Vai al contenuto
  • Annunci

    • K-Tribes Team

      Problemi di login?   31/12/2017

      Scrivici usando il tasto [Contatti] in alto sulla destra.
specchio

Domotica.

Messaggi raccomandati

specchio

Salve a tutti.

Chi di Voi ha esperienze in merito?

Ho messo le mani su una rivista specializzata e sto vedendo cose fantastiche, ma forse mi sto entusiasmando troppo.

Possedete sistemi di automazione/gestione/programmazione di impianti domestici?

A che livelli di costo siamo? E ne vale la pena?

Ditemi Voi.

Grazie.

Giancarlo Specchio.

(Se fosse piu' logico trasferire il 3AD in RA o altrove, nessun problema.)

 

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
briandinazareth

se sei uno un po' smanettone riesci a mettere su impianti notevoli con spesa contenuta...

altrimenti costa molto caro

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
bastiano

lavoro con AMX (meno con Crestron)

ci puoi fare tutto che vuoi, nel senso che qualunque oggetto con funzionalità elettroniche o elettromeccaniche può essere controllato, via Wi-Fi da un tablet  oppure Android o IPad/iPhone o anche custom purchè
sia interfacciato con un dispositivo di gestione  opportunamente dimensionato nel numero di porte: (RS232/485/DMX/RJ45/IR/Blutoot ecc.) 

scenario minimo: home theater 
Pre decoder/ lettore Bluray/ proiettore/ schermo motorizzato o monitor con elevatore da incasso

 

le elettroniche sono connesse in RS232 ( bisogna disporre dei protocolli), lo schermo a interruttori on/of

si programmano/disegnano i menu ( e sottomenu) di controllo e si comanda il tutto con un Ipad o galaxy

scenario fico
oltre ai controlli del primo scenario
si aggiungono: le tende motorizzate, le tapparelle blindate, quelle a rullo oscuranti
i teleruttori delle luci di cortesia, i dimmer delle lampade a incandescenza e i controlli
DMX delle luci a LED RGB.

Si possono collegare:
il termostato del clima  
il collettore del riscaldamento a pavimento
l'erogatore di essenze
la piastra riscaldante la moka con il caffè preparato che si accenderà (e spegnerà) all'ora stabilita
un ricevitore con SIM per i messaggi  SMS o messaggi vocali
per accendere il riscaldamento e riempire la vasca dell'idromassaggio 
quando il proprietario scende dall'aereo oppure sta a 100Km da casa
e fa partire la musica preferita appena digita la combinazione sulla chiave di casa

poi... 
spazio alla fantasia

configurazione minima
da 3500 a 5000 euro 
centrale AMX
collegamenti ai dispositivi
access point
programmazione menu

(tablet escluso)

scenario fico
da 6/7000 a 12/15000

ormai tutti i dispositivi (decoder, matrici, lettori seri, proiettori, Nas, ecc hanno interfacce RS232)
in ditta abbiamo lavorato con Panasonic Denon Maranz Onkyo Sony..
e posso dire che Onkyo ha una sofisticata gestione via RS232 molto più spinta del telecomando IR in dotazione

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Esprit

Io ho un ottimo sistema domotico tutto implementato vocalmente: mi alza ed abbassa le tapparelle, accende e spegne le luci, regola la caldaia, mi accende e spegne l'impianto audio video.  :D

Ovviamente mi fa pure il caffè >:D<

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
bastiano
Io ho un ottimo sistema domotico tutto implementato vocalmente: mi alza ed abbassa le tapparelle, accende e spegne le luci, regola la caldaia, mi accende e spegne l'impianto audio video.  :D

Ovviamente mi fa pure il caffè >:D<
solo il caffè?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Esprit
Pure, non solo...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
albrt
Io ho un ottimo sistema domotico tutto implementato vocalmente: mi alza ed abbassa le tapparelle, accende e spegne le luci, regola la caldaia, mi accende e spegne l'impianto audio video.  :D

Ovviamente mi fa pure il caffè >:D<
Anche io e cucina pure! Si chiama Stefania. ;-)

 

Alberto

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Esprit

La mia la chiamo io...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
specchio

Grazie, Bastiano.

