Vai al contenuto

Stefano Zaini

Fnac a rischio chiusura

Messaggi raccomandati

gug74

Chiudono con la panza piena.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
tarcisio

di questi tempi ed in questa situazione economica generale ogni attività commerciale è a rischio chiusura.

per le piccolissime realtà spesso la situazione è drammatica.

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
bungalow bill

Purtroppo è da un po' di tempo che circola questa voce.Ho frequentato parecchie volte la Fnac di via Torino a MI e c'era sempre gente (anche se non tutti comprano,c'è crisi).

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
giggione

amazon stronca a tutti

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Rodolfo Luffarelli

Molto dispiacere per chi perde il posto: auguro un veloce reimpiego.

Purtroppo il computer e la rete hanno cambiato il mondo in maniera più repentina e sostanziosa delle guerre mondiali.

Saluti.

R

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
daniele_g
Purtroppo è da un po' di tempo che circola questa voce.Ho frequentato parecchie volte la Fnac di via Torino a MI e c'era sempre gente (anche se non tutti comprano,c'è crisi).
sì, ma avrai anche notato che alcuni settori (diciamo dischi e libri) sono in contrazione notevole, parlo proprio dello spazio fisico dedicato in negozio a quei settori.

come ha scritto qualcuno qua sopra, amazon e affini li bastonano.

credo resista l'elettronica perché ancora molti, se devono spendere 1500€ per un televisore o un PC, preferiscono comprare un oggetto che vedono e toccano con mano e si portano a casa subito dopo avere staccato l'assegno, ma probabilmente anche questa è una mentalità destinata a cambiare.

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
piodegliulivi

La Fnac non Chiude per la crisi,ma perchè il Governo Francese concede incentivi alle Aziende Francesi che operano nel Territorio Francese.

Prima erano di manica larga.......

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
radio

solidarieta' per i dipendenti

ma il direttore della FNAC di via Torino la mia solidarieta' se la scorda anzi....>:) >:) >:) >:) >:) >:)

>:) >:)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
mozarteum

Ricorda male

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
rock56

Domenica scorsa ha chiuso a Modena anche la "Casa Del Disco" di Fangareggi C.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
ouragan66

Luogo : Fnac centro commerciale Porte di Roma..

 

io :

scusi direttore sono socio Fnac da diversi anni e ho comprato diverse cose in passato dai cd ai computer...

ma adesso i vostri prezzi non sono concorrenziali..

su internet c'è una sostanziale differenza ma basta anche fare solo 30 metri e andare da Media World e trovare tutto o quasi a meno...

su cd e dvd-bluray c'è sempre una differenza di 2-3-4 euro !!!

 

direttore :

vada da Media World..

 

io :

salutammo.

 

ps

logicamente dispiacere immenso per i posti di lavoro persi...

 

 

ciao

 

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Tiggy

FNAC dieci anni fa - almeno a Verona - ha fatto dumping su musica e libri, mandando letteralmente a gambe all'aria diversi negozi di dischi (alcuni anche molto forniti). Poi si è riposizionata, tagliando via moltissima musica di qualità e lasciando a bocca asciutta tanti appassionati (settore classica e jazz ormai sono angoli). Con l'arrivo di Amazon sono diventati poco competitivi, e poiché il loro utente target è cmq un soggetto piuttosto evoluto, Internet gli ha eroso una bella fetta della clientela.

C'è anche da dire che i centri FNAC che vanno davvero male sono quelli che - sciaguratamente - sono stati aperti nei centri commerciali dove - come osservava ouragan - appena di fianco ci sono catene più competitive; quelli aperti nei centri storici (Genova, Verona e non ricordo quale altro tengono da soli in piedi l'intero circo) funzionano per la minutaglia, verso tutti quelli che ci passano - per  lavoro o turismo - e approfittano della comodità per acquisti da poco, e per chi abita in centro storico e preferisce prendere la TV o altro sotto casa.

Ho molto l'idea che la crisi sia solo una parte della questione e che stiano gridando al lupo per giustificare ri-negoziazioni verso affitti, fornitori e - ovviamente - per ridurre personale.

Aggiungo anche che, escluse Milano e Roma, i centri Fnac oggi sono i "circoli" più attivi per la promozione di incontri tra scrittori, musicisti, fotografi etc. e che la vera perdita nella loro chiusura sarà rappresentata dal venir meno di questo tipo di eventi che - ancorché promozionali - sono cmq momenti di cultura.

ciao

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
machenry

Un vero peccato, al sabato era ormai un'abitudine per me il giretto alla Fnac di via Roma a Torino (che per adesso è ancora aperta) a caccia di qualche cd in promozione; concordo sul discorso dei prezzi dell'elettronica mediamente più alti rispetto ad altre catene, probabilmente c'entra anche il discorso del costo degli affitti dei locali (qui a Torino in centro i negozi stanno chiudendo a raffica, pare che gli aumenti siano esorbitanti). E così, dopo Blockbuster, perderemo un altro mito!!!

