Jump to content
Melius Club

BEST-GROOVE

Censimento analogico: stadio phono

Recommended Posts

geiranger

Ciao a tutti,

qualcuno possiede il Trichord Diablo!?!?!?

Ci sto facendo seriamente un pensierino.

Andrebbe ad affiancare elettroniche Klimo.

Qualcuno sa dirmi qualcosa!?!?

Grazie e buona musica.

Francesco.

Share this post


Link to post
Share on other sites
L Leon

quote:

Una mia curiosità fra gli analogisti per chi possiede uno stadio phono "separato".

 

Che marca e modello avete?

 

 

 

 

(questa risposta è facoltativa)il prossimo quale sarà avendolo confrontato con quello che avete? id=red>

 

Postate numerosi. icon_smile.gif

 

 

 

 

Modificato da - best-groove il 15/02/2008 11:48:48


id=quote>id=quote>

 

Audio Analogue Aria 2. Non prevedo cambiamenti a breve termine.

Cordiali saluti.

Sebastiano.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Arne

quote:

Una mia curiosità fra gli analogisti per chi possiede uno stadio phono "separato".

 

Che marca e modello avete?

 

 

 

 

(questa risposta è facoltativa)il prossimo quale sarà avendolo confrontato con quello che avete? id=red>

 

Postate numerosi. icon_smile.gif

 

--------------------------------------------------------------------------

 

Prima Nad Phono1, ora The Mod Squad Phono Drive... domani mooolti dischi!

Saluti

Lorenzo

 

 

Modificato da - best-groove il 15/02/2008 11:48:48


id=quote>id=quote>

Share this post


Link to post
Share on other sites
Oldmaster0

Per me lo stadio phono è il componente più "magico" tra tutte le elttroniche.

Io ora ho un Burmester 838 che suona con una Zyx R100 FS/H su braccio Hadcock 228, un Aqvox 2CI MK II con una Shelter 901 su Morsiani CM1; in panchina un Graham Slee Era Gold V con stepup Stevens & Billington cablati a + 10dB.

Sogni futuri: Vendetta Resarch (a trovarlo!), Manley Steelhead.

Buona Pasqua a tutti.

Piero

Share this post


Link to post
Share on other sites
gattobirba

Klimo Lar con piccole modifiche ai cablaggi concordati in fabbbrica+perspex superore.

Fuses speciali, cavo alim. Fisch P3+spine Oyaide 004.

 

Forse adozione futura della TPS o passaggio a LAR gold plus, magari usato ricondizionato.

Ciao Alex

Share this post


Link to post
Share on other sites
EnricoVesce

Per il mio ritorno all'analogico (tre mesi fa), ho scelto Nad PP2 e poi Cambridge 640p. Ora sto decidendo tra Ear e Graham Slee Era Gold V

Ciao

E

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
kayaknrz

La scelta sciagurata dei costruttori di concentrarsi solo sugli stadi linea per darci musica dal suono cd, ha riempito il mercato di pre che sarebbero costati come pre dotati del phono se fossero stati ancora prodotti! Col risultato che ora per avere un phono all'altezza del linea bisogna acquistare un phono che costa altrettanto.

Io trovo che le linea degli anni 80 e primi 90 vanno altrettanto bene delle linea attuali (forse anche Melius!) con la conclusione che è Melius acquistare un pre di quegli anni!

Dei pre attuali mi attira solo l'EAR 912, che ha mm e mc e linea!

 

knrz

Share this post


Link to post
Share on other sites
pablosapiens

In questo momento ho un ASR Basis Exclusive 2008 con doppio ingresso phono

 

Paul

Share this post


Link to post
Share on other sites
lucaluca

Pre phono Lector per MC- Pre phono Ming-da per MM -Pre phono autocostruito(che al momento e'il preferito) trasformatore di step up vintage di Capitan Bob.

Share this post


Link to post
Share on other sites
fardizzo

pre phono Aesthetix rhea e lyra helycon,a volte lo collego ad uno step up audio note per la koetsu, anke se il rhea la pilota alla grande con i suoi ampi settaggi.

Share this post


Link to post
Share on other sites
BEST-GROOVE

up

 

Bye Giorgio

Share this post


Link to post
Share on other sites
Eugenio_Fen

Dopo Clearaudio Basic, Musical Surrounding Phonomena, sono passato all'Audio Research PH3 con valvole Sovtek di cui sono piuttosto soddisfatto. Giradischi Kuzma Stabi, testina Lyra Lidian con cavo Extreme Phono.

saluti

 

Eugenio F.