 

Mi stai aprendo un mondo!

Molto interessante.

Giancarlo Specchio.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
bastiano

in ambito illuminazione una vera rivoluzione è  introdotta da Philips

col suo Dynalite  che lavora in simbiosi con AMX

novità in casa AMX 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
specchio
in ambito illuminazione una vera rivoluzione è  introdotta da Philips
col suo Dynalite  che lavora in simbiosi con AMX



novità in casa AMX 


CHE SPETTACOLO!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
mozarteum

Specchio, questo e' un forum di bicamere dove se accendi lavatrice e stereo insieme salta la corrente e tu chiedi di domotica...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ale

Io per ora sono fermo all'accensione remota del riscaldamento per la casa in montagna... :-)

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
specchio
Specchio, questo e' un forum di bicamere dove se accendi lavatrice e stereo insieme salta la corrente e tu chiedi di domotica...

Già, hai ragione.

Affascinante, però.

Vabbè, come non detto.

Cordiali saluti.

Giancarlo Specchio.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
bastiano

al di là dell'aspetto ludico, che ha la sua importanza ma non è strategica per la diffusione di queste tecnologie

vi sono fattori di grande interesse sul piano energetico
un impianto elettrico cablato a BUS in BT bassa tensione e asservito un quadro di zona  gestito in KNX 
permette di ridurre di molto la lunghezza dei conduttori di potenza
(tutto il resto è fatto con doppino o UTP oggi il cavo più economico disponibile)
vi sono corpi lampada o binari tipo DALI che si autoregolano in funzione della programmazione e/o di situazioni d'uso
un classico esempio è lo spegnimento delle luci appena la stanza rimane vuota
Un risparmio moltiplicato per le milioni, miliardi, di stanze abitative, uffici, corridoi, vani scale ecc. provocherà l'abbattimento dei consumi per illuminazione
se poi si migrerà verso la fluorescenza ed il LED i consumi caleranno ancora

Identico discorso per le regolazioni del clima, in ragione dell'affluenza, della temperatura nelle varie zone ecc.

sul piano pratico di impiego della domotica nelle istituzioni
ormai le nuove aule universitarie vengono gestite con pannelli
pre-impostati  videoproiezione, amplificazione, regolazione volume, schermo, microfoni wireless ecc.
ogni docente, se non è proprio invornito, è in grado di avviare la sua comunicazione senza assistenti 

 

(una volta ci hanno chiamato per un intervento urgente perchè non riuscivano ad accendere un proiettore Sanyo,

in mezz'ora eravamo lì ed erano in tre che stavan armeggiando con un telecomando JVC)

Con la domotica - questo non succede: premi sul pannellino nella cattedra il bottone VPH e l'apparato si accende e si posiziona su VGA, colleghi la presa del notebook . il jack audio se serve e tutto a posto.

l'unica cosa  che non può fare la domotica  è selezionare la porta VGA secondaria sul notebook, cosa che mette in crisi molti (quasi tutti) i docenti  perchè al proiettore non arriva il segnale

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
gug74
al di là dell'aspetto ludico, che ha la sua importanza ma non è strategica per la diffusione di queste tecnologie

vi sono fattori di grande interesse sul piano energetico
un impianto elettrico cablato a BUS in BT bassa tensione e asservito un quadro di zona  gestito in KNX 
permette di ridurre di molto la lunghezza dei conduttori di potenza
(tutto il resto è fatto con doppino o UTP oggi il cavo più economico disponibile)
vi sono corpi lampada o binari tipo DALI che si autoregolano in funzione della programmazione e/o di situazioni d'uso
un classico esempio è lo spegnimento delle luci appena la stanza rimane vuota
Un risparmio moltiplicato per le milioni, miliardi, di stanze abitative, uffici, corridoi, vani scale ecc. provocherà l'abbattimento dei consumi per illuminazione
se poi si migrerà verso la fluorescenza ed il LED i consumi caleranno ancora

Identico discorso per le regolazioni del clima, in ragione dell'affluenza, della temperatura nelle varie zone ecc.

