Rodolfo Luffarelli

Le Sacre du Printemps - La Sagra della Primavera - quella vera ...

Messaggi raccomandati

niko_s

Essendo alto poco più di 170 allora non avrei problemi! Battute a parte non ho esperienza personale e la cosa mi è stata riferita. E davvero nella biglietteria dell'Auditorium mi hanno messo in guardia sui problemi di visibilità della prima fila della galleria, acquistando i biglietti per un'amica. 

Le mani di un pianista purtroppo te le perdi anche in platea. Qualche settimana fa al concerto di Lang Lang, anche se ero seduto in sesta fila, e praticamente al centro, le mani del pianista le ho viste solo quando le staccava dalla tastiera e ci "giocava"! Per vederle bisogna stare a sinistra o, forse meglio, su una delle balconate laterali.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
garmax1

Un ottima acustica in Italia si può ascoltare all'auditorium di Milano in quasi tutti i posti.

Naturalmente è decisamente più piccolo della sala.di Roma.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Rodolfo Luffarelli

Facciamo un censimento ...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
hi_fil

Bernstein dice che La Sagra è uno dei pezzi più difficili da eseguire in assoluto

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Rodolfo Luffarelli

Allora eccoci al confronto tra Salonen ( http://www.sa-cd.net/showtitle/6752 ) ed il mio riferimento ( http://www.sa-cd.net/showtitle/228 ).

Due parole brevi: confronto inesistente prima dal punto di vista artistico-direttoriale e poi tecnico. Questo disco è fenomenale: 

228.JPG

Adesso ho in arrivo quest'altro che segue per vedere, ascoltare e valutare. Vi terrò aggiornati.

8652.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
garmax1

Rodolfo: sei sicuro?

Io non ho sentito nessuno dei dischi consigliati da te, ma faccio fatica a.credere che una registrazione di 50 anni fa possa essere vincente.

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Rodolfo Luffarelli

Prova ad ascoltare !

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Rodolfo Luffarelli

image

Ancora in attesa ...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
niko_s

Ascoltata oggi la Sacre diretta da Abbado (nel 1976 con la London Symphony Orchestra). Davvero una bellissima lettura. E sono rimasto piacevolmente stupito anche dal suono del vinile (DG, stampa italiana).

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Rodolfo Luffarelli

Ho riascoltato ancora una volta Abbado (DG) a confronto con Stravinsky.

Sarò strano ma mi piace parecchio di più il disco oggetto di questo thd.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
aggelos

ho trovato una vecchia versione philips di gardiner a 1 euro in buone condizioni.

buona esecuzione.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
spersanti276

Che ne pensate di questa versione degli anni '50, con la N.Y. Philarmonic?

Mi è stata raccomandata da un amico concertista. Dice che è di una 'violenza inaudita' e suona benone. In cd credo esista solo rimasterizzata dal master originale, del 2013 e del 2018.

.

R-6956326-1430359275-7118.jpeg.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
giorgiovinyl

Se ricordo bene la reazione di Stravinsky quando senti questa incisione di Lenny fu: Wow!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
spersanti276

Vero. L'ho letto. 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
gabel
20 minuti fa, giorgiovinyl ha scritto:

Se ricordo bene la reazione di Stravinsky quando senti questa incisione di Lenny fu: Wow!

In realtà il "how" di Stravinsky era riferito alla "Sinfonia di Salmi" e non alla "Sagra". A parte questo, possiedo i vinili originali con Stravinsky che dirige se stesso (almeno quelli dei principali balletti), usciti nei primi anni '60 per la Columbia. In generale sono delle buone interpretazioni, anche se Stravinsky non era tecnicamente perfetto nella direzione, non essendo un "professionista" (era invece un eccellente pianista). Ad ogni modo, la registrazione di Lenny con la NY Philarmonic é considerata dalla critica una delle migliori (se non "la" migliore) reperibile in disco. Personalmente sono abbastanza d'accordo: sicuramente superiore a quella che poi incise con la London Symphony negli anni '70, ritenuta più "educata" e meno brutale e selvaggia rispetto a questa. Anche la registrazione é molto buona, tenuto conto dell'età (credo sia del '57 o '58).

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
giorgiovinyl

@gabel Io ricordavo la Sagra, andavo a memoria, ho controllato un po' in rete e sembrerebbe proprio che  ricordavo bene...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
gabel
14 minuti fa, giorgiovinyl ha scritto:

Io ricordavo la Sagra, andavo a memoria, ho controllato un po' in rete e sembrerebbe proprio che  ricordavo bene...

A parte che la rete non é la Bibbia o il Vangelo :D, anche io conoscevo la storia così come la conosci tu. Poi ho letto una recensione del disco in oggetto (o meglio, della ristampa), su "The Absolute SOund", nel quale il recensore - argomentando - spiega com'é nato l'inghippo. Non credo ci siano motivi per dubitarne. Se vuoi te la cerco e ti faccio una scansione. ;) 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
giorgiovinyl
21 minuti fa, gabel ha scritto:

A parte che la rete non é la Bibbia o il Vangelo

Su questo non c'è dubbio, ma la mia fonte è Gramophone che su questa cose è anche più affidabile di The Absolute Sound penso. Se non ti viene difficile la scansione mi farebbe piacere, ma non perché non ti credo ma per svelare l'arcano... 😃

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
spersanti276

Quale numero di tas?