Share this post


Link to post
Share on other sites
gyrosme

Uso con grande soddisfazione un Maratz Ph22, mi piacerebbe in futuro sostituirlo con un Audio Research Ph3 anche se in realtà non ne sento una grande esigenza...

Il giradischi è un Gyro SE con Ittok e Ortofon Jubilee.

Saluti a tutti

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
BEST-GROOVE

up

 

Bye Giorgio

Share this post


Link to post
Share on other sites
Domenico Pizzamiglio

Cosa vuoi che ti dica? Che del mio pre-fono sono ancora più contento di prima e che ho cambiato giradischi per magnificarne le doti? Quale gira? Fino a che non è in casa ... Ma, no; valà ... lo dico. DPS.

Ciao!

 

 

Domenico

Hony soit qui mal y pense (mais quelques fois je méfie quand-même - aggiunta postuma; l'esperienza aiuta!)

Share this post


Link to post
Share on other sites
Member_0036

- Musical Fidelity XLP-S

- Lector Fonix

Ciao

 

Massimiliano (spin the black circle)

Share this post


Link to post
Share on other sites
BEST-GROOVE

quote:

Cosa vuoi che ti dica? Che del mio pre-fono sono ancora più contento di prima e che ho cambiato giradischi per magnificarne le doti? Quale gira? Fino a che non è in casa ... Ma, no; valà ... lo dico. DPS.

Ciao!

 

 

Domenico

Hony soit qui mal y pense (mais quelques fois je méfie quand-même - aggiunta postuma; l'esperienza aiuta!)


id=quote>id=quote>

 

Ciao Domenico il giradischi prenderà il posto di quale?

 

Qual'e stato il motivo/i della scelta di quella marca?

 

Bye Giorgio

Share this post


Link to post
Share on other sites
Domenico Pizzamiglio

Quote

Ciao Domenico il giradischi prenderà il posto di quale?

Qual'e stato il motivo/i della scelta di quella marca?

Bye Giorgio

Unquote

 

Del Musical Life Basic 40.

Perché ho scelto quello? Perché ne ho letto bene in giro, so che è ben considerato e perché ha delle caratteristiche progettuali differenti dal solito. Lo so: avrei potuto comprare qualcosa di più tradizionale (leggi marchio famoso), ma sono per l'innovazione e quindi ora proviamo il DPS. E poi un apparecchio deve acchiapparmi, altrimenti, pure se c'è un gran nome, non mi interessa (vedi mio intervento nel tred aperto da Duralex relativamente a invidia ed altro).

Quando arriva (già...) ti faccio sapere e se ti andrà potrai venire a casa per un ascolto.

Comunque sia, Giorgio, da quando è entrato in casa il Musical Life con il Morch DP6 ho iniziato a comprare molti più vinili di prima; poi la botta del pre fono americano (e devo dire che nel frattempo ho ascoltato parecchie cose, alcune molto buone, ma non Melius del mio vecchio Burmester) che mi ha fatto venir ulteriore voglia di implementare il vinile. Da qui, la decisione del cambio del giradischi.

Ora, il braccio lo tengo perché credo fermamente in quel braccio; per la testina vedremo. O una Transfiguration di maggior pregio, o una Lyra (ne ho provata una recentemente con gran soddisfazione, ma il costo era per me improponibile) o, se riuscissi e mi piacerebbe tanto, una Jan Allaerts. A Monaco provo a parlare ad Allaerts per farmi dire esattamente se c'è un distributore in Italia e chi sia (gliel'ho chiesto via mail, ma non ha risposto).

Ciao!

 

 

Modificato da - do magg il 10/04/2008 11:02:03

 

Modificato da - do magg il 10/04/2008 12:50:08

Share this post


Link to post
Share on other sites
Arlequen

quote:

Una mia curiosità fra gli analogisti per chi possiede uno stadio phono "separato".Che marca e modello avete?


id=quote>id=quote>

 

Grado PH-1 Phono Stage

 

*** In Stylus Veritas! ***

Share this post


Link to post
Share on other sites
BEST-GROOVE

quote:

Quote

Ciao Domenico il giradischi prenderà il posto di quale?

Qual'e stato il motivo/i della scelta di quella marca?

Bye Giorgio

Unquote

 

Del Musical Life Basic 40.

Perché ho scelto quello? Perché ne ho letto bene in giro, so che è ben considerato e perché ha delle caratteristiche progettuali differenti dal solito. Lo so: avrei potuto comprare qualcosa di più tradizionale, ma sono per l'innovazione e quindi ora proviamo il DPS. Poi? Boh! Quando arriva ti faccio sapere come va.