sul piano pratico di impiego della domotica nelle istituzioni
ormai le nuove aule universitarie vengono gestite con pannelli
pre-impostati  videoproiezione, amplificazione, regolazione volume, schermo, microfoni wireless ecc.
ogni docente, se non è proprio invornito, è in grado di avviare la sua comunicazione senza assistenti 

 

(una volta ci hanno chiamato per un intervento urgente perchè non riuscivano ad accendere un proiettore Sanyo,

in mezz'ora eravamo lì ed erano in tre che stavan armeggiando con un telecomando JVC)

Con la domotica - questo non succede: premi sul pannellino nella cattedra il bottone VPH e l'apparato si accende e si posiziona su VGA, colleghi la presa del notebook . il jack audio se serve e tutto a posto.

l'unica cosa  che non può fare la domotica  è selezionare la porta VGA secondaria sul notebook, cosa che mette in crisi molti (quasi tutti) i docenti  perchè al proiettore non arriva il segnale

Come ti capisco!

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
mozarteum

A me basterebbe che funzionasse il citofono

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Esprit

Si ma alla fin fine: la SPA l'hai attivata?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
specchio

Domanda specifica:

esistono applicazioni anche nel settore sicurezza domestica, antifurti, telecamere, sistemi di allarme?

Grazie.

 

Giancarlo Specchio.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
bastiano

tutte le centrali allarmi che non hanno protocolli proprietari hanno la possibilità di trasferire i dati ad una centrale Crestron o AMX per gestire dalla stessa consolle attivazioni e programmazioni

Si possono definire nel tablet le modalità di protezione: solo giardino, perimetrale, p.e di notte si può allarmare solo una parte della casa (PT) e lasciare il reparto notte libero.
al mattino l'allarme automaticamente si disattiva parte la sveglia con l'MP3 preferito, si  riempie la vasca e dopo 10 min accende il caffè ed il fornetto con le brioches 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
gianp

trovo le possibilità offerte dalla domotica molto affascinanti, ma non sono ancora sicuro che in ambito domestico, alla fine, il gioco valga la candela.

io ho da poco fatto installare due sistemi (Eyeon a milano e Lutron in montagna) e aldiilà di cose divertenti (infinite possibilità di variare l'ambiente con illuminazioni diverse), comode (comandare le luci con il telecomando del tv o caldaia, antifurto, centralina meteo, etc in remoto via web) ed esteticamente appaganti (poche ed eleganti placche al posto di n pulsantiere) penso di usare meno del 20% delle potenzialità di questi sistemi.

alla fine a me l'idea di riempire la vasca da bagno dall'ufficio per trovarla piena quando arrivo a casa mi pare una cazzata...

gianp

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
bastiano
potrei essere d'accordo, io manco ho l'aria condizionata
(per 30 giorni di caldo l'anno basta un ventilatore)

Forse la metterò con il fotovoltaico.

ci sono, però, piccole comodità che, per gesti ripetuti ogni giorno migliorano la vita
svegliarsi d'inverno e trovare l'acqua alla temperatura giusta, soprattutto se l'ambiente non è a 23 gradi, 
pare una cazzata .... ma se te la godi ogni giorno cambia la musica

è come il cancello elettrico che evita di scendere dall'auto e bagnarsi se piove, o no?

uguale è sfruttare tutta l' illuminazione naturale fino a quando le luci elettriche si attivano gradualmente per darti i 200 lux necessari per lavorare.

o vedere in un istante sul tablet le telecamere in camera dei bambini mentre si pestano

sui vantaggi nell'home Theater è superfluo dissertare ... un unico telecomando per tutto, anche per la play list e la filmografia 

già adesso il 50% degli impianti elettrici viene eseguito in tecnologia BUS
solo che gli elettricisti, con la scusa della novità la fanno pagare di più o preferiscono il tradizionale 
(c'è più manodopera grezza) 
appena nuove generazioni di impiantisti prenderanno posto ai vecchi (di mentalità)
ci sara una rivoluzione alla quale si adegueranno anche le case produttrici
non solo le solite ABB, Gewiss, Vimar, Ticino, AVe ecc ma quelle dell'oriente che, fiutato il business
proporranno prezzi e prodotti competitivi

basta guardare cosa è successo con gli allarmi da casa o con i kit videosorveglianza da 350€ 4 TLC +video registratore

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Tiggy

Molto interessante, ma - forse non ho capito come funzionano questi sistemi ma - (mi) chiedo quali siano però le controindicazioni rispetto al problema dell'inquinamento da onde radio o - volendo/potendo evitare il wireless - dei cablaggi...

