Jump to content
Melius Club

arbalete69

Che bella testina la Goldring 1042

Recommended Posts

tubaz

Dopo la risposta di slancio...un paio di domande.

Tenendo per buono il giudizio sul timbro della Sumiko più o meno sovrapponibile a Goldring, e avendo 200 in tasca da spendere, mi chiedo se salendo di modello in casa Sumiko avrei dei benefici. Ad esempio una Olympia

Hai poi parlato di Grado, puoi dirmi quali modelli indagare?

In merito al suono, vorrei confermare il calore analogico che mi sembra di avere oggi (anzi ieri prima che si rompesse...) una bella profondità visto che i bassi le casse e l'ampli riescono a tirarli fuori bene. Mi piace molta musica diversa, poca classica. Preferisco brani con respiro e alta dinamica, anche se gradisco pure pop-rock standard

Share this post


Link to post
Share on other sites
long playing

Non badare troppo ai dati dichiarati . Le Grado escono a 4 mv e non 5.5  e comunque appaiono in pratica meno del reale , infatti comparando la Grado Red alla AT 95 che esce dichiarata a 3,5 , all' orecchio sono simili come livello d'uscita. Aggiungo che i 6,5 mv dichiarati dalle Goldring non equivalgono assolutamente alle testine che escono dichiarate a 5 mv come per es. le Audiotechnica e alcune altre. Ti faccio l'esempio della AT 120 , la nos AT 155 lc  da 5 mv e la AT 100 da 4,5 mv , che messe in confronto alla Goldring in questione ed alla Corus Black derivata dalla stessa Goldring anch'essa dichiarata 6,5 , ebbene le AT sopraelencate suonano sensibilmente piu' alte . Stesso risultato il confronto con la Stanton WOS 1 che addirittura dichiara 3 mv...In effetti la Goldring in pratica suona un pelo piu' alta di una AT 95 ed una Grado. Ci sono quindi testine che dichiarano 5 mv e suonano piu' alte , e con le AT che dichiarano in modo molto veritiero vai sul sicuro sotto questo aspetto. Al proposito riguardo la tua richiesta ti consiglio in alternativa alla Goldring 1042  la AT 100 E che a meno di 100 euro ti sorprendera' , ti soddisfera' in meglio sia come livello di uscita' che come suono , essendo molto omogenea piena ed equilibrata,senza rinunciare ad un eccellente dettaglio. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
long playing

@MAX79 

Il 5/4/2009 Alle 02:40, MAX79 ha scritto:

Non so quanto nella scelta tra la 1042 e la Denon DL-160 sia preferibile la prima: invero la più economica Denon DL-103 è DECISAMENTE superiore alla Goldring, e quindi poterbbe darsi che la famiglia DL si riveli migliore dell'inglesina.

La DL 103 , che e' anche la testina che ho in uso , non e'piu' economica come dici , gode di un prezzo che e' rimasto inalterato da oltre 50 anni in pratica...E' " semplicemente " di livello superiore e non di poco e costava molto... Oggi dovrebbe costare almeno 3 volte in piu' delle altre da te menzionate come infatti si evince da un annuario del 1979 che con le " sue " 210.000  " Lirette " si situava nel gruppetto delle testine piu' costose del mercato...Per confronto per es. la Shure V15 IV  top tra le MM costava 150.000 Lire...la Shure 75  23.000 Lire...la Ortofon MC 20 100.000 Lire...la Stanton 681 tripla E  90.000 Lire...la Decca London  130.000 lire ...Addirittura la DL 103 costava il doppio della apprezzatissima e gloriosa MC Fidelity Research FR 1 MK 2 che prezzava  120.000 Lire...Ed il livello prestazionale della 103 lo conferma. Ad essa vanno confrontate , come avviene ,  testine MC di elevato livello.