Ciao!

 

 

 

 

Domenico

Hony soit qui mal y pense (mais quelques fois je méfie quand-même - aggiunta postuma; l'esperienza aiuta!)


id=quote>id=quote>

 

Ottimo ..se ci scappa una piccola recensione. icon_smile.gif

 

Bye Giorgio

Share this post


Link to post
Share on other sites
Domenico Pizzamiglio

Quote

Ottimo ..se ci scappa una piccola recensione.

Bye Giorgio

Unquote

 

Orca vacca! Mentre modificavo il mio precedente intervento te mi hai quotato e pure scritto. Certo, due righe le scriverò di certo.

Ciao

 

 

Domenico

Hony soit qui mal y pense (mais quelques fois je méfie quand-même - aggiunta postuma; l'esperienza aiuta!)

Share this post


Link to post
Share on other sites
Member_0000

quote:

A Monaco provo a parlare ad Allaerts per farmi dire esattamente se c'è un distributore in Italia e chi sia (gliel'ho chiesto via mail, ma non ha risposto).


id=quote>id=quote>

 

Ti confermo che il distributore e' Marco Magrini di Audio Lyrics (ero con lui, con Marco dico, da Kuzma venerdi' scorso; presto uscira' sulla rivista qualcosina su quella visita). Attualmente credo che ci vogliano circa 6 mesi dall'ordine per avere una Allaerts e non ne ha da dare in prova. Mi ha detto anche che sono saliti i prezzi...

 

ciao

 

 

I.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Domenico Pizzamiglio

Grazie Collega. Stiamo a vedere. I prezzi sono saliti? Non mi par strano. E' strano quando scendono icon_smile_big.gif

Ciao!

Do

 

Domenico

Hony soit qui mal y pense (mais quelques fois je méfie quand-même - aggiunta postuma; l'esperienza aiuta!)

Share this post


Link to post
Share on other sites
ipolce

 

Ora Rokan Caspian

In futuro? Sto!

Italo

Share this post


Link to post
Share on other sites
martinlogan

Il pre phono è un Dissanayake Reference a cui si collega la Dynavector Karat 17D2 mkII tramite lo step up Dynavector PH200. (Giradischi GyroDec con GyroPower e braccio SME 309)

Entrambi i preamplificatori phono hanno alimentazione separata, quella del PH200 è realizzata da Dissanayake per sostituire e migliorare quella di serie.

Share this post


Link to post
Share on other sites
BEST-GROOVE

quote:

Il pre phono è un Dissanayake Reference a cui si collega la Dynavector Karat 17D2 mkII tramite lo step up Dynavector PH200. (Giradischi GyroDec con GyroPower e braccio SME 309)

Entrambi i preamplificatori phono hanno alimentazione separata, quella del PH200 è realizzata da Dissanayake per sostituire e migliorare quella di serie.


id=quote>id=quote>

 

Ciao, è possibile qualche info tecnica e sonica su questo phono?

 

Bye Giorgio

Share this post


Link to post
Share on other sites
BEST-GROOVE

uppeteeee

 

Bye Giorgio

Share this post


Link to post
Share on other sites
hawkwood67

Uso la scheda MC a guadagno regolabile di un pre Electrocompaniet EC-1.

Per il futuro - se e quando avrò i soldi, ché sempre lì si ricade - vorrei pescare nell'usato un Mark Levinson 28 HG (ho già un finale ML 29: un'accoppiata monomarca sarebbe cosa buona e giusta).

Il sogno, da sempre, è il tandem ML26-ML25, ahimè un po' troppo oneroso per le mie tasche. Sob... icon_smile_sad.gif

 

Ciao

 

Bruno

Share this post


Link to post
Share on other sites
luiman

Io sto usando un Cambridge 540P. Pensate che cambiandolo con un CREEK OBH8 SE con alimentatore stabilizzato OBH-2 avrei un miglioramento sensibile, oppure conviene aspettare per cercare qualcosa di economicamente più impegnativo (max 500 euro sul nuovo)?

 

Ciao,

Luigi

 

"La musique est transcendentale au sens où elle est dépassement de soi" (Pierre Boulez)

Share this post


Link to post
Share on other sites

  • Statistiche Forum

    294934
    Total Topics
    6441332
    Total Posts

Facebook

About Melius Club

Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con codice fiscale 07710391215.
Powered by K-Tribes.

Follow us

×
×
  • Create New...

Important Information

Privacy Policy