n/a

Differenze tra cavi ottici?

Messaggi raccomandati

amacor
1 ora fa, ifer ha scritto:

Comunque gli Emm Labs con l'ottico erano mortificati IMHO 😉

Ti riferisci ai tre cavetti in dotazione per collegare meccanica e convertitore?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Fabio Cottatellucci
10 ore fa, ifer ha scritto:

Ma non restiamo a dire sono solo 0 e 1.

E' come per i cavi di alimentazione.

Vediamo se al quarto tentativo da stamattina il server mi permette di postare con questo quote 9_9.


Ifer, hai ragione, è esattamente come per i cavi di alimentazione: si attribuiscono loro cose che semplicemente non possono fare.


Sui cavi di alimentazione si dicono cose del tipo "Aumentando la capacità si tagliano gli acuti", che è semplicemente impossibile (al contrario di altre cose che tali cavi, invece, in alcuni casi fanno davvero).

Per i cavi digitali invece si dice "Questo ha medi più morbidi", semplicemente impossibile perché gli uno e gli zero non si ammorbidiscono; si tratta di risultati possibili nel dominio analogico (cioè dopo la conversione D/A), non in quello digitale.


MA tempo fa io stesso, ragionando sul fatto che molti dicono di sentire differenze sui cavi digitali elettrici (S/PDIF), avanzai l'ipotesi che le differenze derivino da come i circuiti di massa dei due apparecchi "si parlano" attraverso il connettore di massa del cavo digitale elettrico.

Una variazione quindi esistente davvero ed udibile, causata dal cavo (perché alla fine si prova uno specifico cavo esistente realmente, non un collegamento in astratto), che si verifica non già nel segnale digitale bensì nelle circuitazioni di massa e da lì nel segnale analogico; variazione sfuggita anche ai cavoscettici che modellizzano in termini di digitale/analogico e RCL e non di impianto-sistema. 

Francamente, dato che il digitale ottico non crea collegamenti elettrici, e che quindi non vale neanche il ragionamento sulle masse, accettare che esistano le differenze di cui si parla diventa veramente difficile. 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
scroodge

@Fabio Cottatellucci  A te, se non ci fossi, bisognerebbe inventarti!! 👍

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
ifer

@Fabio Cottatellucci  Sono d'accordo conte  il cavo ottico dovrebbe essere la soluzione esente da difetti e problemi di varia natura, però poi alla fine scelgono tutto collegamenti spdif o aes ebu.

Anche nel settore pro credo non si usato.

Boh!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
FabioSabbatini
19 minuti fa, ifer ha scritto:

però poi alla fine scelgono tutto collegamenti spdif o aes ebu.

Hai ragione. È un punto interessante.

Penso la cosa sia dovuta a due fattori

- il toslink non ha mai convinto. Io stesso è l'unico che non ho mai usato. Ha sempre sofferto di pessima fama. Probabilmente non meritata.

- ignoranza e condizionamento da marketing: i santoni, illo tempore, hanno diffuso la leggenda che i collegamenti ottici fanno schifo a causa del jitter. Baggianate ovviamente. Suonano allo stato dell'arte tanto quanto spdif e Aes/ebu.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
ifer

@FabioSabbatini  Infatti è come dici tu, condizionamento da marketing.
Però non si capisce perché non sia usato in ambito pro, la fibra ottica potrebbe essere usata per decine e decine di metre senza perdite!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
FabioSabbatini

@ifer 

Purtroppo non saprei che dire...non frequento situazioni pro. Certamente ci sarà chi può commentare al riguardo con cognizione di causa. Io non mi ritengo qualificato.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
corrado

Secondo me non viene utilizzata in ambito professionale per via della sua fragilità.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
ST1971

Differenza tra cavi ottici? Secondo me molta di più e più incisiva di quella tra cavi analogici. Il motivo è semplice, un fascio luminoso passa attraverso una fibra ottica, migliore è la fibra più pura è la luce che passa e meno informazioni si perdono per strada

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
ST1971

@corrado i cavi in fibra ottica sono il collegamento più diffuso nel mondo del broadcast. Quelli che non ci lavorano si immaginano i cavi in fibra come cavetti fini e delicati, ma in realtà noi utilizziamo cavi resistentissimi, hanno due fibre, due passaggi di corrente ad alta tensione ed una maglia d'acciaio che corazza e protegge. Senza la fibra non potrebbero essere usate le telecamere broadcast hispeed 😉

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
SuonoDivino

Per fare una disamina seria della questione bisognerebbe parlare di come vengono trasmesse le informazioni sui cavi digitali, se prevedono sistemi di correzione degli errori di tramissione, se prevedono un buffering in entrata lato ricevente, ecc..

Ma sicuramente come diceva Fabio piu su il digitale non può in alcun modo influire su parametri che non hanno niente a che vedere con la trasmissione in digitale (medi morbidi, alti duri, e amenità del genere).

