Vai al contenuto

Member_0026

Outing, credo proprio che abbiamo esagerato

Messaggi raccomandati

Member_0026

Un bel giorno, guardo il mio impianto e rifletto.......

Rifletto pensando ai recenti ascolti fatti in casa di amici, dove il loro impianto è installato presso il salotto bene, unico posto per molti di noi, me compreso.
Rifletto pensando agli altrettanti ascolti effettuati in casa di quei pochi per hanno a disposizione una vera sala d'ascolto dedicata.
mumble.. mumble....
Per i fortunati che si sono potuti permettere la sala dedicata, non ho nulla da dire, se non della sana invidia, ma per chi, come me, ha messo tutto l'ambaradan nell'unico posto disponibile, beh, direi proprio che molti di noi abbiano esagerato (compreso il sottoscritto).
Sono stati spesi prima milioni, poi migliaia di euro per sacrificare tutto, che, quando va bene, in 30 Mq.
Che ne pensate ?
Bye

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
camaro71

che impianto hai??

io non mi pento, è una delle poche passioni che ho ed è giusto coltivarla. non spendo milioni, aspetto le occasioni buone e cerco di concludere l affare :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
cactus_atomo

verissimo, ma adesso non esageriamo, si possono mettere ottime cose in 30 mq (anche esagerando un po, se vogliamo), e spesso e volentieri è possibile trovare un ragionevole compromesso tra esigenze di viviibilità degli ambienti e quelle dei nosri impianti, specie se si è pensato prima, e non dopo, alla collocazione.
personalmnte trocvo che in 30 mq siaano assai più adatti difufosir da pavime to rispetto a quelli da stand, ingombrano meno e sono meno "precari", uno stand in ambiente non dedicato è sempre un elemento a rischio.

Buona musica

enrico

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
totem

Più l'ambiente è grande e più soldi bisogna spendere per farlo suonare decentemente.

Un ambientino di max 20 mq , un po di esperienza e nessuna smania di grandezza ed il gioco è bello e fatto.
In ogni caso 30 mq  non sono affatto pochi.....

Saluti
Stefano

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
miro

In condizioni di normale convivenza e capacità economiche l'ambiente di ascolto è sempre un compromesso, l'importante è saperlo sfruttare al massimo delle proprie possibilità.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Member_0026

Non ha importanza quale sia il mio impianto, il punto è che spesso, non ho generalizzato, abbiamo, ci sono o vediamo quelli che alla fine continuo a definire "elettrodomestici", sacrificati ed a quel punto non c'è proporzione.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
diego_g

...e non sono solo gli "elettrodomestici" ad essere sacrificati, ma anche gli spazi di comune convivenza, purtroppo!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Frovalta
Non ha importanza quale sia il mio impianto, il punto è che spesso, non ho generalizzato, abbiamo, ci sono o vediamo quelli che alla fine continuo a definire "elettrodomestici", sacrificati ed a quel punto non c'è proporzione.


Io sono giunto alla conclusione che, finchè non ho un ambiente più ampio, non faccio interventi sui diffusori (Tannoy DC con cono da 30 cm in un ambiente di 100 metri cubi scarsi). Sul resto non mi pongo invece limiti: sia perchè le differenze sono comunque udibili in generale, sia perchè utilizzando la cuffia (ed abitando in condominio la cosa è abbastanza frequente), il problema ambiente diventa nullo.

 

Un saluto, Frovalta.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Acoustico

Spesso chi ha la fortuna di avere una stanza dedicata può contare comunque sugli stessi metri quadri, quindi il sacrificio per l'impianto è pari.

Poi ci vuole un pò di manico e di fortuna nel poter integrare il tutto in una stanza "generalista".

Ma l'alternativa è cambiare hobby...se uno ha la passione per la pesca e vive nel deserto, meglio che cambi passone...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
wertigo

vivendo da solo il mio salotto è dedicato alla musica :-)

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
bungalow bill

Io ho un locale dedicato ,dove posso strombazzare senza dare fastidio alla moglie.A volte penso di aver troppe cose ( tra elettroniche e diffusori),però mi piace così.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
minollo63

Concordo con te pienamente.

