Vai al contenuto
  • Annunci

    • K-Tribes Team

      Problemi di login?   31/12/2017

      Scrivici usando il tasto [Contatti] in alto sulla destra.
paolosances

Kenwood Basic M2 A

Messaggi raccomandati

paolosances

Valido 220 rms x 2, o meglio lasciarlo nell'oblio dell' hifi?

Costava davvero  4.200.000 quando è andato fuori produzione?

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
tiromancino

un classe G che si siede sotto i 4 ohm ?

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
maxviti

E' valido, spinge bene e molto dettagliato, se gli affianchi un buon pre va una bellezza il suo non è un granchè, però il prezzo che hai messo mi sembra esagerato, io pagai l'accoppiata Basic C2A M2A 2.800.000 lire, lo confrontai con il finale Pioneer M 90 e con un Yamaha di cui non ricordo la sigla, ma mi piacque di più il Kenwood. Ora riposa nel garage di mio fratello in attesa di essere riesumato ma èl stato un bell'acquisto e non mi ha fatto mai rimpiangere i soldi spesi. Poi dipende se già è in tuo possesso o lo devi acquistare, a qual punto vedere se la cifra richiesta è congrua.

 

Massimo

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
maxviti
un classe G che si siede sotto i 4 ohm ?

Classe G? credo sia un classe B. Sinceramente non l'ho mai provato con diffusori notoriamente difficili da pilotare, ma le mie sono 4 Ohm e avevo dei diffusori autocostruiti con altoparlanti Dynaudio, Midwoofer 15W75 e Tweeter D28AF tutti 4Ohm, non l'ho mai visto andare in crisi.

 

Massimo

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
tiromancino
un classe G che si siede sotto i 4 ohm ?

Classe G? credo sia un classe B. Sinceramente non l'ho mai provato con diffusori notoriamente difficili da pilotare, ma le mie sono 4 Ohm e avevo dei diffusori autocostruiti con altoparlanti Dynaudio, Midwoofer 15W75 e Tweeter D28AF tutti 4Ohm, non l'ho mai visto andare in crisi.

 

Massimo

classe B  con due rail di alimentazione ?

 

mah !

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
maxviti

classe B  con due rail di alimentazione ?

 

mah !

Ti prego di scusarmi, non sono un tecnico, ma che sono i "rail di alimentazione"? Giuro che non lo so davvero.

 

Massimo

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
TheoTks

Se si sieda non saprei, ma sembra proprio un class "G"

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
tiromancino

L' M2A  ha una doppia alimentazione duale

 

56+56  Volt

 

e

 

91+91 Volt

 

La qual cosa lo mette di diritto nella classe G con tutti i vantaggi e  ... svantaggi

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
maxviti

Vabbè, credo sia come dite voi, io non sono un tecnico e l'ho preso solo perchè mi piacque quando lo ascoltai, ricordo di una recenzione su di una rivista (Suono? Stereoplay? Boh non ricordo) e forse ho parlato di classe B perchè devo averlo letto da qualche parte ma forse mi sbaglio. Comunque tuttora credo che possa dire la sua, non è un prodotto caro sull'usato e per pochi soldi porti a casa un signor finale.

 

Massimo

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
tiromancino

imho, sta bene in cantina dove lo hai lasciato

 

r.i.p.

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
maxviti
in rete qlc si è presa la briga di calcolare il valore dell'impedenza che fa scattare le protezioni :

 

6,4 ohm .

 

Lo stesso utente per descrivere il valore del fattore di smorzamento usa il termine " pedestre"

 

http://www.diyaudio.com/forums/solid-state/34934-kenwood-basic-m2-intriguing-circuitry-4.html

Non so se cambia qualcosa ma qui si sta parlando del M2A e non del M2, e comunque appena possibile lo tiro fuori dal garage, non lo lascerò marcire li, sono troppo sentimentale, l'ho messo li solo per mancanza di spazio, ora che lo spazio c'è lo faccio resuscitare e per sfizio devo provare se mi da problemi con casse difficili, ho la possibilità di provare le B&W 802D a casa di un caro amico, devo andarci per sentire il suo impianto HT, quasi quasi lo prendo e lo porto e vediamo quello che succede ;) L'unica cosa che cambierò è il pre che non mi ha mai convinto.

