Vai al contenuto

Member_0045

Domanda secca Klipsch Chorus

Messaggi raccomandati

Member_0045

Dando per scontato di avere spazio ed apparecchi all'altezza (non è così scontato, ma facciamo finta... ;) ), meglio la prima o la seconda versione?

Grazie ragazzi!

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Member_0045

Dopo aver ascoltate le II a fine agosto, oggi ho avuto l'occasione di sentire la prima versione.

Impressioni di massima: estensione verso il basso pressoché equivalente, a dispetto delle specifiche dichiarate (forse, ma proprio forse, una maggior estensione della seconda serie, ma è una sensazione e non me la sentirei di fare il Muzio Scevola di turno), batteria e basso slappato più veloce sulla 1a, medio forse più godibile anche in questo caso per la prima serie, alte ed altissime che mi son parse pressoché identiche, e credo lo siano davvero dato che driver e tromba sono gli stessi.

In tutti e due i casi una facilità di emissione ed una godibilità di rock, blues e della musica leggera in generale davvero rimarchevole, anche a volumi veramente elevati nessuna traccia di distorsione: noti quanto alto sia il volume quando ti accorgi che la moglie del padrone di casa è entrata in sala d'ascolto da (chissà quanto) tempo e guarda la coppia di audiofili seduti sul divano a mimare il batterista con espressione di profondo compatimento... =))

Morale della favola, me le sono accattate (condizioni di conservazione incredibili!!), nei prossimi giorni mi organizzo per il ritiro... peccato solo non esser riuscito ad ascoltare le JBL 4345, le L220, le L300 ed altre primizie simili presenti in sala, ma cercherò di rifarmi in seguito ;)

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
LoAl

Che io sappia la tromba medi delle chorus è esponenziale, contro la tractrix delle chorus 2.

Saluti Ric

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Member_0045

Si, è una delle due differenze tra mk I ed mk II, l'altra è il caricamento del woofer, nel primo caso reflex e nel secondo con radiatore passivo posteriore (che impone una diversa distanza del diffusore dalla parete dietro).

Dato che sabato andrò a ritirarle presto sarò in grado di dire come vanno nel mio ambiente, le premesse per un suono molto interessante ci sono tutte :)

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
danko57

Corrado le hai poi prese le chorus..... un motivo in più per vederci quanto prima. Caspita .. le 220 e le 300 le ascolterei volentieri anch io. Un saluto. Danilo

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Member_0045

In effetti quando mi son trovato davanti un tal ben di dio m'è venuto un mezzo coccolone! ^:)^

Ci si organizza, una buona tavolata e tanta musica, che c'è di meglio?

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
mattia.ds

Bell' acquisto!

Io ho le Heresy H700, e come dici tu dove serve impatto vanno alla grande.

Facci sapere....

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
nizzo
Mi permetto di segnalare un vecchio post dove sono postati dei grafici relativi alle klipsch (fra le quali, anche le chorus prima e seconda versione) ed alcune note di commento all'ascolto delle chorus II che ci eravamo nel frattempo aggiudicati.
Sicuramente un bell'acquisto !  
marcello

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Member_0045

Puoi non crederci Marcello, ma il thread da te segnalato l'avevo messo tempo fa tra i preferiti quando ho cominciato a studiare per bene le Chorus, ed avevo fatto una cartella con le varie discussioni apparse su Videohifi nelle quali si parlava di questi diffusori.

Dato che sabato entreranno ufficialmente nella mia sala :) ci sarà modo di proseguire con calma la chiacchierata, ma già adesso posso dire che ritorno volentieri ad ospitare nel mio impianto una creatura del Colonnello, dopo i vari anni trascorsi in compagnia di una coppia di RF7.

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
paoletfa

Grandi le Klipsch... facci sapere..!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
nizzo
Perchè non crederci? (e mi fa un pochino anche piacere)
Aspettiamo quindi anche le tue gradite note di ascolto !!
(io intanto sto pensando a delle horn ... mi intrigano ma le ho mai sentite ...)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Member_0045

Le Horn sono una cosa un po' diversa: a condizione di avere i due angoli della sala d'ascolto a disposizione e liberi per un metro e mezzo, due metri (in modo da funzionare effettivamente come prolungamento della tromba interna), difficilmente si può ottenere di meglio, almeno per i miei gusti.

