Vai al contenuto

ginobaiano1967

il compact disc si usura?

Messaggi raccomandati

ginobaiano1967

ho un amico che ha più di cinquemila cd,lui sostiene che l'uso di lettori non adeguati tipo autoradio o lettori portatili danneggia il supporto.Sarà vero? io non credo i miei li ho usati con qualsiasi apparecchio e non ho mai notato cambiamenti di sorta.Ho fatto questa domanda perchè avendo trovato un negozio che vende anche cd usati,volevo sapere se posso andare tranquillo,saluti.

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite

Solo se adoperi i cd come sottopiatti si usurano.

 

Tranquillo, ho cd che han piu' di venti anni, sono perfetti.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
omaha

Beh diciamo che non sono indistruttibili...se li usi ad esempio con l`autoradio su strade sterrate e li lasci in auto d´estate magari si rovinano...

 

Comunque anche l´eta´ puo` contribuire a rovinare il supporto, dalla mia esperienza per i CD usati se esteticamente non presentano rigature o altro (tipo sfaldature) non dovrebbero esserci problemi, ma una rippata di sicurezza gliela darei comunque

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
AlfonsoD

Io 4-5 li ho persi per... vecchiaia.

Si sono deteriorati a partire dalla parte esterna fino a diventare completamente illeggibili.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
meridian
ho un amico che ha più di cinquemila cd,lui sostiene che l'uso di lettori non adeguati tipo autoradio o lettori portatili danneggia il supporto.Sarà vero? io non credo i miei li ho usati con qualsiasi apparecchio e non ho mai notato cambiamenti di sorta.Ho fatto questa domanda perchè avendo trovato un negozio che vende anche cd usati,volevo sapere se posso andare tranquillo,saluti.

Ciao , il tuo amico ha ragione, i cd , se utilizzati in modo , diciamo , poco attento , possono essere sottoposti a sfregamenti, impronte, strisciate, in pratica la superficie di lettura non è più perfettamente integra e si segna ,  in modo che il lettore cd può dover fare più correzioni per leggere il contenuto. Questo succede abbastanza di frequente se non li si maneggia con la dovuta attenzione, se si utilizzano in lettori che "inghiottono" il cd e possono sfregare le superfici, anche a causa di povere, granuli di sporcizia e altro. Fai una prova, confronta, guardando in controluce , sia con luce artificiale che con quella naturale, due cd, uno intonso, nuovo , e uno "vissuto" , che ha subito manipolazioni e un trattamento poco attento , vedrai che le differenze sono eclatanti , il primo avrà una superficie perfettamente omogenea, il secondo potrà presentare una quantità di micrograffi che non sono un toccasana, soprattutto se lo darai in ascolto ad un lettore cd di qualità . . . . .

La questione del tempo è relativa, ho cd di oltre 30 anni, nessuno presenta segni , basta maneggiarli con cura , usarli solo in casa, non toccare la superficie inferiore . . . Nessuno ha problemi di lettura, ormai ho più di 4000 pezzi, non ho ancora trovato un cd, ben tenuto , che risulti non leggibile o che dia problemi con i lettori cd che ho in casa . . . .

saluti , Dario  

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
giannisegala

Il lettore cd si usura , un  cd potresti ascoltarlo sino a colare cento lettori cd  e non farebbe una piega .Poi come dice Omaha , cìè modo e modo di conservarli .

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
cactus_atomo

come fa un raggio laser a rovinare il supporto? mi pare il trasferire al digitale le problematiche dell'analogico, un vinile so rovina in una fonovaligia, perchè c'è contatto fisico tra supporto e lettore, nel cd questo non avviene. I cd si possono rovinare se esposti a temperatire eccessive, o se maneggiati in mdo improprio 8(graffi, rigatur, impronte digitali, ecc ecc)

Un fenomeno a parte è il danneggiamento di alcuni cd dovuto all'uso di materiali inidonei (ma s9no mali di gioventù, problematiche superate adesso)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
paoloriccia

Sono anni e anni che compro cd usati. Una sola volta me ne è capitato uno che salta e, ad un esame visivo, non era manco messo male.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
paulhardcastle
come fa un raggio laser a rovinare il supporto? mi pare il trasferire al digitale le problematiche dell'analogico, un vinile so rovina in una fonovaligia, perchè c'è contatto fisico tra supporto e lettore, nel cd questo non avviene. I cd si possono rovinare se esposti a temperatire eccessive, o se maneggiati in mdo improprio 8(graffi, rigatur, impronte digitali, ecc ecc)
Un fenomeno a parte è il danneggiamento di alcuni cd dovuto all'uso di materiali inidonei (ma s9no mali di gioventù, problematiche superate adesso)

 

Si infatti...posseggo molti cd,alcuni hanno anche 26 anni eppure sono ancora li che suonano alla grande... ;)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
magoturi

-Se ben tenuti non si rovinano ma qualche caso si puo' verificare, a me si e' rovinato "paesaggi sonori2" tenuto in modo assolutamente maniacale.....poi se parliamo dei masterizzati diciamo che quelli vecchi andavano benissimo mentre i nuovi supporti costano poco ma fanno semplicemente schifo.....

