Vai al contenuto
  • Annunci

    • K-Tribes Team

      Problemi di login?   31/12/2017

      Scrivici usando il tasto [Contatti] in alto sulla destra.
appecundria

Ci guardavamo l’un l’altro senza dire nulla... poi è successo qualcosa

Messaggi raccomandati

appecundria
Angelo La Manna, 52 anni, da venticinque in polizia, una lunga lista di sedi difficili, brillanti operazioni di polizia giudiziaria senza riconoscimenti o promozioni, adesso vice questore aggiunto dirigente del commissariato di Pompei. Perché sabato, nella città della preghiera, si è trovato di fronte a una scelta: l’applicazione della legge oppure la mano tesa verso chi è povero. Ha fatto la cosa giusta.

"Sabato sera ero in un ufficio quando è arrivata una telefonata dalla vigilanza del centro commerciale “La cartiera”. Gli addetti avevano fermato una coppia di giovanissimi alla barriera anti taccheggio perché avevano portato via della merce da un negozio di articoli per bambini senza pagare", racconta.
La volante arriva al centro commerciale e carica in auto la coppia. Innamorati e poveri. Ventun anni lui, lei appena diciannove. Genitori di un bimbo di quattro mesi. Vivono con i familiari, il ragazzo lavora con il padre che raccoglie con la sua moto Ape ferro usato. Non hanno un soldo. Non hanno mai rubato in vita loro.
"Ma da quel negozio – ricostruisce il vice questore La Manna – avevano portato via 102 euro di merce: bavettine per neonati, due tutine, una forbicina, un biberon, un set di igiene per il neonato, salviette igieniche, un termometro e due succhietti, quattro confezioni di omogeneizzati".
 
Finiscono tutti in commissariato, i due giovani e il titolare del negozio che insiste per sporgere la denuncia. A testa bassa la coppia si giustifica: "Eravamo entrati solo per gli omogeneizzati, poi abbiamo visto tutte quelle cose che nostro figlio non ha mai avuto…Ci siamo lasciati andare…".  Il vice questore e due suoi poliziotti mettono tutto a verbale. "Tra una parola e l’altra – ricorda La Manna – ci guardavamo l’un l’altro senza dire nulla. Poi è successo qualcosa. Ci siamo mossi tutti e tre senza metterci d’accordo e abbiamo messo sul tavolo davanti al negoziante trentacinque euro a testa".

E a quel punto, cosa è successo? "I due ragazzi si sono messi a piangere, hanno chiesto perdono. Mai nessuno, prima di loro mi aveva detto: “Lei è misericordioso”. Non ho fatto nulla, nulla di speciale".
Forse avevano paura di voi, della divisa. "Di solito è così, soprattutto quando si è poveri. Ma poi la disperazione vince la paura e si fanno cose che forse non si vorrebbero mai fare".
Sì, ma lei, vicequestore, perché lo ha fatto? Perché con i suoi poliziotti ha pagato il commerciante e messo le cose relativamente a posto? "L’ho fatto per solidarietà. Quei due giovani non hanno niente. Niente come tanti altri. Purtroppo la solidarietà è temporanea, non è un fatto reale. La nostra scelta non risolverà il problema per quella coppia che, come tanti altri, ha bisogno di solidarietà strutturale che la polizia non può dare. Ogni giorno, quando vengo a lavorare,entro nella palazzina del commissariato dove si trova anche la mensa per i poveri “Bartolo Longo”. E vedo ogni giorno centinaia di persone alla disperazione, in fila per un pasto caldo. E’ la stessa disperazione dei due giovani che hanno rubato gli omogeneizzati".

Ma il commerciante, non si è commosso davanti al vostro gesto? "Ha sporto denuncia, come d’altra parte era suo diritto. Ma ha preso i soldi e ha emesso regolare scontrino".