Enrico.

:(

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
piergiorgio

probabilmente c'entra anche il discorso del costo degli affitti dei locali (qui a Torino in centro i negozi stanno chiudendo a raffica, pare che gli aumenti siano esorbitanti).

 

Enrico.

:(
vado un po' OT, scusatemi : ma se questi negozi risentono del caro affitti, chi altri puo' permettersi questi locali ? Banche ? assicurazioni ? Mc Donalds ? abbigliamento di alto bordo ? o rimarranno sfitti ?

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
cactus_atomo
 
vado un po' OT, scusatemi : ma se questi negozi risentono del caro affitti, chi altri puo' permettersi questi locali ? Banche ? assicurazioni ? Mc Donalds ? abbigliamento di alto bordo ? o rimarranno sfitti ?

hai presente cosa è successo quest'annno a sabaudia, nota località balnerare del litorasle laziale? gli affitit delle case estive, in rialzo come tutti gkli anni, all'apprpssimarsi del feragosto sono CROLLATI, vista la quantità di case sfitte e al stagioena gli sgocciooli. Ci sono negozi di lusso che DEVONO essere presenti nei centri storici pe rmotivi fi immagine, Non credo che la Boutique di Laura Schoen a piazza del popolo si prepccupaerà degli afffitti, vende un genere di luisos che più costa e più è pprezzato, ma chi deve fare i conti con la concorrenza si sposterà se gli affitti non saranno in linea con la possobilità di sostenerli, la crisi (se esludiamo il settore del super lusso) riduce la clientrela dei beni non di prima necessità, obbliga a promozioni per sostenere le vendite, se anche òle sepse di gestione sono troppo alte, si chide o ci si sposta. Nel breve l'offerta di affitti altri potrà anche trovare un pèo di riscontro da chi vuole andare in centro, ma in prospettiva, mi sa che i locali troppo cari in prospettiva resteranno sfitti o dovranno ridurre le pretese, c'è la concorrenza dei grandi centri commerciali (molti li trovano comodi per gli orati lunghi, le aperture domenicali, le ampie possibilità di parcheggio, la vaietà merceologica, la presenza si supemercati alimentati, tintorie ecc) e in prspettiv creo al ritorno del "negozioa di prpossomità" per certi genere di uso comune

Buona muaica

ennrico

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
bungalow bill

A MI Mc Donalds,probabilmente se ne andrà per far posto a Prada abbigliamento.Zona Galleria V:Emanuele.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ferrgiov2@virgilio.it

****************************************************************************************************************************************

Purtroppo il computer e la rete hanno cambiato il mondo in maniera più repentina e sostanziosa delle guerre mondiali.

****************************************************************************************************************************************

 

La Fnac vende anche in rete e non solo nei negozi. Purtroppo la situazione di questi centri di elettronica consumer e' basata su una concorrenza feroce ed evidentemente a causa del calo dei volumi di vendita per la crisi, purtroppo non c'' e' piu' spazio per tutti.

 

Anche senza essere un patito , ogni tanto vado a vedere in questi centri centri commerciali i nuovi Tv , ma c'e' molta gente che guarda e poca che acquista !

 

Ferruccio

 

 

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
mvnap

beh Fnac ci ha messo del suo negli ultimi tempi. 

Oltre a ridurre grandemente lo spazio per la musica, prima la "carta Fnac", a pagamento, dava diritto a diverse "giornate di sconto" ed allo sconto fisso del 10% su libri e cd non in offerta. in più ogni acquisto (o meglio ogni giorno in cui si comprava qualcosa) si aveva diritto a 5 punti e raggiunti tot punti si aveva un buono da 5 euro.
ora gli sconti su libri e cd fissi son saltati, ogni tanto c'è qualche prodotto con prezzo scontato per i soci e il sistema di raccolta sconti è diventato più complicato... 
morale, io che "soggiornavo " alla Fnac (Milano, via Torino) e compravo dischi in quantità, ora ci vado saltuariamente e compro pochissimo...

