Vai al contenuto
  • Annunci

    • K-Tribes Team

      Problemi di login?   31/12/2017

      Scrivici usando il tasto [Contatti] in alto sulla destra.
giogra

Quel gran pezzo della Renata.......

Messaggi raccomandati

giogra

Ai capito invece di tenere a cuore il destino dei lavoratori curano i loro interessi,strizzano l'occhi alla politica ,fanno accordi sotto banco con gli imprenditori a danno dei loro iscritti.

http://antefatto.ilcannocchiale.it/glamware/blogs/blog.aspx?id_blog=96578&id_blogdoc=2426445&title=2426445

STATE LONTANI DAI SINDACALISTI

 

id=size6>

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Member_0022

caro giogra... il mondo è dei furbi ed io son fesso.

 

 

 

 

Maximilianid=blue>

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
forza paris

Ben poco da aggiungere oltre lo schifo che mi fanno in genere gli esponenti sindacali di alto profilo (si fa per dire...) : chi sfrutta la posizione di rappresentante dei lavoratori per farsi i fatti propri è veramente ripugnante, sotto ogni punto di vista !

icon_smile_dead.gif

 

Chicco

 

 

"Chi parla con la voce grossa non può esprimere pensieri sottili" (F.NIETZSCHE)

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
lugano

E perchè uno che compra una casa dovrebbe pagare il 3 o il 10% allo stato?

Il venditore mette la casa, il compratore i soldi... lo stato cosa mette in cambio del suo 10%

 

P

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
roger59

quote:

E perchè uno che compra una casa dovrebbe pagare il 3 o il 10% allo stato?

Il venditore mette la casa, il compratore i soldi... lo stato cosa mette in cambio del suo 10%

 

P


id=quote>id=quote>

A parte che le regole, sbagliate o giuste, vanno rispettate.

Lo stato e i comuni, ci mettono tutto ciò che riguarda l'urbanistica...

 

Roger

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
n/a

quote:

E perchè uno che compra una casa dovrebbe pagare il 3 o il 10% allo stato?

Il venditore mette la casa, il compratore i soldi... lo stato cosa mette in cambio del suo 10%

 

P


id=quote>id=quote>

 

Le strade per arrivare alla casa, le fognature, le condutture del gas e dell'acqua, i pali del telefono, quelli della luce,gli spazzaneve quando nevica, i vigli del fuoco se s'incendia..... cose così

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Deus ex Machina

quote:

quote:

E perchè uno che compra una casa dovrebbe pagare il 3 o il 10% allo stato?

Il venditore mette la casa, il compratore i soldi... lo stato cosa mette in cambio del suo 10%

 

P


id=quote>id=quote>

 

Le strade per arrivare alla casa, le fognature, le condutture del gas e dell'acqua, i pali del telefono, quelli della luce,gli spazzaneve quando nevica, i vigli del fuoco se s'incendia..... cose così


id=quote>id=quote>

 

Speriamo non sia troppo complicato da capire. Certo che se uno non ci era arrivato da solo dà da pensare.

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
stefanino

quote:

quote:

E perchè uno che compra una casa dovrebbe pagare il 3 o il 10% allo stato?

Il venditore mette la casa, il compratore i soldi... lo stato cosa mette in cambio del suo 10%

 

P


id=quote>id=quote>

 

Le strade per arrivare alla casa, le fognature, le condutture del gas e dell'acqua, i pali del telefono, quelli della luce,gli spazzaneve quando nevica, i vigli del fuoco se s'incendia..... cose così


id=quote>id=quote>

 

la regola c'e' e si rispetta. Ma buona parte delle cose citate sono pagate (e le cifre sono complessivamente molto sapide) con gli oneri di urbanizzazione e di costruzione.

 

Ciao

Stefanino

 

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
n/a

quote:

quote:

quote:

E perchè uno che compra una casa dovrebbe pagare il 3 o il 10% allo stato?

