n/a

Differenze tra cavi ottici?

Messaggi raccomandati

n/a

Sto in questi giorni provando una stupenda accoppiata EMM LABS SE e mi chiedo se il loro collegamento tramite cavi ottici potrebbe essere ulteriormente migliorato da prodotti di qualità superiore come avviene per i segnali analogici.

I CAVOSCETTICI PER PARTITO PRESO SONO PREGATI DI NON INTERVENIRE,GRAZIE !!!

Saluti

 

Giovanni M.

 

http://www.milossaluciano.com/gio19.htm

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Member_0043

quote:

Sto in questi giorni provando una stupenda accoppiata EMM LABS SE e mi chiedo se il loro collegamento tramite cavi ottici potrebbe essere ulteriormente migliorato da prodotti di qualità superiore come avviene per i segnali analogici.

I CAVOSCETTICI PER PARTITO PRESO SONO PREGATI DI NON INTERVENIRE,GRAZIE !!!

Saluti

 

Giovanni M.

 

http://www.milossaluciano.com/gio19.htm


id=quote>id=quote>

 

personalmente avevo trovato una minima differenza tra le fibre ottiche in vetro e quelle in plastica (ovviamente migliori le prime). Ma a parità di materiale no (e ne ho provate parecchie, grazie ad un amico che fa fibre ottiche).

In ogni caso come collegamento digitale preferisco il coassiale e non la fibra perchè il segnale elettrico deve essere convertito in ottico, ricovertito in elettrico e poi da digitale ad analogico... mentre con il coassiale si saltano almeno 2 conversioni e non è poco.

saluti

 

Domenico Simonetti

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
matteo.rinaldi

quote:

quote:

Sto in questi giorni provando una stupenda accoppiata EMM LABS SE e mi chiedo se il loro collegamento tramite cavi ottici potrebbe essere ulteriormente migliorato da prodotti di qualità superiore come avviene per i segnali analogici.

I CAVOSCETTICI PER PARTITO PRESO SONO PREGATI DI NON INTERVENIRE,GRAZIE !!!

Saluti

 

Giovanni M.

 

http://www.milossaluciano.com/gio19.htm


id=quote>id=quote>

 

personalmente avevo trovato una minima differenza tra le fibre ottiche in vetro e quelle in plastica (ovviamente migliori le prime). Ma a parità di materiale no (e ne ho provate parecchie, grazie ad un amico che fa fibre ottiche).

In ogni caso come collegamento digitale preferisco il coassiale e non la fibra perchè il segnale elettrico deve essere convertito in ottico, ricovertito in elettrico e poi da digitale ad analogico... mentre con il coassiale si saltano almeno 2 conversioni e non è poco.

saluti

 

Domenico Simonetti


id=quote>id=quote>

 

perchè da digitale ad analogico ?

 

Matteo

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Edoardo_P

quote:

 

 

perchè da digitale ad analogico ?

 

Matteo


id=quote>id=quote>

 

Perché di un segnale digitale non te ne fai niente, non lo puoi amplificare...

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
jazzandroll

Mah....onestamente non ne vedo icon_smile_cool.gif...scusa ma non sono riuscito a trattenermi!

 

A parte gli scherzi, la trasmissione della luce è in ogni caso migliore nel vetro, la plastica a volte presenta maggiori impurità, però, grosse distinzioni non ne farei, anche perchè dipende dalla qualità del polimero (solitamente policarbonato, guarda caso lo stesso del cd). Inoltre, tieni presente che le fibre in vetro sono maggiormente fragili e meno flessibili per cui, occhio ad angoli troppo impegnativi.

 

Diego

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
mexfab

quote:

Sto in questi giorni provando una stupenda accoppiata EMM LABS SE


id=quote>id=quote>

 

 

Ciao io uso questi da più di un anno .. e non tornerei indietro per niente al mondo ...

a Buon intenditor poche parole ..

http://www.auralsymphonics.com/optimism%20emm.html

 

Ciao Fabio

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
n/a

quote:

quote:

Sto in questi giorni provando una stupenda accoppiata EMM LABS SE


id=quote>id=quote>

 

 

Ciao io uso questi da più di un anno .. e non tornerei indietro per niente al mondo ...

a Buon intenditor poche parole ..

http://www.auralsymphonics.com/optimism%20emm.html

 

Ciao Fabio


id=quote>id=quote>

Grazie Fabio,è proprio quello che stavo cercando !Tu hai la medesima accoppiata?Dove gli hai acquistati? Se vuoi rispondimi anche in privato.

Mi sembra di aver capito che esiste un'analogo prodotto Kimber :lo conoscete? Se sì Melius o peggio?

Saluti,

 

Giovanni M.