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
lufranz
Ma il commerciante, non si è commosso davanti al vostro gesto? "Ha sporto denuncia, come d’altra parte era suo diritto. Ma ha preso i soldi e ha emesso regolare scontrino".
Se i fatti sono questi, quell'uomo è una bestia e non c'è da augurargli altro che di trovarsi il negozio vuoto per i prossimi anni.
Che quei 100 euro siano gli ultimi.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
jezzedelic
Ma il commerciante, non si è commosso davanti al vostro gesto? "Ha sporto denuncia, come d’altra parte era suo diritto. Ma ha preso i soldi e ha emesso regolare scontrino".
Se i fatti sono questi, quell'uomo è una bestia e non c'è da augurargli altro che di trovarsi il negozio vuoto per i prossimi anni.
Che quei 100 euro siano gli ultimi.

sono commerciante anch'io e concordo, spero che li spenda in medicine.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
R_W
poverini..
ma quanto ci costa il taccheggio?
è stato calcolato tra il 5 e il 10% del prezzo...su tutto,  a tutti..... quanto è all'anno?

io posso anche permettermelo, in fondo è solo.... ma conosco persone che non potrebbero permetterselo, che fanno, si mettono a rubare a loro volta?
 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
lucano

Sì va bene il taccheggio, ma quando il vice questore in persona ti paga di tasca sua tu non puoi fare il pezzo di m.

Ma presto verrà l'angelo del Signore e avrà una Fiamma Gialla sul cappello... B-)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
paolosances

Letto...in questo caso è stata la Polizia ad aiutare chi versa in stato di necessità...ma in quest'altro caso è "L'Opera Pia" a chiedere l'intervento delle forze dell'ordine per rientrare nel possesso di un immobile abbandonato da anni e occupato da nuclei familiari con piccoli.

Mi chiedo...perchè definirla Opera pia...di quale opera pia parlare?

 

       http://livesicilia.it/2016/01/26/palazzina-di-due-piani-occupata-sgombero-in-via-siracusa_707648/

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
effe_erre

mmm... certo poteva ritirare la denuncia...

però questo è uno stato di diritto con delle regole... può piacere o non piacere...

se tutti facessero così ? un supermercato non è la caritas... ha un bilancio e paga le tasse... se si giustificano queste cose poi diventa difficile difendere la proprietà privata... casa vostra per capirci

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
cactus_atomo

denuncia stupoida, portare via merce senza pagare configura il reato di inadempienza contrattuale che si risolve von il pagamento dell'indebito + le spese. Il negoziante è stupido, la merce gli è stata regoarmente pagata, farà una causa che durerà anni e rischia pure di sentirisi dare torto

E che paòlle con questa diifesa della proprietà privata come moloch cui sacrificare tutto, eiste il normale buon senso che permette di distingure quando il punto va mantenuto e quando no.

Ma a nessuno è mai capitaot di fare una cazzata, un errrore giovanile, una stupidata?

Gli spagnoli usano le 3 c (cabeza, corazon y cojones), rixoediamoci che serve anche il cuore

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
eduardo
Letto...in questo caso è stata la Polizia ad aiutare chi versa in stato di necessità...ma in quest'altro caso è "L'Opera Pia" a chiedere l'intervento delle forze dell'ordine per rientrare nel possesso di un immobile abbandonato da anni e occupato da nuclei familiari con piccoli.

Mi chiedo...perchè definirla Opera pia...di quale opera pia parlare?

 

       http://livesicilia.it/2016/01/26/palazzina-di-due-piani-occupata-sgombero-in-via-siracusa_707648/


Opera Pija ..........

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

  • Statistiche forum

    281.388
    Discussioni Totali
    5.859.495
    Messaggi Totali

Facebook

About Melius Club

Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con sede legale e operativa nell’Incubatore certificato Campania NewSteel in Napoli via Coroglio 57/d e codice fiscale 07710391215.

Powered by K-Tribes.

Follow us

×