Vai al contenuto

Ospite markconrad

Cavo digitale Mit digital Reference

Messaggi raccomandati

Ospite

Buongiorno a tutti, ho ripreso dopo diversi anni a dedicarmi e soprattutto ad ascoltare il mio impianto anni 90: mi sono fatto prestare da un amico il cavo in questione che ho posseduto per diverso tempo in passato e che mi aveva notevolmente impressionato. In effetti sostituito ad un Van de hull tra il Teac vrds25 usato come meccanica e il Wadia x32 e' stato come togliere un lenzuolo davanti ai diffusori: sono venuti alla luce tanti particolari prima nascosti o comunque poco avvertibili e l'immagine è diventata molto più precisa e profonda. D'altra parte i difetti nelle incisioni specialmente di musica pop-rock con gli errori (spesso voluti) fatti durante il missaggio soprattutto in gamma medio alta sono stati evidenziati. Voi cosa ne pensate? Lo ritenete ancora attuale o il mercato offre di meglio?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
goldeye

lo lo uso da molti anni fra una meccanica Roksan e dac Wadia, prima col X32 adesso col 64.4,ci sarà pure di meglio,ma credo che sia più che "adeguato" alla classe degli apparecchi collegati. ;)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite

Benissimo,grazie, anche a me sembra ottimo

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Nautilus65

mi avete incuriosito anche per il fatto che ho la possibilità' di provarlo in tutta calma, ma non so' se ne vale la pena: dovrei collegarlo tra un lettore di rete Cambridge Audio 851N ed il convertitore del lettore cd Accuphase DP500...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
goodmax

secondo me questo è eccellente

2ns97xl.jpg

e non lo dico perché 'ho fatto io...

;)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
MAXXI

bello anche il tovagliato...... :)

Max, che componentistica hai usato ?

 

Io comunque utilizzo il VDH Digicoupler più che adeguato e senza essermi svenato.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
goodmax

l'ho comprato a metri...  è un cavetto specifico 75 ohm, RG59.

i connettori RCA sono della Tasker (SP 52).
ho qualche cavetto anch'io (digitale) di aziende hifi.. ma non avverto differenze se cambio e li collego ai miei dac (ho due dac).
quello della foto l'ho fatto da me solo perché gli altri erano troppo lunghi (1,5 e 2m), questo è  82cm
quello che conta è un buon serraggio.. ed il cavo specifico a 75 ohm

p.s.: il tovagliato è in plastica, su un tavolo in resina che ho in giardino

ieri ho fatto pure qualche "tappo" rca chiusura x uscite digitali NON utilizzate (cdp, dvd, bluray..), con all'interno una resistenza da 75 ohm... per due amici..
io ed altri (nel mondo..) sosteniamo che migliora il suono, alcuni dicono invece che non serve a nulla.

2lcxkdk.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
MAXXI

Perfettamente d'accordo , i bit sono sempre uguali.......

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
goodmax
Perfettamente d'accordo , i bit sono sempre uguali.......

 

mah... i bit sì ma il jitter no...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
MAXXI

Chiudere gli ingressi non utilizzati fa sempre bene. Un tempo avevo un pre Yamaha C2a che li prevedeva per gli ingressi fono ( MM e MC ) se il gira non era presente. Disturbi zero ovviamente

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
goodmax

Ok, ma tu parli di ingressi analogici... io di uscita digitale :-?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
MAXXI
Ok, ma tu parli di ingressi analogici... io di uscita digitale :-?

 


 

Certo , l' avevo capito ma solo per dire che anche parecchi anni fa era sentito il problema della captazione dei disturbi radiolettrici dagli ingressi più sensibili. Forse per i digitali è una preoccupazione eccessiva , non so.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
goodmax

L'analogico captava dall'esterno (phono..),

A me entrava un radioamatore... dai cavetti phono..

:(

 

sull'uscita digitale non connessa ci sono altri problemi, così sembra.. ma vengono dall'interno dell'apparecchio stesso ;;)

 

Ma mi accorgo di essere ot

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite
mi avete incuriosito anche per il fatto che ho la possibilità' di provarlo in tutta calma, ma non so' se ne vale la pena: dovrei collegarlo tra un lettore di rete Cambridge Audio 851N ed il convertitore del lettore cd Accuphase DP500...

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite

Forse il dire che toglie un "velo" dai diffusori e' un po' esagerato: comunque ti posso assicurare che tante sfumature che prima sfuggivano adesso si percepiscono in maniera definitiva e la ricostruzione sonora è decisamente "scolpita" con la massima precisione. L'unica nota negativa che almeno nel mio sistema con diffusori Thiel 2.2, i difetti della registrazione vengono ancora più evidenziati....

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
MAXXI

Ma il VDH che hai citato prima era il Digicoupler ? Mi sembra strano questo "togliere il velo". Ho sia il Digicoupler che il suo gemello ottico Optocoupler e li considero di ottima qualità sotto tutti i punti di vista , sia di costruzione che di resa finale....

 

Cosa volere di più ? Un blasone più noto ? ;) . L'impedenza da 75 ohm è tassativa :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
goldeye

C'è sempre un piccolo margine di miglioramento....nemmeno il Mit e' il migliore....

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite

Me l'ha regalato un amico, stasera guardo e ti dico cosi mi dai il tuo parere, io non sono molto esperto di cavi, di sicuro

Ma il VDH che hai citato prima era il Digicoupler ? Mi sembra strano questo "togliere il velo". Ho sia il Digicoupler che il suo gemello ottico Optocoupler e li considero di ottima qualità sotto tutti i punti di vista , sia di costruzione che di resa finale....

 

Cosa volere di più ? Un blasone più noto ? ;) . L'impedenza da 75 ohm è tassativa :)

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite

Ma sono abbastanza allergico ai cavi blasonati anche perché i prezzi che girano sono spesso assurdi!! Il vdh me l'hanno regalato, questa sera vi posto il modello così mi date un parere... Di sicuro il suono è più morbido anche se meno preciso rispetto al Mit che comunque è un prodotto fuori catalogo che si trova nell'usato attorno ai 150 eurini

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite

Si in effetti è proprio il digi-coupler 75 ohm: comunque ottimo cavo, più morbido sul medio alto ma un po' meno "radiografante" sia sull'immagine che sul contenuto musicale rispetto al MIT che comunque è secondo me, di un livello superiore e che quindi evidenzia maggiormente quello che non va sia nella catena audio che nel software. Nel mio caso l'ambiente di ascolto decisamente "freddo" (nonostante il calorifero e il camino ߘꩠnon lo aiuta. Sarei curioso, se qualcuno di voi esperto di digitale, sa spiegarmi la funzione e l'effetto che può avere il solito "scatolotto" MIT sul segnale digitale: riesce a renderlo più lineare, quindi aiuta il convertitore a compiere meglio il suo lavoro rendendo più performante il segnale analogico che ha ricreato?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

  • Statistiche forum

    286.958
    Discussioni Totali
    6.054.258
    Messaggi Totali

Facebook

About Melius Club

Melius Club: la nuova casa di Videohifi.com
Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con sede legale e operativa nell’Incubatore certificato Campania NewSteel in Napoli via Coroglio 57/d e codice fiscale 07710391215.

Powered by K-Tribes.

Follow us

×

Informazione Importante

Privacy Policy