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
bergat
ho un amico che ha più di cinquemila cd,lui sostiene che l'uso di lettori non adeguati tipo autoradio o lettori portatili danneggia il supporto.Sarà vero? io non credo i miei li ho usati con qualsiasi apparecchio e non ho mai notato cambiamenti di sorta.Ho fatto questa domanda perchè avendo trovato un negozio che vende anche cd usati,volevo sapere se posso andare tranquillo,saluti.

Messi e tolti in un autoradio si graffiano, certamente e al limite potrebbero presentarsi errori di lettura che rendono inservibile il CD, specialmente se CD-R e CD-RW, più delicati che quelli di normale stampaggio.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
il picchio

Per la mia esperienza con migliaia di cd : non è la macchina ma l'uomo a rovinare i cd

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
smile
Per la mia esperienza con migliaia di cd : non è la macchina ma l'uomo a rovinare i cd
Esatto.

Ma qualche vecchia macchina che fermava i CD prima dell'espulsione facendoli atterrare ancora in rotazione sui supportini li rigava in maniera definitiva.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
giangi68
Per la mia esperienza con migliaia di cd : non è la macchina ma l'uomo a rovinare i cd

I cd che si rovinano sono quelli fatti male. Chi non ricorda la vicenda dei cd optimes che diventavano scuri? In un solo altro caso un problema di metallizzazione ha reso illeggibile in poco tempo un cd originale di Madonna. Ma tolti questi direi che i cd anche dopo trent'anni sono ok.

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
smile

La durata è la regola, il difetto è l'eccezione.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
BLACKCIRCLE
Solo se adoperi i cd come sottopiatti si usurano.

 

Tranquillo, ho cd che han piu' di venti anni, sono perfetti.

StraquotOne.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
AlfonsoD
come fa un raggio laser a rovinare il supporto? mi pare il trasferire al digitale le problematiche dell'analogico, un vinile so rovina in una fonovaligia, perchè c'è contatto fisico tra supporto e lettore, nel cd questo non avviene. I cd si possono rovinare se esposti a temperatire eccessive, o se maneggiati in mdo improprio 8(graffi, rigatur, impronte digitali, ecc ecc)
Un fenomeno a parte è il danneggiamento di alcuni cd dovuto all'uso di materiali inidonei (ma s9no mali di gioventù, problematiche superate adesso)
Si, d'accordo con i mali di gioventù, ma il supporto fisico è fatto di materiale plastico (policarbonato o un suo parente stretto), che INVECCHIA, come tutte le materie plastiche, e la spia di questo effetto, cioè quello che manifesta esteticamente, è l'ingiallimento dovuto all'esposizione alla luce.

Ergo: ingiallimento = diminuzione della trasparenza = aumento della difficoltà di lettura del laser.

Ovvio, tutto questo è marginale, prima che cominci a manifestarsi il difetto deve passare moltissimo tempo, visto il breve periodo di esposizione alla luce del dischetto, ma piano piano...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
ceccus

Salve,

Posseggo alcuni CD che sono rovinati perchè l' etichetta del CD stesso si è rovinata ed ha corrotto lo strato sottostante.

Al di fuori di questi casi , penso che il supporto in sè stesso, se opportunamente conservato, sia estremamente duraturo.

 

Ciao !!

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
siebrand

Mi associo e mi ritrovo nei commenti positivi verso i CD.

Non si deteriorano se non trattati male....

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Giuseppe Marini

Nella mia raccolta  di circa tremila CD (senza contare i masterizzati) diverse decine di quelli prodotti e commercializzati da Nuova Era e AS Disc (case discografiche minori oggi scomparse che hanno "piratato" negli anni Novanta registrazioni storiche soprattutto del grande pianista Sviatoslav Richter) sono diventati illeggibili, anche se conservati in condizioni ottimali e riprodotti sempre con apparecchi di pregio. Niente rigature o altri segni visibili di usura. Credo si tratti della produzione Optimes citata poco sopra e che a suo tempo ha fatto discutere sulle riviste specializzate. Ricordo che all'epoca mentre alcune case inglesi che avevano prodotto dischi con problemi analoghi li avevano sostituiti ai loro clienti, per le case italiane sopra citate non c'era stato verso di ottenere copie sostitutive. Io a suo tempo, circa dieci anni fa, prudentemente, avevo copiato in Cdr quasi tutti i CD incriminati ancora leggibili pensando di avere risolto così il problema. Qualche mese fa mi è venuto però in mente di verificarli. Quasi tutti gli originali che allora erano ancora buoni  erano divenuti nel frattempo illeggibili e, quel che  è peggio, si era guastato anche qualcuno dei cdr masterizzati come copie "di sicurezza" . A questo punto mi sono messo all'opera con il registratore Dat e ho copiato di nuovo tutti i superstiti su nastrini DDS1, garantiti per trenta anni di conservazione dei dati. Sulla durata dei CD e sul loro deterioramento non mi pronuncio ma non sono ottimista. A loro confronto, in ogni modo, i vinili mi paiono immortali....