Il venditore mette la casa, il compratore i soldi... lo stato cosa mette in cambio del suo 10%

 

P


id=quote>id=quote>

 

Le strade per arrivare alla casa, le fognature, le condutture del gas e dell'acqua, i pali del telefono, quelli della luce,gli spazzaneve quando nevica, i vigli del fuoco se s'incendia..... cose così


id=quote>id=quote>

 

la regola c'e' e si rispetta. Ma buona parte delle cose citate sono pagate (e le cifre sono complessivamente molto sapide) con gli oneri di urbanizzazione e di costruzione.

 

Ciao

Stefanino


id=quote>id=quote>

 

Il discorso era rivolto alle imposte nel loro complesso....di cui quella citata fa parte e che servono, nel loro complesso, ad erogare servizi.

Poi lo so anch'io che di fatto quella che si paga in quella transazione non serve specificamente a quanto indicato da me.

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
maurodg65

quote:

quote:

quote:

quote:

E perchè uno che compra una casa dovrebbe pagare il 3 o il 10% allo stato?

Il venditore mette la casa, il compratore i soldi... lo stato cosa mette in cambio del suo 10%

 

P


id=quote>id=quote>

 

Le strade per arrivare alla casa, le fognature, le condutture del gas e dell'acqua, i pali del telefono, quelli della luce,gli spazzaneve quando nevica, i vigli del fuoco se s'incendia..... cose così


id=quote>id=quote>

 

la regola c'e' e si rispetta. Ma buona parte delle cose citate sono pagate (e le cifre sono complessivamente molto sapide) con gli oneri di urbanizzazione e di costruzione.

 

Ciao

Stefanino


id=quote>id=quote>

 

Il discorso era rivolto alle imposte nel loro complesso....di cui quella citata fa parte e che servono, nel loro complesso, ad erogare servizi.

Poi lo so anch'io che di fatto quella che si paga in quella transazione non serve specificamente a quanto indicato da me.


id=quote>id=quote>

 

Ok, ma si tassa il reddito personale, non l'acquisto della prima casa in cui uno risiede, questo ovviamente non toglie che se la regola c'è va rispettata.

 

Saluti, Mauro.

 

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
n/a

quote:

 

Ok, ma si tassa il reddito personale, non l'acquisto della prima casa in cui uno risiede, questo ovviamente non toglie che se la regola c'è va rispettata.

 

Saluti, Mauro.

 

 


id=quote>id=quote>

 

Si tassa tutto ciò che si vuole tassare per raggiungere l'ammontare necessario per finanziare lo Stato.

 

Che poi siano troppe o troppo poche o fatte male, ingiuste, mal distriubuite ecc ecc è un altro discorso.

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
lugano

è sempre un altro discorso... già già.

 

E intanto lo stato prende il 49.3% della richezza annua prodotta dagli altri - i cittadini... ehm i sudditi - e lo spende al posto loro. 43% di tasse e 6 e rotti di prestiti giacchè questo stato a cui sembrate tanto felici di delegare le ns spese non è nemmeno capace di spendere quello che raccoglie.

 

Se lo stato usasse le tasse sulla casa per finanziare quelle utili cosucce di cui sopra basterebbe ed avanzerebbe lo 0.1% di tale imponibile. Gli è che ogni occasione è buona per sostituirsi al cittadino ed intervenire con soldi suoi nell'economia facendo cose che libere associazioni di privati cittadini farebbero ad un terzo del costo... non avendo, queste, la necessità di essere elette come le illibere organizzazioni di stato (leggasi parlamenti, parlamentini e relativi nominati della penisola tutta)

 

ciao

P

 

 

 

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
forza paris

Lo Stato sottopone a fiscalità quegli atti idonei a manifestare una capacità contributiva.

Acquistare una casa è giudicato manifestazione di capacità contributiva, senza dubbio, tuttavia viene introdotto un temperamento per l'acquisto della prima casa.