Share this post


Link to post
Share on other sites
ST1971

comprai la 1042 insieme al mitchell gyro nel 2005 ed a parte un breve periodo di coesistenza con una dl103 e' sempre stata la mia testina. Per me e' perfetta, musicale, precisa, rigorosa, silenziosa, una vera bellezza, una campionessa pensando al suo prezzo 🙂

Share this post


Link to post
Share on other sites
jazzandroll

@tubaz figurati...però non conosco l'Olympia per cui nulla posso dirti in merito; tornando sul livello di uscita posso dirti che un conto è il dichiarato ed altra cosa la realtà, spesso differente in virtù di variabili di fabricazione. Circa Grado, anche considerando che la serie Prestige si compone di tre modelli che diventano sei versioni dipendentemente da migliori valori elettrici (Black/Green-Blue/Red e Silver/Gold) posso dirti che personalmente, avendo avuto la Gold e la Red, dovessi scegliere opterei per quest'ultima, a conti (ed ascolto) fatti la differenza di prezzo non vale la differenza di prestazioni, almeno a mio parere.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Coltr@ne

@ST1971 E se per sostituirla ci si aggira intorno alle 100 euro direi che non ci siamo proprio.

Share this post


Link to post
Share on other sites
tubaz

E puntare ad una AT-440 mlb ?

Share this post


Link to post
Share on other sites
tubaz

Mi correggo. 

Per stare in casa AT dai vari consigli vedo AT-100 AT-120 e AT-440 molto consigliate.

Con il mio Thorens TD166 Mkii e braccio TP-11 credo, riuscirei ad estrarre dalla 440 le differenze che ha con le altre due visto che leggo essere più esigente rispetto al braccio che la monta?

Non è mia intenzione cambiare piatto e/o braccio, al limite in futuro lo stadio phono

Infine, l'apertura alle alte non preclude un bel basso profondo, sto tranquillo?

Grazie

Share this post


Link to post
Share on other sites
long playing

@tubaz Prendi la AT 100 tranquillamente. Aggiungo che e' gia' da alcuni nesi che la Audiotechnica ha aggiornato la serie AT 100 , 120 , 440 , 150 , con la serie denominata VM in cui troverai le corrispondenti. Inoltre ha aggionato la serie della AT 95 comprendente anche la AT 91 , denominata VM 95 con nuovi modelli aventi una diversa e migliore fattura del corpo con forma anche diversa , piu' tonda e non piu' squadrata . Inoltre con vari stili dal conico allo Shinata passabdo oer il MicroLinear e differenziati da colori diversi. Ed e' una serie molto interessante.

Screenshot_20190104-162712_Chrome.jpg

20190104_162832.jpg

20190104_162902.jpg

20190104_162951.jpg

Screenshot_20190104-163101_Chrome.jpg

Screenshot_20190104-163131_Chrome.jpg

Screenshot_20190104-163143_Chrome.jpg

20190104_163312.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites
long playing

20190104_163403.jpg

20190104_163436.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites
long playing

La VM 95 SH , la " marrone " con stilo Shibata sara' un portento...Notare la fattura del body con inserimento madreviti in ottone nelle asole...e ll stilo Shibata...

20190104_165742.jpg

Screenshot_20190104-165805_Chrome.jpg

Screenshot_20190104-165421_Chrome.jpg

Screenshot_20190104-165431_Chrome.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites
tubaz

Grazie. Praticamente dietro ad una sigla 95 c'è un mondo! La SH dovrebbe essere proprio nel mio budget di 200€

Dal 1983 con questo acquisto sarà la terza testina della mia vita...pondero un po' 

1) stanton 681eee probabilmente ammazzata dall'ingresso phono del mio technics base dell'epoca

2) goldring 1042 con il setup attuale ma presa usata (e quindi con qualche dubbio che poteva dare molto di più se nuova)

Ora quindi andrò sul nuovo di sicuro. Essendo appunto un acquisto ogni 10 anni o oltre... almeno 200 mi va di stanziarle.  Molto meno sfiorare i 400 x una 1042 nuova anche perché il piatto sebbene un thorens non è un fuoriclasse.

ditemi se ragiono male

stando su AT potrei qujndi valutare la at-100 oppure questa nuova vm95sh. La differenz è che la seconda mi sa che non l'hanno provata in molti.

