arcadium

Technics SB7000

Messaggi raccomandati

BEST-GROOVE

@analogue sarebbe bello pubblicassi uno scritto con via via le foto allegate, sarebbe molto più apprezzato e valorizzato il lavoro di restauro che hai fatto, piuttosto che scorrere delle foto senza una didascalia e che in pochi possono vedere.per la scarsa visibilità  ;)
... .. coraggio non essere pigro.   :D

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
BEST-GROOVE
3 ore fa, landrupp ha scritto:

ed entrare in un forum - dove non ti sei neppure presentato,...



nooo l'ha fatto in concomitanza con i successivi interventi qui...ogni tanto andate anche di la a mandare un saluto ai nuovi entrati. 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Cabrillo
14 ore fa, BEST-GROOVE ha scritto:

nooo l'ha fatto

Allora visto che anche io non ho controllato  mi scuso  col nuovo ed esuberante forumer😉

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Cabrillo

@analogue Ti rinnovo i miei complimenti x il lavorone e le info dei diffusori!😉

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
analogue

@G.D.Sputo Essenzialmente la ragione e' il tempo che non e' mai abbastanza. Ora pero' sto cercando di dedicarmi di piu' a queste cose rispetto al passato, Non e' facile con due figli piccoli ma ci provo. Per il resto dell'impianto, se guardi le foto noterai due occhioni blu. Non sono quello che magari credi, ma sono 2 VU Meter che mi sono auto-costruito per "vedere la musica". Noterai anche il Micro Seiki che e' stato completamete rifatto (sempre da me); smontato a pezzetti, portato a metallo nudo, fatto riverniciare a polvere, ricostruita l'elettronica e rimontato (stupendo :-)). quello che non si vede e' un Open Reel Technics che avevo smontato, ricondizionato e venduto.  Ora mi appresto a rifare completamente o un altro Technics RS-1500 da cima a fondo. Magari documentero' meglio quel progetto 😉

salvo

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
analogue

@G.D.Sputo nulla di tutto cio' , solo passione, manualita' e forse il fatto di essere bilingua inglese che mi aiuta nel trovare la documetazione necessaria (di solito nascosta 😉

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
BEST-GROOVE
1 ora fa, analogue ha scritto:

Noterai anche il Micro Seiki che e' stato completamete rifatto (sempre da me);

Motivo in più per quando ne avrai voglia e tempo di aprire un singolo 3ad ricco di foto e descrizioni per  ogni oggetto che hai sistemato/restaurato 

Qui in vintage si contano  parecchi "delfini curiosi" come recitava un vecchio spot.  xD

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
ediate

OT: a me il nick del nuovo forumer (g.d.sputo) non mi è per niente nuovo, ma non mi ricordo da dove...

fine OT.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
poeta_m1
6 ore fa, analogue ha scritto:

Infine, negli anni 70 era prassi per i costruttori di hi-fi modellare i componenti in base al mercato di riferimento, quindi i 7000 sono stati prodotti in 2 versioni: i 7000 per il mercato internazionale, e i 7000A  esclusivamente per il mercato americano. I due diffusori si differenziano essenzialmente nel xover che li rende simili ma con una risposta in frequenza diversa.

Occhio che esiste una differenza anche nel mobile, nel tubo di accordo reflex, di tipo canonico (rotondo) sulle 7000A, "a fessura" invece sulle 7000.

Ignoro se i trasduttori siano identici, specie il woofer.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
poeta_m1
Il 4/11/2018 Alle 10:42, oscilloscopio ha scritto:

Non condivido pienamente quanto scrivi in merito agli alti di quarant'anni fà, poichè a mio parere, sia con le testine fonografiche, che con gli Rtr si raggiungevano frequenze ben superiori ai 20.000 Hz e l'avvento del CD sempre a mio avviso, non ha implementato in modo significativo, l'estensione delle alte frequenze.

Ti quoto.

