Vai al contenuto

giannisegala

Integrati Sugden A21SE e A21 liscio, quali differenze d'ascolto?

Messaggi raccomandati

giannisegala

Qualcuno ha avuto la possibilità di sentire entrambi i piccoletti inglesi? Differenze? Grazie 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
albicocco.curaro

L'A21SE lo possiedo, l'A21a "liscio" l'ho ascoltato. La versione SE ha maggiore capacità di pilotaggio, l'A21 liscio ha meno spinta ma, sembra, più musicalità. Io, dopo averli ascoltati tutti e due per i miei diffusori ho scelto l'SE perché meno schizzinoso negli abbinamenti, ed è musicalissimo, un usignolo. La Sugden è un'azienda molto seria, ha in catalogo questi due ampli da anni, non credo ne produca uno buono e uno meno.

Ascoltati sia da "Il tempio esoterico" a Catania che da Gradi Hifi a Roma. Secondo C.Gradi per superare la musicalità di questi ampli è necessario scomodare pre-finali da € 10.000. Sua opinione.

Credo comunque che si faccia confusione tra"pilotare" e far "suonare" un diffusore. Ritengo che un amplificatore non debba solo "pilotare" i diffusori, allo scopo sono adatti quasi tutti gli ampli in commercio, ma soprattutto debba farli "suonare". Altrimenti non esisterebbero i single-ended di 300b, ad es.
Ecco, l'A21SE ha migliori doti di "pilotaggio" rispetto alla versione liscia, mantenendo una straordinaria capacità di far suonare i diffusori. I 30 W/ohm dichiarati, grazie alla elevata erogazione di corrente, sembrano davvero molti di più.
Evitare se possibile diffusori che scendono sotto i 4 ohm, soprattutto alle basse frequenze (io comunque gli ho collegato con ottimi risultati diffusori Grundig con 4 ohm nomimali).

Se mi mandi in mp la tua mail posso inviarti la recensione dell'SE su Fds.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
cactus_atomo

se l'ampli pilota i diffusori non è detto che l'impianto suoni, ma se non li pilota è sicuro che non suona. Il pilotaggio è condizione necessaria, non sufficiente. I

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
giannisegala

Grazie , posseggo  la rivista con la bella recensione di Bebo .I due piccoletti inglesi  li hai confrontati  contemporaneamente   oppure li hai sentiti a distanza di giorni  uno dall'altro?Grazie 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
jakob1965

Se ti do la mia di e-mail me la mandi la recensione? Non sapevo lo avevano testato - avevo io quello di suono sulla versione liscia

a vederli dentro sono abbastanza simili

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
luca4
Che Grundig ci hai collegato e come andavano ?
Cmq per quanto ne so le Grundig dichiaravano si 4 Ohm ma perché era l´impedenza minima del
diffusore , non la media .

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
albicocco.curaro
Grazie , posseggo  la rivista con la bella recensione di Bebo .I due piccoletti inglesi  li hai confrontati  contemporaneamente   oppure li hai sentiti a distanza di giorni  uno dall'altro?Grazie 

 

Li ho ascoltati nella stessa sessione.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
albicocco.curaro
Che Grundig ci hai collegato e come andavano ?
Cmq per quanto ne so le Grundig dichiaravano si 4 Ohm ma perché era l´impedenza minima del
diffusore , non la media .
Le Box 650, e secondo me è una bella accoppiata. Vorrei provarci le Box 850a pro.

Buona notizia se i 4 ohm sono minimi. Non riuscivo a trovare il grafico dell'impedenza.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
giannisegala
Grazie , posseggo  la rivista con la bella recensione di Bebo .I due piccoletti inglesi  li hai confrontati  contemporaneamente   oppure li hai sentiti a distanza di giorni  uno dall'altro?Grazie 

 

Li ho ascoltati nella stessa sessione.

 

durante quell'ascolto che impressione ti fecero? notasti differenze tra i due integrati? grazie 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
leicaclub

Li ho posseduto contemporaneamente e quello che ho notato è stata l'estensione in gamma bassa molto maggiore

dell'SE nei confronti del più piccolo e spostata in primo piano.

Alla fine tenni il più piccolo che asciugava un po' la gamma bassa come desideravo.

I diffusori erano le Belleklipsch, della serie Heritage, con una gamma mediobassa esuberante, con altri diffusori potrebbe essere preferibile l'SE.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
albicocco.curaro
Grazie , posseggo  la rivista con la bella recensione di Bebo .I due piccoletti inglesi  li hai confrontati  contemporaneamente   oppure li hai sentiti a distanza di giorni  uno dall'altro?Grazie 

 

Li ho ascoltati nella stessa sessione.

 

durante quell'ascolto che impressione ti fecero? notasti differenze tra i due integrati? grazie 

 

Li ascoltai con delle Rogers LS 3/5a e a Roma con delle Harbeth P3ESR. Grande musicalità in entrambi, maggiore capacità di pilotaggio per l'SE. 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
ordelle

@albicocco.curaro: Ciao, il tuo SE quali diffusori pilota?

Ascoltai la Tua versione con diffusori Gamut da stand e non mi piacque affatto il suono riprodotto da quel sistema , ho sempre avuto però il tarlo di riascoltare il sugden con le 3/5, non é che per caso sei felice possessore dell'accoppiata?