Share this post


Link to post
Share on other sites
long playing

@tubaz 

55 minuti fa, tubaz ha scritto:

anche perché il piatto sebbene un thorens non è un fuoriclasse.

ditemi se ragiono male

stando su AT potrei qujndi valutare la at-100 oppure questa nuova vm95sh. La differenz è che la seconda mi sa che non l'hanno provata in molti.

Il TD 160 non e' sicuramente il n 1 del mondo ma un ottimo e storico giradischi degno di ospitare ottime testine.

Tra la AT 100 e la VM 95 SH , la prima ha per certo un po' di uscita piu' alta , ma la seconda ha uno stilo di livello top . Per il body credo che quello della VM 95 abbia una migliore costruzione e rigidita' , vedi anche il fissaggio con madreviti in ottone. La AT 100 ce l'ho e so come suona , cioe' ben equilibrata e bilanciata ma anche ottimamente dettagliata come le migliori AT ma senza esagerazioni. Rapporto q/p elevato , a neno di 100 euro difficrle trocare una testina con questo equilibrio , chiarezza e dettaglio . Per la nuova VM 95 in verita' non l'ho provata ma avendo la AT 95 vecchia con il semplice stilo ellettico , prevederei che possa veramente sorprendere con una prestazione sopra le righe visti i centrati improvement ed il surplus del prestigioso stilo Shibata...

Share this post


Link to post
Share on other sites
tubaz

 Grazie. X la precisione è un Td 166

quel millivolt in più di uscita della 100 potrebbe essermi prezioso...

Share this post


Link to post
Share on other sites
tubaz

@jazzandroll  Fatta un'esplorazione nel web... 😓 sto valutando anche le Grado. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
long playing

@tubaz Prendi una di quelle Audiotechnica...Oltretutto le Grado escono bassine ed in pratica lo sembrano ancora di piu' , perche' vogliono pre fono con guadagno sostenuto per rendere una certa " verve "...di contro possono apparire " moscette ". Per renderti vene l'idea ti farei ascoltare in comparsta A-B  la  AT 100 con la Grado Red e capiresti quello che voglio dire.

Share this post


Link to post
Share on other sites
tubaz

Ottima info da parte tua che, ho letto, hai anche una Grado Red. 

Ho anche appena letto che il telaio flottante come nel mio Thorens gradisce di più testine "aperte" mentre un piatto rigido si accompagna meglio con testine "morbide". Io ci capisco un tubo..so che avevo una Goldring e mi piaceva, ed in questo momento non posso permettermi di prendere 2 testine diverse per provare 🙂

Il mio pre-phono "t-preamp" Tcc-TC754 non so che guadagno abbia nello stadio phono ma so appunto che con alcuni dischi ed in certe giornate dove posso tenere un volume alto, talvolta mi manca un po' di benzina visti i soli 5w del Trends Audio.

A questo punto se decidessi di abbandonare il "morbido" e portarmi su suoni più aperti oltre a scegliere nel mondo AT pensi abbia un senso valutare anche Sumiko Pearl, Nagaoka Mp110, Ortofon 2m blu, Goldring 2100? E grazie ancora

Share this post


Link to post
Share on other sites
long playing

@tubaz 

9 minuti fa, tubaz ha scritto:

A questo punto se decidessi di abbandonare il "morbido" e portarmi su suoni più aperti oltre a scegliere nel mondo AT pensi abbia un senso valutare anche Sumiko Pearl, Nagaoka Mp110, Ortofon 2m blu, Goldring 2100?

Tra quelle che hai nominato sicuramente la piu' aperta e' la Ortofon 2M Blue , ma potresti avvertire anche un suono come si dice di queste testine un po' troppo " digitalizzato " , cosa che non avviene con le testine Audiotechnica.