Tra i diffusori che possiedo, ho una coppia di Grundig 1500a professional di fine anni '70, antecedenti all' "era digitale", ed hanno una gamma alta iper definita, che non si sposa benissimo con sorgenti molto squillanti e/o con amplificatori "frizzanti" (tipo Yamaha).

Considerata la categoria assolutamente standard di questi diffusori, secondo me uno dei motivi di tale impronta timbrica è (anche) per compensare le limitazioni in quelle che erano le sorgenti di allora, facilmente deck asfittici di metà/fine anni '70, con risposta in frequenza limitata, o giradischi di livello standard a cui magari faceva seguito l'impiego di un filtro "high filter" sull'amplificatore... 

Non direi quindi che i diffusori degli anni '70 hanno roll-off sulle alte frequenze perché allora non esistevano i cd... non è una regola fissa. Più che altro dipende dalla filosofia ed impostazione del diffusore (scuola americana, scuola inglese, scuola tedesca etc. etc.).

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
ediate

@poeta_m1 @oscilloscopio Quoto entrambi. Basti solo pensare a giradischi dotati di testine di alta/altissima qualità che, anche dalle prove delle riviste serie (Suono, AudioReview) raggiungevano facilmente, se ben interfacciate col carico dell'ingresso phono del pre specie in merito alla capacità, i 20 KHz e oltre, anche senza tagli esoterici (Shibata, ad es.). Come dice Gherardo, la timbrica dei diffusori era tipica delle scelte progettuali del costruttore e/o dalla loro scuola di provenienza (suono squillante per tedeschi, solo un po' meno per le italiane ma molto più corretto, completo senza predilezioni di gamma per gli inglesi, con un forte roll-off sulle alte per le americane - non tutte, però).

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
poeta_m1

@analogue, vedo ora le foto, complimenti per il lavoro di ripristino 🙂

Volevo dirti, in origine quei diffusori montavano del materiale smorzante sul "davanzale" immediatamente davanti al mid... potresti completare il restauro in tal senso 😎😉

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
analogue

@poeta_m1 le differenze specifiche  tra le 7000 e le 7000A  erano:

- il foro  che porta direttamente nella camera del woofer, mentre le 7000 hanno la fessura che fa respirare il woofer con delle aperture tra il fondo del diffusore e la camera del woofer,

- il xover che per le 7000 hanno un tagli leggermente deviato verso le frequeze + alte (di poco),

- unfusibile installato nelle 7000A per ridurre la possibilita' di bruciare il tweeter

Per il resto tutto e' uguale inclusi i driver che sono gli stessi.

saluti

salvo

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
analogue

@poeta_m1 per il materiale smorzante c'e tempo, lo provero quando avro' assorbito bene le caratteristiche dei diffusori per poter fare un vero confronto.

saluti

salvo

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
paolosances

@analogue  credo d'aver visto i meters...sono quelli dell' 1.2?

200 euro circa e tanta manualità?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
ediate

@G.D.Sputo

Il 6/11/2018 Alle 21:34, G.D.Sputo ha scritto:

via da zeglio ... remember ? 

Mi ricordavo bene, allora!... Come stai?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
BEST-GROOVE
1 ora fa, G.D.Sputo ha scritto:

solo che non vedo argomenti d'interssse come un tempo ... vabbè 



I tempi son cambiati anche per la stampa di settore. ...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
BEST-GROOVE
5 minuti fa, G.D.Sputo ha scritto:

ma io dicevo che una volta, nei forum, cerano argomenti più interessanti e soprattutto qualche cosa di nuovo ogni giorni


allora ho capito male.

No qui e tutto e solo online, niente carta.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
andrino

@analogue l'intervento che hai fatto sui diffusori è molto interessante, grazie molte per averlo condiviso; e complimenti per il gran bel lavoro 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

  • Statistiche forum

    289.819
    Discussioni Totali
    6.174.925
    Messaggi Totali

Facebook

About Melius Club

Melius Club: la nuova casa di Videohifi.com
Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con sede legale e operativa nell’Incubatore certificato Campania NewSteel in Napoli via Coroglio 57/d e codice fiscale 07710391215.

Powered by K-Tribes.

Follow us