Vai al contenuto

Roberto M

I giudici vietano la benedizione Pasquale

Messaggi raccomandati

max56

............sette genitori e 11 insegnanti .........

ma questi non i ga un c@@o da fare e non i ga altri pensieri ???

come dicono in Australia e/o in Canada :
qua la xe cusì , se te comoda ben, se no te pui andar fora dale ba@@e !

a dire il vero in Australia e Canada non lo dicono in dialetto veneto...ma ci stava bene 
:)) :)) :)) :)) :))

è meglio ridere perché la vedo triste....ma mooooolto triste !

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite
Concordo, e anche il maiale in mensa, se non si puo' si mangia altro.


Non toccarmi il porco senno' ti scanno!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Martin
come si diceva nell'ottoceto, libera chiesa in libero stato,. Chi vuola andare a messa lo faccia privatamente, o si organizzi in gruppo, senza coinvolgere le istiruzioni, le funzioni religiosi non sono attività scolatica o parascolastica.

E' da troppo tempo che i cattolici impongono agli atri le lo regoile, è ora di finirla.

=D>

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
cinemascope
.............

Cavour e la Chiesa
Camillo Benso conte di Cavour, probabilmente l’uomo politico italiano più fine e profondo che l’Italia abbia visto in tempi moderni, capì questo orientamento; e comprese anche l’importanza di un ruolo e di un valore universale di Roma, e del papato. Anche per questo cercò in ogni modo, con stupore dei massoni e dei radicali, di acquisire il consenso del Papa all’idea di Roma italiana e capitale. E questa posizione “morbida” appare in evidente contrasto con la politica seguita da Cavour nel 1855, quando emanò in Piemonte la legge Rattazzi. Il testo prevedeva l’esproprio totale dei beni degli enti ecclesiastici contemplativi, e il passaggio all’amministrazione dello Stato. Grazie a questo esproprio fu possibile il risanamento delle finanze sabaude, messe in crisi dalle forti spese sostenute per ferrovie, canali e altre opere pubbliche.

I cattolici e il Risorgimento
A dispetto dell’opposizione politica di Pio IX, il contributo cattolico all’unità è stato grande. Anche nella terminologia: Risorgimento equivale a Resurrezione, la parola che per i cristiani ha forse il valore intrinseco più forte e centrale. Non c’è dubbio comunque che al di là degli scontri che ci sono stati, e della formazione certamente anti-clericale dei maggiori protagonisti del processo (fra cui Mazzini e Garibaldi) il ruolo cattolico sia stato notevole. Ed è continuato, in forme diverse in questo secolo e mezzo dopo la presa di Porta Pia, avvenuta il 20 settembre 1870.

Questione Romana
L’Italia unita ha ereditato dallo Statuto di Carlo Alberto la definizione della religione cattolica come sola religione di Stato. Ma la conquista con la forza dello Stato pontificio, e la volontaria clausura del Papa entro le mura leonine posero la cosiddetta “Questione Romana”, e cioè come trovare un modus vivendi fra Stato e Chiesa. Le “leggi delle Guarentigie”, emanate dal neo-stato garantivano al Pontefice alcune prerogative. Ma Pio IX visse la conquista sabauda come una violenza alla Chiesa stessa, e vietò ai cattolici di partecipare alla vita politica del nuovo Stato, “usurpatore” con una bolla, il “Non expedit”, che restò in vigore fino agli inizi del ‘900.

............

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
cinemascope

paradox...

(This was sometime a paradox, but now the time gives it proof)... play Hamlet 

NON esiste uno straccio di nazione-stato-popolo...

SENZA una "tradizione-religione"..ed una "storia" condivisa...PERCHE' ...evidente/fondante...

il resto è silenzio...( e/o delirio...)

(The rest is silence", the last words of Prince Hamlet in Shakespeare's play Hamlet)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
GianGastone
Concordo, e anche il maiale in mensa, se non si puo' si mangia altro.

Non toccarmi il porco senno' ti scanno!

Sia mai!