Un conoscente le usa in biamplificazione passiva, stato solido sui bassi (due finali mono con sensibilità d'ingresso regolabile) e monotriodo di 2A3 sugli alti, e vanno davvero di lusso.

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
paoletfa

Le Chorus sarebbero delle Cornwall più strette, vero? confesso che non ne so molto, conosco molto bene solo la serie Heritage. Anche la serie reference mi attira curiosità, ma anche qui ... mau sentita!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Member_0045

Foto tratta da una discussione sul forum Klipsch ;)

 

post-7094-13819248493874.jpg

 

In questo caso sono le Chorus 2, ma puoi farti già un'idea precisa.

La piccola B&W pare ancora più minuta del solito... :))

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
paoletfa

infatti.... immaginavo

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
nicosisa

Bravo Corrado

Finalmente ci sei riuscito

A questo punto non ci resta che ascoltarle.

Ciao

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
paoletfa

...oggi è il gran giorno: Corrado tienici informati...!! ;-)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Member_0045

Arrivate!

 

20161106_102434.jpg

 

Trasferire il progetto Tannoy da solo è stata una fatica bestiale, ma ero sufficientemente allenato grazie ai pesi delle ultime settimane... ciò nonostante l'osso sacro non ha particolarmente gradito ed oggi fa un po' il risentito, ce ne faremo una ragione.

Messe in ambiente un po' alla membro di segugio (la curiosità non è solo donna), le prime impressioni non sono state proprio positive: suono un po' vuoto, voci nasali, grande dinamica, si, ma un po' a scalini, con le basse un po' indietro... 'nzomma, piuttosto perplesso, ma ieri sera ero davvero piuttosto stanco per starci su a ragionare troppo, un buon nocino come digestivo e via a nanna.

Stamattina acceso l'impianto a basso volume per far scaldare il tutto, Radio1 Rai in sottofondo con l'ottimo John Vignola a parlare di Lucio Dalla, inizio a far pulizie alzando un po' con Sting (The soul cages), la situazione non migliora di molto, anche se il basso comincia a mettersi un po' a posto, non più così indietro, ma il resto non è che brilli...

Comincio a spostare le casse in ambiente, sono decisamente sensibili al posizionamento: messe a poco più di trenta cm. dal fondo, poco meno di un metro dalle laterali e leggerissimamente angolate verso il punto d'ascolto inizia ad andare meglio, un buon equilibrio tra le gamme, basso teso e profondo, medie un po' meno intubate rispetto a prima ma non proprio neutrali, alte estese e mai fastidiose, molto belle, si comincia a ragionare.

Basta però metter sul piatto del gira un album di rock abbastanza ignorante (Stone Roses, Second coming) e si comincia a vedere la vera anima di queste casse, batteria e basso all'unisono sono spettacolari e le chitarre sono il loro pane, veramente un gran bel sentire! e non sono diffusori che si fanno ascoltare in sottofondo, proprio no! anche se vanno assai bene con un soffio di centiwatt, ad alto volume vanno in visibilio, e grazie all'efficienza veramente alta non servono grandi potenze, il woofer con sospensione in tela trattata non va mai fuori controllo e penso che già una ventina di watt sia più che sufficiente a farle andare alla grandissima.

Il venditore correttamente mi ha avvisato che sono poco utilizzate da tempo, questo ha sicuramente una certa importanza e chez moi avranno tutto il tempo per rifarsi, nel frattempo provvedo a far fare un po' di manutenzione alle Tannoy dopo diversi anni di meraviglioso servizio, una rifoamata comincia ad esser necessaria e ne approfitto per un bel tagliando globale.

Ci sarà da lavorare, sia con le americane che con le inglesi, ma mentre le seconde sono una splendida certezza le prime, con la dovuta pazienza, credo proprio raggiungeranno eccellenti traguardi: il camimino è iniziato, vedremo dove porterà!

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
paoletfa

...che spettacolo...!! Grazie Corrado, per metterci al corrente delle tue esperienze!! Visivamente a me piacciono tanto. Sono quindi votate al rock più duro? e con la musica acustica?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Member_0045

Col rock energico (ascoltato Live at Raji's dei mai troppo rimpianti Dream Syndicate) è impossibile stare col volume basso, già la prima traccia "Still holding on to you" impone di ruotare la manopola almeno ad ore tredici, per la gioia di grandi e piccini :D però i vicini son fuori e posso anche non arrossire più di tanto.