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
contemax

Quindi lo streaming dovrebbe sentirsi da schifo! 

Un mp3 al minimo della risoluzione dovrebbe suonare cento volte meglio!

Eppure il segnale viaggia per migliaia di km e poi passa pure attraverso un doppino e poi dal modem-router

Ma si è la stessa storia che il cavo d'alimentazione dopo km e km e dopo cavetto che arriva dal contatore e arriva alla spina poi 1 metro di cavo fa cadere la mascella!

I cavi d'alimentazione devono essere ben schermati per non causare interferenze coi cavi di segnale e potenza.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
ifer

Non si può ragionare solo su queste basi, bisogna fare anche prove di ascolto.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Felis

Le prove di ascolto in ambito informatico sono inaffidabili. Come detto le possibili variazioni se ci sono avvengono nell'ambito di conversione del segnale in analogico. Se i dati non passano non c'è segnale, non è che ce n'è meno, come il vino annacquato.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Arnaldo
Il 3/11/2018 Alle 22:57, FabioSabbatini ha scritto:

Suonano allo stato dell'arte tanto quanto spdif e Aes/ebu.

Il 3/11/2018 Alle 18:44, Fabio Cottatellucci ha scritto:

Francamente, dato che il digitale ottico non crea collegamenti elettrici, e che quindi non vale neanche il ragionamento sulle masse, accettare che esistano le differenze di cui si parla diventa veramente difficile. 

Vista la vostra grande preparazione...magari spiegateci come un segnale ottico viene riportato ad un segnale elettrico...perché a quello dobbiamo ritornare...comunque.

In ambito informatico che formato hanno i dati

In ambito digitale(segnale meccanica/dac) che formato hanno i dati

Aggiungiamo un poco di info su cui ragionare...invece di sentenziare con la parola baggianate e/o non esistono differenze.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
SuonoDivino

@ifer Prove di ascolto fatte come? Doppio cieco? perché gli ascolti sono molto soggettivi ed è facile farsi influenzare da quanto letto su quel cavo, dal prezzo del cavo, ecc..

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Arnaldo
1 ora fa, Felis ha scritto:

Le prove di ascolto in ambito informatico sono inaffidabili.

Bravo...e il perché?

Magari diamo qualche info...almeno non ci si torna su ogni 2/3 mesi, se leggi sulla sezione CA sentono pure gli alimentatori sugli HDD.

😂

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
FabioSabbatini
14 minuti fa, Arnaldo ha scritto:

sentenziare con la parola baggianate e/o non esistono differenze.

Le baggianate esistono, è dimostrato.

Le presunte differenze tra cavi digitali ne sono un esempio. 

Spiegazioni e riferimenti per approfondire li trovi qui

https://en.m.wikipedia.org/wiki/S/PDIF

Ma in sostanza piuttosto che credere all'asino aneddotico  e soggettivo che vola (spesso a caro prezzo e pompato da dotti medici e sapienti) io credo all'aritmetica.

Cose tipo 1+1=2, tanto per fare un esempio.

Demode', mi rendo conto.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Arnaldo

@FabioSabbatini 

Vista la vostra grande preparazione...magari spiegateci come un segnale ottico viene riportato ad un segnale elettrico...perché a quello dobbiamo ritornare...comunque.

In ambito informatico che formato hanno i dati

In ambito digitale(segnale meccanica/dac) che formato hanno i dati 

Attendo...

@Fabio Cottatellucci io quoto abbastanza bene...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
ST1971

@Fabio Cottatellucci Il mio intervento voleva porre l'attenzione sulla qualita' fisica della fibra impiegata, se non e' perfetta, ma ci sono dei difetti i dati arrivano compromessi. Giusto la settimana scorsa abbiamo dovuto sostituire uno spezzone di fibra ad una telecamera in campo per questo problema. In regia i controlli camera hanno i test di segnale integrati nei remoti delle camere, indicano la pulizia e la potenza del segnale in entrata ed in uscita 🙂

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Fabio Cottatellucci
39 minuti fa, Arnaldo ha scritto:

@Fabio Cottatellucci io quoto abbastanza bene

Il problema non è quello che quoti, è quello che scrivi tu e quello che credi di aver letto nei post degli altri.
 

Il dettaglio tecnico della conversione ottico / elettrico cade fuori dal discorso che facevo e non lo conosco; rimane il fatto che nel dominio digitale non cambia il segnale fra un cavo e l'altro, e che un cavo digitale non può cambiare le caratteristiche del suono ma soltanto trasmetterlo o meno, con insorgenza nel secondo caso di artefatti digitali (non modifiche nella scena sonora o nei medi).

