Vai al contenuto
  • Annunci

    • K-Tribes Team

      Problemi di login?   31/12/2017

      Scrivici usando il tasto [Contatti] in alto sulla destra.
Nejiro

Controlli di tono,chi li usa?

Messaggi raccomandati

Nejiro

Salve a tutti,sicuramente sarà un tema che è stato trattato diverse volte ma siccome per la prima volta mi ritrovo un integrato con i controlli di tono volevo sentire un pò di pareri riguardo questo argomento....se ne leggono un pò di tutti i colori al riguardo,che alterano il suono,che sono poco audiofili ecc....

Luxman che non credo sia un'azienda ultima arrivata i controlli di tono li mette e a questo punto mi chiedo,se ci sono perchè non usarli?Se ho la possibilità di andare a "correggere" qualcosa perchè non farlo?Per esempio per come la vedo io,meglio averli piuttosto che non averli anche perchè c'è sempre il tasto per disabilitarli,quindi perchè a volte si criticano apparecchi che offrono i controlli di tono?Iniziamo con i pareri quindi.....
Grazie

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Cano

Se li avessi quando necessario li userei

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Supertramp

Li uso sempre e comunque.

Alti al massimo e bassi a misura di 3 (su 6 max dell'ampli).

Loudness se necessario.

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
gefrusti

...io li uso...controllo 65536 "toni" per canale...

Tom.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Nejiro
...io li uso...controllo 65536 "toni" per canale...

Tom.
????

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Nejiro
Se li avessi quando necessario li userei

 

Esatto,finora ho sempre tenuto attivo il tasto "Line Straight" per via di "condizionamenti" che non si usano ecc...adesso visto che li ho vorrei provare ad usarli(ho solo alti e bassi,non il loudness),commetto un "crimine" a livello audiofilo? :D

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
floyder

Non ne sento il bisogno quasi mai, ma alcune incisioni vanno corrette .... perché no.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
gefrusti
...io li uso...controllo 65536 "toni" per canale...

Tom.
????DRC  :D...in fondo è un "regolatore di toni" evoluto..

ciao, Tom.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Nejiro

@gefrusti Ma esattamente drc cosa sarebbe dato che non ne ho mai approfondito la conoscenza?un compressore audio?un correttore ambientale?nessuno dei due?Brevemente solo per capire perchè andremmo fuori tema dato che chiedo pareri a chi usa o non usa i controlli di tono....

Grazie

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
LeonardoP
...io li uso...controllo 65536 "toni" per canale...

Tom.
Chissà che casino girare tutte quelle manopole

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
MAXXI

Mai usati nel passato quando li avevo e ora ( dal 2006 ) che non li ho non ne sento la mancanza..... ;)

Magari ho l'ambiente giusto , chissà....

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
MAXXI
...io li uso...controllo 65536 "toni" per canale...

Tom.

Il digitale fa miracoli...... :D

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
chicco98

Il mio pre. vecchietto, non li ha!

bye

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Nejiro

Spesso leggo che un integrato senza controlli di tono è più "audiofilo" e mi chiedo il perché dato che chi li implementa come ad esempio Luxman o Accuphase che di certo non sono aziende di seconda fascia danno anche la possibilità di escluderli....mi viene da pensare che questa "moda" che ha preso piede dicendo che i controlli di tono non servono,fanno solo danni ecc..sia costruita ad hoc così le aziende da un po' di anni a questa parte si risparmiano il costo di metterli...è solo un mio parere ovviamente....

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Cano

Perché circuitare i controlli di tono inserisce inevitabilmente degradazione inutile del segnale

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Supertramp
Spesso leggo che un integrato senza controlli di tono è più "audiofilo" e mi chiedo il perché dato che chi li implementa come ad esempio Luxman o Accuphase che di certo non sono aziende di seconda fascia danno anche la possibilità di escluderli....mi viene da pensare che questa "moda" che ha preso piede dicendo che i controlli di tono non servono,fanno solo danni ecc..sia costruita ad hoc così le aziende da un po' di anni a questa parte si risparmiano il costo di metterli...è solo un mio parere ovviamente....
Coi controlli tonali è troppo facile migliorare i suoni.

