Vai al contenuto

Gibson345

Falegnamiiiiii... (impiallacciatura)

Messaggi raccomandati

Gibson345

Allora, ho preso i piallacci di rovere americano, e ora... Il panico!

Chi mi dà qualche consiglio su come procedere considerando che non ho mai impiallicciato nulla in vita mia?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
smile

Ora son cazzi... X_X

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Gibson345

Essì.

Ieri ho provato a cartare un pezzettino e a cerarlo. Cambia colore completamente.
Questo tanto per dirne una su quanto non capisco una mazza di queste cose.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Gibson345
MA LA VOLONTA' PUO' TUTTO!!!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
grisulea

Se mi vuoi chiamare te lo spiego a voce anche se oggi ne ho gran poca. Comunque se gli oggetti sono piccoli non avrai problemi.

Ciao

Luc

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
bungalow bill

Un lavoro per nulla facile,con tanti inconvenienti dietro l'angolo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Gibson345

Partiamo dalla umidificazione dei piallacci.

Pensavo di bagnarli e poi chiuderli fra fogli di carta e carta di giornale (con carta bianca a contatto del legno per evitare macchie) dentro una busta di plastica, quindi tenerli in pressatura per un paio d'ore.
A quel punto dovrebbero essere morbidi e pronti a ricevere la colla, il solito Vinavil.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
tappodiferro

Dove hai letto che bisogna umidificare?

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Gibson345

Sono settimane che saccheggio Youtube in cerca di video su come impiallacciare...  :\">

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
grisulea
Partiamo dalla umidificazione dei piallacci.
Pensavo di bagnarli e poi chiuderli fra fogli di carta e carta di giornale (con carta bianca a contatto del legno per evitare macchie) dentro una busta di plastica, quindi tenerli in pressatura per un paio d'ore.
A quel punto dovrebbero essere morbidi e pronti a ricevere la colla, il solito Vinavil.
Non bagnarli e non usare il vinavil.

Ciao

Luc

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Gibson345

E perchè? senza inumidirli sono rigidi come stoccafissi, e pure piuttosto ondulati....

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
grisulea
E perchè? senza inumidirli sono rigidi come stoccafissi, e pure piuttosto ondulati....
Perchè non ha mai sentito che si debba fare e personalmente non l'ho mai fatto. Il vinavil in particolare serve per incollare parti sotto pressione. Se metti sotto pressione l'impiallacciatura il vinavil passa dai pori e ti ritrovi incollato anche dall'altra parte. Usa il bostik.  Basta un minimo di manualità ma è vietato sbagliare.

Ciao

Luc

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
GianGastone

Il Bostik trasparente e' ottimo ma

tira in un attimo

se scazzi non torni indietro

bisogna stenderlo con rapidita' e precisione senza ripassarlo come fossero pennellate pena tanti grumoni

se i piallacci sono particolarmente secchi e ondulati puo' essere utile inumidirli

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
vmirko

Stendi il bostik con una spatola seghettata su tutte e 2 le superfici.

Aspetta una decina di minuti che evapori il solvente,

Quando al tatto non é piú appiccicoso é pronto per la posa.

 

Attenzione a quando lo appoggi sulla superficie ,se sbagli non lo stacchi piú.

Una volta appoggiato va schiacciato per bene,

Io uso un martello con il becco largo ma va bene anche un rullo di gomma dura,

Dopo di che fai via il piallaccio in eccesso e levighi quello appena posato.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
lugano

Io uso bostik (equivalente 3M) MA piallaccio pre-finito preparato su un supporto cartaceo (o simile ma più spesso e per questo meno efficace). Ciò detto ho letto che per il piallaccio "nature" un ottimo sistema è fare una soluzione 50:50 di vinavil in acqua e spalmare sia il pezzo che il piallaccio, dopo 24 ore incollare le due parti passando un ferro da stiro caldo. A naso parrebbe un metodo molto comodo, non so quanto efficace, lo testerò alla prima occasione.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
sm63
Partiamo dalla umidificazione dei piallacci.
Pensavo di bagnarli e poi chiuderli fra fogli di carta e carta di giornale (con carta bianca a contatto del legno per evitare macchie) dentro una busta di plastica, quindi tenerli in pressatura per un paio d'ore.
A quel punto dovrebbero essere morbidi e pronti a ricevere la colla, il solito Vinavil.
Questa  procedura classica la piu' difficile serve colla di pesce sapendola preparare tenerla sempre calda con la giusta densita si deve spalmare poco alla volta trovo molto difficile spiegare tramite tastiera .