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
cinemascope
obama3.jpg

IL GIURAMENTO DEL PRESIDENTE D'AMERICA

Una cerimonia laica, ma al cospetto di Dio. Frattura netta con la cultura, la politica e la religiosità di Bush 

 La cerimonia di giuramento di Barack Obama si è svolta all’indomani del Martin Luther King Day, nel quale milioni di afro americani hanno ricordato quel lungo “cammino nel deserto” che li ha portati dalla schiavitù all’entusiasmo per l’elezione del primo presidente nero nella storia degli Stati Uniti. La cerimonia di giuramento svoltasi sui gradini di marmo bianco sul Capitol Hill questa volta ha quindi un significato eccezionale e rappresenta una frattura netta con la cultura, la politica e la religiosità di George W. Bush. 
Più che gli inni patriottici come “God Bless America” - l’inno che celebra le particolari benedizioni di Dio sul popolo americano - la colonna sonora di questi giorni è un canto popolare di Woody Guthrie: “Questa terra è la mia terra, questa terra è la tua terra”. È stato questo altro canto americano, proprio di quell’America popolare, inclusiva, accogliente nei confronti degli immigrati e delle minoranze, a chiudere l’eccezionale concerto svoltosi al Lincoln Memorial a due giorni dal giuramento. 
Quando Barack Obama ha giurato sulla Bibbia di Abramo Lincoln, questa America - spesso minoritaria e comunque da tempo ai margini dell’establishment politico di Washington - ha sentito l’eccezionalità di questo momento storico e la responsabilità che ne deriva. Per il presidente, certo, ma anche per quei milioni di americani ai quali egli si è rivolto, per chiederne il sostegno, l’aiuto e la preghiera. 
La cerimonia di giuramento e tutti i momenti ad essa collegati sono tipiche espressioni della religione civile americana, celebrano cioè la storia, le tradizioni e il destino di un popolo che ritrova le sue profonde ragioni di unità a fronte della straordinaria diversità di etnie, culture, religioni e visioni del mondo che convivono sotto la bandiera a stelle e strisce. Nel concetto di religione civile, ben diversamente da quel che se ne pensa in Italia, l’accento è sull’aggettivo qualificativo e non sul sostantivo. 

Certo, nei giorni delle celebrazioni dell’inizio del nuovo mandato presidenziale, il nome di Dio è risuonato molte volte: nelle cerimonie religiose a cui Barack Obama ha partecipato, nelle preghiere di pastori, preti, rabbini, imam e ministri di ogni culto che si sono levate per lui, nelle stesse parole di Barack Obama. Ma non è una contraddizione. Questa cerimonia, e le altre che l’hanno preceduta, avevano il carattere laico di celebrare un patto civile contratto tra uomini e donne liberi che confidano che l’amministrazione Obama possa svolgere un ruolo positivo per il paese e per la comunità internazionale. Il grande paradosso, tipicamente americano, è che questa laicità della religione civile si fonde naturalmente con uno spirito di sottomissione a Dio da una parte, e con un’attenzione al pluralismo e all’inclusione di tutte le religioni e le visioni del mondo dall’altra. Il nuovo presidente americano, da credente confessante, da protestante, mostra di voler essere garante della libertà di tutti di poter esprimere la propria fede e la propria visone del mondo. Non è una contraddizione. È il frutto di quel separatismo tra lo stato e le confessioni religiose che ha fatto degli Stati Uniti un paese unico nel suo pluralismo culturale e religioso 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
cinemascope
800px-Lincoln_inaugural_bible_2.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
cinemascope
gty_obama_lincoln_bible_dm_130110_wblog.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
cinemascope
Barack Obama is sworn in as president

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
cinemascope

in... itaglia...neanche...preti-vescovi-cardinali..ecc.

+ o -....

