Jump to content

Fozgometer


Scolaro87
 Share

Recommended Posts

  • Moderators
BEST-GROOVE
Il 15/6/2021 at 22:22, Scolaro87 ha scritto:

Qualcuno ce l'ha?

 

accessori di quel genere che si usano raramente vanno presi in comproprietà con più amici per spalmare le spese.

Link to comment
Share on other sites

Sarebbe cosa buona, ma dove vivo di audiophili non ne conosco.

Si potrebbe organizzare un acquisto in comune su questo forum.

Tanto ormai le spedizioni costano pochissimo, con 5 o 6 Euro ti arriva il giorno dopo.

Link to comment
Share on other sites

  • 11 months later...
antonio_caponetto

Del Fozgometer si è già parlato spesso nel forum. Utilizzo questo topic, che era specificamente dedicato a lui fin dal titolo, per raccontare le mie esperienze di uso per chiunque fosse interessato. 

 

Diciamo anzitutto che non è un prodotto nuovo ma sul mercato dal 2010. In Italia lo distribuiva (e credo lo distribuisca) Audio Graffiti. A un certo punto avevano smesso di produrlo ed era diventato introvabile. All'inizio di quest'anno però lo hanno rimesso sul mercato (si vede proprio che la passione per il vinile è in ascesa!) nella versione V2.

 

La prima versione era stata recensita anche da Fremer su Analogplanet, che si era però lamentato dell'affidabilità, salvo poi scoprire che l'apparecchio andava calibrato (sulla calibrazione tornerò più avanti, descrivendovi la prova d'uso). La versione V2 dovrebbe essere migliorata in sensibilità e accuratezza, ma credo che la novità più oggettiva inserita è la possibilità di una alimentazione da rete, oltre che con batteria. L'arrivo sul mercato della versione V2 ho visto che ha subito determinato una impennata nella vendita di prodotti usati, su Audiogon. 

 

La nuova versione è in vendita, senza spese all'interno della UE, per 449 euro. Io l'ho comperato usato, per poco più di 200, in America. Poi ho risparmiato su dazi e IVA facendolo spedire a un parente in USA, presso il quale me lo sono andato a riprendere in occasione di un viaggio. 

image.thumb.png.6d85218ca2704f3d11153cee2211bcfd.png

 

L'apparecchio secondo me è sostanzialmente un oscilloscopio, ma con una interfaccia che lo rende facile da usare per chi non ha dimestichezza con certe misure. 

Anzitutto va calibrato: vanno scaricati dal sito della Musical Surrounding 3 tracce test. Le tracce possono essere copiate su un Cd: a questo punto basterà collegare le uscite RCA del cd player sul fozgometer e riprodurre le tre tracce. Siccome le tracce sono in formato .mp3 o .wav si può usare anche un pc, un laptop, un ipod. Così ho fatto io, collegando con un cavetto Jack/RCA il laptop al Fozgometer. A quel punto usi la prima traccia per controllare che l'ago sia sullo zero e che si accenda solo la spia centrale. Con la seconda e la terza traccia la taratura vuole che l'ago si posizioni su 20 e si accendano rispettivamente solo le spie destra e sinistra. Per regolare l'ago ci sono due piccolissimi trimmer all'interno. 

Suggerimento: usando il laptop non riuscivo affatto a fare la calibrazione, per quanto ruotassi il trimmer. Poi ho provato on un Ipad che ha evidentemente un circuito di uscita più equilibrato e regolare e la taratura è stata finalmente possibile. 

Consiglio: usate una batteria nuova, è molto sensibile se la batteria è già un po' giù.

 

Una volta calibrato, si collegano ai due ingressi sul Fozgometer i cavi di uscita del giradischi e si suonano sul piatto le tracce del disco test. Ho usato le prime 3 del disco test della Analogue Production. Nel manuale si spiega che si può usare anche una traccia del più diffuso  Hifi News di The Cartridge Man. 

La prima traccia (mono) serve a capire se il bilanciamento è ok: spia centrale accesa e ago più vicino possibile allo zero. 