Grazie

Ordelle

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
marco_

cosa non ti è piaciuto ?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
jakob1965

Ascoltato con (il 21 SE):

Acoustic Energy AE1
Sonus Faber Minima
Chario Pegasus
Klipsch Heresy III
Capriccio continuo

Ben suonante con tutte e cinque

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
ordelle

@marco: il suono riprodotto da quella catena mancava di pathos.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
marco_
@marco: il suono riprodotto da quella catena mancava di pathos.

 

insomma un pò di "piattume"

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
ordelle

insomma un pò di "piattume"

 

Beh si, mancava quella magia sulle medie di cui son capaci le 3/5.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
marco_

grazie

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
albicocco.curaro
@albicocco.curaro: Ciao, il tuo SE quali diffusori pilota? Ascoltai la Tua versione con diffusori Gamut da stand e non mi piacque affatto il suono riprodotto da quel sistema , ho sempre avuto però il tarlo di riascoltare il sugden con le 3/5, non é che per caso sei felice possessore dell'accoppiata?Grazie Ordelle
Si con le piccole Harbeth va alla grande. Ma credo che vada bene con molti diffusori, escludendo magari quelli con modulo di impedenza ostico.

Alla Sugden utilizzano le Harbeth per testare le loro elettroniche. E alla ProAc utilizzano i Naim per i modelli meno costosi e i Sugden per quelli di fascia alta.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
ordelle

Beh se dovessi oggi acquistare un diffusore sarebbe di certo e solo un HARBETH.

Ottimi ascolti

Ordelle

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
albicocco.curaro
Beh se dovessi oggi acquistare un diffusore sarebbe di certo e solo un HARBETH.

Ottimi ascolti

Ordelle

 

Quoto. Diffusori di rara musicalità ed equilibrio timbrico. Tanta sostanza e poca apparenza. Non per audiofili che amano pagare il lavoro dell'ebanista.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
mozarteum

Io uso il sugden a 21 se con le dynaudio dm2/6 casse dal carico facile. In piccolo ambiente di 12 mq. sorgente oppo 105. Fra tidal, cd, blu ray, digital hall, la goduria e' molto alta. Soprattutto se scollo le casse dal muro (su stand e facile), le metto in mezzo alla stanzetta e m'appizzo al vertice del piccolo triangolo (2 metri).

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
beatleman

 

@albicocco.curaro: Ciao, il tuo SE quali diffusori pilota? Ascoltai la Tua versione con diffusori Gamut da stand e non mi piacque affatto il suono riprodotto da quel sistema , ho sempre avuto però il tarlo di riascoltare il sugden con le 3/5, non é che per caso sei felice possessore dell'accoppiata?Grazie Ordelle
Si con le piccole Harbeth va alla grande. Ma credo che vada bene con molti diffusori, escludendo magari quelli con modulo di impedenza ostico.

Alla Sugden utilizzano le Harbeth per testare le loro elettroniche. E alla ProAc utilizzano i Naim per i modelli meno costosi e i Sugden per quelli di fascia alta.
Con le Harbeth C7 e le M30 andava molto bene effettivamente...sentito a Lucca da Dimensione suono dove comprai le Harbeth. Se non fosse che scalda come una stufa l'avrei preso volentieri. Non che questo sia un difetto ma all'epoca lo dovevo mettere in un ambiente un pò piccolo...

:)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Led63

Interessante capire come , con le Heresy III, si comportavano le trombe ( di solito ben presenti ) e la gamma bassa......

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
quique

Riprendo questo tread per chiedere

altri contributi sulle differenze tra l'a 21 liscio e la versione SE/Signature.
Grazie in anticipo
Un saluto
Gianfranco

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
giannisegala
Riprendo questo tread per chiedere
altri contributi sulle differenze tra l'a 21 liscio e la versione SE/Signature.
Grazie in anticipo
Un saluto
Gianfranco

Poche differenze . Suonano  alla stessa maniera . Lo Special ha qualche muscoletto in più ma la tipologia e la filosofia del suono Sugden è molto simile .

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite
Riprendo questo tread per chiedere
altri contributi sulle differenze tra l'a 21 liscio e la versione SE/Signature.
Grazie in anticipo
Un saluto
Gianfranco

Poche differenze . Suonano  alla stessa maniera . Lo Special ha qualche muscoletto in più ma la tipologia e la filosofia del suono Sugden è molto simile .

Avendo avuto sia l'uno che l'altro....condivido il parere ed aggiungo che il Signature ha anche piu dinamica e la facilita' di pilotare diffusori un pelo piu' ostici.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
albicocco.curaro
Riprendo questo tread per chiedere
altri contributi sulle differenze tra l'a 21 liscio e la versione SE/Signature.
Grazie in anticipo
Un saluto
Gianfranco

Poche differenze . Suonano  alla stessa maniera . Lo Special ha qualche muscoletto in più ma la tipologia e la filosofia del suono Sugden è molto simile .

Avendo avuto sia l'uno che l'altro....condivido il parere ed aggiungo che il Signature ha anche piu dinamica e la facilita' di pilotare diffusori un pelo piu' ostici.Con quali cavi?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
giannisegala

tra lo special edition e il signature ci sono lievi differenze . lo special è più caldo e vellutato ,il signature più aperto e un filino più dettagliato . questione di gusti . comunque entrambi di grandissima qualità.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

  • Statistiche forum

    282.645
    Discussioni Totali
    5.886.572
    Messaggi Totali

Facebook

About Melius Club

Melius Club: la nuova casa di Videohifi.com
Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con sede legale e operativa nell’Incubatore certificato Campania NewSteel in Napoli via Coroglio 57/d e codice fiscale 07710391215.

Powered by K-Tribes.

Follow us

×