Vai al contenuto

MCnerone

Umbria jazz 2015

Messaggi raccomandati

MCnerone

Avete letto di qualche evento interessante?

Il concerto di domenica 12 con Bahrami e Rea con musiche di Bach non sembra affatto male....

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Brento

Programma davvero all'altezza quest'anno.....

Da scaricare presso il sito www.umbriajazz.com.
C'è l'imbarazzo della scelta: Herbie Hancock, Danilo Rea, Ramin Bahrami, Brad Mehldau, Chick Corea, Cassandra Wilson, Diane Reeves, Paolo Conte, Paolo Fresu, Enrico Rava, Ravi Coltrane, Vijay Yver, Franco Cerri, Joshua Redman, Giovanni Guidi ecc...ecc...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
regioweb
Avete letto di qualche evento interessante?

Il concerto di domenica 12 con Bahrami e Rea con musiche di Bach non sembra affatto male....

 

...Rea, un pianista per tutte le stagioni...   :))

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
analogico_09

Effettivamente tutta roba nova... :D Rea con Bahrami, poi... povero Bach...  :-?

Sicuro che "Bollani" non c'è.., non ci posso credere... 
>:)

Ok ok.., qualche buon nome, anzi ottimo, c'è.., personaggi storici.., la prova provata dello stato di salute cui versa il jazz per quanto riguarda i "ricambi" e le ricariche di ossigeno fresco... :D 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
MCnerone

Presi Conte per venerdì e Bollani che è domenica sera con Fresu...poi per Bahrami che è alle 12 in teatro ci penso, purtroppo ho solo quel fine settimana.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
xig
Ci saranno anche loro!!!!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
qcieri

Mia figlia mi ha regalato per il compleanno il biglietto per loro due.... quindi mercoledì sera sarò lì !  ;)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
xig
Mia figlia mi ha regalato per il compleanno il biglietto per loro due.... quindi mercoledì sera sarò lì !  ;)

 

Allora poi ci farai la recensione  ;)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
qcieri

Volentieri! La bravura e l'eclettismo di Lady Gaga sono ormai confermate (chi avrebbe detto solo pochi anni fa che avrebbe offerto un repertorio jazz di questo tipo?).

 

Sono anche curioso di sentire se a 89 anni Tony Bennett è ancora in grado di eseguire un intero brano senza microfono, sfruttando solo la voce (normalmente lo fa con il brano "Fly me to the Moon", facendo spegnere l'amplificazione)... pochi mesi fa lo faceva!

 

http://www.ft.com/cms/s/0/e68758ec-34e1-11e4-ba5d-00144feabdc0.html

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
MCnerone
Mia figlia mi ha regalato per il compleanno il biglietto per loro due.... quindi mercoledì sera sarò lì !  ;)

 

Ottimo regalo...i biglietti davanti viaggiano a 170€ a sedia, alla faccia!!!

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
MCnerone

Preso anche Bahrami, ora sono qui in teatro che aspetto l'inizio del concerto.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Brento

Rea Bahrami concerto meraviglioso. Bahrami suonava su spartito e Rea si inseriva improvvisando con grande delicatezza e sensibilita'. Una vera delizia. Pubblico entusiasta e attentissimo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
MCnerone

Mi fa piacere Brento che anche tu abbia apprezzato.

Dal loggione di destra, terzo piano, godevo di una vista fantastica a ridosso del piano di Rea.

Il tutto senza amplificazione, di sti tempi....

All'inizio un pò in salita, ma poi una volta carburati l'affiatamento era notevole.

Notevoli gli inserimenti di Rea, Bahrami, tocco meraviglioso, i bis strepitosi.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
xig
Il vecchio Lydon-Rotten ha ragione a dire che Lady gaga is a genius,difficile trovare nel pop un'artista che può cnatre qualsiasi genere e che sa anche mettere le mani su uno strumento VERO!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
luckyjopc

già strano bahrami suona con lo spartito,lo vidi con bach

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
MCnerone

In verità, se ne è portati una pila di spartiti.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Brento

Io ero in platea. Che bel concerto. Credo che comprerò un po' di dischi dell'iraniano.....sperando che poi esca qualcosa della sua esperienza con Rea....

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
xig
Volentieri! La bravura e l'eclettismo di Lady Gaga sono ormai confermate (chi avrebbe detto solo pochi anni fa che avrebbe offerto un repertorio jazz di questo tipo?).

 

Sono anche curioso di sentire se a 89 anni Tony Bennett è ancora in grado di eseguire un intero brano senza microfono, sfruttando solo la voce (normalmente lo fa con il brano "Fly me to the Moon", facendo spegnere l'amplificazione)... pochi mesi fa lo faceva!

 

http://www.ft.com/cms/s/0/e68758ec-34e1-11e4-ba5d-00144feabdc0.html

 

Com'è stato...?  :bz

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Brento

Ascoltato ieri Rea-Moriconi-De Piscopo in omaggio a Renato Sellani.

