Vai al contenuto
  • Annunci

    • K-Tribes Team

      Problemi di login?   31/12/2017

      Scrivici usando il tasto [Contatti] in alto sulla destra.
Roberto M

Scovati e uccisi gli assassini di Regeni

Messaggi raccomandati

Roberto M
Il governo egiziano non c'entra nulla, non c'entra nulla il regime né tantomeno al Sisi.
Ed ora qualcuno si dovrebbe vergognare, ed anche chiedere scusa.
Cè tanto di confessione e una montagna di prove materiali, patetici sono "i dubbi" sollevati da chi, a vario titolo, aveva sostenuto con forza la tesi (inverosimile sin dall'inizio) del coinvolgimento delle forze dell'ordine egiziane e che ora realizza di aver fatto una figura di merda.


Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Roberto M

La borsa rossa con la bandiera italiana

Il ministero dell’informazione egiziano ha dichiarato giovedì notte in un comunicato che La borsa rossa con la bandiera italiana

Il ministero dell'informazione egiziano ha dichiarato giovedì notte in un comunicato che "le cose di Regeni" sono state trovate nell'abitazione della sorella del capobanda del gruppo criminale, nel governatorato di Qalyubiyya, nel delta del Nilo, a nord del Cairo. Che siano davvero le cose di Regeni resta da appurare. La borsa è rossa, con la bandiera italiana stampata sopra: all'interno c'era un porta-documenti marrone contenente il passaporto di Giulio, il suo tesserino dell'Università Americana del Cairo e quello dell'Università di Cambridge, la sua carta di credito, e poi due telefonini. E ancora, nella borsa, ci sarebbe un portafoglio femminile con la parola "love" contenente cinquemila sterline egiziane, un orologio da donna e "un pezzetto di materiale marrone che sembra hashish". Le immagini dei documenti sono state pubblicate dal ministero dell'informazione su Internet. La moglie del capobanda, interrogata, avrebbe detto di essere al corrente delle attività criminali del marito e avrebbe dichiarato che quella borsa apparteneva a lui.

 

Il capobanda pregiudicato

Per tutta la giornata di giovedì, le autorità egiziane avevano evitato di confermare o smentire i legami tra la banda di New Cairo e la morte di Regeni. In un comunicato diffuso su Facebook in mattinata il ministero dell'Interno dichiarava che le forze speciali avevano individuato i criminali "specializzati nel travestirsi da agenti di polizia e di rapire e derubare gli stranieri" e, poiché avevano opposto resistenza, si era scatenata una sparatoria nella zona di New Cairo (non lontano dal luogo del ritrovamento del cadavere di Giulio). Ma in quel primo comunicato non si parlava per niente di Regeni, e il viceministro dell'Interno aveva affermato di non poter confermare né smentire un legame tra i due casi. Solo nella notte è emersa la notizia sul ritrovamento della borsa e sono state rese note le generalità dei componenti della banda: "Tarek Saad Abdel Fatah, 52 anni, il capo, descritto come un pericoloso pregiudicato colpevole di frode e altri crimini, sottoposto a 24 procedimenti e condannato a quattro anni di reclusione; suo figlio Saad Tarek Saad, 26 anni; Mustafa Bakr Awad, 60 anni, accusato in 20 procedimenti; Salah Ali Sayed, 40 anni, sotto accusa in 11 processi". Insieme a loro sarebbe stato ucciso un quinto uomo, sulla trentina, non identificato; e in loro possesso sarebbero stati rinvenuti armi e tesserini falsificati della polizia. 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
fausto11

beh , in tanti avevamo pensato a qualche porcheria politica , saputo il settore di cui si interessava Regeni

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
spersanti276

Stanno tentando di propinarci una montagna di cazzate.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
leicaclub

Potrebbe essere tutta una montatura, a meno che l'Italia possa chiedere l'estradizione dei presunti colpevoli per processarli e condannarli in Italia.

Ma non credo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
armanesh

Vorrei sbagliarmi, ma anche questa vicenda me puzza di depistaggio ordito dai servizi segreti egiziani

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
spersanti276
Potrebbe essere tutta una montatura, a meno che l'Italia possa chiedere l'estradizione dei presunti colpevoli per processarli e condannarli in Italia.
Ma non credo.

 

Hanno detto che sono tutti morti.... =))

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
gpb

sarebbe anche un facile modo per togliersi d'impaccio da parte del governo egiziano

ci vuole poco a far figurare una cosa del genere, per dei servizi segreti, e soprattutto in un paese come quello

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
fausto11
Vorrei sbagliarmi, ma anche questa vicenda me puzza di depistaggio ordito dai servizi segreti egiziani

+ 100

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
spersanti276

Esatto, ma i boccaloni abbondano... X_X

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
fausto11
Potrebbe essere tutta una montatura, a meno che l'Italia possa chiedere l'estradizione dei presunti colpevoli per processarli e condannarli in Italia.
Ma non credo.

 

Hanno detto che sono tutti morti.... =))

 

e certamente  :^o

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
ferrocsm

Roberto hanno  ragione brian e Mauro: tu non sei in grado di leggere neppure quello che posti.  A meno che tu e le autorità egiziane ci vogliate prendere per il culo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
GianGastone

Montatura piu' che certissima. Caso chiuso, ambo le parti daccordo.

