Jump to content
Melius Club

Nautilus65

Marantz SA-10 Top di gamma...

Recommended Posts

BasBass

Molto interessante la conversione "chipless", piuttosto rara in apparecchi di questo target. La macchina non utilizza alcun chip di conversione, ne commerciale ne custom. Tutti i segnali digitali, PCM e DSD, vengono convertiti/upsamplati in DSD a 11.2 MHZ e successivamente indirizzati ad un semplice filtro passa basso di elevata qualità per le poi giungere immediatamente allo stadio d'uscita analogico.

Brava Marantz che ha osato intraprendere una strada diversa e tecnicamente molto intelligente, da ascoltare appena possibile.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Mister66

Ma questo presunto gioiello Marantz?

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
meridian
Molto interessante la conversione "chipless", piuttosto rara in apparecchi di questo target. La macchina non utilizza alcun chip di conversione, ne commerciale ne custom. Tutti i segnali digitali, PCM e DSD, vengono convertiti/upsamplati in DSD a 11.2 MHZ e successivamente indirizzati ad un semplice filtro passa basso di elevata qualità per le poi giungere immediatamente allo stadio d'uscita analogico.

Brava Marantz che ha osato intraprendere una strada diversa e tecnicamente molto intelligente, da ascoltare appena possibile.

 


In questo senso hanno seguito l' impostazione di Playback design e Emm labs, che upsamplano al doppio del valore rate del SACD , mentre qui siamo addirittura al quadruplo. Rimane il fatto che non è solo il chip di conversione che fa suonare bene un lettore, dalla loro hanno comunque la buona scelta di una meccanica fatta in casa, ottima cosa, anche perché a breve le meccaniche SACD saranno in scomparsa sul mercato . . .

Saluti , Dario

Share this post


Link to post
Share on other sites
BasBass
In questo senso hanno seguito l' impostazione di Playback design e Emm labs, che upsamplano al doppio del valore rate del SACD , mentre qui siamo addirittura al quadruplo. Rimane il fatto che non è solo il chip di conversione che fa suonare bene un lettore, dalla loro hanno comunque la buona scelta di una meccanica fatta in casa, ottima cosa, anche perché a breve le meccaniche SACD saranno in scomparsa sul mercato . . . Saluti , Dario
Ciao Dario, ho un dubbio: Emm Labs e Playback Design, nei loro (eccezionali...) sistemi di conversione proprietari, pur lavorando sull'upsampling in DSD, se non erro utilizzano convertitori a discreti custom ma non si affidano ad un semplice filtro passa basso? O sbaglio?

Grazie

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
TetsuSan
Molto interessante la conversione "chipless", piuttosto rara in apparecchi di questo target. La macchina non utilizza alcun chip di conversione, ne commerciale ne custom. Tutti i segnali digitali, PCM e DSD, vengono convertiti/upsamplati in DSD a 11.2 MHZ e successivamente indirizzati ad un semplice filtro passa basso di elevata qualità per le poi giungere immediatamente allo stadio d'uscita analogico. Brava Marantz che ha osato intraprendere una strada diversa e tecnicamente molto intelligente, da ascoltare appena possibile.

In questo senso hanno seguito l' impostazione di Playback design e Emm labs, che upsamplano al doppio del valore rate del SACD , mentre qui siamo addirittura al quadruplo. Rimane il fatto che non è solo il chip di conversione che fa suonare bene un lettore, dalla loro hanno comunque la buona scelta di una meccanica fatta in casa, ottima cosa, anche perché a breve le meccaniche SACD saranno in scomparsa sul mercato . . . Saluti , Dario

Ciao Dario, potresti spiegare quanto affermi ? Sapevo che per la decodifica dei SACD occorre un hardware dedicato, ma il concetto di "meccanica SACD" in senso letterale mi sfugge. I lettori "universali" ( tipo Oppo, Sony; Pioneer) che leggono i sacd non mi sembra utilizzino meccaniche dedicate, ma universali (meccaniche Blue Ray, per esempio). Grazie per il chiarimento.

Tony

Share this post


Link to post
Share on other sites
Mister66

Penso intenda che le meccaniche che vediamo nei player di categoria superiore,vedi esoteric,Accuphase,yamaha etc...verranno sostituite con le meccaniche informatiche.

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
siebrand

le meccaniche SACD saranno in scomparsa sul mercato

a parte che non si mette MAI il rosso e il nero insieme.... cmq....
:D
forse si intende che i lettori CDP, in generale, si dice che scompariranno del tutto?!
beh, è anche per questo che voglio prendere un altro lettore, da AGGIUNGERE al mio attuale....
un buon CDP dura una decina di anni, con un po' di fortuna anche il doppio (il mio Marantz 17 suona ancora giornalmente a casa di mio figlio, penso sia arrivato a 15 anni di età....)  
meglio prendere un buon CDP extra, non si sa mai...
anzi.. trovassi pure un buon usato, magari lo prenderei in considerazione (per avere, poi, 4 lettori CD...)
Con i nostri amici che cercano di convincere tutto il mondo ad andare di Tidal, qui le cose si mettono male.....