Bellissimo e toccante concerto.
Teatro strapieno e pubblico entusiasta....

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
MCnerone
Ascoltato ieri Rea-Moriconi-De Piscopo in omaggio a Renato Sellani.
Bellissimo e toccante concerto.
Teatro strapieno e pubblico entusiasta....

 


 

Immagino, mannaggia...peccato non esserci.

Come lo hai trovato Tullio, sembra che dopo la malattia sia partito a molla!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Brento

Si. E' come prima. Una forza della natura...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
qcieri
Com'è stato...?  :bz
Bello, più o meno come me l'aspettavo. Alle 21:30 nell'arena faceva ancora un caldo bestiale (direi sui 28-29 gradi, con molta umidità, dopo che l'intera giornata è stata ancora più calda) e questo secondo me ha un po' compromesso le performance vocali di entrambi.

 

La grande professionalità ha permesso loro di rispettare interamente il programma, ma ho avuto l'impressione in alcuni punti di un'esibizione un po' "scolastica", quasi da "minimo sindacale", per non sforzare il respiro più di tanto. Infatti le poche improvvisazioni o variazioni sul tema le hanno fatte solo a due-tre brani dalla fine.

 

Tony Bennett è sempre interessante, anche se ormai a quasi 90 anni le sue capacità vocali sono, come ovvio, un bel po' compromesse (l'escursione vocale è ormai parecchio ridotta e la tonalità rimane praticamente sempre in due ottave); solo in un caso si è permesso una serie di vocalizzi che gli ha fatto meritare ampiamente una standing ovation.

 

Lady Gaga... che dire, ripeto che solo uno-due anni fa non mi sarei mai aspettato che sposasse il jazz in questo modo. Le sue capacità vocali sono davvero ottime, ha un'intonazione naturale rimarchevole (non sono riuscito a sentire traccia di correttori automatici dell'intonazione, anche perché il genere jazz non lo consente facilmente) e credo che applicandosi possa ormai fare un po' di tutto.

 

La strana fusione con Bennett funziona benissimo: a parte qualche sincronismo poco riuscito in qualche brano (lui o lei che attaccano in leggero anticipo o in ritardo rispetto all'altro; ma ripeto, poteva anche essere dovuto ad un po' di mancanza di concentrazione a causa del caldo), i brani migliori e più godibili sono sicuramente quelli swing (Cheek to Cheek, It Don't Mean a Thing, etc.), dove l'alchimia tra i due decisamente funziona.

 

Il pubblico era abbastanza eterogeneo, ma in prevalenza si faceva sentire il "popolo dei Gaghiani" (io lo chiamo così, non so se abbia un nome preciso... forse "i piccoli mostri"?) che ogni volta che appariva sul palco la salutava con un boato, urla cadenzate, dichiarazioni d'amore etc. (......so' ragazzi.....).

 

Dal momento che entrambi hanno origini italiane, mi sarei aspettato qualche piccolo "ammiccamento" in italiano; Tony ha omaggiato l'Italia cantando/improvvisando come secondo brano "O sole mio" (con una pronuncia italo/americana/napoletana un po' azzardata e bloccandosi alla seconda strofa... non si ricordava più le parole e continuava ad intonare le parole "O sole mio", poi ha fatto concludere il brano).

Lady Gaga invece, a parte qualche scarna parola in italiano (ad es.: prende un bicchiere, lo mostra al pubblico e dice "La signora beve" -e giù ovazione dai Gaghiani-) non si è "concessa". Ma va bene così, lo riporto solo per cronaca.

 

Comunque mi è piaciuto. Grandi professionisti, anche l'orchestra (anzi i due gruppi di accompagnamento, perché ognuno aveva il suo ed a volte suonavano insieme). Voto sostanzialmente positivo.  :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
xig
Com'è stato...?  :bz
Bello, più o meno come me l'aspettavo. Alle 21:30 nell'arena faceva ancora un caldo bestiale (direi sui 28-29 gradi, con molta umidità, dopo che l'intera giornata è stata ancora più calda) e questo secondo me ha un po' compromesso le performance vocali di entrambi.

 

La grande professionalità ha permesso loro di rispettare interamente il programma, ma ho avuto l'impressione in alcuni punti di un'esibizione un po' "scolastica", quasi da "minimo sindacale", per non sforzare il respiro più di tanto. Infatti le poche improvvisazioni o variazioni sul tema le hanno fatte solo a due-tre brani dalla fine.

 

Tony Bennett è sempre interessante, anche se ormai a quasi 90 anni le sue capacità vocali sono, come ovvio, un bel po' compromesse (l'escursione vocale è ormai parecchio ridotta e la tonalità rimane praticamente sempre in due ottave); solo in un caso si è permesso una serie di vocalizzi che gli ha fatto meritare ampiamente una standing ovation.

 

Lady Gaga... che dire, ripeto che solo uno-due anni fa non mi sarei mai aspettato che sposasse il jazz in questo modo. Le sue capacità vocali sono davvero ottime, ha un'intonazione naturale rimarchevole (non sono riuscito a sentire traccia di correttori automatici dell'intonazione, anche perché il genere jazz non lo consente facilmente) e credo che applicandosi possa ormai fare un po' di tutto.

