Vai al contenuto

Stefanik

Accuphase e250 - aiutatemi a capire...

Messaggi raccomandati

Stefanik

...come funzionana l'ingresso diretto al finale.

 

Ciao ragazzi, oggi ho ascoltato questo ampli. Lo comprerei per ascoltare musica ovviamente e per sfruttare i finali anche in ht.

 

Quindi volendo inserirlo in una catena ht, come potrei fare?

La cosa più comoda sarebbe quella di connettere tramite rca le pre out del sinto all'ingresso diretto del finale e selezionare l'ingresso con il telecomando...

Si può?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
gug74

Credo di si.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Stefanik

Se vi puo aiutare a capire....

 

 

Credo che ci sia un selettore manuale sul davanti...niente telecomando?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Stefanik

Riesumo questa discussione per fare una domanda: fino a quanto ostici possono essere i diffusori pilotati da questo integrato?

Faccio un esempio per farvi capire meglio partendo dal presupposto che, per le mie conoscenze base e per nulla certe, ritengo che (a puro titolo di esempio) dei diffusori come le b&w 801d siano difficili da pilotare a differenza di diffusori come le klipsch rf82 (sempre per puro esempio).

Quali potrebbero essere considerati diffusori equilibrati per un impianto composto con questo integrato?

Per ora non chiedo un parere sulla timbrica dei diffusori in quanto la questione è troppo soggettiva.

 

 

Per chi non lo conoscesse l'ampli in questione ecco le caratteristiche dal sito ufficiale accuphase

http://www.accuphase.com/model/e-250.html

Inoltre ecco una prova con tanto di misure da laboratorio (per chi ci capisce)

http://www.h-fidelity.com/NewsFiles/...se%20E-250.pdf

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
scubi

Io penserei alle Cremona Auditor M oppure alle Cremona M(sul nuovo si dovrebbe spuntare un buon prezzo) oppure alle Olympica(magari da stand).

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
scubi

P.s.: se sabato porti l'ampli, vediamo cosa accade con le Venere

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
cactus_atomo

i dati di targa non sono rassicurqanti, 90 su 8 ohm, 105 su 6, 115 su 4, sulla carta non pilota carichi difficili, ci vogljuono diffusori che non abbiamno una impedenza bassa, quindi oggetti che abbianoi una impedenza minima sopr ai 4 ohm, io vedrei bene le opera, per esemoio,

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
aladin

La politica Accuphase in merito agli integrati e tendenzialmente co servativa al fine di garantire la proverbiale affidabilità.

Ho posseduto il 250 e suona meravigliosamente a patto di non abbinarlo a diffusori troppo voraci i termini di corrente. Se cerchi i rete dele prove puoi verificare che l' amplificatore fo fondamentalmente on ha problemi di pilotaggio, suona fino a 2 ohm tenendo presente l' intervento delle protezioni a 3 ohm che limitano l' erogazio e di corrente per preservare i finali.

Un ampli con problemi di pilotaggio si spenge, così come accadeva più frequentemente una volta con i piccoli almplificatori ( vedere n1 AR ).

Al dunque ri consiglio farlo suonare con diffusori non troppo esigenti al fine di godere del bel suono di cui è capace.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
carlottina
Se cerchi i rete dele prove puoi verificare che l' amplificatore fo fondamentalmente on ha problemi di pilotaggio, suona fino a 2 ohm tenendo presente l' intervento delle protezioni a 3 ohm che limitano l' erogazio e di corrente per preservare i finali. Un ampli con problemi di pilotaggio si spenge, così come accadeva più frequentemente una volta con i piccoli almplificatori ( vedere n1 AR ).

si tratta di diverso tipo di protezioni...

I problemi di pilotaggio derivano dall'allontanarsi dall'amplificatore "ideale", non sono problemi di funzionamento ma non puoi garantire la corrente (e quindi i Volt) necessari a pilotare correttamente alcuni diffusori; funziona lo stesso ma i diffusori (alcuni) vorrebbero altro... in pratica, i diffusori vorrebbero gli stessi Volt a tutte le frequenze, sempre. Se un ampli è limitato in corrente non riesce, con alcuni diffusori, a farglieli avere... Se fai caso, nelle prove di Stereophile, riguardanti gli amplificatori, si esprimono in Volt (oltre che in Watt e Ampere) per far capire quanto si discostano le varie misure a seconda del carico...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
codex

Lo possiedo tuttora e suona senza problemi con due piccole ma voracissime Tannoy Mini Autograph: confermo che il carico è meglio sia poco ostico.

Suona veramente bene, però...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
scubi

Il fatto di pilotare o meno carichi difficili, non dovrebbe essere relativo al fatto di mettere alla frusta o meno l'impianto?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
carlottina
Il fatto di pilotare o meno carichi difficili, non dovrebbe essere relativo al fatto di mettere alla frusta o meno l'impianto?
per quanto mi riguarda, non ho capito bene la domanda...