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest
Ma questo presunto gioiello Marantz?
Dopo le presentazioni fatte pare se lo siano ripresi. Ah ovviamente l'impianto suonava da paura, una scena sonora immensa, timbri musicali ma dettagliati, dinamica eccellente mai strozzata o fastidiosa ecc...ma dire quanto dipendesse dal lettore Marantz SA-10 o dal resto (Octave + Canton Reference) è difficile, di certo c'è che non faceva collo di bottiglia.

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
ipoci

Beh, certo che vedere nel 2017 uscire le prime macchine DSD chipless la dice lunga su quanto il mercato sia stato preso per il didietro negli anni passati...

 

Chili di circuiti di conversione e decodifica sostanzialmente inutili, adottati solo per paura che qualcuno riuscisse a decodificare il flusso DSD nativo ...

 

Si sono persi almeno 10 anni di sviluppo qualitativo del digitale, speriamo che adesso almeno ci sia una virata generale da parte di tutti

 

Un cordiale saluto, Massimiliano

Share this post


Link to post
Share on other sites
cactus_atomo
veramente mi sembra di ricordare che fin dai primi albori del sacd, venne presentata una modifica del sony scd1 che permetteva di leggere il sacd bypassando il circuito di conversione, sostoruoto0 da un semplice insieme di resistenze, quini nulla di nuovo sotto il sole

Share this post


Link to post
Share on other sites
BasBass
veramente mi sembra di ricordare che fin dai primi albori del sacd, venne presentata una modifica del sony scd1 che permetteva di leggere il sacd bypassando il circuito di conversione, sostoruoto0 da un semplice insieme di resistenze, quini nulla di nuovo sotto il sole
In teoria nulla di nuovo, in pratica mi pare (se lasciamo perdere modifiche cantinare e oggetti "misteriosi" quali Lampizator, Lector Dot-Bit, Lazzari etc... ne dimentico qualcuno?) sia la prima macchina "ufficiale" con tecnologia chipless ad essere stata sviluppata, realizzata, distribuita regolarmente e commercializzata da una grande azienda leader, che ha investito e creduto in un nuovo corso digitale.... Non mi pare poco dopo non so quanti anni di presa per il c..o a suon di Sabre & Co.

Questo non significa che necessariamente suoni da far cascare la mandibola, non lo so, andrà ascoltato, però almeno hanno provato a proporre qualcosa di diverso ed originale, e non mi pare poco di questi tempi...

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest

Che intendete per DSD chipless?

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
cactus_atomo
Che intendete per DSD chipless?

non c'è il dac tradizionale, il flusso dsd passa per una rete di componenti passivi

Share this post


Link to post
Share on other sites
ipoci

C'è un filtro passa-basso che taglia il rumore ultrasonico e lascia passare solo la parte "ascoltabile" dello spettro ...

 

In teoria è la via che riporterebbe l'ascolto del digitale alle radici ...

 

La cosa buona è che se dietro a questo progetto ci hanno messo veramente delle persone competenti ed un po' di soldi, potrebbero anche tirare fuori una soluzione notevole....

 

Peccato che a livello di Marketing mi pare che capiscano poco. Io invece di una soluzione di questo tipo messa in una macchina top ( quanti ne hanno venduti di SACD7 ? ), avrei costruito un dac chipless a 1000 Euro, spazzando via la concorrenza...

 

Un cordiale saluto, Massimiliano

Share this post


Link to post
Share on other sites
BasBass
C'è un filtro passa-basso che taglia il rumore ultrasonico e lascia passare solo la parte "ascoltabile" dello spettro ... In teoria è la via che riporterebbe l'ascolto del digitale alle radici ... La cosa buona è che se dietro a questo progetto ci hanno messo veramente delle persone competenti ed un po' di soldi, potrebbero anche tirare fuori una soluzione notevole....Peccato che a livello di Marketing mi pare che capiscano poco. Io invece di una soluzione di questo tipo messa in una macchina top ( quanti ne hanno venduti di SACD7 ? ), avrei costruito un dac chipless a 1000 Euro, spazzando via la concorrenza... Un cordiale saluto, Massimiliano
E' molto probabile che sia il passo successivo... Una volta messa a punto la tecnologia è un attimo, per una casa come Marantz, applicarla sulle serie minori...

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest
Che intendete per DSD chipless?

non c'è il dac tradizionale, il flusso dsd passa per una rete di componenti passiviOk non ci sarà il DAC, ma qualche "chip" c'è per forza altrimenti l'upsampling a DSD non lo fai.