Vorrei far notare che in Italia l'ordinamento giuridico vieta i tributi di scopo, ragion per cui ogni tributo, imposta o tassa che sia, fa parte del sistema fiscale complessivo il cui equilibrio verrebbe pregiudicato qualora l'aboliizione di un tributo non venga controbilanciato dal diverso reperimento del gettito che quest'ultimo procurava.

Ma forse i seguaci di Berlusmobutu sono delle menti troppo semplici per capire questo ; capiscono bene, invece, similmente al loro capo tribù come eludere (quando non frodare) il sistema fiscale tranne invocare, quando vengono beccati, l'impunità per persecuzione politica.

E i boccaloni ingurgitano...icon_smile_evil.gif

 

Chicco

 

 

"Chi parla con la voce grossa non può esprimere pensieri sottili" (F.NIETZSCHE)

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
n/a

quote:

è sempre un altro discorso... già già.

 

E intanto lo stato prende il 49.3% della richezza annua prodotta dagli altri - i cittadini... ehm i sudditi - e lo spende al posto loro. 43% di tasse e 6 e rotti di prestiti giacchè questo stato a cui sembrate tanto felici di delegare le ns spese non è nemmeno capace di spendere quello che raccoglie.

 

Se lo stato usasse le tasse sulla casa per finanziare quelle utili cosucce di cui sopra basterebbe ed avanzerebbe lo 0.1% di tale imponibile. Gli è che ogni occasione è buona per sostituirsi al cittadino ed intervenire con soldi suoi nell'economia facendo cose che libere associazioni di privati cittadini farebbero ad un terzo del costo... non avendo, queste, la necessità di essere elette come le illibere organizzazioni di stato (leggasi parlamenti, parlamentini e relativi nominati della penisola tutta)

 

ciao

P


id=quote>id=quote>

 

Tu hai il mito del privato: legittimo.

Per te il privato funziona sempre Melius.

Mi duole informarti che non è così.

Non mi risulta che , per esempio, i fondi pensione americani forniscano maggiori garanzie di quanto non faccia l'Inps ( che almeno non investe in azioni Enron).

Non mi risulta che le ferrovie o la rete autostradale, da quanto rese private, siano divenute più efficienti e meno care ( semmai l'esatto contrario).

Non mi risulta che i cittadini di Latina abbiano avuto dalla multinazionale Veolia un servizio migliore e tariffe minori.

 

E mi duole ancora di più renderti noto che, lo Stato, non è un'astratta entità, ma è composto dai medesimi cittadini che, a tuo parere, costituendosi in libere associazioni, dovrebbero magicamente far funzionare le cose Melius.

Trattandosi delle medesime persone mi sfugge come ciò possa accadere.

E poi mi sfugge come, dette associazioni, potrebbero fornire il loro servizi anche a chi non presenti un'adeguata capacità economica.

 

Tutto funziona: a patto che ci siano persone, non entità astratte, che abbiano la voglia di farle funzionare.

 

Fatti un giro in nord europa, se ti va.

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
stefanino

quote:

quote:

quote:

quote:

E perchè uno che compra una casa dovrebbe pagare il 3 o il 10% allo stato?

Il venditore mette la casa, il compratore i soldi... lo stato cosa mette in cambio del suo 10%

 

P


id=quote>id=quote>

 

Le strade per arrivare alla casa, le fognature, le condutture del gas e dell'acqua, i pali del telefono, quelli della luce,gli spazzaneve quando nevica, i vigli del fuoco se s'incendia..... cose così


id=quote>id=quote>

 

la regola c'e' e si rispetta. Ma buona parte delle cose citate sono pagate (e le cifre sono complessivamente molto sapide) con gli oneri di urbanizzazione e di costruzione.

 

Ciao

Stefanino


id=quote>id=quote>

 

Il discorso era rivolto alle imposte nel loro complesso....di cui quella citata fa parte e che servono, nel loro complesso, ad erogare servizi.

