Vai al contenuto

PIEP

Controreazione di corrente vs controreazione di tensione convenzionale - differenze

Messaggi raccomandati

PIEP
Si legge che l'amplificazione Current Feedback (controreazione di corrente) fornisce una riproduzione ad ampia larghezza di banda e ad alta velocità che,  diversamente dall’amplificazione in tensione ,  rende l’amplificatore insensibile ai carichi critici dei diffusori. Chi sa dire qualcosa?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
releone71

Sono un profano e posso solo supporre sulla base delle mie superficiali conoscenze in materia.

 

Premettiamo prima di tutto che entrambe le tipologie di amplificazione hanno il fine ultimo di ottenere un guadagno di uscita in tensione. Quella che applica la controreazione in corrente, però, si basa sul rapporto di transimpedenza per cui il guadagno in tensione sull'uscita è proporzionale alla corrente applicata in ingresso. La qual cosa comporta dei vantaggi piuttosto importanti a fronte di minimi accorgimenti in più rispetto agli amplificatori in tensione. Per arrivare a delle conclusioni molto semplicistiche e, ripeto, da profano, suppongo che quelle caratteristiche di cui hai letto dipendano dal fatto che negli amplificatori current feedback, a differenza di quelli voltage feedback, il guadagno e la larghezza di banda non sono valori interdipendenti tra di essi e quindi ottimizzabili separatamente, benché la stabilità del circuito dipenda dall'impedenza dell'anello di retroazione stesso.

 

Però......se sposti il quesito nella sezione vintage, troverai valenti tecnici che ti sapranno spiegare meglio. Magari le mie supposizioni sono totalmente errate... ;)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
PIEP

Grazie dell'intervento, non credo sia una tipologia vintage, ma vorrei capire :

  • quali marche adottano l'una o l'altra
  • vantaggi del CF vs TF

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
releone71

Perdonami, evidentemente non mi sono ben spiegato. Ti ho suggerito di postare nella sezione Vintage (o anche nella DIY) perché è frequentata da più tecnici rispetto alla generalista Riproduzione Audio e, di solito, post come il tuo balzano subito all'occhio degli esperti in materia. Nulla a che vedere riguardo alla datazione della tipologia.

I vantaggi della CF verso la VF, parlando in termini di modelli teorici semplificati, te li ho già accennati: i parametri del guadagno e della larghezza di banda, non essendo tra di loro interdipendenti come invece accade negli amplificatori VF, possono essere ottimizzati separatamente.

Le ricadute di tutto ciò dal punto di vista pratico potranno illustrarle meglio gli esperti, benché sia facile immaginare come la storia possa assumere risvolti maledettamente complicati allorché si abbandonino i modelli teorici semplificati per passare ai circuiti reali, notevolmente più complessi. Per mia modesta esperienza direi che non si può fare un discorso generico, bensì bisogna esaminare e valutare caso per caso.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
PIEP

grazie , ma spero che anche qua bazzichino espertoni; cmq se si potesse spostare ok, ma non so come fare ... :)]

rettifico: l'ho fatto e aspetto... 8-> 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
pserci
Si legge che l'amplificazione Current Feedback (controreazione di corrente) fornisce una riproduzione ad ampia larghezza di banda e ad alta velocità che,  diversamente dall’amplificazione in tensione ,  rende l’amplificatore insensibile ai carichi critici dei diffusori. Chi sa dire qualcosa?

 

Togli tutto tranne "rende l'amplificatore MENO sensibile al carico dei diffusori"  Non è propria nemmeno questa definizione, ma è quella che si avvicina di più al vantaggio della "current feedback)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Jimmyhaflinger

non sara' certo quello a cui pensate voi ma... :D

tempo fa' ne parlammo a proposito di una fonovaligia che avevo modificato per farla suonare in modo meno penoso... in origine aveva la controreazione in corrente ottenuta omettendo il condensatore di bypass sul catodo della finale... e in questo modo suonava in modo penoso con zero bassi e scarsa potenza in uscita

aggiungendo il condensatore di bypass ed introducendo la normale controreazione dal secondario del TU il suono era migliorato in modo pazzesco

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
PIEP

...migliorato in che senso? Mi interesserebbe capire le differenze: che so... + punch, alti + aperti , medi + in evidenza, meno bassi, , ecc

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Jimmyhaflinger
...migliorato in che senso? Mi interesserebbe capire le differenze: che so... + punch, alti + aperti , medi + in evidenza, meno bassi, , ecc
in origine era una vera ciofeca, non parliamo di sfumature, parliamo di una risposta che crollava sotto circa 200hz e aveva un'esaltazione ed una distorsione pazzesca sulle medioalte, il suono era secco e lacerante, sembrava di ascoltare un megafono a 10cm di distanza...

dopo la modifica andava molto meglio con una risposta che arrivava a circa 100hz, con molto piu punch sulle mediobasse e senza quell'esaltazione terribile delle medioalte, e sopratutto con molta meno distorsione...

avrei potuto migliorare ulteriormente la situazione specialmente sui bassi montando trasformatori di uscita piu buoni al posto degli originali che erano veramente minuscoli e non sfruttavano certo in pieno le potenzialita' delle ECL86, ma visto che per essere una fonovaligia suonava gia in modo soddisfacente non lo ho fatto.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
PIEP

...divulgatore cercasi, bravo e semplice, eh...  :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
PIEP

....bah... :)]

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
PIEP
 Però......se sposti il quesito nella sezione vintage, troverai valenti tecnici che ti sapranno spiegare meglio.  ;)
come volevasi dimostrare...  =((  

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
saogiova
Controreazione di corrente in un circuito ne:
- diminuisce l'impedenza d'ingresso 
- aumenta impedenza d'uscita
- aumenta la banda passante

Controreazione di tensione in un circuito ne:
- aumenta l'impedenza d'ingresso 
- diminuisce impedenza d'uscita
- aumenta la banda passante
- riduce la distorsione non lineare
- diminuisce la sensibilità alle variazioni di temperatura
- aumenta la stabilità del guadagno, rendendolo meno sensibile alle caratteristiche dei componenti attivi e della tensione di alimentazione

Gli effetti dal punto di vista "audiofilo", punch e tutte queste cose qua non dipendono principalmente dal tipo di controreazione (corrente o tensione) ma dalle reti di compensazione del circuito di controreazione.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
PIEP

Grazie, quindi la Cr in corrente, di per sè, non sembra avere tutti questi vantaggi...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
saro

gli "espertoni" come vedi ci sono. Sonnecchiano se non sono stimolati da interventi quasi supponenti come il tuo. Un po di umiltà non guasta visto che non si può mai sapere. E la cosa la rivolgo anche a me stesso quando credo che quasi sicuramente non avrò risposta. Hai per caso postato la stessa domanda altrove?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
PIEP

Altri contributi ancora + costruttivi ? Dato che i vantaggi della Cr in tensione sembrano + numerosi, come mai alcuni costruttori scelgono la Cr in corrente e se ne vantano?     

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

  • Statistiche forum

    282.570
    Discussioni Totali
    5.884.427
    Messaggi Totali

Facebook

About Melius Club

Melius Club: la nuova casa di Videohifi.com
Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con sede legale e operativa nell’Incubatore certificato Campania NewSteel in Napoli via Coroglio 57/d e codice fiscale 07710391215.

Powered by K-Tribes.

Follow us

×