Vai al contenuto
  • Annunci

    • K-Tribes Team

      Problemi di login?   31/12/2017

      Scrivici usando il tasto [Contatti] in alto sulla destra.
briandinazareth

differenza tra italia e germania

Messaggi raccomandati

briandinazareth

un piccolo episodio sicuramente border line che però rappresenta bene il diverso approccio... 

Massimo Leotta, calabrese emigrato in Germania, titolare di un autosalone di auto usate a Ofterdingen, il 25 luglio accompagna le figlie Rebecca 7 anni e Vanessa, 18, all’aeroporto di Stoccarda, dove le ragazze prenderanno un volo per l’Italia, dirette in vacanza a Caulonia, in attesa che i genitori le raggiungano ad agosto. Il signor Leotta sta per tornare a casa quando squilla il cellulare. È Vanessa, spaventata: “Papà, ci sono qua due poliziotti e ci stanno interrogando. Li ha mandati il preside di Rebecca, perché lei oggi non è in classe”.

Il 25 luglio, a Stoccarda, è l’ultimo giorno di scuola. Il signor Leotta, qualche giorno prima, ha annunciato agli insegnanti che il volo della Germanwings, la compagnia aerea low cost con cui volano le ragazze, ha anticipato il volo di 24 ore; quindi Rebecca s’assenterà l’ultimo giorno: è una piccola bugia. Il preside, evidentemente un Herr Mueller pignolo come da luogo comune, invece scopre che il volo non ha subito modifica alcuna, decidendo seduta stante di far intervenire la polizia. E la polizia davvero si reca al terminal, e solo dopo aver stilato un rapportino fa partire le due ragazze per la Calabria.

“Le regole in Germania sono chiare” – scrive Der Spiegel, che racconta la vicenda nell’ultimo numero – “il dovere scolastico è una cosa seria”. Ma il solo fatto che il caso sia diventato una notizia, con lettere ai giornali, fa sorgere qualche dubbio all’opinione pubblica tedesca su certe rigidità teutoniche. L’incredibile vicenda – incredibile per noi italiani, intendo – misura anche la siderale distanza, di cultura, di rispetto delle regole, lo spread! – che c’è tra noi e loro, e che l’euro ha forzosamente accomunato nello stesso destino. Nelle scuole di Amburgo nel 2011 si sono registrati 87 casi di allungamento ferie, e per ciascun giorno marinato i genitori hanno poi pagato una multa di 35 euro; a Dusseldorf la sanzione è addirittura di 80 euro per ogni giorno di scuola saltato.

Il signor Leotta si lascia fotografare con le figliolette sulla spiaggia calabresi, ma la paura non gli è passata. La piccola Rebecca, in una gelateria, alla vista di due carabinieri che semplicemente si stavano gustando un gelato è scappata via piangendo.  “Pur con tutto il rispetto per le forme non bisogna mettere da parte l’umanità” ha scritto una mamma a un quotidiano commentando il caso. E vivaddio.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
fricogna

se le cose stanno così, viva l'Italia mille volte...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
bungalow bill

Questa è serietà.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
mozarteum

A noi il preside ci diceva: nsiete boni manco a falsifica' e firme

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
alfie

ad un mio compagno morì la madre in terzo liceo e lui entrò un pò in depressione; fu bocciato soprattutto per volere del professore d'italiano; l'anno dopo quello in classe disse "è andata così perché la scuola non è un'opera pia"

 

direi che la scuola che ho frequentato io è molto più dura di quella tedesca ed infatti quel professore lo ricordo come una perdita di tempo nella mia vita

 

ora mando la storia allo spiegel e vediamo se si abbassa lo spread

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
fricogna
Questa è serietà.
questa è stronzaggine e mancanza di senso della misura.

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite

Infatti è una stronzata così grande che alla Germania prestano i soldi a tasso negativo.

L'Italia invece.........

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
ferrocsm

Non avremo mai la controprova, ma se invece di Massimo Leotta quel padre si fosse chiamato, che so : Karl  Hoffmann ci sarebbe stata la stessa fiscalità da parte del preside? Come dite, parlate più forte che non sento, ah ecco ora ho capito:  Karl  non si sarebbe comportato come Massimo? Boh e chi lo sa!

Ciao Ferruccio     

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
briandinazareth

Non avremo mai la controprova, ma se invece di Massimo Leotta quel padre si fosse chiamato, che so : Karl  Hoffmann ci sarebbe stata la stessa fiscalità da parte del preside? Come dite, parlate più forte che non sento, ah ecco ora ho capito:  Karl  non si sarebbe comportato come Massimo? Boh e chi lo sa!

Ciao Ferruccio     

non entro nel merito della questione ma non pensare che non siano così anche fra tedeschi.

il concetto è: c'è una regola? si rispetta...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
alfie

brian ma sei serio?

 

una scuola come quella è un campo di concentramento e scusa il gioco di parole visto che si parla della germania

 

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
briandinazareth

cazzo alfie!

non cercare polemica dove non c'è.

ho scritto chiaramente che non intendevo entrare nel merito ma solo sottolineare che non si comportano così con gli italiani ma è la forma mentis comune.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
alfie

bha

 

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Panurge

I tedeschi son così, ispirano anche una sincera ammirazione finchè non gli vien voglia di invadere la Polonia.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
briandinazareth
;)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
s4b0t488i0

Da noi la polizia non sarebbe nemmeno intervenuta

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
briandinazareth

da noi l'evasione scolastica è elevatissima.... 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
s4b0t488i0

è una forma di libertà, l'istruzione non dovrebbe essere obbligatoria, niente dovrebbe esserlo..

