Jump to content
Melius Club
mushin

Qual è il legno migliore per un plinto per giradischi?

Recommended Posts

mushin

Buongiorno a tutti, qual è secondo Voi il legno migliore per costruire un plinto per giradischi non su molle? Legni duri, legni, legni morbidi tipo balsa e ricoperti opure MDF e multistrato?

Share this post


Link to post
Share on other sites
BEST-GROOVE

No mdf, si a multistrati, legni marini, e legni esotici.

 
Si a materiali diversi eseguendo un sandwich tra legno, piombo, grafite o kevlar, gomma...questo secondo la mia convinzione e a quanto ho appreso leggendo molto in rete.

Share this post


Link to post
Share on other sites
goodmax
410f4797ad80083f90791b80138c0ec4_med.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites
Rimini
No mdf, si a multistrati, legni marini, e legni esotici.

Si a materiali diversi eseguendo un sandwich tra legno, piombo, grafite o kevlar...questo secondo la mia convinzione e a quanto ho appreso leggendo molto in rete.
Sono assolutamente d'accordo sui sandwich di vari materiali.

Come materiale aggiungerei anche l'ardesia. Ho da 2 mesi il plinto del TD124 realizzato con questo materiale stile Oswald Mills Audio. I risultati sono stati molto buoni. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
alberto1954

I sandwich di materiali diversi si usano in nautica (petroliere) per evitare che gli scafi possano andare in risonanza.. Immaginate una enorme petroliera che con lo schiaffo di una onda incominci a vibrare ed entri in risonanza... preoccupante....

Assemblando materiali diversi con  diverse frequenze di risonanza  ognuno smorza l'altro... una genialata.

Lo stesso principio è valido per le basi per gira gira per smorzare le vibrazioni che motori e cinematiche generano...

 

A.

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
max 67

Che materiali si possono usare per questi sandwich?

Share this post


Link to post
Share on other sites
alberto1954

 

Che materiali si possono usare per questi sandwich?
Legni diversi, piombo ,materiale bituminoso,pietra..ecc..ecc..

 Alcuni poi dopo aver accoppiato strettamente i materiali gli fanno dei buchi di almeno 1cm di diametro che riempiono di altro materiale smorzante che spezzi ulteriormente la propagazione delle vibrazioni... ma forse è eccessivo...

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest
No mdf, si a multistrati, legni marini, e legni esotici.

Si a materiali diversi eseguendo un sandwich tra legno, piombo, grafite o kevlar...questo secondo la mia convinzione e a quanto ho appreso leggendo molto in rete.
xchè no mdf?....Vorrei costruire un giradischi,sono in fase progettuale e stò raccogliendo più informazioni possibili...volevo fare il telaio in sandwich di mdf 30mm e sopra massello da 20 mm...

Share this post


Link to post
Share on other sites
BEST-GROOVE

Perché se raccoglierai più informazioni possibili scoprirai che l' mdf non è indicato.  :D

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest
Perché se raccoglierai più informazioni possibili scoprirai che l' mdf non è indicato.  :D

mah..un sacco di giradischi hanno il telaio in mdf...

Share this post


Link to post
Share on other sites
BEST-GROOVE
allora fallo in mdf,................. per il mio quando sarà finito col piffero che userò  l'mdf.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest

ok scusa se ho chiesto...

Share this post


Link to post
Share on other sites
BEST-GROOVE

Nessunproblema ...se sei convinto di usare l'MDF usalo tranquillamente, ma fallo conla convinzione di un risparmio economico piuttosto che per le sue performances.  

:)




Share this post


Link to post
Share on other sites
mushin

io he ho fatto realizzare uno completamente in balsa ricoperto in rovere per un Teac Tn-400

risultato sopra le righe...