L'audiofilo vero preferisce le battaglie ardimentose....  modificare il suono

con cavetti diamantati, legnetti, pietre, cremine e unguenti magici sulle scocche.... :-D

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Nejiro
Perché circuitare i controlli di tono inserisce inevitabilmente degradazione inutile del segnale

Questo chi l'ha stabilito?Partendo dal presupposto che il riferimento è un concerto dal vivo quando poi si va a fare una riproduzione domestica si passa per diversi apparecchi come ad esempio lettori cd,dac,pc,pre ecc....questi non "modificano" il suono originale?Se poi come ripeto c'è il famoso tasto per disabilitarli e quindi uno li usa solo se vuole,cosa c'è di male se ci sono?E cosa c'è di "sbagliato" se uno li sfrutta?

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Cano
Perché circuitare i controlli di tono inserisce inevitabilmente degradazione inutile del segnale

Questo chi l'ha stabilito?Partendo dal presupposto che il riferimento è un concerto dal vivo quando poi si va a fare una riproduzione domestica si passa per diversi apparecchi come ad esempio lettori cd,dac,pc,pre ecc....questi non "modificano" il suono originale?Se poi come ripeto c'è il famoso tasto per disabilitarli e quindi uno li usa solo se vuole,cosa c'è di male se ci sono?E cosa c'è di "sbagliato" se uno li sfrutta?

 

 

si...ma se allunghi il percorso del segnale e lo fai inserendo potenziometri o bypass cose buone non possono portarle

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
gefrusti
@gefrusti Ma esattamente drc cosa sarebbe dato che non ne ho mai approfondito la conoscenza?un compressore audio?un correttore ambientale?nessuno dei due?Brevemente solo per capire perchè andremmo fuori tema dato che chiedo pareri a chi usa o non usa i controlli di tono....
Grazie
...è un sistema di correzione digitale attivo.
si lo scopo principale è quello di correggere le discrepanze acustiche...ma è talmente personalizzabile che può sostituire qualunque equalizzatore e/o controllo di toni.
La battuta sui 65536 interventi (che poi li effettua per davvero) verte per far capire la differenza tra un semplice regolatore di toni (che agisce grossolanamente su 2 segmenti di frequenze...100hz e 10khz solitamente) e un sistema la cui risoluzione d'intervento è nmila volte più preciso e...soprattutto...selettivo.

saluti, Tom.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
gefrusti
si...ma se allunghi il percorso del segnale e lo fai inserendo potenziometri o bypass cose buone non possono portarle

 

...non tanto per il percorso del segnale...quanto per il fatto che una regolazione di toni implementa un minicircuito attivo di guadagno...per cui (anche se molto dipende da come è fatto) un certo degrado è possibile.

 

 

Tom.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Nejiro
Perché circuitare i controlli di tono inserisce inevitabilmente degradazione inutile del segnale

Questo chi l'ha stabilito?Partendo dal presupposto che il riferimento è un concerto dal vivo quando poi si va a fare una riproduzione domestica si passa per diversi apparecchi come ad esempio lettori cd,dac,pc,pre ecc....questi non "modificano" il suono originale?Se poi come ripeto c'è il famoso tasto per disabilitarli e quindi uno li usa solo se vuole,cosa c'è di male se ci sono?E cosa c'è di "sbagliato" se uno li sfrutta?

 

 

si...ma se allunghi il percorso del segnale e lo fai inserendo potenziometri o bypass cose buone non possono portarle

 

Per me sono modi diversi di pensare....quindi Luxman,Accuphase e chi mette i controlli di tono vuol dire che non hanno imparato a fare gli amplificatori dato che non si "piegano" a certe logiche?

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
antoniotrevi

credo che accuphase in particolare segua una politica molto vintage di quando l'hi fi era molto diffuso ,i suoi ampli sembrano pezzi degli anni 80 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
marcellomarcello

Dipende !!!! E' chiaro che inserendo i controlli di tono o equalizzando si modifica il segnale originale. Ma se il segnale originale è troppo ricco di alte frequenze o di bassi tanto da desiderare di spegnere o passare oltre, allora una aggiustatina ruotando semplicemente i controlli è ben accetta ... 

