Vai al contenuto

Nejiro

DSD e PCM 176.4

Messaggi raccomandati

Nejiro

Salve a tutti, avendo un dac che supporta fino a 24/192 sono "costretto" a ricampionare i dsd a 176.4, ho avuto in passato dac con supporto ai dsd ma sinceramente non ho mai fatto una prova esaustiva riguardo la differenza percepita tra l'ascolto di un dsd e lo stesso file ricampionato a 176.4, qualcuno l'ha fatta e ha notato differenze sostanziali?Attualmente tramite Foobar ricampiono i dsd a 176.4 e +5db.

Grazie

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite

ma non ricampioni a 176,ma effettui una conversione da dsd a pcm a 176

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
MAXXI

Ho un Oppo 105 in cui puoi mettere l'opzione di uscita analogica con la conversione diretta dal DSD oppure tramite la conversione intermedia PCM. Ho scaricato dal sito della 2L la pagina di bench test con tutti i formati e ho confrontato la versione dello STESSO brano in file DSD ( .dff ) e il file PCM 176,4. Ho preferito per un'incollatura l 'ascolto del DSD per una maggiore "piacevolezza e naturalezza". Poi magari il 176 era stato ricavato dal DSD , vallo a sapere.....

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Nejiro

Non intendevo quello @MAXXI perché nel Tuo caso hai confrontato due file diversi, io intendo il dsd mandato al dac nativo e riconvertito da Foobar (o altro programma) a 176.4......

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
ipoci

Non è solo questione di ricampionamento dipende anche come il dac tratta i segnali.

 

Con il bulgaro che suona sia PCM che DSD con quest'ultimo può bypassare o meno il volume, quindi anche senza ricampionare io preferisco il DSD in volume bypass.

 

Se dovessi ascoltare il DSD ricampionato PCM, sarei costretto a tenere il controllo volume inserito.

 

Il fatto che nel tuo caso non ci sono differenze bisogna capire se è un bene o un male

 

Un cordiale saluto, Massimiliano

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
FabioSabbatini
Salve a tutti, avendo un dac che supporta fino a 24/192 sono "costretto" a ricampionare i dsd a 176.4, ho avuto in passato dac con supporto ai dsd ma sinceramente non ho mai fatto una prova esaustiva riguardo la differenza percepita tra l'ascolto di un dsd e lo stesso file ricampionato a 176.4, qualcuno l'ha fatta e ha notato differenze sostanziali?Attualmente tramite Foobar ricampiono i dsd a 176.4 e +5db.
Grazie

 


ovviamente non dovrebbe essere possibile distinguerli. Primo, perché se tutto funziona bene le eventuali differenze sono al di sotto della soglia udibile, secondo perché quasi tutti i file dsd sono già passati per il pcm, e forse proprio per il 24/176.4

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Nejiro

Beh però se così fosse un dac con supporto dsd non servirebbe a nulla?

Io li ascolto così perchè il mio Lector arriva a 24/192.......

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
TetsuSan
Salve a tutti, avendo un dac che supporta fino a 24/192 sono "costretto" a ricampionare i dsd a 176.4, ho avuto in passato dac con supporto ai dsd ma sinceramente non ho mai fatto una prova esaustiva riguardo la differenza percepita tra l'ascolto di un dsd e lo stesso file ricampionato a 176.4, qualcuno l'ha fatta e ha notato differenze sostanziali?Attualmente tramite Foobar ricampiono i dsd a 176.4 e +5db.
Grazie

ovviamente non dovrebbe essere possibile distinguerli. Primo, perché se tutto funziona bene le eventuali differenze sono al di sotto della soglia udibile, secondo perché quasi tutti i file dsd sono già passati per il pcm, e forse proprio per il 24/176

"perché quasi tutti i file dsd sono già passati per il pcm" è quantomeno opinabile. Di fatto, ultimamente, non avviene.

Vedi remaster di Vasco Rossi ad opera di Fonè.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
FabioSabbatini
Beh però se così fosse un dac con supporto dsd non servirebbe a nulla?
Io li ascolto così perchè il mio Lector arriva a 24/192.......

 


si

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
FabioSabbatini
Salve a tutti, avendo un dac che supporta fino a 24/192 sono "costretto" a ricampionare i dsd a 176.4, ho avuto in passato dac con supporto ai dsd ma sinceramente non ho mai fatto una prova esaustiva riguardo la differenza percepita tra l'ascolto di un dsd e lo stesso file ricampionato a 176.4, qualcuno l'ha fatta e ha notato differenze sostanziali?Attualmente tramite Foobar ricampiono i dsd a 176.4 e +5db.
Grazie

ovviamente non dovrebbe essere possibile distinguerli. Primo, perché se tutto funziona bene le eventuali differenze sono al di sotto della soglia udibile, secondo perché quasi tutti i file dsd sono già passati per il pcm, e forse proprio per il 24/176

"perché quasi tutti i file dsd sono già passati per il pcm" è quantomeno opinabile. Di fatto, ultimamente, non avviene.

Vedi remaster di Vasco Rossi ad opera di Fonè.


si, in effetti potrebbe anche essere che ultimamente questa pratica sia in calo, ma cio' non cambia il fatto che il dsd sia un formato superato (ma non e' detto che significhi qualcosa in termini di diffusione...vedi il caso del vinile) e comunque di scarsissimo successo ...se non nella quantitativamente piuttosto insignificante ristretta cerchia degli audiofili (che notoriamente hanoo la tendenza ad affezionarsi alle cose superate...vinili, monotriodi...)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

  • Statistiche forum

    286.833
    Discussioni Totali
    6.048.589
    Messaggi Totali

Facebook

About Melius Club

Melius Club: la nuova casa di Videohifi.com
Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con sede legale e operativa nell’Incubatore certificato Campania NewSteel in Napoli via Coroglio 57/d e codice fiscale 07710391215.

Powered by K-Tribes.

Follow us

×

Informazione Importante

Privacy Policy