Più di una volta mi è capitato di guardare il mio impianto, che sta in un salotto utilizzato quotidianamente per la vita "sociale" familiare, e chiedermi se aveva senso aver speso tutti quei soldi per non poterlo sfruttare appieno e godermelo in tutta tranquillità ogni volta che uno desidera.

Ciao

Stefano R.

Un bel giorno, guardo il mio impianto e rifletto.......
Rifletto pensando ai recenti ascolti fatti in casa di amici, dove il loro impianto è installato presso il salotto bene, unico posto per molti di noi, me compreso.
Rifletto pensando agli altrettanti ascolti effettuati in casa di quei pochi per hanno a disposizione una vera sala d'ascolto dedicata.
mumble.. mumble....
Per i fortunati che si sono potuti permettere la sala dedicata, non ho nulla da dire, se non della sana invidia, ma per chi, come me, ha messo tutto l'ambaradan nell'unico posto disponibile, beh, direi proprio che molti di noi abbiano esagerato (compreso il sottoscritto).
Sono stati spesi prima milioni, poi migliaia di euro per sacrificare tutto, che, quando va bene, in 30 Mq.
Che ne pensate ?
Bye

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Tiggy

Condivido la tua riflessione,ma credo che esistano due approcci entrambi legittimi: quello di chi dice che, data una passione, per quelle volta - pur rara - che ne gode vuole farlo appieno, senza farsi mancare nulla, e quello di chi - al contrario - visti i compromessi cui è costretto decide altrettanto legittimamente di ridimensionare costi e sacrifici.

Io ho una stanza in taverna dedicata di 4*5mt, sicuramente sacrificata per le mie klipschorn, ma per me averle era un modo per entrare in possesso di un pezzo di storia dell'hifi; forse non saranno i diffusori più adatti per una corretta riproduzione del suono in quell'ambiente, ma ritengo che anche l'hifi - come tutte le passioni - assolva anche ad un funzione di soddisfazione delle proprie piccole perversioni, con cui tutti qui facciamo i conti. [:D]

Gualtiero

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
dadox

spesso e volentieri è possibile trovare un ragionevole compromesso tra esigenze di viviibilità degli ambienti e quelle dei nosri impianti, specie se si è pensato prima, e non dopo, alla collocazione. 

Buona musica

enrico

Hai proprio nominato il primo comandamento. MA purtroppo nel 90% dei casi si é tutti peccatori, in questo parametro...  :-/

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
dadox
Ma l'alternativa è cambiare hobby...se uno ha la passione per la pesca e vive nel deserto, meglio che cambi passione...

 

Difatti per come vanno le cose per l'hi-fi qui in Italia, la si può paragonare ad un deserto, e il nostro impianto, una canna da pesca...  =((

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Member_0043
Più l'ambiente è grande e più soldi bisogna spendere per farlo suonare decentemente.
Un ambientino di max 20 mq , un po di esperienza e nessuna smania di grandezza ed il gioco è bello e fatto.
In ogni caso 30 mq  non sono affatto pochi.....

Saluti
Stefano

quotone...  si passa un po' il segno se, per esempio bisogna strisciare in casa perchè dietro la porta d'ingresso ci sono i diffusori, cosa capitatami da un cliente... per il resto ho sentito diffusori enormi in piccoli spazi con ottimi risultati. saluti

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
mattia.ds

Io non invidio chi si può permettere una stanza dedicata esclusivamente alla musica,perchè la musica fa parte della mia vita e voglio avere la sua compagnia ogni qualvolta ne ho voglia,anche quando magari sto preparando la tavola o facendo altre cose in casa.Quindi troverei alquanto limitante il fatto di potermela godere solo chiudendomi in una stanza.Ho anche la fortuna di avere una moglie che non si è mai lamentata degli "aggeggi" che ho posizionato in salotto,ma in cambio devo preparare la tavola....... :D

Saluti   Mattia

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

  • Statistiche forum

    282.381
    Discussioni Totali
    5.879.069
    Messaggi Totali

Facebook

About Melius Club

Melius Club: la nuova casa di Videohifi.com
Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con sede legale e operativa nell’Incubatore certificato Campania NewSteel in Napoli via Coroglio 57/d e codice fiscale 07710391215.

Powered by K-Tribes.

Follow us

×