Vai al contenuto

Xabaras

Diffusori attivi: perchè nessuno se li fila?

Messaggi raccomandati

Xabaras

La domanda nasce spontanea. E' la minoranza nel mondo audiofilo, e anche di molto, quella degli appassionati che si rivolgono a questo tipo di soluzione.

E siccome sto per svoltare a questo sono preoccupato, visto la spesa. Che motivi avete per continuare in maggioranza a preferire la soluzione passiva?

La mia idea è che si preferiscano in genere i passivi per poter continuare a modificare le amplificazioni, giochetto che con gli attivi viene a mancare. 

:D

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
eduardo

La mia idea è che si preferiscano in genere i passivi per poter continuare a modificare le amplificazioni, giochetto che con gli attivi viene a mancare. 

:D
Non lo confessera'  nessuno,  ma hai centrato la questione.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
eduardo

Quando le compri - se non abiti troppo lontano - mi inviti per un ascolto ?    :D

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Vmorrison

Ma no, dipende anche dalle disponibilità economiche logistiche, traguardo di qualità prefissato...

Salute

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Xabaras
Quando le compri - se non abiti troppo lontano - mi inviti per un ascolto ?    :D

 

Certo :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Mister66

La mia esperienza in una prova d'ascolto in negozio con diffusori Audiovector.

Ho ascoltato un modello attivo da 6k di listino, e successivamente un modello da 7k passivo,pilotato da pre e finale Densen (circa 10k a listino).

Senza ombra di dubbio a parte il costo della configurazione passiva L'ho preferita senza esitazione, un suono molto piu naturale, con dettagli e armoniche che nella configurazione attiva erano molto meno presenti.

La sensazione della attiva era che il suono venisse sparato dal diffusore piuttosto che suonato.

Forse era configurato male qualcosa,ma la differenza era davvero tanta.

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
eduardo
La mia esperienza in una prova d'ascolto in negozio con diffusori Audiovector.

Ho ascoltato un modello attivo da 6k di listino, e successivamente un modello da 7k passivo,pilotato da pre e finale Densen (circa 10k a listino).

Senza ombra di dubbio a parte il costo della configurazione passiva L'ho preferita senza esitazione, un suono molto piu naturale, con dettagli e armoniche che nella configurazione attiva erano molto meno presenti.

La sensazione della attiva era che il suono venisse sparato dal diffusore piuttosto che suonato.

Forse era configurato male qualcosa,ma la differenza era davvero tanta.

 

Vabbe',  pero' stai parlando di due sistemi tra i quali ballano 11.000 Euro di differenza.
Insomma..............  

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite

xabaras, se vuoi un attivo di livello devi comunque spendere tanto.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
totem

Non è mica vero che nessuno se li fila.

Il mercato pro è molto più vivo e florido di quello ormai stagnante dell'hi-fi.
Non è corretto sottolineare una cosa che mi sembra ovvia, e cioè che per raggiungere livelli alti bisogna spendere tanto anche per i diffusori attivi.
Bisognerebbe piuttosto  affermare che a parità di costo una soluzione con diffusori attivi pro ha una resa di gran lunga superiore.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
GABTA

Passare da un tavolino portaelettroniche per ridurre le vibrazioni a mettere il finale DENTRO il diffusore, tra l,altro vicino al magnete, qualche preoccupazione la da, io ad esempio non lo farei mai.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
dufay
La mia esperienza in una prova d'ascolto in negozio con diffusori Audiovector.

Ho ascoltato un modello attivo da 6k di listino, e successivamente un modello da 7k passivo,pilotato da pre e finale Densen (circa 10k a listino).

Senza ombra di dubbio a parte il costo della configurazione passiva L'ho preferita senza esitazione, un suono molto piu naturale, con dettagli e armoniche che nella configurazione attiva erano molto meno presenti.

La sensazione della attiva era che il suono venisse sparato dal diffusore piuttosto che suonato.

Forse era configurato male qualcosa,ma la differenza era davvero tanta.