Share this post


Link to post
Share on other sites
ermes71

Il multistrato è ottimo. Con l'MDF, per rispondere a Lemmy, ci sono controindicazioni. Può capitare di dover avvitare qualcosa al plinto (piedini, basette, in alcuni casi il telaio stesso, Lenco ad esempio) in tutti questi casi l' MDF non garantisce la tenuta e non è poco. Una cosa sulle risonanze: il fatto che il plinto sia anti-risonanza non è una garanzia, spesso non si considera il modo in cui il giradischi è "agganciato" al plinto. Paradossalmente se il telaio del giradischi è semplicemente appoggiato al plinto, anche se quest'ultimo fosse totalmente anti-risonanza, non si arriva da nessuna parte. Personalmente questo è quello che ho appurato dopo aver realizzato un po' di plinti per giradischi. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
mushin
Il multistrato è ottimo. Con l'MDF, per rispondere a Lemmy, ci sono controindicazioni. Può capitare di dover avvitare qualcosa al plinto (piedini, basette, in alcuni casi il telaio stesso, Lenco ad esempio) in tutti questi casi l' MDF non garantisce la tenuta e non è poco. Una cosa sulle risonanze: il fatto che il plinto sia anti-risonanza non è una garanzia, spesso non si considera il modo in cui il giradischi è "agganciato" al plinto. Paradossalmente se il telaio del giradischi è semplicemente appoggiato al plinto, anche se quest'ultimo fosse totalmente anti-risonanza, non si arriva da nessuna parte. Personalmente questo è quello che ho appurato dopo aver realizzato un po' di plinti per giradischi. 

 

assolutamente d'accordo, spesso il peso del giradischi unitamente ad un buon ancoraggio fanno la differenza

Share this post


Link to post
Share on other sites
Ivo Perelman

In bambú, esite già. Esisstono multistrati di diversi spessori e tendono ad assorbire molto le vibrazioni.

http://www.stereophile.com/content/bamboo-turntable

 

Panzerholz, materiale usato a Pyon Sound, costruttore coreano di giradischi di fascia alta..

http://www.pyonsound.com/

In effetti anche dal punto di vista estetico molto belli

Sono due materiali molto diversi, l´uno leggero, l´altro pesante. Dipende dal progetto che hai in mente

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
maxpina

Riprendo il post ..

Quindi mi smontate il mio progetto ...😣

Ho la possibilità di utilizzare una fresatrice a CNC , qui a scuola dove lavoro, avevo pensato di farmi il Plinth per un Lenco L75 partendo dal pieno invece che facendolo a strati, voi che dite ? 

I legni più duri tipo ciliegio noce o castagno possono entrare in risonanza ? Mi consigliate secondo la vostra esperienza ?

Grazie

Share this post


Link to post
Share on other sites
ermes71

Dal pieno o a strati, a mio avviso, non fa nessuna differenza.

IL punto è più che altro come ancori il telaio metallico al plinto. 

Ci sono almeno due vie maestre (flottante/rigido) e diversi costruttori che hanno fatto l'una o l'altra cosa.

Forse più interessante ancorare il braccio non direttamente sul telaio metallico ma su un supporto isolato dal metallo.

Li però occorrono altre competenze e soprattutto, fatto il salto di qualità, occorre un braccio per cui valga la pena fare tutto sto trambusto. Tutto questo ha costi.

Se vuoi guarda questo costruttore, non sposa molto i miei gusti ma magari ci trovi uno spunto

https://www.artisanfidelity.com/

Share this post


Link to post
Share on other sites
Rimini

@maxpina A mio giudizio 3 ottimi materiali sono il Panzerholz, l'ardesia e il multistrato di betulla. Sicuramente ce ne sono altri ma direi che con uno di questi 3 vai sul sicuro. Il multistrato di betulla è quello più facile da reperire e lavorare. Il Panzerholz è ottimo ma caro e di difficile lavorazione. L'ardesia dipende di dove sei, in alcune zone (Liguria) si trova facilmente ma anche questo materiale non è di facile lavorazione.

A me l'ardesia piace molto e lo ritengo uno dei migliori materiali per i plinti ma le realizzazioni risultano sempre piuttosto pesanti, che per certi versi è un pregio, per altri no.

Con un amico stiamo proprio 'progettando' un giradischi con plinto in ardesia basato sul Lenco. 

Tieni presente che il Lenco  ha grandi pregi ma anche importanti difetti: in primis il telaio che, pur buono, è migliorabile e non ti permette grandi sviluppi. Poi il perno. 

Se non l'hai già fatto, dai uno sguardo ai 'PTP project' su Lencoheaven. PTP sono delle platine che permettono di fare un notevole passo avanti ai Lenco, una vera rivoluzione.

Dai una occhiata alle realizzazioni di Clinamen Audio ed anche all'Anastase di OMA, tutti basati su PTP

Share this post


Link to post
Share on other sites
ermes71

Perché il perno avrebbe problemi ? Non è il massimo ma c 'è di peģgio. Non ho mai capito poi il senso dei Ptp che hanno problemi seri. Detto da chi lo lo ha progettato non da me. Questo almeno fino a qualche mese fa. Non so se nel frattempo abbiano inventato un Ptp con meccanismo per il disingaggo della puleggia

Share this post


Link to post
Share on other sites
gorillone

Anch’io ho cercato di informarmi molto su questo aspetto e anch’io non userei mdf.

