di_emme

Queen Studio Collection

Messaggi raccomandati

di_emme

Ciao ragazzi, da appassionato dei Queen e amante del vinile ho atteso con ansia l'uscita di questo cofanetto...

 

Per chi ancora non lo sapesse, si tratta di un box contenente tutti gli album in studio della band in vinile colorato 180 grammi. All’interno del box è presente anche un codice per il download di tutti i brani in formato digitale ad alta qualità. Il prezzo di questo box Sul sito ufficiale dei Queen è di 400 euro (su alcuni noti shop online si trova a meno).

 

Il box contiene un libro di 108 pagine illustrato ed in totale 18 vinili, a dispetto dei 15 album in studio a cui si fa riferimento: questo perché proprio in occasione di questa speciale uscita, sia Made In Heaven che Innuendo sono stati pubblicati in doppio vinile. Non solo, anche Queen II è stato pubblicato su due vinili, ma in questo caso ci sono un vinile bianco a rappresentare il “White Side” del disco originale ed un vinile nero a rappresentare il “Black side”; sul retro dei due dischi si trova impresso il logo dei Queen.

“Under Pressure” e cinque brani dall’album ‘Innuendo’ sono stati migliorati dopo la scoperta di nuovi nastri di eccellente qualità, recuperando tutti i dettagli sonori delle incisioni originali.

 

Passando alle note tecniche, tutti i dischi sono stati rimasterizzati da Bob Ludwig negli Abbey Road Studios utilizzando i nastri originali. Nel cofanetto sono inclusi i vinili colorati di alta qualità (180 gr.)

Per la masterizzazione Bob Ludwig ha utilizzato il meglio delle tecnologie disponibili così come per la stampa l’etichetta si è affidata ai tedeschi della Optimal.

 

Viste tutte queste premesse l'ho ordinato con largo anticipo e appena l'ho ricevuto sono rimasto impressionato dalla qualità del cofanetto! Copertine bellissime, buste porta vinili di alta qualità ed il cofanetto stesso veramente imponente!!!

 

Poi l'entusiasmo ha lasciato spazio alla delusione quando ho iniziato gli ascolti...

 

Queen - pessimo!!! Ho la prima stampa originale inglese che sente il peso degli ma che suona più che dignitosamente così come una ristampa degli anni 80 che suona ancora meglio mentre questa versione rimasterizzata mi ha lasciato veramente deluso...

 

Queen II - A parte l'idea fantastica (a parer mio) di averlo stampato su due vinili mi ha deluso tantissimo! È uno dei dischi dei Queen che preferisco in assoluto e, in vinile, ho una ristampa di qualche anno fa che mi ha sempre fatto schifo per la pessima qualità e che ha sempre preso le "bastonate" dalla versione in CD del 1986

 

Sheer Heart Attack - ho finito di ascoltare il primo lato ma già dopo la seconda canzone avevo voglia di scagliarlo dalla finestra...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
di_emme

Dopo lo shock iniziale e la paura che la pessima resa dipendesse dal mio impianto mi sono rivolto ad un negozio di Alta Fedeltà della mia zona per fare degli ascolti più approfonditi; purtroppo, dopo l'intensa sessione di ascolti, il risultato è stato confermato in una triste bocciatura...

 

Le prove in negozio sono state fatte su 4 diversi impianti così composti:

 

Giradischi: GoldNote Bellagio Reference

Pre: Audio Research SP20

Amplificatore: Audio Research Reference 75

Diffusori: De Vore Fidelity Orangutan O/96

 

Giradischi: Kuzma Stabi S + Koetsu Black

Pre-Phono: Ensemble Fonovivo

Amplificatore: Synthesis Roma R510AC

Lettore CD: Synthesis Roma 14DC

Diffusori: De Vore Fidelity Orangutan O/93

 

Giradischi: GoldNote Mediterraneo

Amplificatore:GoldNote Demidiff Signature Anniversary

Diffusori: Sonus Faber Amati Futura

 

Giradischi: GoldNote Giglio

Pre-Phono: GoldNote PH7+ PSU7

Amplificatore: Synthesis Roma R753AC

Diffusori: De Vore Fidelity Gibbon 3XL

 

(Purtroppo non ho preso nota delle testine montate sui gira della GoldNote credo fossero delle Bobolino su Giglio e Mediterraneo e una Macchiavelli sul Bellagio ma non vorrei dire cose sbagliate)

 

Tornando all'ascolto dei dischi:

 

Sheer Heart Attack continua a risultare inascoltabile!