Giusto ieri ho definitivamente pensionato il mio vecchio modem/router che non aveva il tasto di disinserimento del wi-fi ed irradiava la casa. E' stato  possibile perché posso ovviare con un paio di cavi in canaline esterne e l'attivazione del wi-fi solo quando serve; ma in una casa interamente gestita da questi sistemi è possibile fare a meno del wi-fi o di altre onde simili? e, in tal caso, quanti km di cavi dovrei passare per servire adeguatamente tutta l'abitazione?

Altra riserva: e se manca per un qualche motivo la corrente? è ancora possibile compiere le stesse azioni in modo tradizionale o la presenza di tali dispositivi ne esclude il ricorso in alternativa?

Ciao

Gualtiero

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
bastiano

se manca la corrente, tutto ciò che è motorizzato ( e non ha azionamento manuale) resta bloccato sia con la domotica che senza domotica (es tapparelle motorizzate) 

Anzi, se tutto fosse asservito ad un sistema domotico gestito, l'intervento di un buon UPS potrebbe intervenire in automatico sugli azionamenti critici cosa che fatta in manuale richiederebbe perizia e sangue freddo
(la luce manca sempre nei momenti peggiori) 
Se poi si ha il fotovoltatico l'implementazione con quella riserva di energia diventa un gioco da ragazzi
Il sistema domotico in caso di black out mette in stand-by, il frigo gli splitter del clima, il finalone in classe A, le luci a incandescenza ecc. 

Quanto all'inquinamento per RF del Wi-Fi non mi farei tante preoccupazioni: 

Secondo il British Health Protection Authority, l'ente britannico sulla tutela della salute, la tecnologia Wi-Fi non comporta alcun pericolo significativo in quanto il dosaggio di radiazioni è decisamente inferiore a quello proveniente dall'uso del cellulare; si pensi che l'assorbimento di radiazioni per la durata di un anno in un'area servita da una rete wireless, è paragonabile complessivamente ad una telefonata di 20 minuti effettuata tramite cellulare.
Il motivo risiede nella potenza dei rispettivi campi elettromagnetici: il Wi-Fi genera 1,7 V/m contro i 6V/m di un cellulare UMTS. 
La conseguenza di questa affermazione è che lo standard 802.11 inquina meno del cellulare ed è per questo meno nocivo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Esprit

Sarebbe da spiegare al British Health Protection Authority che di reti aperte 24/24 contemporaneamente ce ne sono decine  e decine...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
bastiano
Sarebbe da spiegare al British Health Protection Authority che di reti aperte 24/24 contemporaneamente ce ne sono decine  e decine...

 

in ogni casa? e a che distanza dall'A.P.  guarda che il raggio d'azione di un access point non supera i 30/50 mt in aria libera

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Esprit

Hai mia utilizzato uno sniffer? A Savona con mura spesse 40 cm il router del mio ufficio lo beccavo in strada a 100 metri.

Ora, a casa, ricevo 5 reti a fondo scala 
:)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
mozarteum

Sono sicuro che se do l'input della vasca idromassaggio uscendo da studio, resto imbottigliato a piazza san giovanni e devo chiamare i pompieri

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
bastiano

azz hai la jacuzzi senza il troppopieno?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

  • Statistiche forum

    281.674
    Discussioni Totali
    5.874.343
    Messaggi Totali

Facebook

About Melius Club

Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con sede legale e operativa nell’Incubatore certificato Campania NewSteel in Napoli via Coroglio 57/d e codice fiscale 07710391215.

Powered by K-Tribes.

Follow us

×