La mia idea sarebbe multistrato di betulla con un rivestimento esterno da 5 o 10mm di un legno duro e pesante come rovere o faggio.

Oltretutto sono legni che dove abito io si usano molto e tutti i falegnami li sanno usare bene e a basso prezzo.

Se ci fosse qualcosa da aggiungere andrei di bituminoso .

Stop.

Ci ho pensato molto perché ho un vecchio Thorens del 1973 che volevo migliorare anche esteticamente, poi, però, ho preferito conservare il suo look esterno originale e fare i lavori che contano internamente.

Forse perché è il mio che ho da quando sono ragazzino.

Farei più volentieri ilplinto nuovo ad un giradischi comprato di seconda mano, ma non mio originalmente.

Stiamo parlando di secondo impianto

Share this post


Link to post
Share on other sites
Rimini
14 hours ago, gorillone said:

La mia idea sarebbe multistrato di betulla

Ottimo materiale!

16 hours ago, ermes71 said:

Perché il perno avrebbe problemi ? Non è il massimo ma c 'è di peģgio. Non ho mai capito poi il senso dei Ptp che hanno problemi seri

È un buon perno ma le tolleranze potrebbero essere migliori, per questo motivo Reinders ha fatto un pozzetto ed un cuscinetto nuovo, continuando ad utilizzare il perno e il piatto originale. Clinamen (e mi sembra pure OMA) è stato ancora più drastico, facendo pozzetto, perno e piatto nuovi (Oma usa invece il piatto originale).

Lavoro sicuramente costoso (mi pare fosse possibile averlo come kit). A quel punto del vecchio Lenco rimane solo il motore e l'asta della puleggia.

Le velate critiche che vengono fatte al PTP per l'uso che ne fa della puleggia, sono date dal fatto che questa rimane sembra appoggiata all'asta del motore, anche quando è spento. A rigor di logica questo potrebbe, se lasciata inutilizzata per lungo tempo, schiacciare la gomma della puleggia. Possibile. Problema che si potrebbe risolvere in vari modi: utilizzando regolarmente il piatto, disimpegnando la puleggia manualmente se lasciata inutilizzata per lungo tempo ma anche, visto l'esiguo costo, sostituendo l'anello in gomma della puleggia, infine...inventarsi qualcosa per poterla staccare a giradischi spento.

Questi dubbi riguardano anche i ben più costosi Clinamen ed OMA, che non sembrano essersi preoccupati troppo di questo particolare.

Comunque, i PTP hanno aperto una nuova era per la creazione di giradischi che usano parti del glorioso Lenco, dando la libertà e la possibilità di sfruttare la fantasia per la realizzazione di un prodotto potenzialmente di alto livello.

Share this post


Link to post
Share on other sites
ermes71

Conosco bene queste problematiche. La questione è porle in atto tenendo sempre presente... il costo. Ahimè. Il perno di un Lenco è decisamente perfettibile ma non a costi esegui. In merito al PTP invece ho seri dubbi. Si è parlato tanto di pulegge nuove, più morbide e silenziose ma poi si lasciano schiacciare (col pericolo di deformare) contro il metallo. Personalmente trovo che il gioco non valga la candela

Share this post


Link to post
Share on other sites
Rimini
1 hour ago, ermes71 said:

Si è parlato tanto di pulegge nuove, più morbide e silenziose

Sono per quelle meno morbide. Anche sul TD124 uso quelle più dure

Share this post


Link to post
Share on other sites
Rimini
3 hours ago, ermes71 said:

più morbide e silenziose ma poi si lasciano schiacciare

Quelle più morbide si dovrebbero schiacciare più facilmente ma, essendo più elastiche, dovrebbero anche riprendere più facilmente la forma originaria. Penso che dipenda molto dal tempo e la temperatura. 

Tornando al materiale del plinto, anch'io ero discretamente afflitto da rumorosità. Cambiando le gomme della puleggia non ho avuto risultati significativi in termin di silenziosità. Il vero passo avanti l'ho fatto ponendo il Thorens TD124 direttamente a contatto sul plinto in ardesia e togliendo i gommini in gel (o gomma). 

Un buon plinto è decisivo per la resa finale del giradischi

Share this post


Link to post
Share on other sites

  • Statistiche Forum

    305947
    Total Topics
    7052610
    Total Posts

About Melius Club

Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con codice fiscale 07710391215.
Powered by K-Tribes.

Follow us

×
×
  • Create New...

Important Information

Privacy Policy