone ed in sostanza poterci collegare quello che voglio io! I due ampli in oggetto sono il Fiio btr5 ed il Radsone earstudio es100 mk2. Il primo lo sceglierei perché è molto curato esteticamente, ma il secondo ha un app di controllo fantastica anche se come estetica è nettamente inferiore. Tralasciando l estetica però quello che a me interessa è il suono più che altro... Costando quasi uguale però sono molto indeciso... Qualcuno può chiarimi un po le idee? Magari che ha avuto modo di provarli? Grazie in anticipo!
  14. freeheart_m

    ampli per shure 1540

    Ciao a tutti, mi sono regalato, grazie ad un offerta, le shure 1540, vorrei abbinarci un player e un amplificatore portatile per usarle quando sono in giro. Come player uso ancora il sansa clip però vorrei cambiarlo, anche se fin ora non ha mai fallito un colpo e la batteria dura ancora una giornata intera, però vorrei qualcosa che mi possa far apprezzare le nuove cuffie. Ovviamente non vorrei spendere 1000 euro e mi andrebbe bene anche qualcosa usata. Ho visto i vari fiio come ampli dac e player, ma spaziano da 59 euro per il modello m3k fino a 700 euro circa per quelli piu evoluti. Non so come orientarmi, mi aiutate?
  15. Ho appena ordinato l'amplificatore per cuffie S.M.S.L SP200 THX AAA-888 su Amazon a 295 euro. Dalle recensioni, sembra andare molto bene. Vorrei abbinarlo alle Sundara con il dac smsl su-8 e verificare eventuali differenze/miglioramenti rispetto all'a20 con cui le piloto attualmente. Inoltre, ha l'uscita bilanciata che l'a20 non ha. Pareri?
  16. In questi giorni di quarantena ho deciso di provare l'ampli in oggetto Al momento ho un Burson HA160 nell'impianto principale e un Lake People G100W in quello secondario Le cuffie che uso sono una BeyerDynamic DT880 da 600ohm e una Sennheiser 660S. Il problema è che il Burson va molto bene con le Sennheiser mentre il LP predilige le Beyer. Volevo quindi un ampli in grado di pilotarle entrambe e la scelta è ricaduta sul Monolith viste le ottime recensioni e la recente disponibilità in Europa e il prezzo tutto sommato accessibile (399 euro spedito). Ordinato il giovedì 26/3 è arrivato oggi...sono sbalordito dalla rapidità di UPS nonostante i problemi legati all'emergenza COVID-19 L'ampli arriva in un doppio imballo, l'ampli è ben protetto da una gomma piuma sagomata ed è contenuto in un sacco di tela : Nella confezione troviamo l'ampli, l'alimentatore "a saponetta" e un cavo con spina inglese... niente adattatori. L'ampli è proprio bellino, molto solido e più pesante di quanto avessi pensato. Il potenziometro del volume è fluido, non ha gli scattini come il Lake People ma è molto solido e scorre benissimo. Il selettore del Gain da una buona sensazione di robustezza. In generale mi pare un ampli molto ben costruito, tanto quanto il LP Collegato in due minuti, ho anche messo il Lake People "in cascata" utilizzando le uscite Bypass del Monolith, che tra l'altro funzionano anche ad ampli spento. Quindi ora posso comodamente alternare i due ampli senza fare stacca e attacca: Una volta installato il tutto vado ad accendere il Monolith e.... niente 😞, l'ampli non si accende. Cominciano vari controlli dei cablaggi con serie coordinata di imprecazioni. Il bottone di accensione non fa il "click", non rimane abbassato e inizio con una serie di imprecazioni contro Monoprice, il controllo qualità etc. fino a che non mi accorgo di non aver attaccato la spina della corrente 🙂 🙂 🙂 L'ampli funziona perfettamente, lo sto ascoltando con le Beyer e non ci sono problemi di pilotaggio, potenza fa vendere. Con il Gain a 3 e il potenziometro del volume a ore 12 si ottiene un volume di ascolto ottimale, pari a quello del LP che al momento è settato a +6 Db (ma che può arrivare a 12) Posterò quanti prima le mie impressioni con entrambe le cuffie ...
  17. Per gli esperti; esiste un modo per alimentare il driver SRM -1 MK a batteria? Lo Stax SRD-x pro (con le uscite normal e pro) è praticamente introvabile. Grazie.
  18. cuizzo1