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
fricogna

Esibire figure di merda come fossero medaglie.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Roberto M

La borsa coi documenti di Regeni e' stata trovata nella casa della sorella del rapitore, che è viva e ha confermato.

Parlere di "sicura montatura" e' complottismo della peggior specie, basato sul nulla, contro ogni evidenza.

E come dire che le torri gemelle le ha buttate giù il Mossad.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
keres

Te pareva che la sorella non confermava :-), RM non vive su saturno, su alfa centauri o forse più in là :-*

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Roberto M

Quali prove avete che si tratta di complotto ?

Se non ne avete state muti, altrimenti tutti sono legittimati a sparare cazzate, come dire che karazich e innocente, le foibe le hanno fatte i fascisti e le scie chimiche sono provocate dalle multinazionali amerkane per guadagnare più soldi.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
goodmax
Stanno tentando di propinarci una montagna di cazzate.

 

esattamente.

ingenuo chi ci crede, ma per fortuna i nostri servizi non ci credono.
gli egiziani fanno i furbi con le volpi.
il titolo andrebbe cambiato con 
NON scovati gli assassini di Regeni..

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Esprit

"Il comunicato con cui a notte fonda il ministero dell’Interno egiziano afferma di aver individuato gli assassini di Giulio Regeni è qualcosa che non somiglia neppure vagamente alla verità su quell’omicidio. Piuttosto, ha le stimmate inconfondibili di un’ultima infernale macchinazione. Non c’è un movente, non una ricostruzione del perché, come, quando, un’accolita di predoni avrebbe dovuto sequestrare uno studente universitario a scopo di estorsione. Ci sono soltanto, guarda caso, cinque cadaveri che non possono difendersi. E, come nel peggior canovaccio delle polizie di regime, le prove che li inchioderebbero (gli effetti personali di Giulio e i suoi documenti), ritrovate in casa di uno dei familiari della banda. Avevamo detto che una sola cosa sarebbe stata peggiore dell’occultamento della verità: una verità di comodo, inverificabile. Vogliamo credere che la Procura di Roma e il governo del Paese non vogliano legittimare quest'ultimo oltraggio alla memoria di questo ragazzo, alla richiesta di giustizia della sua famiglia, alla dignità del nostro paese."

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
leicaclub

Non prove, ma di sicuro un rapimento non prevede la tortura del rapito.

La borsa la polizia potrebbe averla consegnata alla sorella del "rapitore" col compito di recitare la parte, in cambio di cosa non sappiamo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Esprit

"La versione della banda di sequestratori non regge", per la Comi (Fi).

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
bluesman74

 

 

La borsa coi documenti di Regeni e' stata trovata nella casa della sorella del rapitore, che è viva e ha confermato.

Parlere di "sicura montatura" e' complottismo della peggior specie, basato sul nulla, contro ogni evidenza.

E come dire che le torri gemelle le ha buttate giù il Mossad.

 

Il Mossad è un servizio deviato, possibile anche che ci siano implicazioni con le torri gemelle...

Basta vedere di cosa sono capaci gli israeliani pur di depredare territori che non gli appartengono

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
goodmax
Non prove, ma di sicuro un rapimento non prevede la tortura del rapito.
La borsa la polizia potrebbe averla consegnata alla sorella del "rapitore" col compito di recitare la parte, in cambio di cosa non sappiamo.

:)>-

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Esprit
Potrebbe essere tutta una montatura, a meno che l'Italia possa chiedere l'estradizione dei presunti colpevoli per processarli e condannarli in Italia.
Ma non credo.
Ti sei perso il punto in cui si dice che li hanno già uccisi tutti "appena scovati".

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
goodmax
.... li hanno già uccisi tutti "appena scovati".

 

guarda caso...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Roberto M

Chi ha scritto quell'ammasso di cazzate diffamatorie Esprit ?

Spero non sia un politico al governo perché così sarebbe un imbecille che senza lo straccio di una prova e solo per farsi bello con i suoi elettori pregiudica i buoni rapporti con un paese amico alleato con la lotta al terrorismo islamista.

In altre parole: uno da cacciare a calci nel culo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Roberto M

 

La borsa coi documenti di Regeni e' stata trovata nella casa della sorella del rapitore, che è viva e ha confermato.

Parlere di "sicura montatura" e' complottismo della peggior specie, basato sul nulla, contro ogni evidenza.

E come dire che le torri gemelle le ha buttate giù il Mossad.

 

Il Mossad è un servizio deviato, possibile anche che ci siano implicazioni con le torri gemelle...

Basta vedere di cosa sono capaci gli israeliani pur di depredare territori che non gli appartengono

 

ahahahahaha, geniale.

Sono sempre più convinto che sei uno di noi.

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
keres

E' più credibile pinocchio, non scherziamo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Esprit

Piantala di trollare.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Roberto M
"La versione della banda di sequestratori non regge", per la Comi (Fi).

 

Una statista ! Come dire la Thatcher.

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

  • Statistiche forum

    281.618
    Discussioni Totali
    5.872.725
    Messaggi Totali

Facebook

About Melius Club

Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con sede legale e operativa nell’Incubatore certificato Campania NewSteel in Napoli via Coroglio 57/d e codice fiscale 07710391215.

Powered by K-Tribes.

Follow us

×