Vai al contenuto

solozippo56

B&W 683 o Indian Line Diva 655?

Messaggi raccomandati

solozippo56

salve a tutti, sono un nuovo iscritto a questo forum, ho letto diversi commenti in merito ai diffusori da pavimento e ho notato un forte coinvolgimento da parte di tutti legato ovviamente a esperienze in questo campo.... al dunque sto vendendo una coppia di diffusori da scaffale ESB 7/010 III che sinceramente in tutti questi anni mi hanno dato un buon risultato di ascolto e che non ho mai cambiato, ora avrei deciso di prendermi la soddisfazione di acquistare una coppia di casse da pavimento che ho sempre desiderato, il mio budget è purtroppo limitato intorno ai mille euro... vorrei un vostro consiglio su due case che a mio parere potrebbero fare al mio caso.... ho analizzato (ma non ancora ascoltato) le caratteristiche dei diffusori B&W 683 (costo circa 1.180,00 euro) e le Indian Line Diva 655 (di circa 800, 00 euro).... al limite non ne faccio una differenza sostanziale sul prezzo, ma sono fortemente indeciso sul livello qualitativo tra i due Marchi.... resta inteso che sia d'obbligo andare ad ascoltarli prima dell'acquisto, ma ho bisogno di vostri consigli anche da chi ha questi diffusori... ho un ampli  Yamaha DSP A2, il mio ascolto è genericamente orientato sull'Home Theatre e ascolto musica Jazz e Rock... ringrazio anticipatamente della vs. collaborazione.... Dino

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
andrea1972

io andrei di B&w serie CM come le 5 restando in casa B&w, si lo so sono book self, ma se l'ambiente non è grande preferisco sempre meno legno, meno AP, meno xover e più qualità. il truciolare e i condensatorini da 2 lire non mi piacciono. ho avuto le CM1 e ascoltato le 683 in altro ambiente, mi parvero gonfie in basso più adatte all'HT

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Hifidirect

Solozippo56: il tuo sintoampli - che probabilmente avrà una decina d'anni - è valido, ti meriti un diffusore migliore dei due modelli da te considerati. Uno che restituisca grande impatto dinamico e ampia scena sonora. Il che non significa che tu debba necessariamente spendere molto.

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
giangi68

bene io andrei di Indiana. considerato il tipo di ampli eviterei le inglesi per non ritrovarmi una gamma acuta pungente. ad ogni modo visto il carattere così diverso dei due marchi un ascolto e assolutamente consigliato

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
solozippo56

grazie per i consigli,comunque la stanza è di circa 20 metri quadri, sinceramente mi hanno stancato le book self, son 20 anni che vorrei vedere un paio di torri nel mio impianto, ho letto delle recensioni molto positive sulle nuove Diva 655 che tra l'altro hanno anche un buon rapporto prezzo/qualità rispetto alle B&W 683 e sono Italiane, nulla contro le straniere, mi viene solo il dubbio se non andiamo a pagare 300 euro di più per una questione di "nome" e magari pensiamo che quelle italiane essendo meno costose valgono tecnicamente di meno.... rispondendo a Hifidirect, accetto volentieri qualche consiglio di altre marche su quella fascia di prezzo, 

un saluto a tutti

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
joe1949
grazie per i consigli,comunque la stanza è di circa 20 metri quadri, sinceramente mi hanno stancato le book self, son 20 anni che vorrei vedere un paio di torri nel mio impianto, ho letto delle recensioni molto positive sulle nuove Diva 655 che tra l'altro hanno anche un buon rapporto prezzo/qualità rispetto alle B&W 683 e sono Italiane, nulla contro le straniere, mi viene solo il dubbio se non andiamo a pagare 300 euro di più per una questione di "nome" e magari pensiamo che quelle italiane essendo meno costose valgono tecnicamente di meno.... rispondendo a Hifidirect, accetto volentieri qualche consiglio di altre marche su quella fascia di prezzo, 
un saluto a tutti

Non conosco le B & W 683 ma posso dirti che le Diva suonano sorprendentemente bene per il prezzo a cui si possono comprare; anche la costruzione e finitura sono assai buone!