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
aladin
Se cerchi i rete dele prove puoi verificare che l' amplificatore fo fondamentalmente on ha problemi di pilotaggio, suona fino a 2 ohm tenendo presente l' intervento delle protezioni a 3 ohm che limitano l' erogazio e di corrente per preservare i finali. Un ampli con problemi di pilotaggio si spenge, così come accadeva più frequentemente una volta con i piccoli almplificatori ( vedere n1 AR ).

si tratta di diverso tipo di protezioni...

I problemi di pilotaggio derivano dall'allontanarsi dall'amplificatore "ideale", non sono problemi di funzionamento ma non puoi garantire la corrente (e quindi i Volt) necessari a pilotare correttamente alcuni diffusori; funziona lo stesso ma i diffusori (alcuni) vorrebbero altro... in pratica, i diffusori vorrebbero gli stessi Volt a tutte le frequenze, sempre. Se un ampli è limitato in corrente non riesce, con alcuni diffusori, a farglieli avere... Se fai caso, nelle prove di Stereophile, riguardanti gli amplificatori, si esprimono in Volt (oltre che in Watt e Ampere) per far capire quanto si discostano le varie misure a seconda del carico...

.... ad essere precisi non si sbaglia mai... infatti alla fine del discorso ne sconsigliavo l'utilizzo con un certo tipo di diffusori ;-)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
scubi
Il fatto di pilotare o meno carichi difficili, non dovrebbe essere relativo al fatto di mettere alla frusta o meno l'impianto?
per quanto mi riguarda, non ho capito bene la domanda...


Nel senso che, più aumento il volume(mettere alla frusta) più mi serve un diffusore facile da pilotare(con l'accu in oggetto).

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
carlottina
Il fatto di pilotare o meno carichi difficili, non dovrebbe essere relativo al fatto di mettere alla frusta o meno l'impianto?
per quanto mi riguarda, non ho capito bene la domanda...

Nel senso che, più aumento il volume(mettere alla frusta) più mi serve un diffusore facile da pilotare(con l'accu in oggetto).diciamo di si... con questi dati "90 su 8 ohm, 105 su 6, 115 su 4", considerando un carico di +/- 4Ohm, l'apparecchio in questione può essere considerato alla stregua di un amplificatore ideale da poco meno di 60W su 8 Ohm... non so se mi sono spiegato...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Stefanik

Al banco di misura, cito testualmente

"la potenza massima oltrepassa quella dichiarata con 120 wrms su 8r per una THD +N all'1%"

Non sono un tecnico ma sembra che siano stati conservarivi a proposito dei dato di targa.

Comunque al di lá di questo, non vorrei basare la discussione su aspetti tecnici di cui sono carente, non mi avete detto molti diffusori che sarebbero equilibrati con l'integrato in questione...

Delle sonus faber venere farebbero da "collo di bottiglia" nell'impianto?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
TRICO

noi lo abbiamo usato al Tav con le nostre Essential e si è rivelato un integrato meraviglioso.

sinceri saluti

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
aladin

Voglio aggiungere.... ho avuto l'integrato in questione per un paio di anni abbondanti ed ho avuto modo di ascoltarlo attentamente soprattutto con due diffusori molto diversi tra loro: ProAc d18 e Klipsch Heresy III. Quest'ultime sono quelle in pianta stabile nell'impianto, prediligo questo tipo di diffusori, mentre delle ProAc posso dire che sono quelle che preferisco nel panorama delle "colonnine" di qualità dal prezzo ancora umano.

Detto quanto ritengo che un integrato come il 250, che ricordo essere il piccolino di casa Accuphase, rappresenta una scelta matura, navigata, da parte di chi ha capito ( o quasi ) quello che vuole.
Esclusa la "prestazione assoluta" o la necessità di pilotare due blocchetti di travertino ecco che può divenire una scelta consigliatissima. Se poi gli ascolti prediligono pop e/o jazz anziché grande orchestra o rock allora diventa una scelta più che consigliatissima.

Qualcuno dirà " Ma quanti compromessi?" Beh i compromessi ci sono sempre, soprattutto se si cerca il miglior risultato possibile, ricordando che il prodotto "no compromise" costa molto più di un Accuphase E-250. Per quanto questo non costi poco ma, storia, tradizione e affidabilità non si guadagnano facilmente e soprattutto hanno un prezzo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

  • Statistiche forum

    282.614
    Discussioni Totali
    5.885.572
    Messaggi Totali

Facebook

About Melius Club

Melius Club: la nuova casa di Videohifi.com
Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con sede legale e operativa nell’Incubatore certificato Campania NewSteel in Napoli via Coroglio 57/d e codice fiscale 07710391215.

Powered by K-Tribes.

Follow us

×