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
bergat

Ho migliaia di cd molti dal 1982 quindi con 34 anni alle spalle....tutti perfetti.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
cactus_atomo

@alfonsoD se fosse la luce o il decroso del tempo a roivinare i cd, questo avverrbbe comunque, indipententemente dal fatto che vngano letti da un player portatoile, da una autoradio o da un cdp da casa,.. Ovvio che mettere e toglier eun cdp aumenta il ischio di rigare i supporto, ma non è l'aitordio la causa, bencsì la fretta nel compiere l'operziome

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
madlifox

Comunque il passare del tempo qualche offesa la lascia. Le tracce dalla 6 in poi del mio CD di Mannoia "I treni a Vapore" sono diventate illeggibili da tutti i lettori che ho, compreso quello del computer che è un lettore/masterizzatore per BD. Sono le tracce più esterne che non vengono lette. Apparentemente il Cd è perfetto, non ci sono graffi, non ci sono cambiamenti di colore, la vernice delle etichette è integra,... Boh!

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
giangi68
@alfonsoD se fosse la luce o il decroso del jtempo a roivinare i cd, questo avverrbbe comunque, indipententemente dal fatto che vngano letti da un player portatoile, da una autoradio o da un cdp da casa,.. Ovvio che mettere e toglier eun cdp aumenta il ischio di rigare i supporto, ma non è l'aitordio la causa, bencsì la fretta nel compiere l'operziome

Il cambio di colore di per se non è un problema. Ci sono dei masterizzabili blu che funzionano perfettamente. Il problema è l'opacità se impedisce il passaggio della luce e i graffi profondi che la deviano . Se il cd é ben fatto e ben tenuto da' pochi o nessun problema.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
sureela

Molto dipende dal supporto di incisione. I cd originali(almeno la stragrande maggioranza) vengono incisi su' di un foglio metallico(alluminio mi pare,ma potrei sbagliare). I cdr/rw utilizzano uno strato di materiale organico,che col tempo(in particolare se esposti alla luce del sole o ad umidita') si deteriora abbastanza rapidamente (una decina d'anni)

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Supertramp
Comunque il passare del tempo qualche offesa la lascia. Le tracce dalla 6 in poi del mio CD di Mannoia "I treni a Vapore" sono diventate illeggibili da tutti i lettori che ho, compreso quello del computer che è un lettore/masterizzatore per BD. Sono le tracce più esterne che non vengono lette. Apparentemente il Cd è perfetto, non ci sono graffi, non ci sono cambiamenti di colore, la vernice delle etichette è integra,... Boh!

Non è il cd, è il player che si rifiuta di suonare la Mannoia..... :-P

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite

Sono in attesa della sostituzione di un cd acquistato nuovo su EBAY da un grosso rivenditore tedesco.

Trattasi del doppio di Brahms consigliato proprio si VHF.

All'interno del primo cd non si legge la traccia 4 il secondo proprio il mio lettore non lo vede (cec tl1x)

Comunque in questi anni ogni tanto ne butto via qualcuno dei più vecchi xche con il passare degli anni non vengono letti.I CD non sono eterni e se anche custoditi in modo ottimale con il trascorrere degli anni possono trasformarsi in semplici frisbee :-w

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
omaha

peccato comunque dover buttare i CD....ma non riesci a ripparli, almeno i piu' vecchi?

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
giannisegala
Sono in attesa della sostituzione di un cd acquistato nuovo su EBAY da un grosso rivenditore tedesco.Trattasi del doppio di Brahms consigliato proprio si VHF.All'interno del primo cd non si legge la traccia 4 il secondo proprio il mio lettore non lo vede (cec tl1x)Comunque in questi anni ogni tanto ne butto via qualcuno dei più vecchi xche con il passare degli anni non vengono letti.I CD non sono eterni e se anche custoditi in modo ottimale con il trascorrere degli anni possono trasformarsi in semplici frisbee :-w

Nulla è eterno ma da quì a dire che i cd se ben conservati si rovinano , a parte qualche eccezzione , ce ne vuole . Vivi in pace e goditi i tuoi cd che ci penseranno i tuoi figli o i tuoi nipoti a buttare tutto  , ben che vada in cantina .Ciao , buona musica .

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
bergat

Probabile che Nedoo abbia problemi col suo lettore e non con i cd che cestina

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

  • Statistiche forum

    286.957
    Discussioni Totali
    6.054.209
    Messaggi Totali

Facebook

About Melius Club

Melius Club: la nuova casa di Videohifi.com
Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con sede legale e operativa nell’Incubatore certificato Campania NewSteel in Napoli via Coroglio 57/d e codice fiscale 07710391215.

Powered by K-Tribes.

Follow us

×

Informazione Importante

Privacy Policy