Jump to content
Melius Club
Luca58

LS3/5a 15 Ohm

Recommended Posts

78 giri

Salve, sono del partito della bassa potenza. Le mie 15 ohm le ascoltavo volentieri con un integrato a valvole Scott che penso abbia non più di 10 12 watt, è un push pull di ecl 82 o 86, dovrei andare a vedere ora non ricordo. Condizione indispensabile però è ascolto in campo vicino e programma musicale adeguato,inutile pretendere grandi orchestre, concerti rock o volumi extracondominiali, per quello ci sono altri diffusori. Magari non tutti con quella magia, eh sì perché è indubbiamente un suono che ammalia. Buoni ascolti 

Share this post


Link to post
Share on other sites
naim
2 ore fa, 78 giri ha scritto:

Salve, sono del partito della bassa potenza

Ma non si tratta di gusti o partiti, una 15 ohm con 10/12w non la fai andare come può, a meno che non si ascoltino solo dischi di flauto dolce.

Musica con spunti dinamici nella norma, metterà facilmente in crisi un ampli di quella potenza. 

Capita che i possessori di 3/5 sentendono il monitor distorcere, credono di aver raggiunto il limite della cassa, mentre molto spesso è l'amplificatore ad essere impiccato.

L'avevo già scritto: diversi anni fa ero stato da un conoscente che le pilotava con un valvolare da una dozzina di watt. Diceva: ''suono magico, peccato tengano poca potenza''. Provai a sostituire il suo finalino con un transistor da 80 watt per canale, fu per lui una sorpresa tale, che feci molta fatica a riportare a casa quell'ampli.  

Sia chiaro, la 3/5 ha una tenuta di potenza limitata e va in crisi con alcune registrazioni ''grasse'', ma se a questo aggiungiamo un ampli che clippa, il volume già limitato lo andiamo a dimezzare.

Share this post


Link to post
Share on other sites
78 giri

@naim be' battisti non lo definerei musica da flauto dolce. A me piaceva molto. Comunque, appena potrò perché il tempo è tiranno e le 3/5 adesso sono lontane, farò sicuramente una prova con qualcosa di più potente. Grazie e buoni ascolti 

Share this post


Link to post
Share on other sites
cactus_atomo

Per me la morte loro erano dgi audio innovation valvolari, che erogano glistessi watt su 4 e su 16 ohm

Share this post


Link to post
Share on other sites
alberto75

io le facevo suonare con Sonic Frontiers Power 1 (55W) a tubi e con l'Electrocompaniet DMB 100 (100W) e con entrambi il risultato era ottimo

Share this post


Link to post
Share on other sites
Monisi

Grazie a tutti, intanto passo questi suggerimenti all’amico...

Share this post


Link to post
Share on other sites
bic196060
Il 14/8/2020 Alle 09:47, 78 giri ha scritto:

valvole Scott che penso abbia non più di 10 12 watt, è un push pull di ecl 82 o 86,

Concordo. Per ascoltare bene gli 8-12w di ecl82 ecl86 o el84, sono adeguati. 
 

Share this post


Link to post
Share on other sites
formentinik

@gingobiloba è una grande verità e scendono meglio in basso

Share this post


Link to post
Share on other sites
formentinik

Io le Stirling ls 3/5V2 le amplifico con due mono valvolari Angstrom Lab serie Stella, perché è vero che non sono diffusori potenti ma per tirare fuori il meglio da quelle due scatole di scarpe come direbbe qualcuno ci vuole tanta birra e di qualità e adesso che me le avete fatte ricordare è ora che le tiro fuori dall'imballo e le riascolto 

Share this post


Link to post
Share on other sites
bungalow bill

Io le ho nell'armadio . Un giorno o l'altro le esumo  .

Share this post


Link to post
Share on other sites
Monisi

Piccolo aggiornamento: Quelle del mio amico sono la versione da 11 ohm, lui è fermo sull’idea di voler un’ampli stato solido sui 100 W... avete qualche nome su questi parametri ? 
Grazie 😊 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Brandx

Io ho una coppia di Falcon, di recente ho sostituito il crossover con il nuovo " Gold Badge" le piloto con Audio Innovation 500 a 16 ohm.

Ho raggiunto il Nirvana.

Share this post


Link to post
Share on other sites
audiofan.

Possiedo una coppia di Kef LS3/5a Raymond Cooke (che sono da 11 ohm) da tantissimi anni. Ho sempre saputo che i tweeter (T27) non hanno ferrofluido al loro interno. Sabato scorso però un noto rivenditore si è raccomandato di far riscaldare per bene il ferrofluido prima di una prova di ascolto critica.🙄 Ho taciuto perché il tipo era parecchio convinto del fatto suo e a me interessava altro, però mi ha lasciato il dubbio. Chi sbaglia?

Share this post


Link to post
Share on other sites
naim

@audiofan. Credo che sia come dici tu, anche per una questione anagrafica: ai tempi del T27 non mi pare si utilizzasse già il ferrofluido.

Allego le specifiche del TW dove appunto non vi è traccia del raffreddamento.

T27-dataS.jpg.f2556aa804026cbe006be7a2af1d8378.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites
audiofan.

@naim Grazie.