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Fabio Cottatellucci
19 minuti fa, ST1971 ha scritto:

@Fabio Cottatellucci Il mio intervento voleva porre l'attenzione sulla qualita' fisica della fibra impiegata, se non e' perfetta, ma ci sono dei difetti i dati arrivano compromessi.

Assolutamente sì, ma il dato compromesso non cambia le caratteristiche sonore del messaggio audio... o meglio, la compromissione dei dati è una cosa (possibile) mentre il cambiamento delle sfumature fra due cavi sono un'altra cosa (non possibile). Stiamo parlando di due cose diverse :).

22 minuti fa, ST1971 ha scritto:

indicano la pulizia e la potenza del segnale in entrata ed in uscita

Sì ma questo causa delle perdite di segnale, non il fatto che esso guadagna in tridimensionalità...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Arnaldo
10 minuti fa, Fabio Cottatellucci ha scritto:

Il dettaglio tecnico della conversione ottico / elettrico cade fuori dal discorso che facevo e non lo conosco; rimane il fatto che nel dominio digitale non cambia il segnale fra un cavo e l'altro, e che un cavo digitale non può cambiare le caratteristiche del suono ma soltanto trasmetterlo o meno, con insorgenza nel secondo caso di artefatti digitali (non modifiche nella scena sonora o nei medi).

Standard s/pdif 75ohm

Standard AES Ebu 110ohm

secondo te...connessoini non standard e cavi che non rispettano tali impedenze...come si comportano e che influenza hanno?

il dettaglio tecnico...è proprio quello che conta tutto il resto sono ...come dice ... @FabioSabbatini baggianate.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Fabio Cottatellucci

Grazie Arnaldo; per un attimo ho temuto che non avessi che capito di che cosa si stesse parlando, ora dopo il tuo post qui sopra ne sono certo.

PS quando c'è un tema tecnico in cui ritiene di essere ferrato, non aspettare di poter andare contro qualcuno; posta prima e cerca di dare un contributo positivo. Questo thread è ritornato su giovedì scorso, tu intervieni di lunedì quando ti sembra di poter fare bella figura. Non è questo lo spirito del Forum..

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
ST1971

@Fabio Cottatellucci assolutamente concorde, io non avevo intenzione di affrontare il discorso "diverso messaggio sonoro" in un cavo ottico la differenza e': o il segnale passa integro o si perde per strada e questo si traduce in problemi ben diversi dalla mancata tridimensionalita'

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Arnaldo

@ST1971 http://www.saloon2zero.it/capire-i-segnali-video-6a-parte/

diciamo che ce ne è tanto da studiare e le trasmissioni video sembrano essere diverse da quelle audio che interessano i nostri dati proprio per gli standard dei protocolli usati.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Arnaldo
3 minuti fa, Fabio Cottatellucci ha scritto:

Grazie Arnaldo; per un attimo ho temuto che non avessi che capito di che cosa si stesse parlando, ora dopo il tuo post qui sopra ne sono certo.

Come ne sono certo io, e non solo, che ti vuoi far passare per un esperto che non sei!

😂

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
ifer

@Fabio Cottatellucci 

25 minuti fa, Fabio Cottatellucci ha scritto:

rimane il fatto che nel dominio digitale non cambia il segnale fra un cavo e l'altro, e che un cavo digitale non può cambiare le caratteristiche del suono ma soltanto trasmetterlo o meno,

@Felis 

3 ore fa, Felis ha scritto:

Come detto le possibili variazioni se ci sono avvengono nell'ambito di conversione del segnale in analogico. Se i dati non passano non c'è segnale,

Ma il ruolo del jitter ve lo siete scordato?
Ed è pure dimostrato che sia udibile con misure (come sostenuto anche dalla AES), influisce infatti sul segnale analogico

Tanto per rinfrescarci un po' la memoria:

https://www.stereophile.com/reference/1290jitter/index.html

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Fabio Cottatellucci

Altro ottimo contributo al Forum, Arnaldo. Hai dimenticato di scrivere "Pappappero".

Ora mi scuserai se ti ignoro, quando ascolto lo stereo seguo la musica, non il rumore di fondo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Fabio Cottatellucci
1 minuto fa, ifer ha scritto:

Ma il ruolo del jitter ve lo siete scordato?

Il jitter (o meglio, la differenza di jitter fra due cavi) non porta agli effetti che vengono descritti... e poi, se dipendesse dal jitter, avresti una scala di valori lineare (dal meno buono al più buono), non avresti cavi con differenze di comportamento.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

  • Statistiche forum

    289.701
    Discussioni Totali
    6.171.095
    Messaggi Totali

Facebook

About Melius Club

Melius Club: la nuova casa di Videohifi.com
Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con sede legale e operativa nell’Incubatore certificato Campania NewSteel in Napoli via Coroglio 57/d e codice fiscale 07710391215.

Powered by K-Tribes.

Follow us