    Audio Gd 28R by 2020

    Ho preso quest'oggettino..roba fatta bene, i cinesi raddrizzano il tiro...gia dai primi ascolti si sente la classe..chi conosce questo marchio? per lui la partner che gli affiancherò..la 800S..
  19. Ciao ragazzi, mi sono da poco trasferito per lavoro e ho dovuto "abbandonare" momentaneamente il mio setup fisso di ascolto. Nella nuova casa purtroppo non ho molto spazio, e sono "obbligato" ad optare per una postazione cuffia con musica liquida. Avrei bisogno di qualche consiglio da parte vostra sulla catena da mettere in piedi. Pensavo ad una soluzione di questo tipo: - SORGENTE: pensavo ad un PC/MAC o l'iPad Pro che posseggo. Dato che sono in ballo per cambiare notebook volevo capire se effettivamente c'era qualche preferenza "audiofila" tra un modello e l'altro, o più in generale tra un MAC e un PC (a livello software). Per me, dato l'uso che ne faccio, è abbastanza indifferente il SO. Dalla sorgente uscirei in digitale (USB C da iPad, USB da PC o TB da MAC) per collegarmi ad un DAC esterno ed eventualmente ad un ampli cuffia (se non integrato nel DAC). - RIPRODUZIONE FILES + PLAYER LIQUIDA: Come player per la riproduzione avevo in mente una doppia soluzione con streaming Hi-Fi + libreria FLAC da NAS Sinology. Per lo streaming pensavo a QOBUZ Sublime, ma chiedo consiglio a voi, ascoltando molta classica, se è la soluzione corretta. Come soluzione "desktop" utilizzerei un media player di livello (Roon, JRiver, Audirvana?) installato sul pc che "legga" la musica FLAC (16-24 bit quasi tutti, molti 192 Khz, alcuni DSD) dal mio NAS Sinology. - DAC/AMP: al momento posseggo solamente un Chord Mojo che utilizzo in ufficio per i momenti di relax e con il quale mi trovo discretamente bene (calore e batteria a parte). Ma sono fuori dal giro da un po' di anni e vorrei capire se in ambito DAC/AMP portatile esiste qualche soluzione migliore a livello di qualità/prezzo e quale può essere una buona soluzione in ambito desktop, possibilmente integrata, che non tenga molto spazio e che suoni bene. - CUFFIE: al momento mancano delle cuffie full-size per chiudere la catena. Amo il suono dettagliato ma non esagerato sugli alti, qualcosa di trasparente ma non affaticante e adatto soprattutto per la musica classica. Per i budget pensavo a 500€ per il DAC/AMP portatile (se da sostenere come spesa), 1.000€ per il DAC/AMP desktop e 600€ per le cuffie. Può essere corretta la ripartizione? Volevo capire voi come vi muovereste in una situazione simile (a cosa dareste priorità di acquisto) e se si tratta di una buona soluzione generale. Grazie mille a tutti e buona musica
  20. Paolo.68

    Dap o Dac?