Poi lo so anch'io che di fatto quella che si paga in quella transazione non serve specificamente a quanto indicato da me.


id=quote>id=quote>

 

Gli oneri di urbanizzazione sono quegli oneri che il comune ti carica per (lui comune) urbanizzare l'area....strade, dotti, fognatura.....

 

Era solo per segnalarti che l'elenco e' improprio.

 

Poi tu giustamente ne fai un disoso generale....io un po' meno perche' a mio parere sarebbe anche giusto che la tassazione della casa che insiste in un comune andasse proprio al comune.

 

A me sta storia del pentolone non mi piace per niente.

Si ottiene la piu' totale deresponsabilizzazione dell'amministratore e si coltiva il connaturato scarso rispetto del cittadino nei confronti della cosa pubblica.

 

Ciao

Stefanino

 

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
stefanino

quote:

quote:

E perchè uno che compra una casa dovrebbe pagare il 3 o il 10% allo stato?

Il venditore mette la casa, il compratore i soldi... lo stato cosa mette in cambio del suo 10%

 

P


id=quote>id=quote>

 

E io che ho dato il 10% a quale categoria appartengo?

 

Cordiali saluti.

 

Michele

 


id=quote>id=quote>

 

 

forse a quelli che una prima casa agevolata al 3% l'hanno di gia' quindi "ricchi o assimilati"?*

 

Ciao

Stefanino

 

* uno che ha due case e' ricco?

Spesso no ma e' "assimilato" quindi .......

 

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
stefanino

quote:

quote:

quote:

quote:

E perchè uno che compra una casa dovrebbe pagare il 3 o il 10% allo stato?

Il venditore mette la casa, il compratore i soldi... lo stato cosa mette in cambio del suo 10%

 

P


id=quote>id=quote>

 

E io che ho dato il 10% a quale categoria appartengo?

 

Cordiali saluti.

 

Michele

 


id=quote>id=quote>

 

 

forse a quelli che una prima casa agevolata al 3% l'hanno di gia' quindi "ricchi o assimilati"?*

 

Ciao

Stefanino

 

* uno che ha due case e' ricco?

Spesso no ma e' "assimilato" quindi .......

 

 


id=quote>id=quote>

 

La risposta dovrebbe essere questa (a parte che non è il 3 ma il 4%) invece ho creduto che un giorno potessi lasciare qualcosa ai figli tenendomi un appartamento vicino al mare e facendo debiti per questo. A pochi giorni dal rogito, oltre all'aliquota del 10% qualcuno ha pensato bene di aumentare l'imposta sul mio debito dell'800%.

 

Se un tale parlava di coglioni evidente pensava a me.

 

Cordiali saluti.

 

Michele

 


id=quote>id=quote>

 

secondo me la tua esperienza andrebbe condivisa per evitare analogo problema ad altre persone.

 

Io non ho grandi proprieta' da lasciare ai figli ma semmai domani mi venisse lo schiribizzo di un'altra casa non sarebbe male conoscere prima i problemi legati a eventyuali donazioni/intestazioni ai figli (immaginando che il nocciolo della questione sia questo)

 

Ciao

Stefanino

 

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
lugano

quote:

quote:

è sempre un altro discorso... già già.

 

E intanto lo stato prende il 49.3% della richezza annua prodotta dagli altri - i cittadini... ehm i sudditi - e lo spende al posto loro. 43% di tasse e 6 e rotti di prestiti giacchè questo stato a cui sembrate tanto felici di delegare le ns spese non è nemmeno capace di spendere quello che raccoglie.

 

Se lo stato usasse le tasse sulla casa per finanziare quelle utili cosucce di cui sopra basterebbe ed avanzerebbe lo 0.1% di tale imponibile. Gli è che ogni occasione è buona per sostituirsi al cittadino ed intervenire con soldi suoi nell'economia facendo cose che libere associazioni di privati cittadini farebbero ad un terzo del costo... non avendo, queste, la necessità di essere elette come le illibere organizzazioni di stato (leggasi parlamenti, parlamentini e relativi nominati della penisola tutta)

 

ciao

P


id=quote>id=quote>

 

Tu hai il mito del privato: legittimo.

