Jump to content

Up-gradare l'Hi Fi vintage....video interessante direi


Recommended Posts

5 ore fa, ediate ha scritto:

bene, visto che sei così convinto… prendi una coppia di Magnat Transpuls (900 euro); le fai elaborare da Levorato (400 euro) con modifiche fantasiose; posta il risultato qui, ne sarai comunque sicuramente entusiasta. Io preferirei comprare direttamente un diffusore da 1300 euro,  spendere 400 euro per cambiare due metri di filo e tre-quattro condensatori non mi sembra “conveniente”. Nell’evidenziato… “parla”, appunto. Voglio proprio vedere se un costruttore qualsiasi ammette che loro hanno sbagliato e Levorato ha ragione.

 

 

Continui ad attribuirmi convinzioni che non ho espresso; ho usato frasi dubitative, condizionali e congiuntivi, nulla che sia lontanamente accostabile alla convinzione. Hai un problema di comprensione della lingua italiana scritta. Mi dai anche implicitamente del fesso, perchè sei sicuro che io sarei entusiasta di un tuning sulle Transpuls anche in presenza di un risultato scadente. Giova precisare che io non faccio parte della parrocchia che porta a casa un McIntosh e lo definisce "outstanding" solo perchè è un McIntosh. Tu non mi conosci, eppure lo dai per scontato.

Per 400 euro Levorato non cambia solo cablaggi e "tre-quattro" condensatori: tu non hai ascoltato il video per cui non sai che le sue modifiche sono pensate a 4 step, per cui esistono diversi livelli di prezzo per diversi livelli di interventopiù o meno invasivi. 

Ovviamente non conosci nemmeno il concetto di economie di scala. Allora te lo spiego meglio con un esempio. Klipsch, che costruisce i diffusori della serie Heritage, il cui minimo prezzo è 2.500 euro (non 900) per una coppia di Heresy III, è parte di una holding, la VOXX International, che tra gli innumerevoli marchi in portafoglio annovera, oltre a Klipsch, anche Acoustic Research, Advent e Magnat. Potrei andare avanti e dirti che JBL è parte del gruppo Harmann che insieme a tanta roba consumer tiene dentro Infinity, Harman Kardon e Mark Levinson. E' possibilissimo che in un crossover della Heresy trovi dentro componenti di una Transpuls: è il fine ultimo per il quale avvengono mergers and aquisitions. Così come una Audi A4 condivide componenti telaistiche e motoristiche con la Skoda Oktavia. Si è assistito ad una riunificazione in chiave global di una serie di marchi storici che diversamente sarebbero saltati per aria; e per non saltare per aria si condividono linee di produzione, progetti e componenti.

In questa chiave non si tratta di un costruttore che "sbaglia" mentre Levorato "ha ragione": il costruttore adotta dei compromessi per posizionarsi su un target di mercato che non ecceda un determinato livello di prezzo. E' il marketing, bellezza. Il tuning e il mercato della componentistica di pregio aftermarket esiste in tutto il comparto meccanico e  motoristico, e funziona e nessun costruttore di auto o moto si sognerebbe di porsi il problema di chi abbia ragione tra i progettisti interni (che hanno vincoli progettuali di spesa) e quelli di MIVV, Remus o Akrapovic: non si capisce perchè non potrebbe esistere nel comparto audio.

Non sono nè parente nè amico di Levorato, ma osservo che è un professionista da 40 anni nel settore che gode di ottima reputazione e di cui tu, con ogni probabilità, nemmeno avrai sentito parlare: eppure sei offensivo nei suoi confronti. 

La tua è la classica spocchia dell'audiofilo "ortodosso", ancorato a principi e convinzioni culturali obsolete che non tengono conto del panorama della produzione Hi-Fi attuale, e che non esita perfino ad insultare dimostrando chiusura aprioristica nei confronti di professionisti, per giunta di lungo corso, che propongono qualcosa di innovativo nel tentativo di aprire questo mondo ad un numero maggiore di potenziali appassionati.

 

 

 

  

 

Link to post
Share on other sites

@ediate facciamo così: non mi taggare più.

In un social tradizionale io ti avrei già bannato; purtroppo qui non posso farlo. Allora ti prego gentilmente di non chiamarmi più in causa perché, oltre ad avere problemi di comprensione di un testo scritto, non sei assolutamente in grado di sostenere un dialogo normale ed equilibrato senza attribuire oltretutto al tuo interlocutore atteggiamenti esclusivamente tuoi. 

Non sono in alcun modo interessato a scambiare ancora opinioni con te.