 

Massimo

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
tiromancino

M2A , corretto .

 

Una considerazione finale .  Il valore di targa dell'assorbimento dalla rete elettrica è di 500watt.

 

Considerando che la classe G ha un notevole rendimento ma cmq inferiore all' 85%

 

diciamo che sono 425watt da dividere per due

 

ovvero 210 watt per canale  

 

e questo dato se va bene per gli 8 ohm  ,

 

tale resta anche per i 4 ohm ... 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
TheoTks
in rete qlc si è presa la briga di calcolare il valore dell'impedenza che fa scattare le protezioni :

 

6,4 ohm .

 

Beh... a ponte; e con uno swing elevatissimo, è comprensibile.Ciao.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Libra
in rete qlc si è presa la briga di calcolare il valore dell'impedenza che fa scattare le protezioni :

 

6,4 ohm .

 

Lo stesso utente per descrivere il valore del fattore di smorzamento usa il termine " pedestre"

 

http://www.diyaudio.com/forums/solid-state/34934-kenwood-basic-m2-intriguing-circuitry-4.html

Non so se cambia qualcosa ma qui si sta parlando del M2A e non del M2, e comunque appena possibile lo tiro fuori dal garage, non lo lascerò marcire li, sono troppo sentimentale, l'ho messo li solo per mancanza di spazio, ora che lo spazio c'è lo faccio resuscitare e per sfizio devo provare se mi da problemi con casse difficili, ho la possibilità di provare le B&W 802D a casa di un caro amico, devo andarci per sentire il suo impianto HT, quasi quasi lo prendo e lo porto e vediamo quello che succede ;) L'unica cosa che cambierò è il pre che non mi ha mai convinto.

 

Massimo

Se puoi, ridagli la prima tensione con un variac.

 

Libra

 

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
tiromancino
Beh... a ponte; e con uno swing elevatissimo, è comprensibile.Ciao.
con un tasfo da 500 watt , si siede a 4 ohm 

 

oppure appena sotto gli 8  se a ponte

 

 

ps : a parte i finali del kaiser  che si ritrova ( accoppiati nello stesso contenitore)

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
TheoTks
 
con un tasfo da 500 watt , si siede a 4 ohm 

 

oppure appena sotto gli 8  se a ponte

 

 

ps : a parte i finali del kaiser  che si ritrova ( accoppiati nello stesso contenitore)

I classe g hanno il vantaggio di avere una buona riserva di potenza istantanea, per questo sono dotati di un secondo scalino piuttosto elevato; questo però, fa si che non siano indicati per prestazioni molto gravose (o, almeno, così la vedo io); conosco bene il Soundcrafsmen ma5002 (abbastanza somigliante, e sempre classe g)  che, per l'uso hifi casalingo, non era affatto male.

 

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
maxviti

Se puoi, ridagli la prima tensione con un variac.

 

Libra

 

 

Lo devo far fare da mio padre, non è pane per i miei denti, ma sicuramente non lo accendo alla cieca.

 

Massimo

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
tiromancino

I classe g hanno il vantaggio di avere una buona riserva di potenza istantanea, per questo sono dotati di un secondo scalino piuttosto elevato; questo però, fa si che non siano indicati per prestazioni molto gravose (o, almeno, così la vedo io)

è sempre ua questione di dimensionamento .  In PA la fanno da padrone da anni

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
TheoTks

 

è sempre ua questione di dimensionamento .  In PA la fanno da padrone da anni

Ah si; sono d'accordo, ma non è certo il caso di un 200W alimentato a 91+91

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Libra

Ma in che posizione sono messi i disposittivi finali? :-/

 

1311351339_21072011136.jpg

 

Libra

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
tiromancino

oltre la posizione  superiore ( rispetto all'aletta di raffreddamento)  che riduce la capacità del raffreddamento ,

 

è poco igienico che quelle basette  vengano rette dalle sole saldature dei piedini dei finali

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
TheoTks

Matteo,perche?  non ti garbano dove sono ?

 

 

Ma in che posizione sono messi i disposittivi finali? :-/

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
TheoTks

Osservandolo Melius, non è un classe g "classico"; mentre nel classe g, i finali vengono "sovralimentati" con l' ampiezza dell 'inviluppo , qui ci sono 2 coppie di finali distinti per ogni ramo di alimentazione, però non ho ancora capito come avvenga la commutazione...va be' vedremo Melius domattina.