Per te il privato funziona sempre Melius.

Mi duole informarti che non è così.

Non mi risulta che , per esempio, i fondi pensione americani forniscano maggiori garanzie di quanto non faccia l'Inps ( che almeno non investe in azioni Enron).

Non mi risulta che le ferrovie o la rete autostradale, da quanto rese private, siano divenute più efficienti e meno care ( semmai l'esatto contrario).

Non mi risulta che i cittadini di Latina abbiano avuto dalla multinazionale Veolia un servizio migliore e tariffe minori.

 

E mi duole ancora di più renderti noto che, lo Stato, non è un'astratta entità, ma è composto dai medesimi cittadini che, a tuo parere, costituendosi in libere associazioni, dovrebbero magicamente far funzionare le cose Melius.

Trattandosi delle medesime persone mi sfugge come ciò possa accadere.

E poi mi sfugge come, dette associazioni, potrebbero fornire il loro servizi anche a chi non presenti un'adeguata capacità economica.

 

Tutto funziona: a patto che ci siano persone, non entità astratte, che abbiano la voglia di farle funzionare.

 

Fatti un giro in nord europa, se ti va.

 


id=quote>id=quote>

 

Te la faccio breve, magari capisci, il nome magico non è "PRIVATO" , il nome arrapante è "CONCORRENZA"... lo stato non ha concorrenza per quello fa il prezzo che gli garba e ti costringe a pagarlo.

Leggiti qualcosa di Murray Rothbart vah.

 

ciao neh

P

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
armanesh

Murray Rothbart

 

---------------------------------------------------------------------

 

Uno degli ispiratori del liberismo americano degli ultimi 20 anni, insieme a Friedman. In pratica,nessuna regola per il mercato e abolizione dello stato in tutte le sue forme

Quelle teorie sono la causa del disastro finanziario di oggi, sopratutto in America. Fortunatamente uno stato ancora c'è altrimenti saremmo nel caos economico totale....

Consiglio di leggerti La coscienza di un liberal di Paul Krugman

 

Armando

 

 

 

Modificato da - armanesh il 28/01/2010 19:46:18

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
lugano

quote:

Murray Rothbart

 

---------------------------------------------------------------------

 

Uno degli ispiratori del liberismo americano degli ultimi 20 anni, insieme a Friedman. In pratica,nessuna regola per il mercato e abolizione dello stato in tutte le sue forme

Quelle teorie sono la causa del disastro finanziario di oggi, sopratutto in America. Fortunatamente uno stato ancora c'è altrimenti saremmo nel caos economico totale....

Consiglio di leggerti La coscienza di un liberal di Paul Krugman

 

Armando

 

 

 

Modificato da - armanesh il 28/01/2010 19:46:18


id=quote>id=quote>

 

chi?? Krugman il neo-keynesiano? Dio ce ne liberi e scampi dai keynesiano, Melius Marx, almeno i rossi facevano finta di pagarti ma tu potevi fare finta di lavorare...

 

ciao neh

O

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
n/a

quote:

 

Te la faccio breve, magari capisci, il nome magico non è "PRIVATO" , il nome arrapante è "CONCORRENZA"... lo stato non ha concorrenza per quello fa il prezzo che gli garba e ti costringe a pagarlo.

Leggiti qualcosa di Murray Rothbart vah.

 

ciao neh

P

 


id=quote>id=quote>

 

Ah già...la concorrenza.

 

In effetti è vero quello che dici: da quando, in Italia, il prezzo della benzina è stato liberalizzato , abbiamo avuto un crollo dei prezzi alla pompa, proprio per l'effetto della concorrenza, e nessuna costituzione di un cartello.