    Buongiorno a tutti, complice il lockdown ho avuto modo e tempo per riascoltare parecchi cd e lp (circa 800 titoli in totale) della mia collezione e ho maturato l'idea di poter ascoltare tutto questo ben di dio anche quando non sono fisicamente presente in casa; per questo ipotizzo l'acquisto di un dap o dac... ammetto che non ho mai ascoltato un vero dap, solo per pochi minuti un dac Moio con cuffie Sony MDR-EX90 del '96, ma ancora dal suono accettabile. Ora il quesito è questo: a parità di spesa (circa 1000 euro) quale soluzione ? Dap o dac+iphone? Ho visto che è in arrivo il nuovo Astell e Kern sr25. Che dite? Qualitativamente otterrei un suono migliore rispetto ad un iphone 8 + dac dello stesso prezzo dell'A&K? Grazie a chi vorrà rispondermi.
  21. ciao ho da poco acquistato le cuffie Akg 371, e man mano che si sciolgono mi piacciono sempre di più. adesso le ascolto collegate all'ingrasso cuffie del preamplificatore, un Onkio p 304, e ne sono abbastanza soddisfatto. se volessi acquistare un amplificatore dedicato, che esalterebbe ancora di più le doti di questa valida cuffia, con una spesa di 400, max 500 euro, cosa dovrei cercare? se può essere utile come notizia ho anche un dac usb che collego al pc per ascoltare in streaming (un Musical Fidelity m1 dac). grazie
  22. Salve a Tutti, ritorno dopo molti anni all'ascolto in cuffia, principalmente per l'esigenza di fornire delle tracce pre-mixate a chi si occuperà poi di mixarle e masterizzarle. Nell'ambiente casalingo, infatti, non ho la possibilità di ascoltare attraverso monitor da studio. Per una questione economica e di fedeltà riproduttiva (mancanza di colore), avrei pensato ad una DT880 600ohms abbinata all'A20 oppure al Lake People G111. Per esigenze di ascolto non legato alla produzione, poi, l'ampli dovrebbe essere in grado di pilotare una vecchia AKG K340 in mio possesso, che non sono mai riuscito a far funzionare a dovere in quanto molto esigente in termini di potenza. Secondo voi l'A20 o il LP G111 sono in grado di farla suonare bene? Grazie Michele
  23. Phaeton