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
briandinazareth
è una forma di libertà, l'istruzione non dovrebbe essere obbligatoria, niente dovrebbe esserlo..

è un discorso che si è esaurito nel secolo scorso... comunque un analfabeta non ha libertà in uno stato moderno e togliere i bambini dal lavoro per dare un'istruzione di base è fondamento di libertà.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
ferrocsm
è una forma di libertà, l'istruzione non dovrebbe essere obbligatoria, niente dovrebbe esserlo..

Io la parola libertà la eliminerei propio da tutti i vocabolari del mondo. Perchè? Perchè l'ho scritto migliaia di volte che non può esistere una libertà con regole imposte. Quindi dobbiamo farci carico di trovare un'altra parola, perchè "libertà" è una parola che non ha senso.

Ciao Ferruccio 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
alfie

quello che mi fa ridere di questo assurdo thread

 

è che se al posto di scuola si fosse parlato di fabbrica

 

lol

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
briandinazareth

se in fabbrica dichiari il fatto e sei assente ingiustificato puoi anche essere licenziato, diciamo che come minimo ti arriva il richiamo ufficiale...

comunque non mi pareva che in questo thread ci fosse la corsa a dire "evviva la germania"....

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
s4b0t488i0
è una forma di libertà, l'istruzione non dovrebbe essere obbligatoria, niente dovrebbe esserlo..

è un discorso che si è esaurito nel secolo scorso... comunque un analfabeta non ha libertà in uno stato moderno e togliere i bambini dal lavoro per dare un'istruzione di base è fondamento di libertà.
La libertà non credo che sia qualcosa che assorbiamo dall'esterno, studiando o leggendo un libro. Capisco cosa intendi dire, però la conoscenza è una cosa l'istruzione un altra.

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
briandinazareth

volevo solo esaminare la cosa senza arrivare alla solita divisione tra guelfi e ghibellini...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
briandinazareth
La libertà non credo che sia qualcosa che assorbiamo dall'esterno, studiando o leggendo un libro. Capisco cosa intendi dire, però la conoscenza è una cosa l'istruzione un altra.

 

senza saper leggere non puoi avere istruzione e neppure conoscenza però... ;)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
s4b0t488i0

La conoscenza non si impara sui libri. Ora viviamo in un tipo di società molto diversa dal passato, ma quando non esistevano i libri, le chiese, gli stati, le scuole ecc ecc le persone erano libere?

Più che saper leggere credo sia importante avere uno spirito critico, di libri ne hanno bruciati parecchi, e l'informazione che ora passa il convento è quella che è ..quindi.. comunque stiamo divagando eccessivamente

:)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
alfie

quindi vaccinazioni, istruzione, pulizia, igiene, nutrizione

 

ma chi le decide, i genitori o il ragazzino?

 

guarda che non è che a 40 anni ti portano a scuola di forza eh

 

ti ci portano a 6.........

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
s4b0t488i0
quindi vaccinazioni, istruzione, pulizia, igiene, nutrizione

 

ma chi le decide, i genitori o il ragazzino?

 

guarda che non è che a 40 anni ti portano a scuola di forza eh

 

ti ci portano a 6.........

Cosa c'entra la pulizia e l'igiene e la nutrizione con la scuola e le vaccinazioni.

Questa è la cultura del missionario che deve salvare le anime, i poveri selvaggi ignoranti devono essere convertiti.

Siamo rimasti fermi li.

 

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
alfie

scusa, tu hai detto che tutto deve essere libero

 

allora ho pensato ad un bambino di sei anni che deve essere lasciato libero di decidere per le cose che contano a sei anni ovvero se si lava, dove vive, cosa mangia, se andare a scuola

 

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
s4b0t488i0
scusa, tu hai detto che tutto deve essere libero

 

allora ho pensato ad un bambino di sei anni che deve essere lasciato libero di decidere per le cose che contano a sei anni ovvero se si lava, dove vive, cosa mangia, se andare a scuola

 

 

Il naturale ruolo di educare i bambini appartiene ai genitori. In natura è cosi.

I genitori però non sono liberi fino in fondo di scegliere come educarli.

Io non ho ancora dei figli ma sto iniziando a pormi il problema.

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
alfie

ok ora mi hai risposto che i genitori devono poter decidere per tutto per i figli

 

non sono d'accordo, manco ho voglia di iniziare la discussione perché troppo lunga e tediosa, in nessuna parte del mondo è così, in nessuna parte del mondo si lascia a due persone, che possono essere psicopatici, psicolabili, ideologicamente folli, idioti, violentatori di bambini, pazzi scriteriati, semplicemente giocare a fare i libertari sulla pelle dei figli,  il completo dominio su dei bambini

 

perché i bambini sono cittadini che vanno difesi, anche dai genitori

 

e mandarli a scuola è appunto difenderli

 

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

  • Statistiche forum

    281.697
    Discussioni Totali
    5.874.826
    Messaggi Totali

Facebook

About Melius Club

Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con sede legale e operativa nell’Incubatore certificato Campania NewSteel in Napoli via Coroglio 57/d e codice fiscale 07710391215.

Powered by K-Tribes.

Follow us

×