Anche in ambito assicurativo è accaduta la medesima cosa: tariffe RCA auto molto più basse che in passato, tanto che le associazioni dei consumatori hanno gioito.

 

Non ho bisogno di leggere di economisti liberisti, in quanto le loro teorie, ed gli effetti di queste, le vedo tutti i giorni, nei telegiornali, sui quotidiani, tra la gente per strada.

 

Ma forse tu sei uno di quelli che vive di finanza, di quelli che, come in una teoria della meccanica quantistica, crea il denaro dal nulla: una mattina in JP Morgan, un'analista che la sera prima ha scopato come un riccio, sentendosi decisamente felice decide che il titolo XY avrà buone performance nei prossimi 28 secondi.

Il mercato recepisce gioiosamente la notizia e corre a comprare: il titolo schizza, e tu che li avevi in tasca teli vendi e voilà..... non hai fatto un beato cazzo ma ti ritrovi con dei bei soldoni in saccoccia.

 

Ma nella tarda mattinata, l'analista riceve una telefonata dalla sua amante serale, che gli comunica che è finita......

Il povero titolo XY diventa oggetto di underweight e il suo target price precipita....

Ma tu hai venduto....sei felice...

 

Io di Friedman , Murray Rothbart di liberisti e anarco-capitalisti ne ho pieni i maroni.....

 

Certa gente avrebbe bisogno di passare qualche settimana in fonderia a luglio, a cucire vestiti a cottimo, ritrovarsi alle 7 di mattina in un cantiere edile a -5° o in un campo di pomodori il 4 di agosto con 38° sulla testa....

 

Perchè sono tutti lavori che BISOGNA fare: se vuoi magiare la pizza, se vuoi comprarti un auto, se vuoi abitare in una casa...

 

Bisogna FARLI..... possibilmente senza il ricorso alla schiavitù

 

 

 

 

Modificato da - andrealusetti il 29/01/2010 09:18:09

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
gibraltar

Quanto mi sarebbe piaciuto che lo Stato (tutti gli stati) in questa crisi non fosse esistito davvero, come anela qualcuno. Avrei potuto vedere, così, che tutte le principali banche mondiali, campionesse del "liberomercatochesiregolamentadasolo" sarebbero fallite miseramente, non avendo avuto uno stato, e dunque dei contribuenti, che facessero fluire nelle loro ampie tasche fiumi interminabili di quattrini per salvarle dalla crisi. E così anche le industrie dell'auto, e tutte le altre.

Ma com'è che anche nella patria del "libero mercato" per antonomasia, gli USA, l'unica soluzione alla crisi infine è stata quella di mettere capitali pubblici (del tanto odiato Stato tassatore, dunque) nelle attività private? Certo, con differenti modi, tempi e condizioni da stato a stato, ma di quello pur sempre si tratta. Ma il "libero mercato" non doveva risolvere il problema da solo?

 

Buona musica a tutti.

Flavio Bruni.

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
armanesh

Io di Friedman , Murray Rothbart di liberisti e anarco-capitalisti ne ho pieni i maroni.....

 

 

-----------------------------------------------------------------

Si,si, tutti anarcocapitalisti, poi quando scoppia il bubbone da loro generato tutti in fila davanti alla cassa pubblica per cercare di salvare il salvabile.

Strano è? quando va bene si è liberisti ad oltranza e si afferma che lo stato è il peggiore dei mali, poi appena si paventa il collasso diventano tutti dei fedeli di San Keynes. Tutti Keynesiani.

 

Armando

 

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

  • Statistiche forum

    281.674
    Discussioni Totali
    5.874.336
    Messaggi Totali

Facebook

About Melius Club

Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con sede legale e operativa nell’Incubatore certificato Campania NewSteel in Napoli via Coroglio 57/d e codice fiscale 07710391215.

Powered by K-Tribes.

Follow us

×