A Night At The Opera, paragonato con una prima stampa (nel mio caso una stampa olandese) di 40 anni fa (!!!) esce con le ossa rotte... Sicuramente il suono rispetto alla prima stampa risulta più pulito ma resta un rumore di fondo imbarazzante oltre ad una scena più chiusa ed un suono più "piatto"...

Anche Innuendo, su cui nutrivo grandi speranze, è risultato, nonostante un'inconfutabile maggiore pulizia rispetto alla prima stampa (in mio possesso quella Italiana), leggermente più chiuso e, a tratti, metallico.

L'unico album ascoltato in negozio con risultati soddisfacenti è stato A Kind of Magic che fa apprezzare, rispetto al CD (digital remaster del 1993), maggiore calore e dinamica.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
di_emme

Una volta tornato a casa ho montato, al posto del mio piccolo Marantz PM5004, un amplificatore di tutt'altra caratura, un COPLAND CTA 405. Dopo aver collegato giradischi (GoldNote Valore) e casse (Sonus Faber Toy) ed averlo lasciato scaldare un po' ho iniziato un piccolo "rodaggio" di circa un'oretta e mezza, ascoltando brani da dischi della Foné e della GN Records per ripanagonarlo agli stessi ascolti fatti con il mio Marantz. Ovviamente siamo su un altro pianeta il Copland costa come una dozzina di Marantz come il mio ed è dotato di una scheda phono a valvole di alta qualità. Rispetto al Marantz offre maggiore dettaglio e dinamica ed il suono risulta essere più "avvolgente" e coinvolgente riproponendo una scena precisa e decisamente a fuoco!

L'abbinata con le Toy è ben riuscita! Nonostante i limiti fisici dei questi "giocattoli" la resa è molto interessante ed i bassi sono comunque presenti e controllati; alzando il volume viene voglia di spingere sempre più in alto.

Superata questa prima fase di test per "abituare" l'orecchio al nuovo giocattolo sono inziati gli ascolti comparati dei dischi nel mio ambiente in cui ho coinvolto anche la mia pazientissima dolce metà che, per maggiore obiettività di giudizio, ha accettato di ascoltare i dischi alla cieca, senza sapere quale fosse l'originale e quale la ristampa (certo non è difficile capire se si tratti di stampe originali o ristampe ma tant'è!!!) per scegliere il migliore tra i due.

 

Ho saltato a piè pari i primi tre dischi (per cui magari farò ulteriori prove nei prossimi giorni) per passare direttamente a A Night At The Opera; anche a casa, a parte la pulizia del suono, vince la prima stampa che, ricordo, ha 40 anni compiuti da poco! La prima stampa è più "squillante" ed offre quasi un dettaglio maggiore rispetto alla ristampa che offre un suono molto più pulito nonostante un fastidioso rumore di fondo che ricorda gli ascolti fatti col walkman a cassette negli anni 90! La ristampa suona quasi più "impastata". (1st press VS Studio Collection 1-0)

Innuendo, come già riscontrato in negozio, offre una scena più chiusa nella versione ristampata rispetto alla versione originale che vince il confronto nonostante si tratti di una stampa italiana con 24 anni di onorato servizio alle spalle. (1st press VS Studio Collection 2-0)

The Miracle, che in negozio non ho ascoltato, risulta vincente nella versione ristampata perchè la prima stampa in mio possesso è piuttosto conciata ma, a parte quello, il lavoro su questo disco sembra fatto meglio che per altri con un suono abbastanza pulito. (1st press VS Studio Collection 2-1)

A Kind Of Magic, che in negozio era stato confrontato con il CD, vince anche contro la prima stampa italiana seppur di poco grazie, soprattutto, alla pulizia del suono. (1st press VS Studio Collection 2-2)

Made in Heaven, all'ascolto, risulta piacevole ma non ho la prima stampa in vinile e non ho potuto effettuare il confronto. Tra i tanti dischi ascoltati è quello che ha offerto, per assurdo, il risultato migliore (dico per assurdo perchè è un album costruito più artificialmente rispetto agli altri)

 

Spero di riuscire a fare qualche altro ascolto nei prossimi giorni e mettere a confronto gli ultimi dischi di cui possiedo stampe "originali" (Queen, QueenII, A Day At The Races, Jazz, The Game, The works, Hot Space)