    HiFiman Jade II

    dopo aver passato un po' di tempo con queste Jade II scrivo qualche prima impressione. ho preferito inizialmente usare solo l'ampli dedicato HiFiman. successivamente provero' gli altri ampli ES che ho in casa. DAC MSB Analog. tutti i file sono rip fatti da me di cd fisici. ho scelto dischi che conosco a memoria, in alcuni casi non le migliori registrazioni dal punto di vista tecnico che possiedo, ma ho preferito valutare piu' il lato emozionale che quello puramente tecnico. alcune note di ascolto, in nessun particoalre ordine. dire straits, telegraph road. ottimo impatto, eccellente separazione strumentale, trasparenza e dettaglio, scena un po' dentro la testa, ma e' nel disco. mad season, above. trasparenza e dettaglio impressionanti. bassi possenti ed estesi senza compressione. nils lofgren, acoustic live, si conferma una trasparenza e un dettaglio eccezionali, si sentono letteralmente tutte le corde vibrare una per una. velocita' buona (cfr you e sticks and stone) pink floyd, dsotm. ottima estensione in basso, ottimo impatto. le sveglie di time sono incredibilmente realistiche, e rimangono ben definite anche nel pieno. scena molto estesa in verticale. r. waters, atd. incredibile la trasparenza e la capacita' di restituire il minimo dettaglio, si riesce ad apprezzare ogni piccola sfumatura inserita da Waters.la scena qui appare piu' larga, ma probabilmente e' dovuta alla particolare tecnica di registrazione. ottima anche l'etensione in basso, veramente notevole e con molto impatto e controllo (cfr inizio di what god wants) loreena mckennitt, the book of secrets. si conferma una estensione ed un impatto in basso notevoli per una ES (cfr prologue). qui la scena e' piu' estesa. buona la riproduzione della voce, molto naturale. garbage, version 2.0. si conferma l'ottimo impatto, molto atipico per una ES. ancora grande dettaglio e trasparenza, ottime chitarre, graffianti se serve ma rimanendo ben definite e dettagliate. evanescence, fallen. ancora eccellenti le chitarre. ottima separazione strumentale nei pieno, tutti gli elementi rimangono perfettamente distinguibili. si riesce a seguire benissimo il gioco dei piatti anche nello splash, eccellente. ottima la voce di Amy. f.mercury m.caballe, barcelona. ottima trasparenza e definizione. scena molto ampia, ottima restituzione della orchestra. voci ottime. guitar trio, friday night in SF. ottima velocita', buona microdinamica anche se non a livello di 009 e utopia. definizione e trasparenza eccellenti. 2cellos. eccellente restituzione del cello, molto realistico per timbro ed estensione.la cavata e' resa in modo molto realistico per impatto (cfr. fragile) in generale per ora direi un ottimo combo, con l'unico limite di una certa enfasi sui medio alti che puo' dar fastidio con alcune registrazioni e orecchie (a me da un po' fastidio). per il resto, direi un eccellente entry point nel mondo ES ad un prezzo estremamente concorrenziale. sub judice di una prova piu' approfondita con gli altri ampli, ad una veloce prova con Stax T1W e KGGG direi che il limite di questo combo e' l'ampli. la cuffia scala in modo molto buono al variare dell'ampli, con una eccellente musicalita', trasparenza, dettaglio, velocita', separazione degli strumenti anche in situazioni complesse e completa assenza di distorsioni su tutto lo spettro. stupiscono in modo particolare l'impatto e l'estensione dei bassi, veramente notevoli per una cuffia ES. per ora e' tutto. nei prossimi giorni provero' la cuffia con gli altri ampli, anche a confronto con le altre cuffie in mio possesso attualmente, e s riesco acnhe con gli altri dac che ho in casa. un paio di foto del setup usato
  24. Chiedo consigli a chi ne sa più di me non avendo la possibilità di provare personalmente l'interfacciamento. Potendo acquistare, nuovi, un ampli Cayin IHA-6 o un Monoprice Monolith THX AAA 887 a prezzo simile, quale sarebbe sulla carta più adatto ad amplicare una Sundara? A monte ho un dac AQVOX 192kHz/24bit mkii full balanced con le seguenti caratteristiche: Cinch/RCA unbalanced: 2 Vrms Output Voltage XLR balanced: 2 Vrms Output Voltage Frequency Rrange: 20 Hz to 20 kHz +- 0,3dB Output Impedance: 120 Ohm at 1kHz Output Level: Cinch/RCA: +8 dBu, XLR: +14dBu Ascolto un po' tutti i generi con prevalenza Jazz e poca classica. Il Cayin è completamente bilanciato, il Monoprice no. Il Cayin di contro ha solo l'uscita bilanciata di ottimo livello, in ogni caso sono abituato a farmi i cavi da solo e questa cosa non mi spaventa. Il Monoprice è osannato per misurazioni di ottimo livello, all'ascolto c'è però chi lo trova un po' sterile. Oltre alle Sundara saranno collegate anche le Fidelio X2 e più raramente le 1more triple driver over ear (dedicate alla mobilità). Grazie in anticipo a chiunque vorrà aiutarmi.
  25. Eman_audio

    Dac x cuffie

    Ciao a tutti, A corredo del mio impianto, avrei intenzione di comprare un DAC che abbia anche un discreto amplificatore per cuffia. Attualmente possiedo: k240 studio , k240 mk2, k712 pro. Finora ho valutato il Cambridge Audio Dac magic plus e il Pro-Ject s2 digital. Entrambi nel mio budget - 450 €. In confronto diretto, e considerate le cuffie che ho, chi mi saprebbe orientare nella scelta? Buona serata

Facebook

About Melius Club

Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con codice fiscale 07710391215.
Powered by K-Tribes.

Follow us

×
×
  • Create New...

Important Information

Privacy Policy