In cinquant'anni in questo hobby non ricordo una sola volta di aver acceso i miei impianti aumentando immediatamente dopo il volume in modo da creare danni. È un retaggio che ho imparato da piccolo con le apparecchiature a valvole che giravano in casa.

Share this post


Link to post
Share on other sites
viale249

@audiofan. Quoto @naim: il T27 non sa cosa sia il ferrofluido. Simpatico anche il consiglio di scaldarlo per bene questo ferrofluido, normalmente usato per smorzare l'equipaggio mobile e dare una mano a dissipare in maniera più efficace la bobina...

Share this post


Link to post
Share on other sites
Sankara

@Brandx prima del Audio Innovation cosa usavi ? O è arrivato prima delle Falcon ?

Share this post


Link to post
Share on other sites
Brandx

@Sankara @Sankara L'AI ce l'ho da oltre 15 anni, preso per pilotare una coppia di Spendor Ls3/5a , di seguito Harbeth sempre ls3 ed infine Falcon per poter fare il collegamento a 16ohm.

Con AI ho pilotato pure con soddisfazione una coppia di Martin Logan Aerius, ma senza esagerare con la manopola del volume.

Saluti.-  

Share this post


Link to post
Share on other sites
Sankara
  • @Brandx  Grazie. Mi sembrava tu avessi avuto qlc anno addietro Naim serie Olive...
  • per L’ AI oggi chiedono cifre fuori dalla grazia di Dio.

Share this post


Link to post
Share on other sites
lormar

Per curiosità (ne possiedo uno) che cifre chiedono per l’AI500?

Share this post


Link to post
Share on other sites
Brandx
19 ore fa, Sankara ha scritto:

Naim serie Olive

Si li usavo con le Martin Logan, ma timbricamente mi piaceva di più L'AI. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Sankara

@Petersim ultimamente lo vedo a più di 900 €...700€ tempo fá

Share this post


Link to post
Share on other sites
Petersim

@Sankara più di 900 !! Mah

Share this post


Link to post
Share on other sites
lormar

@Sankara @PetersimGrazie. Era un amplificatore non di livello iniziale, ma comunque economico. Non ricordo più in che anno lo comprai...

Share this post


Link to post
Share on other sites
Sankara

@Petersim io poco ci posso fare ...ma così è. Adesso ne ho visto uno a 850€ e già mi è parso più onesto di altre inserzioni .@lormar  Io lo conosco solo per essere uno dei più caldeggiati con le Ls3/5a se non il più azzeccato loro compagno. Lo avrei anche preso in considerazione se non fosse per le cifre che richiedono qui da noi...a volte viene fuori in UK ma a prezzi più ragionevoli ma la vedo troppo rischioso da spedire

Share this post


Link to post
Share on other sites
naim
1 ora fa, Sankara ha scritto:

se non il più azzeccato loro compagno

Ora non esageriamo.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Sankara

@naim alla fine si tratta di sinergie e a quanto dicono ( io mai sentito di persona quindi... ) sono fatti per stare insieme. Che ci sia qlc di meglio non dubito. Non stiamo a cercare il pelo via 😂

Share this post


Link to post
Share on other sites
naim
26 minuti fa, Sankara ha scritto:

Non stiamo a cercare il pelo via 😂

Mi sembrava un'affermazione un po' perentoria. Intanto le 3/5a non furono pensate per le valvole, il che non vuol dire che non possano sposarsi bene con esse. Questi monitor possono suonare bene con qualsiasi cosa sia in grado di pilotarle (un certa dose di watt è richiesta), e la loro resa, in termini di qualità, varia a seconda di cosa gli viene messo a monte. Dagli anni 70 ad oggi ne ho possedute 4 coppie, e ne ho ascoltate un grande numero a casa di amici e per negozi. In pratica le ho sentite amplificate con qualsiasi cosa, e non ho mai trovato particolari incompatibilità, tranne, come già detto, quando connesse ad ampli di basso wattaggio che ne condizionano le possibilità facendole arrivare anzitempo al limite. Per farla breve ti restituiscono quello che gli dai, come poi fanno tanti altri diffusori. 

Con l'AI500 suoneranno più che bene, ma è se non sbaglio è un integrato del 1987, sicuramente ben riuscito, però ci sono altre opzioni più contemporanee (e costose) con cui ottenere prestazioni superiori, e mi sembra del tutto naturale.  

Share this post


Link to post
Share on other sites
Sankara

@naim che tu ne abbia possedute più di una coppia già lo sappiamo visto che lo specifichi ad ogni messaggio , e questo a mio avviso non depone a tuo favore a prescindere ... se siano state o meno create per le valvole poco importa L’idea comune è che diano il meglio con le lampadine , asserito anche da amici che le posseggono , come te , e che le amplificano a SS e a valvole ,tutte di estrema qualità. Per quanto concerne datazione e il valore dell’AI500 sono in pieno accordo e per questo non mi sono mai deciso all’acquisto , anche per il costo che specificavo al giorno d’oggi essere del tutto fuori dal ragionevole.

Share this post


Link to post
Share on other sites

  • Statistiche Forum

    306796
    Total Topics
    6913958
    Total Posts

Facebook

About Melius Club

Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con codice fiscale 07710391215.
Powered by K-Tribes.

Follow us

×
×
  • Create New...

Important Information

Privacy Policy