Link to post
Share on other sites
4 ore fa, P_rover ha scritto:

perchè si parla di vintage e di transplus allo stesso tempo? Le transplus non mi sembrano affatto vintage, e anzi, se necessitano di un "upgrade" già da nuove mi viene da pensare che non siano così buone come le spacciano.

Sono congetture anche le mie

Infatti le Transpuls non sono vintage e credo non lo saranno mai. Diffusori come le Transpuls e tanti altri sono soggetti a vincoli progettuali guidati dai costi. Torniamo all'esempio dello scarico Akrapovic su una moto di produzione di serie: migliora, anche se marginalmente, la curva di coppia, dà uno o due cavalli in più e migliora il sound. Come mai KTM o Honda (per fare due esempi) non montano ab origine uno scarico con quelle caratteristiche? Non perché sia sbagliato il progetto, ma perchè hanno un vincolo di ottimizzazione e minimizzazione dei costi.

 

4 ore fa, P_rover ha scritto:

Un conto è stravolgere un diffusore cambiandone praticamente tutti i componenti, altoparlanti compresi. Allora qui si parla di trasformazione, non di upgrade, e la cosa non mi piace e non mi  interessa.

Dipende da quanto è invasivo l'intervento: non è detto che si debba stravolgere un diffusore. Ad ogni modo esiste il DIY nell'audio. 

4 ore fa, P_rover ha scritto:

Al di là del discorso di essere più o meno bravi nelle modifiche. Anche perchè son tutti buoni a modificare a posteriori, pochi hanno le palle di progettare e costruire in autonomia

Levorato è un progettista e realizzatore di diffusori. 

Link to post
Share on other sites
1 ora fa, transcriptor ha scritto:

Le difficoltà nel Considerare un upgrade esiste in misura del fatto che un parametro di riferimento x ciò che è corretto non esiste.

in audio ha più valenza ciò che piace che è di natura individuale è per questo che si fanno congetture in mancanza di certezze.

Assolutamente d'accordo. Per quanto mi riguarda metterei queste due tue frasi in bella e permanente evidenza nella homepage del forum. E' il motivo per il quale il giudizio deve passare necessariamente per l'ascolto.

Link to post
Share on other sites
35 minuti fa, Bruce Wayne ha scritto:

Diffusori come le Transpuls e tanti altri sono soggetti a vincoli progettuali guidati dai costi.

vero, ma il mio discorso è che se cerco un diffusore senza risparmi e votato alla massima perfomance non compro una transplus, ma cerco ben altro, magari di un progettista cha lavora su piccoli quantitativi di prodotti ma trattati con il massimo della cura. Magari Levorato li produce.

Se invece cerco un diffusore economico ma con determinate caratteristiche allora potrei pensare alle transplus. 

Si tratta di due categorie differenti di prodotto. Un po' come paragonare una Ducati Superleggera con una CBR... 

49 minuti fa, Bruce Wayne ha scritto:

Dipende da quanto è invasivo l'intervento: non è detto che si debba stravolgere un diffusore. Ad ogni modo esiste il DIY nell'audio. 

Beh ma qui siamo in Vintage Room, dove siamo appassionati di robe vecchie, muffose e possibilmente originali. 🙂

Io sono per un approccio che non stravolga l'oggetto originale. Cambiare altoparlanti su un diffusore vintage non lo concepisco. Il DIY va in direzione opposta... 

 

Infine, non volevo certo sminuire la persona e l'operato di Levorato. Volevo solo dire che con il senno di poi sono bravi tutti a criticare e trovare difetti, senza avere a che fare con problemi di budget su grande scala e ottimizzazione dei costi. E relativamente al discorso vintage c'è da tenere in considerazione che ai tempi non esistevano condensatori come quelli attuali e uno sviluppo tecnologico dei materiali utilizzati.

 

PS: se dovessi montare uno scarico racing monterei un Termignoni 😛 

Link to post
Share on other sites

questi hanno visto che il mercato vintage fa girare parecchi euro,ci sono dei prodotti che se li acquisti a 900 euro è un affare ,vedi sansui au 9500,mentre prima ,non tanto tempo fa con 400 euri te lo portavano sotto casa,vedi anche yamaha 2010 o altro,questo è business,che senso ha modificare o cambiare i componenti originali prendiamo boston A150,posso capire rimordenizzare il crossover o i cavi ma cambiare i driver boh

 

Link to post
Share on other sites
3 ore fa, P_rover ha scritto:

ma il mio discorso è che se cerco un diffusore senza risparmi e votato alla massima perfomance non compro una transplus, ma cerco ben altro, magari di un progettista cha lavora su piccoli quantitativi di prodotti ma trattati con il massimo della cura

E' proprio questo il nodo principale della questione: un diffusore senza risparmi e votato alla massima perfomance non è alla portata di tutti. Ecco perchè ritengo l'approccio di Levorato interessante in quanto inclusivo. Un CBR è alla portata di una platea più vasta di potenziali appassionati che poi ci fanno magari del tuning.