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
di_emme

Nessun altro,sul forum, ha avuto modo di ascoltarli?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
rock56

Probabilmente è la "rimasterizzazione" che è stata fatta con altri "principi"..... odio le rimasterizzazioni che stravolgono gli originali.....

io mi tengo il mio box QB1 "The complete Works"

;)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
musicbox

Io i vinili li compro quasi sempre da amazon così se fanno c....re lì rimando indietro con tanto di rimborso immediato.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
BasBass

Riprendo questo thread per porre un quesito: ad oggi volendo ascoltare i Queen su vinile al meglio dellle possibilità su cosa ci si dovrebbe orientare (escludendo il box oggetto del thread ovviamente)? Esistono riedizioni AAA degne di essere prese in considerazione?

Per chi ha sentito le prime stampe d'epoca come suonano? Vale la pena metterci qualche soldino?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
danrap

Io ho le prime stampe inglesi dei dischi che mi piacciono dei Queen cioè i primi 4 e hot space.suonano molto bene. Se cerchi sapientemente e con calma su discogs puoi spendere anche molto poco...

Non conosco le versioni moderne degli lo dei Queen.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
ST1971

i migliori remaster dei queen sono gli shm jvc giapponesi. Ho tutta la serie e fanno paura, sono gli unici in cui sento veramente la voce di freddie per quello che era, eccezionale, graffiante, offensiva tanto entrava dentro (battute scontate vietate please 🙂 )

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
BasBass
10 ore fa, ST1971 ha scritto:

i migliori remaster dei queen sono gli shm jvc giapponesi

Ti riferisci ai CD Platinum realizzati dal master DSD del 2011 (lo stesso degli SHM SACD)?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
ST1971

Esatto, in realtà mi sono svegliato, io ho gli shm SACD pardon

Innuendo è incredibile, in the show must go on si riesce a sentire tutta la sofferenza che Mercury ha dovuto affrontare per registrare quel pezzo, non sono mai riuscito ad avvertirla né nei CD né negli lp

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
rock56
5 ore fa, ST1971 ha scritto:

gli shm SACD pardon

Innuendo è incredibile,

Questo album è tra i miei preferiti, ma il vinile suona come una "radiolina", provato il CD non mi piace neppure questo... questo album in SACD la registrazione è buona? 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
ST1971

@rock56ottima! Credo l'unica veramente ascoltabile

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
rock56
6 ore fa, ST1971 ha scritto:

ottima! Credo l'unica veramente ascoltabile

Grazie mille: me la vado a cercare! 👍

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
ST1971

Figurati, è un piacere 😊

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
BasBass

I SACD li ho ascoltati, sono alquanto compressi (viaggiano tra un DR7 e un DR8, Innuendo è un DR7...) e alla fine risultano piuttosto innaturali, è un tipo di suono che, seppur iperdefinito e dettagliato, alla fine non gradisco per la sua artificiosità, mi affatica all'ascolto, per questo mi chiedevo se esistessero edizioni viniliche AAA di elevata qualità. Le edizioni viniliche d'epoca ascoltate finora (non prime stampe inglesi) non mi hanno entusiasmato molto, proverò una prima stampa su discogs anche se non mi aspetto miracoli vista l'abbondante offerta e le quotazioni piuttosto accessibili...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
m.tonetti

Segnalo le prossime uscite in MQA x UHQCD dei Queen:

http://www.cdjapan.co.jp/products?term.prodkey=UICY-40257,UICY-40258,UICY-40259,UICY-40260,UICY-40261,UICY-40262,UICY-40263,UICY-40264,UICY-40265

Reissue in Hi-Res CD format (UHQCD format x MQA technology). Features the 96kHz/24bit master in 2011 by Bob Ludwig, which is converted to 88.2kHz/24bit resolution (perfect for MQA-enabled audio players). Green color label coating.

Slim case obi packaging. *The disc can also be played on regular CD players in UHQCD 44.1kHz/16bit resolution. However, MQA-enabled hardware/software is necessary to harness the full potential of this Hi-Res CD.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

  • Statistiche forum

    291.592
    Discussioni Totali
    6.237.316
    Messaggi Totali

Facebook

About Melius Club

Melius Club: la nuova casa di Videohifi.com
Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con sede legale e operativa nell’Incubatore certificato Campania NewSteel in Napoli via Coroglio 57/d e codice fiscale 07710391215.

Powered by K-Tribes.

Follow us