Vai al contenuto

dufay

Sbrogliare matasse sonore...

Messaggi raccomandati

dufay

Secondo voi come si sbrogliano meglio le matasse sonore?

Non necessariamente dotate di grandi pressioni ma di parecchi strumenti diversi,  magari voci soliste  "difficili" e coro e con una struttura particolarmente complessa.

 

Per me è una questione di notevole importanza.

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Member_0044

Se la registrazione è scarsa non c'è modo. Puoi curare il posizionamento dei diffusori in ambiente... ma non puoi aggiungere quello che non c'è.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
piro

conta la qualità della roba che hai.

qui c'è poco da fare, ci vuole roba buona, circuitazioni raffinate e non dozzinali, altoparlanti di elevata qualità. ecc...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
aldina

purtroppo la mia esperienza mi dice che solo salendo di livello e qualità (e spesso... di costo) su ogni componente della catena si migliora proprio nella scioltezza e nella restituzione dei dettagli delle masse orchestrali.

A volte avevo avuto la sensazione, dopo il cambio di un componente, di aver perso un po' di rude musicalità  piacevole, ma il vantaggio nel dipanare gli esemble complessi mi ripagava ampiamente.

Detto questo Franco se non avessi colto lo spirito giusto del thread sei liberissimo di bacchettarmi!

ciao

Marco

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
straliccio

Oltre partire da un'ottima registrazione occorre un ambiente dove l'intelleggibilità del suono sia ai massimi livelli e questo é già un bel costo e un gran passo in avanti.

Poi occorrono elettroniche con alimentazioni generose e silenziosissime ed infine diffusori fatti di ottimi componenti e di grande massa.

I fattori che vi concorrono sono talmente numerosi e difficili da combinare ed ottenere anche con grande spesa che il risultato che  vuoi perseguire é la LAUREA di ogni audiofilo.

leone

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
cactus_atomo

ma è semplice, basta ascoltare solo sw audiofilo, quell con una voce ed uno strumento di accompagnamento, oppure con strumentini leggere leggeri..se elimini all'origine le matasse sonosre non hai poi bisogno di sbrogliarle (hai presente il minimalismo audiofilo? quello che non c'è non può dare problemi? proa ad applicarlo al sw,  in fondo è la logica del minidiffusore, riprodurre i bassi in casa è difficile? non problem, seghiamo i bassi) :D

enrico

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
dufay

Detto questo Franco se non avessi colto lo spirito giusto del thread sei liberissimo di bacchettarmi!

ciao

Marco

Colto perfettamente...

 

Mi è venuta in mente questa cosa mentre ascoltavo "The Fairy Queen" di Purcell con sistema titolare (4 vie da 88 db) dopo l'ascolto di quello "in panchina" (sempre 4 vie ma da 94 db) ottimo ma meno raffinato dal punto di vista degli altoparlanti per il medio acuto.

 

Sembra di ascoltare due dischi diversi... In certi casi la maggiore capacità di pressione (e con un woofer da 15" e tre finali da 200 e passa watt la pressione volendo c'è...) non serve a nulla.

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
piro

Detto questo Franco se non avessi colto lo spirito giusto del thread sei liberissimo di bacchettarmi!

ciao

Marco

Colto perfettamente...

 

Mi è venuta in mente questa cosa mentre ascoltavo "The Fairy Queen" di Purcell con sistema titolare (4 vie da 88 db) dopo l'ascolto di quello "in panchina" (sempre 4 vie ma da 94 db) ottimo ma meno raffinato dal punto di vista degli altoparlanti per il medio acuto.

 

Sembra di ascoltare due dischi diversi... In certi casi la maggiore capacità di pressione (e con un woofer da 15" e tre finali da 200 e passa watt la pressione volendo c'è...) non serve a nulla.

QUOTONE.

MENO MALE CHE QUALCUNO ancora lo afferma....
Altrimenti tutti a sentire con ampli behringher da 200 euro....