La vinavil ti scosiglio di utilizzarla ...macchia il legno .....le parti devono strare ben pressati difficile con superfii grandi .

 

Il sistema adesso piu' diffuso con colle tipo bostik anche qua serve maestria posso spiegarti per telefono come faccio io ....piccolo inconvieniete con la prima mano di vernice si possono manifestare distaccamenti partiali del piallaccio facilmente risolvibili dopo lasciugatura della vernice.

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Gibson345

Sto per impiccarmi. Tutti pareri diversi. Aiuto.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Gibson345

Allora...

Come ho scritto, il piallaccio non è perfettamente piano, non è di quelli rivestiti con la garza da alta ebanisteria e non ha la carta, è solo giuntato una volta sul lato lungo.
Il problema di metterlo col Bostik (che molti usano e giustamente consigliano perchè sporca meno) è che temo possa fare delle bolle, perchè il legno come dicevo NON è proprio piano, e non esiste nessuna speranza di riparare le bolle, una volta asciutto.
Per questo pensavo al vinavil, che permette (meno della colla a caldo che è una figata ma non la so preparare) un minimo di aggiustamento in corso d'opera.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
sm63

le bolle si levano man mano incollaggio

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
vmirko

perchè non provi su un pezzo di scarto prima di farlo su quello buono.

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Gibson345

Sicuramente lo farò.

Ho sia il bostik che il vinavil e due fogli di riserva.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Gibson345

Col bostik si usa il ferro caldo?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
sm63

 

Col bostik si usa il ferro caldo?
Si

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
sm63

Per iniziare prova su un pezzo di legno tipo 20x15 anche meno per vedere come vengono gli angoli.

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Gibson345

Devo procurarmi un ferro. Quello di mia moglie è off limits, potrebbe chiamare il telefono rosa se lo tocco.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
AlfonsoD

No, il bostik è una colla a contatto, quindi va passata su entrambe le superfici. Una volta asciugato il solvente (colla non più appiccicosa al contatto) le parti sono pronte per essere unite: a questo punto, conta poco una pressione uniforme su tutta la superficie, conta di più la pressione massima che si riesce a esercitare su ogni punto (è per questo che si consiglia il martello o il rullo rigido); quando vai a picchiare sulle parti ondulate, queste flettono leggermente ed aderiscono alla superficie sottostante incollandosi all'istante (e rimangono ferme così).

E' sicuramente la procedura più semplice, secondo me l'unico punto critico è il passaggio della colla che deve essere stesa senza lasciare punti vuoti, pena la formazione di bolle in fase di verniciatura.
Buon Lavoro!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
sm63

Anche un phon robbusto quelli da carrozziere per togliere la vernice ....si deve fare molta attenzione con quello

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
sm63
No, il bostik è una colla a contatto, quindi va passata su entrambe le superfici. Una volta asciugato il solvente (colla non più appiccicosa al contatto) le parti sono pronte per essere unite: a questo punto, conta poco una pressione uniforme su tutta la superficie, conta di più la pressione massima che si riesce a esercitare su ogni punto (è per questo che si consiglia il martello o il rullo rigido); quando vai a picchiare sulle parti ondulate, queste flettono leggermente ed aderiscono alla superficie sottostante incollandosi all'istante (e rimangono ferme così).
E' sicuramente la procedura più semplice, secondo me l'unico punto critico è il passaggio della colla che deve essere stesa senza lasciare punti vuoti, pena la formazione di bolle in fase di verniciatura.
Buon Lavoro!
Riscaldanto con ferro da stiro diventa tutto piu facile anche con il bostik ....

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Gibson345

Ok, faccio due lastrini di prova, uno col Bostik (Superchiaro) e uno con Vinavil, entrambi con due ore in pressa, e vediamo che succede.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

  • Statistiche forum

    282.570
    Discussioni Totali
    5.884.427
    Messaggi Totali

Facebook

About Melius Club

Melius Club: la nuova casa di Videohifi.com
Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con sede legale e operativa nell’Incubatore certificato Campania NewSteel in Napoli via Coroglio 57/d e codice fiscale 07710391215.

Powered by K-Tribes.

Follow us

×