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
solozippo56

grazie Fabio e grazie a tutti, le andrò ad ascoltare volentieri con meno dubbi in merito, le recensioni di questi diffusori sono tutte positive, ovviamente ci sono diffusori migliori con fasce di prezzo non alla portata di tutti, ma occorre fare dei compromessi e rimanere cmq. soddisfatti.

buon we
Dino

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
joe1949
grazie Fabio e grazie a tutti, le andrò ad ascoltare volentieri con meno dubbi in merito, le recensioni di questi diffusori sono tutte positive, ovviamente ci sono diffusori migliori con fasce di prezzo non alla portata di tutti, ma occorre fare dei compromessi e rimanere cmq. soddisfatti.
buon we
Dino
Vai tranquillo: se hai la possibilità ascolta le Indiana Line portandoti appresso i tuoi dischi e i tuoi cd che ben conosci: tenendo conto del loro costo saranno un bella sorpresa!

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
marcellomarcello

Entrambi i diffusori sono di categoria inferiore rispetto al tuo Yamaha.

Se vanno bene anche modelli usati ... secondo me sarebbe meglio rivolgersi a loro.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
giangi68

sappiamo bene quanto sia difficile aver un buon ampli su due canali stabile e potente su tutti i carichi, figuriamoci mmetterne 5 sotto lo stesso vestito e la stessa alimentazione. con tutto il rispetto per lo Yamaha io non rischierei abbinamenti con diffusori di altra categoria rispetto ai nominati.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
marcellomarcello

beh, l'ho avuto , poi anche i modelli più recenti ... Z9 compreso. Così scarso non era, credo che meriti di più dei diffusori sopra indicati ...

Certo bisogna scegliere diffusori non ostici e non radiografanti ...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
giangi68

ecco è quello a cui mi riferivo. per questo in generale sarei alla larga da b&w. però come sempre entrano in gioco altri fattori per cui è sempre meglio provare.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Nautilus65

ancora con sto  luogo comune che dice che i diffusori B&W hanno  gli alti pungenti.... ma bastaaaaa, ma scusa, se non conosci il modello sopraindicato, perchè fai di tutta un'erba un fascio???

 allora prima di esprimere giudizi errati, come in questo caso, vai ad ascoltare le 683, non è difficilissimo trovarle in giro, e poi mi dirai se realmente senti ancora "gli alti pungenti"... mah...

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Nautilus65

Allora adesso dico la mia:

secondo me dipende molto dai tuoi gusti, e conoscendo molto bene i 2 diffusori a cui chiedi info , ti posso dire che le B&W hanno un basso poderoso e pieno, con medi e alti proporzionati , ma di sicuro non squilibrati o invadenti o duri o sechhi... ecco , proprio per sfatare certe credenze, dove si ritiene che, dopo aver ascoltato un modello di un marchio tutti gli altri modelli suonano allo stesso modo....

Le Diva 655 invece sono più dure da muovere, o danno l'impressione di essere più controllate, sia come estensione dei bassi, sia come rifinitura dei toni alti...

per me con l'ampli che hai riesci tranquillamente a far suonare benissimo entrambi i modelli, ma con B&W non avrai bisogno di un sub, visto l'ottima estensione in basso, con le indiana line invece potresti sentire la necessità di una maggiore profondità del basso. Per i toni medioalti con le B&W sentirai una maggior apertura, ma ripeto non avvertirai fastidi come in altri modelli (vedi le CM9 che io trovo peggiori come suono delle sorelle più piccole CM8 proprio perchè hanno medioalti affaticanti e fastidiosi)....

Le IL; sono meno aperte e rifinite...

questo è solo il mio parere, scaturito dagli ascolti che ho fatto....

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
giangi68

ma posso avere i miei gusti? se rileggi i post suggerisco di ascoltare entrambe ma personalmente le B&w non le digerisco. non è solo questione di alti sono i medi anon piacermi e le 683 le ho confrontate proprio con le mie.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Nautilus65

si va bene, prima hai parlato di "gamma acuta", non di gamma media, ma non importa , ognuno ascolta ciò che vuole e sopratutto interpreta come vuole....

Dino, per me devi ascoltarle, poi potrai decidere cosa scegliere, io ti ho dato la mia opinione, giangi la sua, altri la loro, devi solo ascoltarle per decidere quale delle 2....

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
giangi68

si hai ragione ho parlato di gamma acuta evidente se poste in confronto alle Indiana. su una cosa siamo d'accordo l'ascolto va fatto perché ognuno ha una differente percezione e gusto. buona notte e buon we :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Bizio

Concordo con Nautilus, questa favola delle B&W nuova serie 6 pungenti ed affaticanti è una BALLA mostruosa!!! La cosa più grave è che continua ad essere propinata anche da chi ha un certo credito in rete (Cadeddu in primis, che continua a sconsigliarle se non con amplificazioni "calde").