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
hfasci

ma è semplice, basta ascoltare solo sw audiofilo, quell con una voce ed uno strumento di accompagnamento, oppure con strumentini leggere leggeri..se elimini all'origine le matasse sonosre non hai poi bisogno di sbrogliarle (hai presente il minimalismo audiofilo? quello che non c'è non può dare problemi? proa ad applicarlo al sw,  in fondo è la logica del minidiffusore, riprodurre i bassi in casa è difficile? non problem, seghiamo i bassi) :D

enrico

Hai colto nel segno: gli impianti scadenti non sono in grado di dipanare correttamente le complesse "matasse" sonore e suonano bene SOLO con i dischi per audiofili, dischi con i quali si ottiene un risultato di rutto rispetto anche con i compatti acquistati al mercatone. In altre discussioni, infatti, sostenevo che un impianto di altissima qualità è tale quando suona meglio degli altri con TUTTE le incisioni e non soltanto con due o tre dischi speciali.

Silvano

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
nano70

Ma per "dipanare le complesse masse sonore" lo intendi come avere più contrasto? :-/  In questo senso sto ottenendo notevoli risultati cambiando i cavi, compresi quelli di alimentazione. :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
alan1

Il Dac è il primo elemento, se lui è un pasticcione poi non ci puoi fare più nulla :) ,

il resto segue via via :) .

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
carlottina
347br0l.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Member_0019

Il Dac è il primo elemento, se lui è un pasticcione poi non ci puoi fare più nulla :) ,

il resto segue via via :) .

se è lui il pasticcione devi cambiarlo.

anche se sono le casse non puoi farci nulla, se non cambiarle.
B-)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
carlottina

Detto questo Franco se non avessi colto lo spirito giusto del thread sei liberissimo di bacchettarmi!

ciao

Marco

Colto perfettamente...

 

Mi è venuta in mente questa cosa mentre ascoltavo "The Fairy Queen" di Purcell con sistema titolare (4 vie da 88 db) dopo l'ascolto di quello "in panchina" (sempre 4 vie ma da 94 db) ottimo ma meno raffinato dal punto di vista degli altoparlanti per il medio acuto.

 

Sembra di ascoltare due dischi diversi... In certi casi la maggiore capacità di pressione (e con un woofer da 15" e tre finali da 200 e passa watt la pressione volendo c'è...) non serve a nulla.

chissà che cavacci usi... :-S

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
gefrusti
Secondo voi come si sbrogliano meglio le matasse sonore?

Non necessariamente dotate di grandi pressioni ma di parecchi strumenti diversi,  magari voci soliste  "difficili" e coro e con una struttura particolarmente complessa.

 

Per me è una questione di notevole importanza.

...ti rispondo con dati oggettivi.

1) interazione diffusore/ambiente-

2) elettroniche con ottime prestazioni elettriche-

3) diffusori con un ottima TND  e/o THD integrale.-

4) basso tappeto di rumore ambientale.

ecco...grazie a queste cosette le "matasse sonore" verranno sbrogliate.

sbrogliati saluti, Tom.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
dufay
Secondo voi come si sbrogliano meglio le matasse sonore?

Non necessariamente dotate di grandi pressioni ma di parecchi strumenti diversi,  magari voci soliste  "difficili" e coro e con una struttura particolarmente complessa.

 

Per me è una questione di notevole importanza.

...ti rispondo con dati oggettivi.

1) interazione diffusore/ambiente-

2) elettroniche con ottime prestazioni elettriche-

3) diffusori con un ottima TND  e/o THD integrale.-

4) basso tappeto di rumore ambientale.

ecco...grazie a queste cosette le "matasse sonore" verranno sbrogliate.

sbrogliati saluti, Tom.
Non basta non basta per niente secondo me...

 I due diffusori si intefacciano in maniera simile con l'ambiente, sono entrambi a 4 vie con la via bassa incrociata in un caso a 120 e nell'altro a 90 con le vie superiori dotate di incroci , pendenze e dispersioni molto simili.

 

Infatti il basso e il medio basso sono paragonabili, non c'è storia sul medio acuto pur essendo entrambi i sistemi dotati di mid e tweeter a cupola morbida della medesima misura e con incroci molto simili.