Con la seconda e terza traccia l'azimuth è ok se si accendono rispettivamente le spie destra e sinistra e se l'ago si posiziona sulla scala in modo il più possibile identico, non importa a quale livello.  

Spero di essermi spiegato chiaramente, ma questo video tratto da You tube è ancora più chiaro.

 

 

Alla prova, con mia grande sorpresa, l'azimut della mia testina risulta quasi perfetto, con uno scostamento di solo una unità della scala, quindi ampiamente entro la tolleranza ottimale. 

Dico con sorpresa, perchè ho montato la Shelter 501 sul braccio The Wand (unipivot) utilizzando lo specchietto e il classico blocchetto di plastica trasparente a righe parallele. Pensavo quindi di dover rifare la regolazione e invece...

Lo dico per incoraggiare chi fa le tarature ad occhio: che un apparecchio ti dia conferma fa sentire meglio, ma l'occhio dell'appassionato non è da buttare.....😉

 

Spero che la mia prova su strada sia utile ai forumers. E' un giochino, e penso che una seria misurazione con un oscilloscopio sia comunque più accurata. Considerato quanto costa un oscilloscopio, che si tratta di misurazioni che fai tendenzialmente una sola volta per anni, e che il vecchio specchietto a quanto pare non è così fallimentare, già 200 euro sono un capriccio.

Adesso che lo so...450 per la nuova versione non li spenderei. Se si fa un gruppo d'acquisto invece la convenienza potrebbe cambiare.  Se fossi un installatore professionale me lo comprerei perché comunque dai una idea di scientificità in quel che fai al cliente (a ammortizzi su di lui il costo). 😀

Link to comment
Share on other sites

antonio_caponetto

Effettivamente se a me sembrano troppi 400 euro per il Fozgometer….

questo Clearaudio è sicuramente più complesso e probabilmente più preciso però ….anche in un impianto di altissimo livello mi pare eccessivo.

Link to comment
Share on other sites

  • Administrators
cactus_atomo

aspetto che ne esca un clone cinese, nel frattempo vado di occhio, specchietto, dime varie e disco test

Link to comment
Share on other sites

SpiritoBono

Il fozgometer serve a minimizzare il crosstalking presente nell'ascolto.

A mio parere la regolazione dell'azimuth è molto importante soprattutto in impianti di un certo livello e con testine con cantilever "particolari".

Nel 90% dei casi basta lo specchietto per ottenere un crosstalking soddisfacente.

Nelle altre situazioni può accadere che la testina voglia una leggerissima e impercettibile inclinazione da un lato o dall'altro per essere perfettamente a punto.

Lo dico perché ho visto questa cosa un tot di volte.

 

Link to comment
Share on other sites

mi e stato consigliato il clearadunio per avere il cantilever e la puntina il piu perpendicolare possibile in modo di avere il tracciamento destro e sinistro uniforme  per evitare al minimo l'usura della puntina e del vinile       

 

Link to comment
Share on other sites

SpiritoBono

@Gianni non è una cosa in funzione dell'altra....il fozgometer o meglio l'oscilloscopio se si sa usare non serve per mettere dritta la puntina, serve per minimizzare il crosstalking 

Link to comment
Share on other sites

antonio_caponetto

Ma nella maggior parte dei casi un corretto azimuth non è condizione necessaria per minimizzare il crosstalking?

Link to comment
Share on other sites

SpiritoBono

@antonio_caponetto esattamente, la testina perfettamente orizzontale rispetto al piatto non significa necessariamente crosstalking minore.

Dipende dalle tolleranze del cantilever, dal diamante, dalle bobine...

In un mondo perfetto dovrebbe essere cosi, ma sovente la testina va' leggermente impercettibilmente inclinata da una parte o da un altra.

Link to comment
Share on other sites

SpiritoBono

@Gianni lo strumento più indicato?

L'oscilloscopio.

 

 

Gli altri sono semplicemente delle semplificazioni più o meno efficaci, comunque va benissimo in qualsiasi modo si fa' è giusto minimizzare il crosstalking per quanto possibile.

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share



×
×
  • Create New...