 

3 ore fa, P_rover ha scritto:

PS: se dovessi montare uno scarico racing monterei un Termignoni 😛

Preferisco i MIVV, miei corregionali di nascita: suonano da dio. 

 

 

Link to post
Share on other sites

Farò presto

Secondo me l'errore sta nel fare un distinguo,nel senso che questa discussione la vedo più idonea nella sezione Fine Tuning anziché in "vintege room".Al di là del parere personale che rimane quello di non  "stravolgere " alcun progetto originale tranne qualche condensatore "rigenerante" nei crossover.Da appassionato del vintage non sono disposto a modificare un altoparlante o un macinino del caffè e considerarlo "originale".Il video non l'ho visto e non intendo vederlo  perchè diffido  della divulgazione a scopo di lucro,lo so è un mio difetto ma è anche la mia opinione pur rispettando l'altrui...

Link to post
Share on other sites

A proposito di upgrade va detto però che i progettisti dell'epoca usavano i materiali che si trovavano allora, dovevano stare entro certi limiti di budget, almeno per quanto riguarda i prodotti economici e progettavano secondo la mentalità del tempo, quindi niente cavi speciali e connettori dorati, almeno fino agli anni '80.

Link to post
Share on other sites
  • Moderators

@Paolo 62  I connettori passino pure (il fatto che siano dorati forse e dico forse può migliorare la conduttività) ma inserire dei cavi che a conti fatti si comportano come equalizzatori in un sistema progettato per funzionare con una coppia di normalissimi cavi in rame a mio parere non ha senso (e comunque snatura il progetto)

Link to post
Share on other sites

@oscilloscopio Il fatto è che i cavi equalizzatori non dovrebbero esistere. Se un cavo "esoterico" trasmette meglio il segnale ben venga ma niente di più. Personalmente sostituirei i componenti fuori specifica del filtro con altri simili ma lascerei stare i cavi a meno che non siano sottili come capelli e do ragione ad appecundria quando parla di altoparlanti degradati dal tempo. In questo caso non interverrei a meno di guasti.

Link to post
Share on other sites

Stiamo sempre lì.Se cambi i fili gli altoparlanti i crossover,non fai prima a cambiare i diffusori se i tuoi sono diventati un cesso?Ho avuto delle Dynaco a 25,la serie migliore,e suonavano da dio a distanza di 50 anni,con 400 euro cosa sarebbero potute diventare?Cosa mi sono perso!...

Link to post
Share on other sites

Non intendo offendere nessuno ma solo esprimere la mia opinione: credo che un buon diffusore dopo tot decenni possa necessitare di una manutenzione a x-over (condensatori, gomme ecc ecc). Io personalmente non cambierei wf o tw per provare un upgrade, piuttosto preferisco cambiare diffusore. Poi uno è libero di fare cambi di altoparlanti o dare mandato ad altri di farlo, ma mi sembrerebbe una sorta di accanimento terapeutico. Se mi piace lo tengo così (magari rinfrescato) se voglio provare sonorità diverse posso prendere altri diffusori e così fare confronti diretti e poi scegliere cosa si adatta meglio ai miei gusti del momento. Ma nessuno vieta di fare dei Frankenstein (termine che non vuole essere dispregiativo) se si ha voglia di farlo👋

Link to post
Share on other sites

Buongiorno a tutti. Vorrei chiedere per favore un consiglio a chi ha , o ha avuto , esperienza nel ricablaggio dei diffusori. Ho una coppia di rogers studio 1 , il crossover è già stato aggiornato da un costruttore / riparatore nel campo hi-fi. Ora vorrei sostituire i cavi interni e vorrei farlo io, il saldatore lo so usare e non mi sembra un'operazione difficile. Devo solo capire quali cavi usare che siano adeguati al tipo di diffusore  senza spendere cifre esagerate. Scelto un certo cavo lo posso usare identico per tutti i collegamenti : tweeter, woofer e supertweeter? Nel diffusore , attualmente, i cavi sono di sezione più piccola per tweeter e supertweeter e sezione maggiore per woofer e collegamento ai morsetti posteriori. grazie

Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now



  •  

  •  

  •  

  •  

×
×
  • Create New...

You seem to have activated a feature that alters the content of pages by obscuring advertisements. We are committed to containing advertising to the bare minimum, please consider the possibility of including Melius.Club in your white list.