Share this post


Link to post
Share on other sites
tubaz

Ok. Preferire sulla carta un suono più "analogico" che "digitalizzato". Per questo mi attiravano anche le Grado però se sono un po' fiacche in termini di mV e necessitano di un pre figo che non ho, le devo abbandonare. La At-100e per ora è entrata nel paniera di scelta. Non so se sia il caso di puntare alla sostituta Vm-520e o meno.

Come sempre nelle mie scelte, ho bisogno di un'alternativa. Quindi oltre a questa At-100 mi piacerebbe "valutare" un'altra testina, più calda cioè che mi dia quella sensazione di calore analogico ma che sia una MM ad alta sensibilità entro i 200€

Grassie

Share this post


Link to post
Share on other sites
long playing

@tubaz Piu' calda , se intendi come credo , ancora piu' morbida e arrotondata della AT 100 ma con la stessa tensione d'uscita , almeno in ambito MM , non ne trovi. Credo che una Sumiko Pearl potrebbe " forse " essere una via di mezzo tra una Grado e la AT 100 , pero' come uscita e' inferiore. Visti i costi direi...prenditi la AT 100...e verificherai di persona...

Share this post


Link to post
Share on other sites
tubaz

Grazie ancora per i preziosi consigli.

Share this post


Link to post
Share on other sites
long playing

Figurati! Fammi sapere

Share this post


Link to post
Share on other sites
zuba

@long playing Ciao, vedo che apprezzi molto la AT100 e vorrei chiederti, se posso approfittare della tua competenza, un parere. Posseggo un rega p3, sul cui braccio ho applicato uno spessore per il corretto VTA, ho montato una AT120elb che trovo valida e appagante, ma vorrei iniziare a farmi un'idea per un up grade. Cosa ne pensi della nuova VM95SH, quella con stilo shibata come upgrade alla 120, hai avuto modo di ascoltarla? Stavo valutando anche la 440mlb o la nuova VM540, anche perché non so quanta differenza ci possa essere tra la AT100 con quella che ho montata adesso.

Grazie e scusate l'OT

Share this post


Link to post
Share on other sites
long playing

@zuba La AT 100 appare un pochino piu' piena , in particolare in basso , e rotonda della AT 120 , riudcendo a msntenere piu' o meno la stessa apprezzabile ariosita' e dettaglio. Infatto almeno nel mio contesto preferisco la AT 100. La VM95 SH non ti do dire , l'unico dato certo e' un po' di tensione d'uscita in meno , cosa peraltro poco importante. Come suono potrebbe essere una AT 100 con un'ancora superiore raffinatezza. Ma e' solo una mia ipotesi non avendola.

Share this post


Link to post
Share on other sites
jazzandroll

Buongiorno...comunque, se consideriamo tutto quello che compone un sistema analogico nella più intima essenza - telaio rigido/flottante, braccio, stadio fono, piano di appoggio, cavi etc. etc. etc. - non se ne esce veramente più. Nel tuo caso i consigli che ti sono stati elargiti coinvolgono testine differenti, potenzialmente tutte ottime - fatti salvi gusti personali e cifra sonora caratteristica - ma che potrebbero esprimersi in modo nettamente diverso nell'ambito di un sistema, situazione piuttosto evidente in virtù dei parametri elettrici e di interfaccia anzidetti ed in considerazione che a parità di sistema (il tuo) proprio il fonorivelatore ne costituisce la variabile più o meno nota. Ad esempio, circostanza esattamente contraria a quella appena citata, personalmente non mi ritrovo quando leggo di Grado moscia, il che dimostra come a parità di testina sia in questo caso il sistema che funge da variabile e ne determina le caratteristiche sonore. Che dirti? Per come la vedo io i consigli vanno sempre interpretati, potrei farti parecchi esempi di contesti quasi impossibili su carta...eppure suona...per parafrasare qualcuno sarebbe la conclusione, talvolta quasi incredibile ed in netto contrasto con i maggiori assunti e/o convinzioni.