Io mi chiedo se davvero chi le giudica così le abbia davvero ascoltate, in particolare a confronto con altri brand. La B&W serie 6 suona all'opposto! Se non gli si abbina una amplificazione vivace, dinamica e ben rifinita in alto suonano, come direbbero gli inglesi, "dull".

Un volta per tutte: se queste B&W sono pungenti ed affaticanti significa che vi è rimasta nella testa la memoria delle serie 6 precedenti o delle CDM...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Brazov

Ascoltate entrambe e,concordo con Nautilus65 in merito alle 683 anche se,le vedo più votate all'Ht. Le 655 le ho trovate piuttosto chiuse. Le mie ex Cm7,quelle si che avevano gli alti pungenti,vabbe' che un'aiutino glielo davano anche i miei ex Primare..

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
solozippo56

grazie di nuovo, comunque è ovvio che prima di gettarmi all'acquisto, vorrei ascoltare più volte i due marchi... avevo cmq. letto da qualche parte che le vecchie serie delle B&W aveva gli alti troppo "squillanti" ma sembra che questo "difetto" sia stato superato con la serie 600.... 

buona domenica a tutti
Dino

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
maui_76

Personalmente sono d'accordo con chi smentisce la fastidiosità delle B&W in gamma alta.

 

Mi spiego meglio: a mio parere, da possessore delle magnifiche CM1, i B&W sono diffusori adatti a qualsiasi tipo di amplificazione, a patto che sia sufficientemente potente e che abbia abbastanza corrente a disposizione.

 

Questi diffusori potrebbero risultare un attimino avanti nella gamma alta, ma se accoppiati a cavi "giusti", questo piccolo fastidio scompare del tutto.... meglio in biwiring, se possibile.

 

Nonostante ciò, posso confermare anche la validità del marchio Indiana Line: ho avuto modo di ascoltarne diversi modelli e ognuno di loro, a modo suo, restituisce un suono davvero piacevole e degno di prodotti di ben altra fascia.

 

Ciò però non toglie che, in caso di possibilità economica, è meglio puntare sulle B&W: rispetto a IL sono molto più raffinate, anche se, a mio parere, IL è in grado di tenere bene testa a diffusori anche più costosi.

 

Spero di essermi reso utile....

 

Un saluto!

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Nautilus65

secondo me i diffusori CM1, che utilizzo nell'impianto HT, non risultano affatto avanti nella gamma alta, anzi, devono essere aiutati da amplificazioni piuttosto veloci e asciutte.... infatti suonano divinamente collegate allo Yamaha RX-A1020....

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
maui_76
secondo me i diffusori CM1, che utilizzo nell'impianto HT, non risultano affatto avanti nella gamma alta, anzi, devono essere aiutati da amplificazioni piuttosto veloci e asciutte.... infatti suonano divinamente collegate allo Yamaha RX-A1020....

Ti quoto pienamente Francesco.

 

E' pur vero però che i CM1 sono considerati, a modo loro, una sorta di "mosca bianca" nella loro classe d'appartenenza....

 

Dico questo sulla scorta dell'esperienza personale e di alcuni parametri, uno su tutti la bassa sensibilità dichiarata dalla casa, di "soli" 84 dB.... nonostante ciò, infatti, i CM1 suonano molto dignitosamente anche con amplificatori non troppo spinti, tranquillamente compresi nella fascia 40-60 watt per canale.

 

Poi, il crossover: è di una semplicità disarmante, tanto quanto la sua resa....

 

Scusate l'entusiasmo che potrebbe sembrare "di parte".... ma mi ritengo estremamente fortunato ad aver acquistato una coppia di questi diffusori: li ritengo definitivi, almeno tra le bookshelf in quella fascia di prezzo.

 

Un saluto!

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

  • Statistiche forum

    282.645
    Discussioni Totali
    5.886.577
    Messaggi Totali

Facebook

About Melius Club

Melius Club: la nuova casa di Videohifi.com
Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con sede legale e operativa nell’Incubatore certificato Campania NewSteel in Napoli via Coroglio 57/d e codice fiscale 07710391215.

Powered by K-Tribes.

Follow us

×