 

E' alquanto probabile che alle misure canoniche, visti anche i 6 db di differenza di sensibilità con anche una enormemente maggiore facilità di pilotaggio del sistema da 94 db, possa sembrare preferibile il 4 vie "in panchina" all'ascolto invece la differenza in meglio del sistema "peggiore" appare lampante con appunto una superiore (e non di poco) capacità di dipanare musiche complesse.

 

Continuo a pensare che non sia solo questione di numeri e di misure, almeno non delle misure che si effettuano adesso.

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
sm63
Secondo voi come si sbrogliano meglio le matasse sonore?

Non necessariamente dotate di grandi pressioni ma di parecchi strumenti diversi,  magari voci soliste  "difficili" e coro e con una struttura particolarmente complessa.

 

Per me è una questione di notevole importanza.

...ti rispondo con dati oggettivi.

1) interazione diffusore/ambiente-

2) elettroniche con ottime prestazioni elettriche-

3) diffusori con un ottima TND  e/o THD integrale.-

4) basso tappeto di rumore ambientale.

ecco...grazie a queste cosette le "matasse sonore" verranno sbrogliate.

sbrogliati saluti, Tom.
Non basta non basta per niente secondo me...

 I due diffusori si intefacciano in maniera simile con l'ambiente, sono entrambi a 4 vie con la via bassa incrociata in un caso a 120 e nell'altro a 90 con le vie superiori dotate di incroci , pendenze e dispersioni molto simili.

 

Infatti il basso e il medio basso sono paragonabili, non c'è storia sul medio acuto pur essendo entrambi i sistemi dotati di mid e tweeter a cupola morbida della medesima misura e con incroci molto simili.

 

E' alquanto probabile che alle misure canoniche, visti anche i 6 db di differenza di sensibilità con anche una enormemente maggiore facilità di pilotaggio del sistema da 94 db, possa sembrare preferibile il 4 vie "in panchina" all'ascolto invece la differenza in meglio del sistema "peggiore" appare lampante con appunto una superiore (e non di poco) capacità di dipanare musiche complesse.

 

Continuo a pensare che non sia solo questione di numeri e di misure, almeno non delle misure che si effettuano adesso.

A proposito vorrei dire questo

 

Ricordo due diffusore 2 vie pro attivi con DPS con woofer uguali cambiava solo il driver a compressione come marca stesso diametro stessa tromba stesso mobile tessi tagli.... il setup con risposta sovrapponibili con differenze pressoche' nulle  eppure  ascoltandoli risultavano 2 diffusori completamente differenti sulla parte mid alta . 

 

Per farli simili come ascolto la risposta in frequeza decisamente differente

 

Dopo questa esperienza interpreto i grafici in risposta in frequenza da  un'altra ottica .    

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
gefrusti
Secondo voi come si sbrogliano meglio le matasse sonore?

Non necessariamente dotate di grandi pressioni ma di parecchi strumenti diversi,  magari voci soliste  "difficili" e coro e con una struttura particolarmente complessa.

 

Per me è una questione di notevole importanza.

...ti rispondo con dati oggettivi.

1) interazione diffusore/ambiente-

2) elettroniche con ottime prestazioni elettriche-

3) diffusori con un ottima TND  e/o THD integrale.-

4) basso tappeto di rumore ambientale.

ecco...grazie a queste cosette le "matasse sonore" verranno sbrogliate.

sbrogliati saluti, Tom.
Non basta non basta per niente secondo me...

 I due diffusori si intefacciano in maniera simile con l'ambiente, sono entrambi a 4 vie con la via bassa incrociata in un caso a 120 e nell'altro a 90 con le vie superiori dotate di incroci , pendenze e dispersioni molto simili.

 

Infatti il basso e il medio basso sono paragonabili, non c'è storia sul medio acuto pur essendo entrambi i sistemi dotati di mid e tweeter a cupola morbida della medesima misura e con incroci molto simili.

