Jump to content
Melius Club
Sign in to follow this  
dufay

[lessico e nuvole] Cosa intendete per "raffinatezza"?

Recommended Posts

dufay

O la raffineria... 

 

In termini audiofili, secondo voi di che si tratta?

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Esprit

Assenza di fatica di ascolto, piacevolezza, attenzione rilassata al solo messaggio musicale. IMO.

Share this post


Link to post
Share on other sites
chiaro_scuro

Si tratta di un modo per giustificare il prezzo di un componente.

Ciao.

Share this post


Link to post
Share on other sites
dufay
Si tratta di un modo per giustificare il prezzo di un componente.

Ciao.
E te pareva...

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
piro
Si tratta di un modo per giustificare il prezzo di un componente.

Ciao.
quindi secondo te non si sente?

Share this post


Link to post
Share on other sites
chiaro_scuro

Io no, tu lo senti?

Io noto che quando non si sentono delle belle differenze ci si impegna a cercarle e alla fine si parla di raffinatezza, aria, gentilezza, poca fatica di ascolto ecc. ecc.

Ciao.

Share this post


Link to post
Share on other sites
jimbo

Quando il messaggio è ricco di informazioni.

Luigi

Share this post


Link to post
Share on other sites
gefrusti

...se la raffinatezza/piacevolezza è legata alla fatica d'ascolto il mio setup-audio deve essere di una raffinatezza unica...(non che lo sia di "base" ma lo è diventato)

piu si ascolta e piu piace..piu si ascolta..e più viene voglia di alzare il volume. Un impianto inversamente proporzionale :D

Tom.

Share this post


Link to post
Share on other sites
chiaro_scuro

Questo fa capire che la raffinatezza non esiste: non hai cambiato nè modificato il diffusore eppure ciò che era grezzo è diventato raffinato.

Ciao.

Share this post


Link to post
Share on other sites
andrea_n
Si tratta di un modo per giustificare il prezzo di un componente.

Ciao.

 

...hai presente Time Out di Brubeck(vinile)

prova ad ascoltare il ping sui piatti con una Sumiko Evo o Denon 103 ,

poi prova ad ascoltarlo con una Benz,una Zyx,una Lyra....

 

;)

Share this post


Link to post
Share on other sites
effe_erre

un termine senza senso che piace tanto agli audiofili... il suono deve essere VERO non raffinato... altrimenti non parliamo più di alta FEDELTA' del suono ma parliamo di alta mistificazione del suono... ossia: bello ma falso

Share this post


Link to post
Share on other sites
gefrusti
Questo fa capire che la raffinatezza non esiste: non hai cambiato nè modificato il diffusore eppure ciò che era grezzo è diventato raffinato.

Ciao.
...difatti ho dimostrato oggettivamente (http://forum.videohifi.com/discussion/298058/-curiosita-ho-misurato-la-distorsione-delle-xls-215-/p1) che le distorsioni NON lineari sono molto basse...questo conta...e questo è quello che rende un diffusore poco grezzo...piacevole e poco affaticante.
E bastato il solo intervento sull'equilibrio tonale per renderlo "raffinatissimo"....di contro un diffusore che strilla con il 15% di distorsione (purchè high end) verrebbe apprezzato -virtualmente- di più dalla comunità audiofila...

ciao, Tom.

Share this post


Link to post
Share on other sites
spassk522

La raffinatezza non so, la raffineria quando si distillano i vinili per ottenere carburante

Share this post


Link to post
Share on other sites
dufay
un termine senza senso che piace tanto agli audiofili... il suono deve essere VERO non raffinato... altrimenti non parliamo più di alta FEDELTA' del suono ma parliamo di alta mistificazione del suono... ossia: bello ma falso
Un suono vero deve essere grezzo per forza? Mica tutti ascoltano sinfonie per martello pneumatico e urla belluine...

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
effe_erre
un termine senza senso che piace tanto agli audiofili... il suono deve essere VERO non raffinato... altrimenti non parliamo più di alta FEDELTA' del suono ma parliamo di alta mistificazione del suono... ossia: bello ma falso
Un suono vero deve essere grezzo per forza? Mica tutti ascoltano sinfonie per martello pneumatico e urla belluine...

il suono vero è vero... spesso quello riprodotto è piatto... poco emozionante... la maggior parte delle armoniche alle frequenze più estreme dell'udibile perse per strada... non parliamo poi della dinamica... letteralmente morta ammazzata dalle scarse possibilità fisiche dei diffusori e dalle registrazioni "commerciali"... per questo odio i piccoli sistemi... mi sembra di ascoltare una radiolina

Share this post


Link to post
Share on other sites
-ERRE-

Per come la intendo io è grosso modo un sinonimo di "grana fine"

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
dufay
Per come la intendo io è grosso modo un sinonimo di "grana fine"

Per averlo, purtroppo, ci vuole grossa grana...

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest

The user and all related content has been deleted.

Share this post


Link to post
Share on other sites
chiaro_scuro
Si tratta di un modo per giustificare il prezzo di un componente.

Ciao.

 

...hai presente Time Out di Brubeck(vinile)

prova ad ascoltare il ping sui piatti con una Sumiko Evo o Denon 103 ,

poi prova ad ascoltarlo con una Benz,una Zyx,una Lyra....

 

;)Purtroppo è da vent'anni che non ascolto più i vinili....bei tempi......
Una cosa ho notato: quando si parla di raffinatezza in un modo o nell'altro si parla sempre della gamma medio-alta e alta, come mai?