 

Ottimo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
ulmerino

Io lo confesso,sono un audiofilo,e mi piace giocare con i componenti hifi,cavi pre,finali e diffusori,il succo della nostra passione e'questo....spendere tempo e denaro alla ricerca del suono ideale per noi (che non troveremo mai,perche'senno'il gioco finisce)...accessorio trascurabile e' che ogni tanto ascoltiamo un po' di bella musica,ma il piu' delle volte si sta' con le orecchie appizzate a scovare il dettaglio,l'ambienza,l'estensione....ho un po' estremizzato,ma neanche tanto.....ihihih....con un diffusore amplificato mi toglieresti meta' del divertimento....

Per fortuna che sono anche un musicista,sopperisco cosi' all'ascolto della musica,suonandola.....

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite
Passare da un tavolino portaelettroniche per ridurre le vibrazioni a mettere il finale DENTRO il diffusore, tra l,altro vicino al magnete, qualche preoccupazione la da, io ad esempio non lo farei mai.

 


 

se ben fatto non ci sono problemi, ma proprio a causa di ciò i costi sono alti, senza togliere il fatto che comunque ci sono i cavi di segnale che girano, oppure sistemi wireless che anche li se vuoi che funzionino costano eccome e ci sono comunque tante onde, poi devi avere le prese per l' alimentazione comode ecc ecc non sono tutte rose e viole. però se ti piace il sound, con gli ampli in classe d hanno risolto molto sia per il calore che per il peso che per le dimensioni. prendi un qualcosa a simil torre, gli altoparlanti in alto, l' ampli per terra, il cross a metà.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
krellz

confermo che vendere diffusori attivi anche se blasonati e poco costosi almeno qui in italia è un'impressa quasi impossibile !!!

per il resto il diffusore attivo generalmente nasce nel pro... forse si porta dietro questo appellativo poco hiend
mi piacerebbe sentire qualcosa di atc o pmc serie SE (probabilmente insieme a Klein+Hummel forse i mgiliori di sempre)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
dufay

Prendere in considerazione l'ipotesi che non suonino tanto bene no?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
totem
Prendere in considerazione l'ipotesi che non suonino tanto bene no?

 

Prendere in considerazione di fare qualche prova per rendersi conto e non ragionare per ipotesi no eh?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
dufay

Rendersi conto che non si ragiona sempre per ipotesi?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
pizicaniolo
Io lo confesso,sono un audiofilo,e mi piace giocare con i componenti hifi,cavi pre,finali e diffusori,il succo della nostra passione e'questo....spendere tempo e denaro alla ricerca del suono ideale per noi (che non troveremo mai,perche'senno'il gioco finisce)...accessorio trascurabile e' che ogni tanto ascoltiamo un po' di bella musica,ma il piu' delle volte si sta' con le orecchie appizzate a scovare il dettaglio,l'ambienza,l'estensione....ho un po' estremizzato,ma neanche tanto.....ihihih....con un diffusore amplificato mi toglieresti meta' del divertimento....
Per fortuna che sono anche un musicista,sopperisco cosi' all'ascolto della musica,suonandola.....

 


credo che hai centrato in pieno !!!!

Io sono uno di quelli.....

Sono altrettanto convinto (visto qualche ascolto fatto di recente) che i pro siano un ottima scelta se si vuole ascoltare ottima musica e non ##divertirsi## più

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
alexis

Diciamo che i moduli attivi infilati a viva forza nelle casse raramente sono di altissima qualità, quasi sempre sono in classe d.. inoltre vanno ad abitare in un ambiente pessimo dal punto di vista vibrazionale.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
dufay

Per non parlare dei cross elettronici fatti alla bell'e meglio.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
alexis

Non volevo infierire... :D

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
pizicaniolo

Sicuramente è come dite voi ma all' ascolto tutte queste cose passano in secondo piano ......poi naturalmente c' e da districarsi nella giungla di modelli e marche, comunque io sono stato impressionato favorevolmente