 

E' alquanto probabile che alle misure canoniche, visti anche i 6 db di differenza di sensibilità con anche una enormemente maggiore facilità di pilotaggio del sistema da 94 db, possa sembrare preferibile il 4 vie "in panchina" all'ascolto invece la differenza in meglio del sistema "peggiore" appare lampante con appunto una superiore (e non di poco) capacità di dipanare musiche complesse.

 

Continuo a pensare che non sia solo questione di numeri e di misure, almeno non delle misure che si effettuano adesso.

...tu prova a replicare (e seguire alla lettera i 4 "comandamenti") le misure di cui ti parlo...poi vedrai che "basta" ;)

Tom.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
gefrusti
Secondo voi come si sbrogliano meglio le matasse sonore?

Non necessariamente dotate di grandi pressioni ma di parecchi strumenti diversi,  magari voci soliste  "difficili" e coro e con una struttura particolarmente complessa.

 

Per me è una questione di notevole importanza.

...ti rispondo con dati oggettivi.

1) interazione diffusore/ambiente-

2) elettroniche con ottime prestazioni elettriche-

3) diffusori con un ottima TND  e/o THD integrale.-

4) basso tappeto di rumore ambientale.

ecco...grazie a queste cosette le "matasse sonore" verranno sbrogliate.

sbrogliati saluti, Tom.
Non basta non basta per niente secondo me...

 I due diffusori si intefacciano in maniera simile con l'ambiente, sono entrambi a 4 vie con la via bassa incrociata in un caso a 120 e nell'altro a 90 con le vie superiori dotate di incroci , pendenze e dispersioni molto simili.

 

Infatti il basso e il medio basso sono paragonabili, non c'è storia sul medio acuto pur essendo entrambi i sistemi dotati di mid e tweeter a cupola morbida della medesima misura e con incroci molto simili.

 

E' alquanto probabile che alle misure canoniche, visti anche i 6 db di differenza di sensibilità con anche una enormemente maggiore facilità di pilotaggio del sistema da 94 db, possa sembrare preferibile il 4 vie "in panchina" all'ascolto invece la differenza in meglio del sistema "peggiore" appare lampante con appunto una superiore (e non di poco) capacità di dipanare musiche complesse.

 

Continuo a pensare che non sia solo questione di numeri e di misure, almeno non delle misure che si effettuano adesso.

A proposito vorrei dire questo

 

Ricordo due diffusore 2 vie pro attivi con DPS con woofer uguali cambiava solo il driver a compressione come marca stesso diametro stessa tromba stesso mobile tessi tagli.... il setup con risposta sovrapponibili con differenze pressoche' nulle  eppure  ascoltandoli risultavano 2 diffusori completamente differenti sulla parte mid alta . 

 

Per farli simili come ascolto la risposta in frequeza decisamente differente

 

Dopo questa esperienza interpreto i grafici in risposta in frequenza da  un'altra ottica .    

..la sola RF dice pochino....un set di misure a 360° (TND e THD integrale comprese) ti avrebbe indicato una "via"

saluti, Tom.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
alan1
Secondo voi come si sbrogliano meglio le matasse sonore?

Non necessariamente dotate di grandi pressioni ma di parecchi strumenti diversi,  magari voci soliste  "difficili" e coro e con una struttura particolarmente complessa.

 

Per me è una questione di notevole importanza.

...ti rispondo con dati oggettivi.

1) interazione diffusore/ambiente-

2) elettroniche con ottime prestazioni elettriche-

3) diffusori con un ottima TND  e/o THD integrale.-

4) basso tappeto di rumore ambientale.

ecco...grazie a queste cosette le "matasse sonore" verranno sbrogliate.

sbrogliati saluti, Tom.
Non basta non basta per niente secondo me...

 I due diffusori si intefacciano in maniera simile con l'ambiente, sono entrambi a 4 vie con la via bassa incrociata in un caso a 120 e nell'altro a 90 con le vie superiori dotate di incroci , pendenze e dispersioni molto simili.

 

Infatti il basso e il medio basso sono paragonabili, non c'è storia sul medio acuto pur essendo entrambi i sistemi dotati di mid e tweeter a cupola morbida della medesima misura e con incroci molto simili.