.... sempre meglio che tentare di "equalizzare" con i cavi .... 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Nejiro
credo che accuphase in particolare segua una politica molto vintage di quando l'hi fi era molto diffuso ,i suoi ampli sembrano pezzi degli anni 80 

Anche Luxman è così e mettiamoci anche Mcintosh(sicuramente ci saranno altri marchi che non mi vengono in mente)....bisogna vedere quale delle due filosofie è più coerente....

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
decdec

I controlli di tono sono un toccasana per rendere più godibili alcune incisioni, di solito un po' datate, di eccellente Musica registrata così così, per il resto meglio escluderli. Avendo questa possibilità li uso quando servono, con parsimonia. Meglio averli, comunque.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Cano
Perché circuitare i controlli di tono inserisce inevitabilmente degradazione inutile del segnale

Questo chi l'ha stabilito?Partendo dal presupposto che il riferimento è un concerto dal vivo quando poi si va a fare una riproduzione domestica si passa per diversi apparecchi come ad esempio lettori cd,dac,pc,pre ecc....questi non "modificano" il suono originale?Se poi come ripeto c'è il famoso tasto per disabilitarli e quindi uno li usa solo se vuole,cosa c'è di male se ci sono?E cosa c'è di "sbagliato" se uno li sfrutta?

 

 

si...ma se allunghi il percorso del segnale e lo fai inserendo potenziometri o bypass cose buone non possono portarle

 

Per me sono modi diversi di pensare....quindi Luxman,Accuphase e chi mette i controlli di tono vuol dire che non hanno imparato a fare gli amplificatori dato che non si "piegano" a certe logiche?

 

 

c'è poco da pensare...le cose stanno così

Come detto se gli avessi li userei volentieri...ma questo è un altro discorso

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
antoniotrevi

si anche denon e penso marantz li usa ancora ,c'è da dire che l'averli puo indirizzare alcune scelte di acquisto per chi li cerca ,poi c'è sempre il tasto per escluderli ,pero penso che la direzione in futuro sara di escluderli del tutto e di affidarsi come fatto da tom al drc e pazienza se alcune incisioni non suoneranno come piace a noi

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Cano
I controlli di tono sono un toccasana per rendere più godibili alcune incisioni, di solito un po' datate, di eccellente Musica registrata così così, per il resto meglio escluderli. Avendo questa possibilità li uso quando servono, con parsimonia. Meglio averli, comunque.

 

allora meglio un equalizzatore in tape...da usare in caso di necessità

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Sfabr64

Il mio li ha, lavorano bene, li uso poco, ma trovo che certi brani necessitano di un'aggiustatina...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
FedeZappa

Non so se sia psicoacustica o suggestione o altro, ma li ho sempre evitati come la peste. Le elettroniche e i diffusori con i controlli non mi hanno mai attratto.

La mia idea è che il percorso del segnale deve essere più lineare possibile e i miei impianti sono ispirati a questa filosofia, semplicità dall'inizio alla fine, sia come impianto che come progettazione interna dei componenti.

I risultati alle mie orecchie di solito mi danno ragione.

 

Le "equalizzazioni" devono essere "cercare la migliore sinergia tra componenti e ambiente", e non vedo perché anche i cavi non debbano concorrere nella ricerca di questa sinergia. Se non c'è tutto questo i controlli possono fare poco o nulla.

Naturalmente il mio discorso è riferito ai controlli tradizionali, non al DRC o altri digitali che non utilizzato ne conosco.

 

PS. Il mio pre ha il selettore "tape monitor". Lo lascio disinserito ma se non ci fosse sarebbe anche meglio. Ovvio più per una questione psicologica che altro.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

  • Statistiche forum

    281.355
    Discussioni Totali
    5.848.744
    Messaggi Totali

Facebook

About Melius Club

Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con sede legale e operativa nell’Incubatore certificato Campania NewSteel in Napoli via Coroglio 57/d e codice fiscale 07710391215.

Powered by K-Tribes.

Follow us

×