Mi interessa la recensione non l'aneddoto

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
zagor333
6 ore fa, spersanti276 ha scritto:

Che ne pensate di questa versione degli anni '50, con la N.Y. Philarmonic?

Mi è stata raccomandata da un amico concertista. Dice che è di una 'violenza inaudita' e suona benone. In cd credo esista solo rimasterizzata dal master originale, del 2013 e del 2018.

È quella del gennaio 1958? Ti chiedo ciò perché a dicembre è prevista l'uscita in SACD ibrido.

Grazie

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
spersanti276

@zagor333 Si dovrebbe proprio essere quella.

E questo il sacd che uscirà, che tu indicavi:

https://www.ebay.com/itm/LEONARD-BERNSTEIN-STRAVINSKY-THE-RITE-OF-SPRING-JAPAN-SACD-HYBRID-Ltd-Ed-F56/372509949273?hash=item56bb52bd59:g:LDAAAOSwoxpb6RGY

E vedo pure che conterrà I Quadri da una esposizione che sul cd che ho ordinato (grrrr!) non ci sono.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
gabel

Si, confermo, é lei. Ok, più tardi provo a recuperare il numero di TAS (credo sia il 225 o 226) e poi vedo se riesco a scansire la recensione.

Ad ogni modo, sia che Stravinsky abbia esclamato "Wow" oppure no, rimane una delle più belle interpretazioni della Sagra!!! ;) 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
giacomino

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
gabel

Ecco la pagina di TAS dove viene recensita la "Sagra" edizione Lenny (spero si legga bene). Non mi ricordavo, ma é lo stesso Stravinsky a riportare la versione che citavo più sopra.

Stravinsky-Sacre-Lenny.thumb.jpg.bf4c12e49b68a406e59af8564fa24055.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
SimoTocca

Sì, Gabel ha ragione... Stravinsky non era “soddisfattissimo” della Sacre condotta da Bernstein, così come era addirittura ipercritico (quasi schifato addirittura) con la prima versione della Sacre diretta da Karajan con i Berliner negli anni ‘60, e non glielo mandò a dire dietro.

E, riprendendo il titolo di questo vecchio Thread, La Sagra...quella vera”, devo dire sono in netto disaccordo nel definire “vera” quella diretta da Stravinsky medesimo (anzi quelle, perché in realtà ce ne sono almeno due CBS e una rimasterizzata da poco degli anni ‘20...), e trovo il titolo almeno “ingenuo”, perché fin da subito i critici musicali più accorti si sono resi conto che Stravinsky non riesce, proprio non é in grado, di dirigere  “bene” le sue creazioni  per la mancanza di “doti tecniche” direttoriali, come già aveva sottolineato Mozarteum in un post del 2014!

Insomma Stravinsky sul podio non é Rachmaninov al pianoforte, e se uno non ha i mezzi tecnici...non se li può dare! (per parafrasare Don Abbondio all’inizio dei Promessi Sposi...).

Venendo alla registrazione d Bernstein in questione: la sto ascoltando in HiRes 24/96 da Qobuz, e devo dire che la qualità audio é enormemente migliorata rispetto al semplice CD...ma seppure  adesso molto bella in HiRes , questa non é una incisione di riferimento per il suono “Audiophile”.

058-E412-A-5156-4-A22-AF2-D-2-DEC3-EA1-B

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
SimoTocca

Per qualità artistica le mie spiccate preferenze vanno a  Boulez, Karajan, Abbado, Muti, Ozawa e Salonen, e di alcuni di questi direttori sono oggi disponibili, almeno su Qobuz e Tidal versioni in HiRes con una qualità audio fantastica, ad iniziare proprio dalla versione di Karajan con i Berliner degli anni ‘70, passando per quella di Ozawa con la Boston e arrivando a quella di Salonen con la Los Angeles...tutte in formato 24/96 su Qobuz o in MQA su Tidal.

E devo dire che su Qobuz ho ascoltato proprio ieri una registrazione della Sacre diretta da uno dei giovani direttori più intelligenti del momento, Andres Oroczo-Estrada, e l’ho trovata superlativa, sia per interpretazione artistica ( nel novero delle migliori citate all’inizio) e con una qualità audio, HiRes 24/48, sorprendente, anche per gli eccellenti standard della Pentatone.

3175-D942-3348-4-C7-F-8023-C644-EBA3-C51

P.S. Confesso che mi manca all’appello l’ascolto della versione di Currentzis, che potrebbe essere straordinaria se a livello artistico e audiofilo delle sue precedenti per la Sony...

Mi manca di ascoltare anche la versione di Nezét-Seguin con la Philadelphia Orchestra in formato 24/96 e quella, più recente, sempre della Pentatone di Gustavo Gimeno (altro direttore giovane davvero straordinario) e la sua orchestra del Lussemburgo...

Adesso con Qobuz e Tidal non occorrono particolari risorse economiche per ascoltare tutte queste registrazioni, ma manca la risorsa più importante...il teeeeempooooo!! 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
clapat71
4 ore fa, SimoTocca ha scritto:

versione di Currentzis

non sarà hi-res, ma la trovi tutta anche su youtube

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

  • Statistiche forum

    290.586
    Discussioni Totali
    6.203.122
    Messaggi Totali

Facebook

About Melius Club

Melius Club: la nuova casa di Videohifi.com
Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con sede legale e operativa nell’Incubatore certificato Campania NewSteel in Napoli via Coroglio 57/d e codice fiscale 07710391215.

Powered by K-Tribes.

Follow us