Vai al contenuto
  • Annunci

    • K-Tribes Team

      Problemi di login?   31/12/2017

      Scrivici usando il tasto [Contatti] in alto sulla destra.
noam

Cello Duet 350 : quale pre abbinare ?

Messaggi raccomandati

noam

Un caro amico , che non scrive sul forum , vuole sostituire un Klimo Merlin con un pre a stato solido da abbinare ad un Cello Duet 350 , il resto della catena é composta da un Linn Ikemi , Klimo Tafelrunde , klimo Lar e dalle Wilson Sophia 2 . Io gli suggerirei senza remore uno Spectral dmc30 , ma non lo si riesce a trovare usato a buon prezzo dando via il suo Klimo .Al momento ha come opzioni :* Burmester 035* Mark Levinson 380* Jeff Rowland Sinergy* Conrad Johnson 18LSQualcuno di voi ha provato l'accoppiata di uno dei precedenti pre con finali Cello ?Grazie per i suggerimenti ed a voi la parola , Francesco .

edit: spostato da posta express

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
flydanny

Perchè non un bel "Audio Research" SP 15 o 11?

Anche per questioni filologiche sarebbe una scelta più azzeccata.
Tra quelli citati, invece, non ne amo nessuno in particolare.

Sayonara

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
noam

No so per quale motivo , ma lui vorrebbe provare uno stato solido puro dopo tanti anni di pre a valvole .

Ed i pre che ho citato prima sono quelli più facilmente disponibili per un ascolto .

Ciao , Francesco .

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Rodolfo Luffarelli

Carenza di motoseghe ???

Saluti e buon anno cableman.
R

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
noam

Non lo so , ma il "pazzo" mi ha appena chiamato e senza pensarci due volte si è portato a casa il Burmester 011 .

Grande !!

Auguri a tutta la comunità di Boville .

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Rodolfo Luffarelli

Finalmente un Burmester .....

Fateci sapere ...

Saluti.
R

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
noam

Acquistato quasi a scatola chiusa , dopo averlo ascoltato si e no 5 min . Bontà sua , ma io agisco differentemente , anche perchè voglio godermi le prove comparative pre acquisto ...

Una cosa è certa , non vedo l'ora di ascoltare in cosa è cambiato il set up dell'amico Raffy dopo l'inserimento di quest'ultimo fuoriclasse .

 

 

Francesco

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
cuprone1

bah..fuoriclasse non direi, buone macchine si..

P

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
rlc

Concordo

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
TOLA

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
TOLA

io prenderei un cello palette o encore, il monomarca cello è d'obbligo secondo me. (non tanto per le prestazioni, ma dividere due macchine del genere è un sacrilegio)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
cuprone1

Concordo Tola..grandi macchine del passato ancora ben suonanti.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
alf

Mi avete fatto tornare in mente una presentazione che si svolse anni fa nel negozio Ethos di Roma. Silvano, il padrone del negozio, mi disse "Entra nell'ultima stanza a sinistra"; aprii la porta e mi trovai di fronte Mark Levinson, che stava presentando il suo impianto, con pre Audio Palette, finale Duet 350 e casse a tre vie sempre Cello. Questo era l'impianto "economico". Poi ci trasferimmo nella sala a fianco dove era installato l'impianto top, con i finali Performance e le casse Stradivari Grand Master. Mi ricordo che passò anche Bebo a salutare Mark Levinson e ascoltare l'impianto.

Saluti a tutti

Alfredo Ricci

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
noam

Ascolto fugace ieri sera , del resto il tempo è sempre tiranno .

Il Burmester 011 mi è sembrato più preciso e ricco di dettagli rispetto all'ottimo Merlin con alimentazione separata .

Due particolari mi hanno sorpreso particolarmente : scena immensa , ben più profonda ed alta rispetto a prima e la ricchezza di dettagli in gamma mediobassa supportata da microsfumature timbriche e dinamiche prima solo parzialmente accennate .

Più in là faremo una seduta d'ascolto più seria , il Raffy , contentissimo , mi ha confermato che prima sembrava un "cieco" , ora invece riesce a vedere tutti i particolari olegrafici che non immaginava ci fossero nella registrazione .

 

 

Francesco

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
carlottina
Mi avete fatto tornare in mente una presentazione che si svolse anni fa nel negozio Ethos di Roma. Silvano, il padrone del negozio, mi disse "Entra nell'ultima stanza a sinistra"; aprii la porta e mi trovai di fronte Mark Levinson, che stava presentando il suo impianto, con pre Audio Palette, finale Duet 350 e casse a tre vie sempre Cello. Questo era l'impianto "economico". Poi ci trasferimmo nella sala a fianco dove era installato l'impianto top, con i finali Performance e le casse Stradivari Grand Master. Mi ricordo che passò anche Bebo a salutare Mark Levinson e ascoltare l'impianto.

Saluti a tutti

Alfredo Ricci

beh, l'impianto top era davvero impressionante, lo ricordo anch'io...

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
TOLA
Mi avete fatto tornare in mente una presentazione che si svolse anni fa nel negozio Ethos di Roma. Silvano, il padrone del negozio, mi disse "Entra nell'ultima stanza a sinistra"; aprii la porta e mi trovai di fronte Mark Levinson, che stava presentando il suo impianto, con pre Audio Palette, finale Duet 350 e casse a tre vie sempre Cello. Questo era l'impianto "economico". Poi ci trasferimmo nella sala a fianco dove era installato l'impianto top, con i finali Performance e le casse Stradivari Grand Master. Mi ricordo che passò anche Bebo a salutare Mark Levinson e ascoltare l'impianto.

Saluti a tutti

Alfredo Ricci

mi capitò qualcosa di simile al quark 2 dove conobbi Mark Levinson ...l'impianto con le gran master era meraviglioso...e ci mancherebbe , al quark poi tutto mi sembrava rotto. da allora la qualità media mi sembra molto migliorata, cello era un miracolo dell'epoca

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
noam

Un ricordo piacevole e per certi versi unico fu l'ascolto di un coro di Verdi con un set up Cello che aveva come terminale i diffusori Angelus , del tipo : eccoli là .

 

Francesco

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

  • Statistiche forum

    281.655
    Discussioni Totali
    5.873.879
    Messaggi Totali

Facebook

About Melius Club

Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con sede legale e operativa nell’Incubatore certificato Campania NewSteel in Napoli via Coroglio 57/d e codice fiscale 07710391215.

Powered by K-Tribes.

Follow us

×