 

http://www.milossaluciano.com/gio19.htm

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
papi

posseggo meccanica e convertitore Wadia e utilizzo proprio un cavo in fibra di vetro AT&T Aural sinphonics Optmism, che meraviglia superiore ad ogni altro tipo di connessione, provare per credere.

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
matteo.rinaldi

quote:

posseggo meccanica e convertitore Wadia e utilizzo proprio un cavo in fibra di vetro AT&T Aural sinphonics Optmism, che meraviglia superiore ad ogni altro tipo di connessione, provare per credere.


id=quote>id=quote>

 

Da te mi sa che cambia il tipo di connessione da toslink a ST e non il cavo in se stesso.

 

Matteo

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
ipoci

quote:

posseggo meccanica e convertitore Wadia e utilizzo proprio un cavo in fibra di vetro AT&T Aural sinphonics Optmism, che meraviglia superiore ad ogni altro tipo di connessione, provare per credere.


id=quote>id=quote>

 

Direi ... palle !

 

Il cavo in materiale " vetroso " e' soggetto a cristallizzazione sulle curve ed estremamente delicato a torsioni e raggi di curvatura stretti.

 

Nessuno usa piu' questa tecnologia da almeno 10 anni.

 

Ci sono fibre in polimero che hanno caratteristiche eccezionali se paragonati a quelle che stai usando tu.

 

L'unica differenza e' che i cavi in tecnologia " vetrosa " li cablavano con le contropalle e quindi non ci sono asimmetrie tra fibra e connettore, mentre la maggior parte dei cavetti da 2 lire li cabla a manina il cinesino di turno.

 

Il mio suggerimento e' di trovarti un cavo ottico recente fatto bene.

 

C'e' un tread aperto da Animalis per il suo cavetto ST-ST dell'Accuphase, dove aveva trovato un buon produttore ( 30 Dollari se non sbaglio ).

 

Un cordiale saluto, Massimiliano.

 

P.S. Non ho ancora trovato uno che mi porta il suo cavetto milionario da analizzare con strumentazione multimilionaria ... chissaperche' ...

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
matteo.rinaldi

quote:

quote:

 

 

perchè da digitale ad analogico ?

 

Matteo


id=quote>id=quote>

 

Perché di un segnale digitale non te ne fai niente, non lo puoi amplificare...


id=quote>id=quote>

 

ne sei sicuro?

 

Matteo

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
danco

 

Buonasera.

I cavi in standard ST/AT&T (riferito alla connessione) hanno 500 MHz di banda, i cavi TosLink hanno 5 Mhz di banda. La differenza è tutta qui.

 

Saluti

Danilo

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
matteo.rinaldi

quote:

 

Buonasera.

I cavi in standard ST/AT&T (riferito alla connessione) hanno 500 MHz di banda, i cavi TosLink hanno 5 Mhz di banda. La differenza è tutta qui.

 

Saluti

Danilo


id=quote>id=quote>

 

Questa differenza crea un dato non trascurabile di Jitter.

 

Matteo

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
danco

quote:

quote:

 

Buonasera.

I cavi in standard ST/AT&T (riferito alla connessione) hanno 500 MHz di banda, i cavi TosLink hanno 5 Mhz di banda. La differenza è tutta qui.

 

Saluti

Danilo


id=quote>id=quote>

 

Questa differenza crea un dato non trascurabile di Jitter.

 

Matteo


id=quote>id=quote>

 

Infatti, per inciso il cavo toslink è il peggiore possibile per la connessione SPDIF.

Il cosasiale è decisamente Melius anche se dovrebbe essere utilizzato con i BNC.

 

Danilo

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Rosetti

Cavo toslink consigli? 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
cactus_atomo

le discussioni sui cavi olo nella sezione fine tuning. sposto li

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
ifer

I cavi Toslink in commercio di solito non sono granche' perché sono in materiale plastico.

L'unico buono è quello della Van den Hul che è in fibra di vetro

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
contemax

Posso solo dire quale è la mia esperienza

Quando avelo il Wadia e la Roksan come meccanica con usctita AT&T usavo il modello top della Audiquest che costava 30 anni fa circa 1 milione

Purtroppo con una manovra maldestra l'ho rotto

Messo il cavo AT&T compreso nella confezione del Wadia, lungo ben 4 metri, non notai nessun peggioramento.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
FabioSabbatini

Ho usato spesso cavi AT&T, oltre che SPDIF e AES-EBU (attualmente), da pochi euro in su. Parecchio su.