però ove dovesse chiudere ne sarei davvero spiaciuto, perché è luogo comunque di interesse culturale e ben diverso da un qualsiasi mediaworld...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
aldina
hai presente cosa è successo quest'annno a sabaudia, nota località balnerare del litorasle laziale? gli affitit delle case estive, in rialzo come tutti gkli anni, all'apprpssimarsi del feragosto sono CROLLATI, vista la quantità di case sfitte e al stagioena gli sgocciooli. Ci sono negozi di lusso che DEVONO essere presenti nei centri storici pe rmotivi fi immagine, Non credo che la Boutique di Laura Schoen a piazza del popolo si prepccupaerà degli afffitti, vende un genere di luisos che più costa e più è pprezzato, ma chi deve fare i conti con la concorrenza si sposterà se gli affitti non saranno in linea con la possobilità di sostenerli, la crisi (se esludiamo il settore del super lusso) riduce la clientrela dei beni non di prima necessità, obbliga a promozioni per sostenere le vendite, se anche òle sepse di gestione sono troppo alte, si chide o ci si sposta. Nel breve l'offerta di affitti altri potrà anche trovare un pèo di riscontro da chi vuole andare in centro, ma in prospettiva, mi sa che i locali troppo cari in prospettiva resteranno sfitti o dovranno ridurre le pretese, c'è la concorrenza dei grandi centri commerciali (molti li trovano comodi per gli orati lunghi, le aperture domenicali, le ampie possibilità di parcheggio, la vaietà merceologica, la presenza si supemercati alimentati, tintorie ecc) e in prspettiv creo al ritorno del "negozioa di prpossomità" per certi genere di uso comune

Buona muaica

ennrico

 

SCUSATE VADO OT...

enrico... avevi fatto qualche miglioramento ma negli ultimi tempi sei ritornato a un livello di errori insuperabile, 31 in questo post... e in più hai cannato pure il tuo nome... invoco gli amici del forum a fare una colletta che ti mettano a disposizione un cell. con tasti più grandi o visibili, in caso contrario leggerti diventerà impossibile!

ovviamente si scherza con faccina sorridente neh? non mettermi nell'angolino dei rompicoglioni please!

un cordiale saluto

Marco

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
cactus_atomo
hai presente cosa è successo quest'annno a sabaudia, nota località balnerare del litorasle laziale? gli affitit delle case estive, in rialzo come tutti gkli anni, all'apprpssimarsi del feragosto sono CROLLATI, vista la quantità di case sfitte e al stagioena gli sgocciooli. Ci sono negozi di lusso che DEVONO essere presenti nei centri storici pe rmotivi fi immagine, Non credo che la Boutique di Laura Schoen a piazza del popolo si prepccupaerà degli afffitti, vende un genere di luisos che più costa e più è pprezzato, ma chi deve fare i conti con la concorrenza si sposterà se gli affitti non saranno in linea con la possobilità di sostenerli, la crisi (se esludiamo il settore del super lusso) riduce la clientrela dei beni non di prima necessità, obbliga a promozioni per sostenere le vendite, se anche òle sepse di gestione sono troppo alte, si chide o ci si sposta. Nel breve l'offerta di affitti altri potrà anche trovare un pèo di riscontro da chi vuole andare in centro, ma in prospettiva, mi sa che i locali troppo cari in prospettiva resteranno sfitti o dovranno ridurre le pretese, c'è la concorrenza dei grandi centri commerciali (molti li trovano comodi per gli orati lunghi, le aperture domenicali, le ampie possibilità di parcheggio, la vaietà merceologica, la presenza si supemercati alimentati, tintorie ecc) e in prspettiv creo al ritorno del "negozioa di prpossomità" per certi genere di uso comune

Buona muaica

ennrico

 

SCUSATE VADO OT...

enrico... avevi fatto qualche miglioramento ma negli ultimi tempi sei ritornato a un livello di errori insuperabile, 31 in questo post... e in più hai cannato pure il tuo nome... invoco gli amici del forum a fare una colletta che ti mettano a disposizione un cell. con tasti più grandi o visibili, in caso contrario leggerti diventerà impossibile!

ovviamente si scherza con faccina sorridente neh? non mettermi nell'angolino dei rompicoglioni please!

un cordiale saluto

Marco

 

 

non posso metterti nell'angolo dei rompicoglioni, è pieno da tempo e non c'è spazio per aggiungerne altri (anzi son pieni tutti gli angoli) comunque non è rompicoglioni chi mi sfotte per comer scrivo sul forum :D

enrico

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
il Marietto

Questa mattina la Fnac di Verona era chiusa con i dipendenti fuori che volantinavano ad ascoltarli c'era il sindaco della città.

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
machenry

Anche quella di Torino, via Roma.

Enrico.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
bungalow bill

Anche a Milano Fnac in sciopero.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
cactus_atomo
 
giusto! ma ricorderei che quello a Roma ha già chiuso.

salut
S

 

a roma quasi tutti i pun ti vendita ricordi sono diventati lafeltrinelli

enrico

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

  • Statistiche forum

    282.569
    Discussioni Totali
    5.884.414
    Messaggi Totali

Facebook

About Melius Club

Melius Club: la nuova casa di Videohifi.com
Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con sede legale e operativa nell’Incubatore certificato Campania NewSteel in Napoli via Coroglio 57/d e codice fiscale 07710391215.

Powered by K-Tribes.

Follow us

×