Non avevo mai sentito questa espressione.Comunque la macchina in se è spettacolare, ah avessi i soldi me lo prenderei sulla fiducia.

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
BasBass
Ok non ci sarà il DAC, ma qualche "chip" c'è per forza altrimenti l'upsampling a DSD non lo fai.

Non avevo mai sentito questa espressione.Comunque la macchina in se è spettacolare, ah avessi i soldi me lo prenderei sulla fiducia.

Si, la macchina utilizza un DSP molto potente per convertire tutti i segnali in DSD 11.2 MHz. E' a questo punto che il DAC non serve più poichè il segnale così ottenuto è già di fatto un segnale analogico (ad altissima frequenza) che per essere inviato allo stadio d'uscita non necessita altro che di un filtro passa-basso per eliminare le alte frequenze fuori dal campo dell'udibile.

Il sistema più semplice in assoluto...

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest

Sì ho letto, fortunatamente alla Marantz non sono mai parchi nelle spiegazioni.

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Vittorio58

L'uovo do colombo del digitale?

Share this post


Link to post
Share on other sites
Jazzlover

Ha una circuitazione completamente bilanciata o no? Non leggo da nessuna parte questo dato.

Share this post


Link to post
Share on other sites
siebrand

beh, ma però... sui vari siti, nelle varie lingue...

troviamo prezzi da 5.000 a 8000 per il SA-10...
quanto verrà a costare, alla fine?

OK; uscirà a febbraio, ma boh..... 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest

Allora costerà 7000-8000€ anche da noi più o meno.

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
siebrand

noccioline...

però... a rileggere bene, sul LORO sito... questa SA 10  dovrebbe davvero essere fenomenale....

Share this post


Link to post
Share on other sites
Mister66
Allora costerà 7000-8000€ anche da noi più o meno.

Farà la fine della serie Yamaha 3000?

Share this post


Link to post
Share on other sites
BasBass
Allora costerà 7000-8000€ anche da noi più o meno.

Farà la fine della serie Yamaha 3000?La serie Yamaha 3000 è il solito Sabre ben carrozzato, nulla più...... dupalleeeee!!!!

Sono convinto che avrà una sorte decisamente migliore....

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Nautilus65

beh, costa quasi il doppio del 3000 yamaha... ;)

Share this post


Link to post
Share on other sites
BasBass
beh, costa quasi il doppio del 3000 yamaha... ;)
Si certo, ma almeno propone qualcosa di davvero innovativo, ci sono macchine che costano 3/4 volte il marantz e che sono la solita minestra riscaldata dal punto di vista progettuale e realizzativo...

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
meridian
In questo senso hanno seguito l' impostazione di Playback design e Emm labs, che upsamplano al doppio del valore rate del SACD , mentre qui siamo addirittura al quadruplo. Rimane il fatto che non è solo il chip di conversione che fa suonare bene un lettore, dalla loro hanno comunque la buona scelta di una meccanica fatta in casa, ottima cosa, anche perché a breve le meccaniche SACD saranno in scomparsa sul mercato . . . Saluti , Dario
Ciao Dario, ho un dubbio: Emm Labs e Playback Design, nei loro (eccezionali...) sistemi di conversione proprietari, pur lavorando sull'upsampling in DSD, se non erro utilizzano convertitori a discreti custom ma non si affidano ad un semplice filtro passa basso? O sbaglio?

Grazie


Caio, leggo solo ora, onestamente non ho le informazioni e nemmeno le cognizioni tecniche per poter valutare questo aspetto, forse se leggi a questi link trovi qualche info in merito https://www.emmlabs.com/html/audio/xds1v2/features.htmlhttps://www.emmlabs.com/html/audio/xds1v2/xds1v2.htmlhttps://www.emmlabs.com/pdf/brochures/XDS1-V2_Brochure.pdfSpero di averti in parte risposto Saluti , Dario

Share this post


Link to post
Share on other sites
BasBass

Caio, leggo solo ora, onestamente non ho le informazioni e nemmeno le cognizioni tecniche per poter valutare questo aspetto, forse se leggi a questi link trovi qualche info in merito https://www.emmlabs.com/html/audio/xds1v2/features.htmlhttps://www.emmlabs.com/html/audio/xds1v2/xds1v2.htmlhttps://www.emmlabs.com/pdf/brochures/XDS1-V2_Brochure.pdfSpero di averti in parte risposto Saluti , Dario

Avevo già dato un'occhiata a questa documentazione, da quanto capisco si tratta di sistemi di conversione brevettati con chip e DSP custom, molto sofisticati e complessi, non di semplici filtri passa-basso da appicare ad un segnale DSD puro

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

  • Statistiche Forum

    294399
    Total Topics
    6414181
    Total Posts

Facebook

About Melius Club

Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con codice fiscale 07710391215.
Powered by K-Tribes.

Follow us

×
×
  • Create New...

Important Information

Privacy Policy