Ho il sospetto che lo spostamento d'aria dovuto al moto caotico (browniano nel caso di particelle fino a poche centinaia di nm...quelle più grandi semplicemente cadono per terra) del pulviscolo atmosferico presente nel mio salotto determini differenze, all'ascolto, un tantinello più udibili rispetto ai suddetti cavi.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
mikefr

Se poi si pensa ai cavi lunghi chilometri e chilometri in cui scorrono bit e non se ne perde uno,ci si domanda se un cavo di 1m lo possa fare......Mah....

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
FabioSabbatini

@mikefr 

12 minuti fa, mikefr ha scritto:

ci si domanda se un cavo di 1m lo possa fare....

La risposta è nota: no, a meno che non sia difettoso

Allora diranno: ma è colpa del jitter!

Se si fossero presi la briga di provare quanto jitter sono (siamo) in grado di percepire scoprirebbero che ci vogliono dosi  migliaia/milioni di volte superiori a quelle tipiche per cominciare a sentire qualcosa.

Andare al mio 3D sull'argomento per fare una prova...pochi lo hanno fatto e pochissimi hanno commentato.

Molto spesso infatti, quando si può facilmente dimostrare qualcosa in maniera oggettiva, tutto questo ARDORE audiofilo verso le frontiere del conoscibile si scioglie come neve al sole in una tiepida giornata di primavera.

A dimostrazione che molti preferiscono le favole alla realtà.

Nulla di male per carità. Ma almeno diciamocelo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
SuonoDivino

sul mio chord Dave sono chiaramente indicate le frequanze massime permesse per le entrate AES, TOSLINK, spdif e usb.

Sono le uniche limitazioni per le diverse tipologie di entrate digitali. Dopodichè la qualità si equivale.

Molto, ma veramente molto difficile sentire differenze. Ho fatto prove in cieco e ho miseramente fallito nell'indovinare la tipologia di connessione o i differenti cavi-

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Fabio Cottatellucci

Scusate ma, trattandosi di segnale digitale, una minor qualità del conduttore ottico dovrebbe causare lo sganciamento della tarsmissione o dei vistosi schiocchi, non una minor qualità del segnale analogico da esso ricavato tramite conversione D/A.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
FabioSabbatini
10 minuti fa, Fabio Cottatellucci ha scritto:

Scusate ma, trattandosi di segnale digitale...

E allora come spieghi le ablazioni dei veli?

E le mascelle caduche?

Il soundstage espanso?

Il nero, l'indaco e compagnia bella?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
mikefr
32 minuti fa, Fabio Cottatellucci ha scritto:

Scusate ma, trattandosi di segnale digitale, una minor qualità del conduttore ottico dovrebbe causare lo sganciamento della tarsmissione o dei vistosi schiocchi, non una minor qualità del segnale analogico da esso ricavato tramite conversione D/A

Ed è questo che non entra nella "capa",nel digitale o funziona o non funzione una connessione,se funziona così così si notano sganciamenti ogni tanto...Ora faccio una domanda agli esperti:tra un cavo USB tipico da 2 euro ed uno da mila euro che rispettano tutti e due le specifiche,quello più costoso che fa ai bit per indurre a dire da alcuni che stravolge il suono?A voi l'ardua sentenza...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
FabioSabbatini
5 minuti fa, mikefr ha scritto:

un cavo USB tipico da 2 euro ed uno da mila euro che rispettano tutti e due le specifiche,quello più costoso che fa ai bit 

Vecchia questione millanta volte sviscerata

Ai bit nulla

Al cervello di colui che spende tantissimo

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
ifer

Il cavo ottico suona più asciutto e secco, ma non ho provato il Van den Hul in fibra di vetro.
Le differenze tra cavi digitali, cavi usb etc all'ascolto sono abbastanza evidenti se poi sia jitter o altro non so.

Ma non restiamo a dire sono solo 0 e 1.

E' come per i cavi di alimentazione.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
ifer

Ma chi ha aperto il tred si è cancellato?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
ruxperienced
22 minuti fa, ifer ha scritto:

Ma chi ha aperto il tred si è cancellato?

Chissà... magari ha poi risolto con un cavo ottico di AmazonBasics da 5,99 € 😉

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
ifer

@ruxperienced 😂

secondo me l'hanno fatto scappare i cavoscettici (aveva messo pure in maiuscolo ...astenersi cavo scettici).

Comunque gli Emm Labs con l'ottico erano mortificati IMHO 😉

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

  • Statistiche forum

    289.701
    Discussioni Totali
    6.171.095
    Messaggi Totali

Facebook

About Melius Club

Melius Club: la nuova casa di Videohifi.com
Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con sede legale e operativa nell’Incubatore certificato Campania NewSteel in Napoli via Coroglio 57/d e codice fiscale 07710391215.

Powered by K-Tribes.

Follow us