Share this post


Link to post
Share on other sites
long playing

La Grado non e' proprio moscia nel senso letterale. E' quel tipo di impostazione confortevole spesso descritta dal costruttore , una certa attenuazione/compostezza voluta , tale che porta a volte , nel caso di registrazioni/tipi di musica , nel voler ricercare piu' verve andando su con la manopola del volume si ha l'impressione che il " tutto " non va su di pari passo...Di contro ascoltando a livelli bassi medio/bassi e' una testina anche eccellente denotando altresi' una estensione di risposta agli estremi , in particolare lato alti , con percezione del dettaglio superiore alla concorrenza.

Share this post


Link to post
Share on other sites
zuba
1 ora fa, long playing ha scritto:

.Di contro ascoltando a livelli bassi medio/bassi e' una testina anche eccellente denotando altresi' una estensione di risposta agli estremi , in particolare lato alti , con percezione del dettaglio superiore alla concorrenza

Messa così è parecchio allettante la Grado, suono caldo e non affaticante presumo. Io che ascolto per lo più in cuffia i miei vinili, a volumi non da discoteca, potrebbe essere un buon "matrimonio" col braccio Rega RB 330? Ho avuto solo AT e mi piace il suono di questa casa, non lo trovo frizzante in alto come ho letto in giro, forse riferito alla 440mlb?!, non ricordo di preciso.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Led63

Confermo la grandezza sonora di questo stipendo fonorilevatore, Goldring 1042. oramai da diversi anni monto solo questa.

Share this post


Link to post
Share on other sites
tubaz

@Led63 Purtroppo in questo momento non posso permettermi di acquistarla. Come scritto un po' sopra, la comprai usata e quindi non so se ho sentito la vera 1042...oppure se ho dei limiti nel mio impianto etc, non ne esco se non comprando una testina nuova ma meno cara.
 

@jazzandroll Concordo. Quello che vorrei è:

- estrarre la bellezza dell'analogico (che già avevo ma non sempre con la defunta 1042)

- un po' di "volume/sensibilità" in più perché ho pochi watt a disposizione e non sono in ballo con cambio del finale

- stare entro i 200 circa anche qualcosina in più

- essere tranquillo di ospitare una testina adatta al braccio TP-11 mkii che è un massa leggera 7,5gr (il tema risonanza testina braccio non sapevo esistesse fino a ieri...essendo che molti bracci sono massa media probabilmente il problema oggi si pone poco ma il mio è leggerino)

A questo punto un'opzione sarebbe prendere una AT-100e e provare. Credo stia intorno ai 100€ 

Mi incuriosiscono anche la Sumiko Pearl e la Nagaoka MP-110

Anche le Grado Green e Red

Questo è quello che "in questo momento" ho nella testa.

Ma...ieri ho scoperto anche il Pre Schitt Mani e avendo io un dignitoso ma non super TCC TC-754, potrei anche pensare se non subito, di mettere nel budget dell'anno anche l'acquisto di questo piccoletto da 160€
Ma in questo caso, si aprirebbe un mondo cioè:

- potrei rivalutare le Grado visto che ora le scarterei per la sensibilità reale più bassa

- magari se è così interessante il suono del Mani, me la menerei di non aver preso una testina più raffinata della AT-100, tipo la Mp-110 (sempre che lo sia) 

- alle porte si aprirebbe anche un'eventuale futuro nel mondo MC...e ti saluto 🙂
Il tutto senza poter sentire nulla prima 🙂🙂🙂 

Quindi ben vengano i consigli ma ovviamente poi il passo sarà mio e mai potrò dire nulla di negativo a qualcuno

Share this post


Link to post
Share on other sites

  • Statistiche Forum

    293978
    Total Topics
    6390506
    Total Posts

Facebook

About Melius Club

Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con codice fiscale 07710391215.
Powered by K-Tribes.

Follow us

×
×
  • Create New...

Important Information

Privacy Policy