 ....absit iniuria verbis.... 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
cinemascope

abominio della desolazione...

tocca....AMMIRARE....un negro-ateo-mussulmano...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
cinemascope
moneta da un cent di dollaro 2009

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
cinemascope

<img src='http://www.webalice.it/giorgiozappaterra/monete/Usa1dollaro.jpg' alt='Usa1dollaro.jpg'>

....c'e' scritto....."IN GOD WE TRUST".....

....chiamali...SCEMI....

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
melos62
L'ingerenza della chiesa cattolica nelle scuole è pari a quella mussulmana in tutte le loro istituzioni.

Ma stiamo scherzando ?

Vediamo di discutere in termini di proporzioni realistiche, e non confondere una scorreggia col fall-out nucleare.
Se l'ingerenza della chiesa cattolica fosse pari a quella dell'islam, a quest'ora avresti già davanti a te un tizio armato di scimitarra pronto a tagliarti la testa. E probabilmente sarei messo male anch'io.

Non lo e' solo perche' fortunatamente ci siamo liberati dal gioco papalino.Ringraziate Camillo.

si anche per le tasse, passate dal 10% al 63%...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Panurge

Più Sella che Camillo per quello, praticamente un parente, vado a citofonare ai pronipoti se vuoi, San Gaudenzio è a un tiro di schioppo, anzi due sellini ogni tanto compaiono a casa mia, glielo dico.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Martin
Più Sella che Camillo per quello, praticamente un parente, vado a citofonare ai pronipoti se vuoi, San Gaudenzio è a un tiro di schioppo, anzi due sellini ogni tanto compaiono a casa mia, glielo dico.

 

Il fisco infiamma il sottoSella...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
MAXXI
............sette genitori e 11 insegnanti .........

ma questi non i ga un c@@o da fare e non i ga altri pensieri ???

come dicono in Australia e/o in Canada :
qua la xe cusì , se te comoda ben, se no te pui andar fora dale ba@@e !

a dire il vero in Australia e Canada non lo dicono in dialetto veneto...ma ci stava bene 
:)) :)) :)) :)) :))

è meglio ridere perché la vedo triste....ma mooooolto triste !

+1,2,3...... :D

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Fabio Cottatellucci

Mi raccontlò un carissimo amico prete che, che quando era parroco nel centro di Roma, si recò in un palazzo per la benedizione pasquale, e in un appartamento gli aprì un signore che gli disse:

"Revere', noi siamo ebrei, ma è un periodo talmente brutto che è mejo si entra e ce benedice pure lei".

Esempio di sincretismo e pacifica convivenza religiosa, o forse di superstizione popolare transconfessionale :-D.

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite

Mi raccontlò un carissimo amico prete che, che quando era parroco nel centro di Roma, si recò in un palazzo per la benedizione pasquale, e in un appartamento gli aprì un signore che gli disse:

"Revere', noi siamo ebrei, ma è un periodo talmente brutto che è mejo si entra e ce benedice pure lei".

Esempio di sincretismo e pacifica convivenza religiosa, o forse di superstizione popolare transconfessionale :-D.

 


Solo tentativo di fregare anche i cristiani, sai come e' i giuddei so' abbituati

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
MAXXI

Mi raccontlò un carissimo amico prete che, che quando era parroco nel centro di Roma, si recò in un palazzo per la benedizione pasquale, e in un appartamento gli aprì un signore che gli disse:

"Revere', noi siamo ebrei, ma è un periodo talmente brutto che è mejo si entra e ce benedice pure lei".

Esempio di sincretismo e pacifica convivenza religiosa, o forse di superstizione popolare transconfessionale :-D.

 


Ovviamente nessun obolo dopo per il disturbo...... :D

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Fabio Cottatellucci

Pensate che invece a me questo episodio è piaciuto tantissimo...

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

  • Statistiche forum

    282.360
    Discussioni Totali
    5.878.704
    Messaggi Totali

Facebook

About Melius Club

Melius Club: la nuova casa di Videohifi.com
Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con sede legale e operativa nell’Incubatore certificato Campania NewSteel in Napoli via Coroglio 57/d e codice fiscale 07710391215.

Powered by K-Tribes.

Follow us

×