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
dufay

Per te passano in secondo piano. Per me no

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
totem
Il diffusore pro nasce per fornire una riproduzione il più possibile fedele e compatibilmente con i costi e le dimensioni questo è il suo obiettivo primario. E' uno strumento di lavoro e qualora non risultasse conforme alle specifiche, nessuno lo acquisterebbe e non avrebbe senso produrlo.
L'alta fedeltà non ha nessun riferimento e non ha quindi nessun obiettivo, se non di piacere a chi lo produce e a chi lo compra. Non per niente il termine "alta fedeltà" non indica niente di preciso. Fedeltà a cosa? E poi perché solo "alta"?
In hi-fi ognuno compra ciò che gli piace e questo diventa il suo riferimento.
Poi se tutto si riduce ad un consapevole gioco, come su detto da ulmerino, allora di cosa stiamo a parlare.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
radio

i diffusori attivi spesso contengono un'amplificazione inadeguata  

tutti i diffusori attivi che ho incontrato, anche quelli parzialmente attivi come le martin logan recenti, a mio avviso presentano questa grave lacuna 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Cano

Il fatto è che molti sono eccessivamente di stampo pro

Quelli davvero buoni per uso home non sono tanti...e ovviamente non incontrano i gusti di tutti

Comunque i sistemi attivi non hanno tutti l'ampli all'interno del diffusore

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Paky33

Un diffusore PRO, se di qualità, ti fa sentire TUTTO quelo che c'è nel disco. Poi che quello che ascolti non ti piaccia, è un'altro paio di maniche.

Ritengo molto difficile che un qualunque diffusore "home" a parità di livello, suoni come il corrispondente PRO.

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Cano

Un diffusore pro serve per lavorare...dopo averne avuti alcuni preferisco una rappresentazione un filo più rilassata

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
bastiano

 

Un sistema di monitor attivi ( ATC, PMC, Genelec, Tannoy, Meyer, Neumann, Focal ecc) suonerà sempre meglio di un impianto di serie di pari costo.

Discorso a parte per catene audio di fascia alta e altissima.. ovvero superiore ai 30/40.000 euro dove , al di là del costo, sempre inferiore comunque nei monitor amplificati, l'aspetto qualitativo assume profili di ricercatezza acustica ultra soggettivi, sui quali non mi esprimo.

 

Un'altro fatto è fuori discussione: per far rendere al meglio un'abbinata hi end: sorgente-pre-finale/i-diffusori necessitano cavi di collegamento il cui costo può essere perfino superiore di una sorgente seria con Out in XLR ed una coppia di monitor tre vie triamplificate.

E ho detto tutto ( quasi)

PS

Concordo sul fatto che ci si priva della libido di cambiare continuamente. Hai detto niente: puoi investire in Musica e nel Tempo di ascoltarla

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
cactus_atomo

Ma prchè ogni volta voler far passare le proprie scelte per quelle "giuste" e quindi trovare dei motivi reconditi nelle scelte altri? I diffusori attivi in genere non hanno un waf neppure sufficiente, sono scartate a  priori da chi ama le amplificazioni valvolari, in più, avete tutti iniziato con l'impianto definitivo? Quasi tutti qui non siamo nati audiofili, siamo nati come appassionati che volevano farsi un impiantino (all'inizio economicissimo), mai pensando che non sarebbe stato definitivo, poi per qualcuno è scoppiata la passione e sono cominciati gli upgrade, passo passo,  nel tempo sono aumentate le disponibilità economiche e gli spazi, poi matrimonio e famiglia li hanno ristretti di nuovo, e spesso l'impianto audio deve convivere con altro. Insomma i diffusori attivi non solo la soluzione per tutti (e di norma ch vende diffusori attivi non gradisce le permute)

Poi c'è il suono, che può piacere o non piacere, certo nei sistemi non attivi si impazzisce di più, ma c'è anche più varietà d soluzione
ps che un sistema di monitor attivi suoni sempre meglio di uno passiv di pari costo non è assolutamente vero,, suonerà meglio per quelli a cui piace quel modi di sunare, ma nn per tutti

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

  • Statistiche forum

    284.775
    Discussioni Totali
    5.957.949
    Messaggi Totali

Facebook

About Melius Club

Melius Club: la nuova casa di Videohifi.com
Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con sede legale e operativa nell’Incubatore certificato Campania NewSteel in Napoli via Coroglio 57/d e codice fiscale 07710391215.

Powered by K-Tribes.

Follow us

×