Ciao.

Share this post


Link to post
Share on other sites
dufay
Termine alquanto soggettivo...

 

Lo si usa , alle volte, per descrivere  un impianto con diffusori dai teewter non collegati.

 

Scherzi a parte... è davvero troppo soggettivo e legato ai propri gusti personali.

 

Diciamo che nell'accezione più comune indica un impianto con frequenze medio-alte non particolarmente in evidenza

Direi di no. Ho sentito impianti chiusi in gamma medio acuta e contemporaneamente pochissimo raffinati.

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Member_0055

Niente da fare, restate sempre sul vago.

Ci provo io con un esempio concreto:

avete presente le casse di Dufay? Ecco l'esatto opposto.

:bz

Share this post


Link to post
Share on other sites
effe_erre
Niente da fare, restate sempre sul vago.

Ci provo io con un esempio concreto:

avete presente le casse di Dufay? Ecco l'esatto opposto.

:bz

quali ? quelle fatte in casa con il cartone pressato ? :D ;;)

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest

The user and all related content has been deleted.

Share this post


Link to post
Share on other sites
sm63

Suono raffinato se sinonimo di naturalezza allora ci siamo altrimenti non saprei descriverlo .

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
31canzoni
O la raffineria... 

In termini audiofili, secondo voi di che si tratta?


Il problema è che la raffinatezza è una sensazione e quando viene raccontata con le parole per forza di cose se ne perde la sensazione e si cerca un'approssimazione.

Anche la sensazione del nero infrstrumentale esiste, anche se l'espressione di per sè non significa nulla.

Per citare l'abusato Frank Zappa"Parlare di musica è come ballare di architettura" - non se ne esce.

 

ciao, silvano.

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
AlfonsoD

Secondo me:

Equilibrio timbrico, Assenza di grana di distorsione e risonanze ambientali udibili, una dinamica adeguata alla musica da riprodurre.

Il giusto connubio di questi tre elementi.

Infatti, se un impianto suona in maniera raffinata a volume medio e basso, potrebbe non esserlo più a volume alto per la comparsa di distorsione o di risonanze ambientali.

Allo stesso modo, una grana udibile in riproduzione renderà inascoltabile la gamma media ed alta.

La corretta risposta in frequenza (non una risposta piatta), evita che una gamma di frequenze sia troppo in evidenza o troppo poco, evitando colorazioni o cancellazioni che di raffinato hanno ben poco.

Infine la dinamica, se manca, la riproduzione (ad esempio) di un'orchestra sinfonica potrebbe assomigliare molto alla stessa udita dal cortile dell'auditorium dove si esegue l'opera (il che non è molto fine).

Share this post


Link to post
Share on other sites
nano70
hai presente Time Out di Brubeck(vinile)

prova ad ascoltare il ping sui piatti con una Sumiko Evo o Denon 103 ,

poi prova ad ascoltarlo con una Benz,una Zyx,una Lyra....

Cioè? Ho una Lyra Delos, per me ottima, oltre ad avere la ristampa Classic Records in vinile 45rpm stampato su un solo lato di Time Out. Facendo un paragone con il CD, la differenza va oltre l'imbarazzante. Con il vinile c'è un quantitativo di informazioni enormemente superiore. In questo secondo me si può riassumere cosa sia la raffinatezza, cioè la restituzione più elevata possibile di tutte le informazioni originariamente presenti nel master, quali armoniche, ambienza, respiro/ariosità (l'espandersi del suono degli strumenti senza che gli rimanga appiccicato), microdettaglio ecc. In questo, il vinile CR di Brubeck è a dir poco esemplare ed esplicativo. Chiaramente ci deve essere poi un sistema in grado di riprodurlo al meglio. :)

Share this post


Link to post
Share on other sites
chiaro_scuro

Hai provato a digitalizzare quell'LP per vedere se le informazioni vengono perse nel passare al formato CD?

Ciao.

Share this post


Link to post
Share on other sites
MarioBon

Non sono contrario a che vengano introdotti nuovi attributi per descrivere il suoni. Mi domando a cosa possono servire se non possono essere misurati. L' opposto di "raffinato" è "volgare". Il che significherebbe che il suono va da "volgare" (per il volgo, dal volgo) a "raffinato" (se non è per il volgo sarà per i nobili ed il clero). Ne segue che il suono raffinato è quello che meglio si adatta ai nobili ed al clero. Politicamente non è un suono di sinistra (non è un suono progressista).  

Share this post


Link to post
Share on other sites
flydanny

Secondo me, raffinato, vuol dire raffinato, cioè:

Sostanza che ha subito un processo di raffinazione, di affinamento, di purificazione;
2 agg. Perfezionato, ricercato. (cfr. Zingarelli)
Per collegamento, dunque, se prendiamo come soggetto della frase il suono di uno strumento, tanto più questo venga riprodotto in modo aderente alla realtà, attraverso un processo di affinamento, che passa dalle macchine da musica, tanto maggiore sarà la raffinatezza, cioè il risultato veritiero che si otterrà.
Per estensione, il concetto va ripetuto per un insieme di strumenti, o per le voci.

Bye

Share this post


Link to post
Share on other sites
Sign in to follow this  

  • Statistiche Forum

    305947
    Total Topics
    7052610
    Total Posts

About Melius Club

Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con codice fiscale 07710391215.
Powered by K-Tribes.

Follow us

×
×
  • Create New...

Important Information

Privacy Policy