 

E' alquanto probabile che alle misure canoniche, visti anche i 6 db di differenza di sensibilità con anche una enormemente maggiore facilità di pilotaggio del sistema da 94 db, possa sembrare preferibile il 4 vie "in panchina" all'ascolto invece la differenza in meglio del sistema "peggiore" appare lampante con appunto una superiore (e non di poco) capacità di dipanare musiche complesse.

 

Continuo a pensare che non sia solo questione di numeri e di misure, almeno non delle misure che si effettuano adesso.

Non è che il Wooferone e la sua cassa sporcano tutto e rendono tutto confuso ?

E il Woofer del medio Basso, è pulito?

Ti ricordi le AR9, hanno un mediobasso schifoso che sporca tutto, semplicemente cambiando quell'8" cambiava parecchio l'articolazione.

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
sm63
Secondo voi come si sbrogliano meglio le matasse sonore?

Non necessariamente dotate di grandi pressioni ma di parecchi strumenti diversi,  magari voci soliste  "difficili" e coro e con una struttura particolarmente complessa.

 

Per me è una questione di notevole importanza.

...ti rispondo con dati oggettivi.

1) interazione diffusore/ambiente-

2) elettroniche con ottime prestazioni elettriche-

3) diffusori con un ottima TND  e/o THD integrale.-

4) basso tappeto di rumore ambientale.

ecco...grazie a queste cosette le "matasse sonore" verranno sbrogliate.

sbrogliati saluti, Tom.
Non basta non basta per niente secondo me...

 I due diffusori si intefacciano in maniera simile con l'ambiente, sono entrambi a 4 vie con la via bassa incrociata in un caso a 120 e nell'altro a 90 con le vie superiori dotate di incroci , pendenze e dispersioni molto simili.

 

Infatti il basso e il medio basso sono paragonabili, non c'è storia sul medio acuto pur essendo entrambi i sistemi dotati di mid e tweeter a cupola morbida della medesima misura e con incroci molto simili.

 

E' alquanto probabile che alle misure canoniche, visti anche i 6 db di differenza di sensibilità con anche una enormemente maggiore facilità di pilotaggio del sistema da 94 db, possa sembrare preferibile il 4 vie "in panchina" all'ascolto invece la differenza in meglio del sistema "peggiore" appare lampante con appunto una superiore (e non di poco) capacità di dipanare musiche complesse.

 

Continuo a pensare che non sia solo questione di numeri e di misure, almeno non delle misure che si effettuano adesso.

A proposito vorrei dire questo

 

Ricordo due diffusore 2 vie pro attivi con DPS con woofer uguali cambiava solo il driver a compressione come marca stesso diametro stessa tromba stesso mobile tessi tagli.... il setup con risposta sovrapponibili con differenze pressoche' nulle  eppure  ascoltandoli risultavano 2 diffusori completamente differenti sulla parte mid alta . 

 

Per farli simili come ascolto la risposta in frequeza decisamente differente

 

Dopo questa esperienza interpreto i grafici in risposta in frequenza da  un'altra ottica .    

..la sola RF dice pochino....un set di misure a 360° (TND e THD integrale comprese) ti avrebbe indicato una "via"

saluti, Tom.
A saperlo prima son passati diversi anni .....

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
hfasci

Circa a metà degli anni anni 80, in concomitanza con la commercializzazione del primo NAD 3020, avevo già constatato che il componente più dannoso per l'integrità del messaggio musicale e quindi per la capacità o meno dell'impianto di dipanare "matasse" sonore molto complesse era proprio l'amplificatore, anche se moltissimi in questo forum la pensano in modo del tutto opposto. Tutto il resto, lettori, cavi, testine, convertitori, entro certi limiti le stesse casse, danno problemi di gusto personale, di sfumature qualitative (importantissime) e di volume sonoro riproducibile alle varie frequenze, ma non fanno tanti danni quanto un amplificatore che non sia in grado di riprodurre integralmente e con la dovuta energia tutto il contenuto musicale della registrazione, per quanto complesso esso sia.