Ciao.

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Libra
Matteo,perche?  non ti garbano dove sono ?

Chiedevo chiedevo, perchè è la prima volta che vedo

un finale con una disposizione del genere dei dispositivi finali.

 

Spero non ti sia arrabbiato :-(

 

Saluti,

 

Libra

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
tiromancino
Osservandolo Melius, non è un classe g "classico"; mentre nel classe g, i finali vengono "sovralimentati" con l' ampiezza dell 'inviluppo , qui ci sono 2 coppie di finali distinti per ogni ramo di alimentazione, però non ho ancora capito come avvenga la commutazione...va be' vedremo Melius domattina.

Ciao.

309psn4.jpg

 

 

questo è lo schema classico introdotto dalla Hitachi .

Esistono alcune variazioni che riguardano l'alimentazione dei pilota ,

ma lo schema dei finali resta invariato . Questa è la classe G .

 

In taluni libri è proprosta come classe H , ma secondo Self Douglas non è corretto 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
TheoTks

@tiromancino

Si, quello che hai postato è il classe g come lo conosco io; quello che volevo dire è che il Kenwood in questione ha uno schema che non richiama proprio quel classe g:

 

abc1h.jpg

 

Come si può vedere le uscite dei finali-tensione-bassa e dei finali-tensione-alta sono in parallelo;  sembra ovvio che, per avere un qualche vantaggio, i 2 gruppi di  finali devono commutarsi a un certo livello dello swing, ma lo schema diviso in due, non aiuta a capire.

 

@Libra

Non vedo proprio il motivo per cui debba arrabbiarmi; era una battuta..

 

Ciao

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
qcieri

La Kenwood chiamava questo circuito "Super DLD", come un'evoluzione della precedente circuitazione DLD (utilizzata, credo, nel Basic M1).

 

Anche secondo me lo schema non è un classe G 'puro' nonostante vengano utilizzate, come nella classe G, due coppie di finali (la classe H ne utilizza una sola, alimentata a due tensioni differenti che si commutano tra una e l'altra in funzione del segnale di ingresso).

 

Ho messo qui le pagine del service manual dove viene spiegata la teoria del funzionamento (per politica della casa madre non possiamo distribuire i service manual o parte di essi al di fuori della rete di assistenza autorizzata, ma faccio volentieri un'eccezione perché in questa sede stiamo facendo divulgazione didattica):

 

http://www.cieri.net/temp/BASIC_M2A_Circuit_Explanation.pdf

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
TheoTks

Ringrazio Quirino per aver chiarito la cosa (nel caso è proprio divulgazione didattica)

 

Per le classi oltre la "C" , è storia vecchia che non si sia potuto contare in definizioni univoche; io ho sempre creduto (ma posso anche aver sempre sbagliato :)   ) che la classe g e la classe h differissero solo per il tipo di commutazione   o pilotaggio deila tensione più alta ( a scalino la G e coerente col segnale,sopra la soglia, la H).

 

Grazie ancora per il testo.

 

Ciao.

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
qcieri

Infatti prima di scrivere ho preferito dare una 'rispolverata' alla teoria delle classi di funzionamento degli amplificatori ed ho trovato in archivio un bell'articolo pubblicato su Radio Electronics di ottobre 1977.

 

Qui si spiega che la Hitachi chiamò la sua circuitazione "Classe G", poi la Soundcraftsmen ne sviluppò una variante dove la coppia (o le coppie) di finali aveva un solo ramo di alimentazione 'variabile' e la chiamò "Classe H".

 

Ecco uno schema di base pubblicato dalla rivista ed una bella foto all'oscilloscopio, dove si vede chiaramente come la tensione di alimentazione dei finali segua l'andamento del segnale da amplificare, passando al valore superiore della tensione quando necessario:

 

Classe_H_1.jpg

 

Classe_H_2.jpg

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

  • Statistiche forum

    281.355
    Discussioni Totali
    5.848.869
    Messaggi Totali

Facebook

About Melius Club

Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con sede legale e operativa nell’Incubatore certificato Campania NewSteel in Napoli via Coroglio 57/d e codice fiscale 07710391215.

Powered by K-Tribes.

Follow us

×