 

La strana fusione con Bennett funziona benissimo: a parte qualche sincronismo poco riuscito in qualche brano (lui o lei che attaccano in leggero anticipo o in ritardo rispetto all'altro; ma ripeto, poteva anche essere dovuto ad un po' di mancanza di concentrazione a causa del caldo), i brani migliori e più godibili sono sicuramente quelli swing (Cheek to Cheek, It Don't Mean a Thing, etc.), dove l'alchimia tra i due decisamente funziona.

 

Il pubblico era abbastanza eterogeneo, ma in prevalenza si faceva sentire il "popolo dei Gaghiani" (io lo chiamo così, non so se abbia un nome preciso... forse "i piccoli mostri"?) che ogni volta che appariva sul palco la salutava con un boato, urla cadenzate, dichiarazioni d'amore etc. (......so' ragazzi.....).

 

Dal momento che entrambi hanno origini italiane, mi sarei aspettato qualche piccolo "ammiccamento" in italiano; Tony ha omaggiato l'Italia cantando/improvvisando come secondo brano "O sole mio" (con una pronuncia italo/americana/napoletana un po' azzardata e bloccandosi alla seconda strofa... non si ricordava più le parole e continuava ad intonare le parole "O sole mio", poi ha fatto concludere il brano).

Lady Gaga invece, a parte qualche scarna parola in italiano (ad es.: prende un bicchiere, lo mostra al pubblico e dice "La signora beve" -e giù ovazione dai Gaghiani-) non si è "concessa". Ma va bene così, lo riporto solo per cronaca.

 

Comunque mi è piaciuto. Grandi professionisti, anche l'orchestra (anzi i due gruppi di accompagnamento, perché ognuno aveva il suo ed a volte suonavano insieme). Voto sostanzialmente positivo.  :)

Grazie!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
xig

Comunque come dice Quirino, lady gaga se si applica può ormai cantare di tutto,sarebbe grande se ad ogni disco cambiasse genere,diciamo che nel pop plasticoso e prefabbricato di oggi è una fortuna  avere un artista (e musicista!!) di tale spessore.

Dopo pop-jazz-aor ho scovato questa stupenda versione di I wish con Stevie Wonder presente ed applaudente in sala!
(dal minuto 1:45)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Robbie

O sole mio è stato anche l'ammiccamento di cassandra wilson e anche lei si è dimenticata le parole.Nel complesso la performance della wilson non mi è piaciuta molto, complice anche il formato della doppia band che concede troppo poco tempo perché si crei un bel feeling con l'audience. Intendiamoci, grande professionista e prestazioni vocali impressionanti, ma a parte un inizio che mi ha fatto venire un po' di pelle d'oca, il resto è scivolato via senza grossi sussulti emozionali e quasi frettolosamente. Insomma il repertorio della Holiday richiedeva ben altro coinvolgimento.

Oltre alla Wilson ho visto (tutti all'Arena del Santa Giuliana):
Paolo Conte: un grande, nonostante l'età un concerto decisamente emozionante.

Bollani & Fresu: il primo decisamente un intrattenitore, qualità a 360 gradi e rara capacità di stare sul palco. Su Fresu, sicuramente è un limite mio, ma a reggere un gruppo di soli fiati pur riconoscendone la bravura, faccio fatica.

The Bad Plus & Joshua Redman: Trio jazz con aggiunto (e che aggiunta) il sax di Redman. Impressionanti è dir poco. Qualità, intrattenimento, stavano sul palco divertendosi e divertendo. Dei grandi.
Snarky Puppy: gruppone fusion anche loro decisamente notevoli e che hanno coinvolto il pubblico con maestria.
E' stata la giornata che più mi è piaciuta.

Sulla Wilson mi sono espresso, il gruppo prima di lei (Robert Glasper Trio) era un classico trio jazz, con un suono e un approccio non troppo classici però. Anche loro poco coinvolgenti.

Menzione particolare per gli "Accordi & Disaccordi", ragazzi di Torino, che in diverse occasioni ho incrociato a deliziare l'attesa per i concerti nell'area restaurant. Basso e due chitarre che incantavano. Bravi!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
gioz
Ascoltato ieri Rea-Moriconi-De Piscopo in omaggio a Renato Sellani.
Bellissimo e toccante concerto.
Teatro strapieno e pubblico entusiasta....

 

Strano non abbiano optato per Manzi alla batteria ...ha suonato per anni con Sellani.

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

  • Statistiche forum

    282.643
    Discussioni Totali
    5.886.442
    Messaggi Totali

Facebook

About Melius Club

Melius Club: la nuova casa di Videohifi.com
Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con sede legale e operativa nell’Incubatore certificato Campania NewSteel in Napoli via Coroglio 57/d e codice fiscale 07710391215.

Powered by K-Tribes.

Follow us

×