Silvano

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
sm63

Circa a metà degli anni anni 80, in concomitanza con la commercializzazione del primo NAD 3020, avevo già constatato che il componente più dannoso per l'integrità del messaggio musicale e quindi per la capacità o meno dell'impianto di dipanare "matasse" sonore molto complesse era proprio l'amplificatore, anche se moltissimi in questo forum la pensano in modo del tutto opposto. Tutto il resto, lettori, cavi, testine, convertitori, entro certi limiti le stesse casse, danno problemi di gusto personale, di sfumature qualitative importantissime e di volume sonoro riproducibile alle varie frequenze, ma non fanno tanti danni quanto un amplificatore che non sia in grado di riprodurre integralmente e con la dovuta energia tutto il contenuto musicale della registrazione, per quanto complesso esso sia.

Silvano

Io non chiamerei sfumature l'equilibrio diffusore ambiente ....... per come la vedo io il difussore incide fortemente per l'equilibrio timbrico .... sicuro si deve pilotare bene ma non si discosta molto la timbrica nel suo complesso cambiando ampli .

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
extermination

Ovviamente nel tuo caso tartatsi di differenze da ricercare inevitabilmente nei diffusori che sicuramente hanno inevitabili diversità visto che "sbrogliano" in maniera diversa ! visto che sei pur eil creatore non hai altro da fare che metetre tecnicamente a serio confronto  techico i 2 diffusori dal materiale del cabinet ai driver .crossover .pendenze di taglio...etc etc

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
hfasci

Circa a metà degli anni anni 80, in concomitanza con la commercializzazione del primo NAD 3020, avevo già constatato che il componente più dannoso per l'integrità del messaggio musicale e quindi per la capacità o meno dell'impianto di dipanare "matasse" sonore molto complesse era proprio l'amplificatore, anche se moltissimi in questo forum la pensano in modo del tutto opposto. Tutto il resto, lettori, cavi, testine, convertitori, entro certi limiti le stesse casse, danno problemi di gusto personale, di sfumature qualitative importantissime e di volume sonoro riproducibile alle varie frequenze, ma non fanno tanti danni quanto un amplificatore che non sia in grado di riprodurre integralmente e con la dovuta energia tutto il contenuto musicale della registrazione, per quanto complesso esso sia.

Silvano

Io non chiamerei sfumature l'equilibrio diffusore ambiente ....... per come la vedo io il difussore incide fortemente per l'equilibrio timbrico .... sicuro si deve pilotare bene ma non si discosta molto la timbrica nel suo complesso cambiando ampli .

Infatti, l'ho appena detto che moltissimi nel forum pensano che l'ampli non influisca più di tanto sulla qualità del suono. Allora mi chiedo per quale motivo molti audiofili stanzino molte decine di migliaia di euro per pre e finali di altissima qualità, è forse solo questione di puro e semplice feticismo?

Silvano

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
gefrusti

ma è semplice, basta ascoltare solo sw audiofilo, quell con una voce ed uno strumento di accompagnamento, oppure con strumentini leggere leggeri..se elimini all'origine le matasse sonosre non hai poi bisogno di sbrogliarle (hai presente il minimalismo audiofilo? quello che non c'è non può dare problemi? proa ad applicarlo al sw,  in fondo è la logica del minidiffusore, riprodurre i bassi in casa è difficile? non problem, seghiamo i bassi) :D

enrico

:D:D:D...ottimo resoconto...condito di sana satirica.

ciao, Tom.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
sm63

Circa a metà degli anni anni 80, in concomitanza con la commercializzazione del primo NAD 3020, avevo già constatato che il componente più dannoso per l'integrità del messaggio musicale e quindi per la capacità o meno dell'impianto di dipanare "matasse" sonore molto complesse era proprio l'amplificatore, anche se moltissimi in questo forum la pensano in modo del tutto opposto. Tutto il resto, lettori, cavi, testine, convertitori, entro certi limiti le stesse casse, danno problemi di gusto personale, di sfumature qualitative importantissime e di volume sonoro riproducibile alle varie frequenze, ma non fanno tanti danni quanto un amplificatore che non sia in grado di riprodurre integralmente e con la dovuta energia tutto il contenuto musicale della registrazione, per quanto complesso esso sia.