Ma anche Joni Mitchell con Blue è in ottima forma e gli strumenti acustici (piano compreso) sono molto ben riprodotti, la voce è ancora leggermente nasale ma la dinamica è molto naturale: sono convinto che ci si possa lavorare con eccellenti risultati, le signorine comunque hanno un caratterino mica da ridere! ma sono allenato, anche le Tannoy non scherzano da questo punto di vista.

Con la musica classica ed il jazz proverò nei prossimi giorni e soprattutto con la prima sono decisamente molto curioso!

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Fabio Cottatellucci

Con la musica classica ed il jazz proverò nei prossimi giorni e soprattutto con la prima sono decisamente molto curioso!

 

Prova degli archi e della chitarra acustica pop.

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Fabio Cottatellucci
Le Horn sono una cosa un po' diversa: a condizione di avere i due angoli della sala d'ascolto a disposizione e liberi per un metro e mezzo, due metri

Non è neppure proprio indispensabile... una parete non lineare (architrave di porta, nicchia di finestra) va bene lo stesso, a patto che sia libero il primo metro.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Member_0045

Devo dire che sono molto stupito dal comportamento delle Chorus: medie ed alte molto dolci, decisamente non affilate né tanto meno pungenti, direttive si ma non in maniera esagerata, una buona immagine (ma è un parametro non così importante per me) senza alcun tipo di gigantismo ed una dinamica davvero fuori dal comune, con grande facilità nel passare dai pianissimo ai fortissimo e viceversa.

Musica classica godibilissima, specialmente la grande orchestra va davvero assai bene, il jazz è il suo pane.

Per il momento le ho posizionate sulla parete corta (comunque sono 5 metri) a circa 40 cm dalla parete di fondo, 90 da quelle laterali ed una leggerissima angolazione verso il punto d'ascolto, prossimamente inizierò a giocherellare con i cavi di potenza ;)

Mi sa che una volta fatto il check ai coassiali Tannoy finirà che mi tengo tutte e due le coppie! :))

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
paoletfa
Devo dire che sono molto stupito dal comportamento delle Chorus: medie ed alte molto dolci, decisamente non affilate né tanto meno pungenti, direttive si ma non in maniera esagerata, una buona immagine (ma è un parametro non così importante per me) senza alcun tipo di gigantismo ed una dinamica davvero fuori dal comune, con grande facilità nel passare dai pianissimo ai fortissimo e viceversa.

Musica classica godibilissima, specialmente la grande orchestra va davvero assai bene, il jazz è il suo pane.

Per il momento le ho posizionate sulla parete corta (comunque sono 5 metri) a circa 40 cm dalla parete di fondo, 90 da quelle laterali ed una leggerissima angolazione verso il punto d'ascolto, prossimamente inizierò a giocherellare con i cavi di potenza ;)

Mi sa che una volta fatto il check ai coassiali Tannoy finirà che mi tengo tutte e due le coppie! :))

...scusa Corrado: che check bisogna fare ai coassiali Tannoy?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Member_0045

Sostituzione foam, comincia a presentare qualche segno di stanchezza, quindi ne approfitto per fargli fare un tagliando: nulla di preoccupante in ogni caso, direi intervento di routine, che chiaramente non farò io ;)

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
paoletfa

In questo...viva Klipsch e le sue sospensioni in carta peghettata...!!

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
OLIMPIA2

Ottima scelta Corrado! =D>

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Member_0045

Si Silvano! intendiamoci, non sono certamente le Klipschorn e nemmeno le La Scala (specialmente se "elaborate"), ma sono comunque Klipsch ed hanno una maniera di suonare estremamente easy, col rock e la musica leggera in generale sono molto divertenti e spensierate, ma questo lo sai molto meglio di me ;)

Richiesta di potenza estremamente limitata, bastano davvero pochi watt per raggiungere volumi d'ascolto molto elevati e credo che un finale a valvole sia davvero una eccellente soluzione.

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

  • Statistiche forum

    282.519
    Discussioni Totali
    5.883.002
    Messaggi Totali

Facebook

About Melius Club

Melius Club: la nuova casa di Videohifi.com
Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con sede legale e operativa nell’Incubatore certificato Campania NewSteel in Napoli via Coroglio 57/d e codice fiscale 07710391215.

Powered by K-Tribes.

Follow us

×