Silvano

Io non chiamerei sfumature l'equilibrio diffusore ambiente ....... per come la vedo io il difussore incide fortemente per l'equilibrio timbrico .... sicuro si deve pilotare bene ma non si discosta molto la timbrica nel suo complesso cambiando ampli .

Infatti, l'ho appena detto che moltissimi nel forum pensano che l'ampli non influisca più di tanto sulla qualità del suono. Allora mi chiedo per quale motivo molti audiofili stanzino molte decine di migliaia di euro per pre e finali di altissima qualità, è forse solo questione di puro e semplice feticismo?

Silvano

Potrei rispondere con un esempio  ma non vorrei essere frainteso parliamo di fini e di mezzi ....

 

I fini .....L'ora piu o meno esatta .

 

 

Primo Mezzo .... orologgio normalissimo a batteria controllo a quarzo ....precisione ...alta

Secondo mezzo  .... orologgio Rolex movimento meccanica di grande precisione  cassa in oro massiccio qualche diamante di qua di la ....precisione qualche minuto a settimana .

 

Siamo noi a scegliere il mezzo forse dimenticando i fini.

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
dufay
Ovviamente nel tuo caso tartatsi di differenze da ricercare inevitabilmente nei diffusori che sicuramente hanno inevitabili diversità visto che "sbrogliano" in maniera diversa ! visto che sei pur eil creatore non hai altro da fare che metetre tecnicamente a serio confronto  techico i 2 diffusori dal materiale del cabinet ai driver .crossover .pendenze di taglio...etc etc

Nel mio caso sono i sistemi d'altoparlanti, ma si può trattare anche di sorgenti o elettroniche in genere... non ha importanza.

 

Il problema è, l'ho ribadito tante volte, non tecnico o di misure (da queste ultime mai si capirà come suona un aggeggio) ma di "consapevolezza"  e comprensione.

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
gefrusti
Ovviamente nel tuo caso tartatsi di differenze da ricercare inevitabilmente nei diffusori che sicuramente hanno inevitabili diversità visto che "sbrogliano" in maniera diversa ! visto che sei pur eil creatore non hai altro da fare che metetre tecnicamente a serio confronto  techico i 2 diffusori dal materiale del cabinet ai driver .crossover .pendenze di taglio...etc etc

Nel mio caso sono i sistemi d'altoparlanti, ma si può trattare anche di sorgenti o elettroniche in genere... non ha importanza.

 

Il problema è, l'ho ribadito tante volte, non tecnico o di misure (da queste ultime mai si capirà come suona un aggeggio) ma di "consapevolezza"  e comprensione.

...magari con le misure non si potrà "preventivare" esattamente il suono (comunque dipende...) ma IN BASE AL PROBLEMA riscontrato...opportune misure fungeranno da -navigatore satellitare-...diversamente NOTTE FONDA senza luna piena...con fari spenti e molti alberi nei paraggi! :-))

Tom.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
extermination
Ovviamente nel tuo caso tartatsi di differenze da ricercare inevitabilmente nei diffusori che sicuramente hanno inevitabili diversità visto che "sbrogliano" in maniera diversa ! visto che sei pur eil creatore non hai altro da fare che metetre tecnicamente a serio confronto  techico i 2 diffusori dal materiale del cabinet ai driver .crossover .pendenze di taglio...etc etc

Nel mio caso sono i sistemi d'altoparlanti, ma si può trattare anche di sorgenti o elettroniche in genere... non ha importanza.

e ci mancherebbe altro!

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

  • Statistiche forum

    282.333
    Discussioni Totali
    5.877.757
    Messaggi Totali

Facebook

About Melius Club

Melius Club: la nuova casa di Videohifi.com
Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con sede legale e operativa nell’Incubatore certificato Campania NewSteel in Napoli via Coroglio 57/d e codice fiscale 07710391215.

Powered by K-Tribes.

Follow us

×