Jump to content
Melius Club

Xabaras

Diffusori attivi: perchè nessuno se li fila?

Recommended Posts

AlbertoPN

Non so se erano state menzionate, ma causa “la scimmia” che mi è salita sto spulciando il web in cerca di misure/pareri sulle Kii Three BXT e sul confronto con le Dutch & Dutch 8c ... be', si è aggiunto il terzo incomodo 😂😂

Grimm Audio  Ls1be + dmf. Devo decidere se sono brutte come la morte o se comunque va bene così ...

Con lo streamer Grimm Audio MU1 dotato di interfaccia optional a 6ch di uscita, si può realizzare un sistema multicanale (con un agile mutuo trentennale 😎😆😂).

4D5D48F2-F4C7-4DC7-B76E-E100A1FA604E.jpeg

Share this post


Link to post
Share on other sites
AlbertoPN

Per lavoro/vita privata passo più di 3/4 dell’anno a Londra, ed ho scoperto che a North London c’è un rivenditore audio che ha in vendita e disponibili su prenotazione per un ascolto privato proprio il trittico Santo 😂😂 (Kii, D&D, Grimm), oltre alle ATC.

Vediamo se a Settembre lo contatto e ci faccio quattro chiacchiere ... L’onestà intellettuale dei Brit è nota, in più non ha proprio conflitto di interesse, per cui gli chiederò quali due mettere a confronto:

1) provare 4 set-up (con le ATC) è un delirio e mi ci vorrebbero giorni e giorni per incrociarli tutti, meglio che mi faccio adottare direttamente 😆

2) sono sicuro che comunque cada, cadrò in piedi per cui voglio fidarmi del suo giudizio preliminare.

se è qualcosa di interesse per il forum posterò le mie impressioni, al netto del fatto che sono sordo e che ho poca esperienza 😊💪🏻

Share this post


Link to post
Share on other sites
sergejdovlatov

Buon pomeriggio a tutti, come ho avuto modo di scrivere più volte, sono un felice possessore di un paio di ATC scm 20 pro versione passiva. Attualmente vengono pilotate da un ASR Emitter 1. Aspetterò settembre per decidere se provare a vendere tutto e passare alle attive, o tenere l’impianto così com’è.

Nel frattempo, mi hanno incuriosito molto le nuove Dynaudio Core 59, diffusore tre vie, tri-amplificato e DSP interno. In un noto forum USA i pochissimi che hanno postato le proprie impressioni, ne hanno parlato in termini molto elogiativi.

Lette le specifiche, cosa ne pensate?

Share this post


Link to post
Share on other sites
sergejdovlatov

@AlbertoPN Ciao Alberto, se avrai modo di confrontare le ATC scm 50 (almeno) o 100, con le Dutch & Dutch o le Kee Three, ti leggerò con molto interesse.

Thanks

Share this post


Link to post
Share on other sites
delirio

@AlbertoPN a quale rivenditore ti riferisci in North London?

Share this post


Link to post
Share on other sites
sfabio
54 minuti fa, AlbertoPN ha scritto:

Già che ci sei, anche se non sono diffusori attivi, un ascoltino alle Cessaro + Mola Mola... 😋

Share this post


Link to post
Share on other sites
AlbertoPN

@sfabio vediamo quanto si stressa già per i test sulle soluzioni attive ... e se e come magari entriamo in empatia ... sai mai che ogni tanto prendo la metro e vado a bermi un un caffè con lui ... da come si pone anche nei forum che frequenta sembra una persona cortese e cordiale e non col coltello fra i denti per vendere a tutti i costi. Vedremo. O meglio, ascolteremo 😂👍🏻

Share this post


Link to post
Share on other sites
Webby

Seguo con molto interesse! 
Sarei molto curioso di sapere come suonano le  Dutch & Dutch rispetto a un diffusore da stand top come ad esempio le Wilson Duette 1ª serie :)

Share this post


Link to post
Share on other sites
AlbertoPN
8 ore fa, sfabio ha scritto:

un ascoltino alle Cessaro + Mola Mola

@sfabio mi ero dimenticato di scrivere ... ma quanto brutte sono ? 😂😂😂

Se solo accenno di voler mettere due “così” così in salotto mi ritrovo senza figlio e senza fissa dimora 😆😆

Mola Mola invece mi intriga un casino, devo essere onesto ... il venditore di cui sopra te le porta (in caso) direttamente a casa per inserirle nella tua catena audio e te la lascia 3/4gg per prove con assoluta calma. Così decidi o meno per l’acquisto. Chiaro che devi abitare a Londra 😅 ma visto il thread aperto rispetto al trattamento che riservano alcuni rivenditori nostrani mi è sembrato appropriato farlo solo notare. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
AlbertoPN

Comunque una chiacchierata preliminare con lui l’ho fatta in queste ore, è stato molto più che gentile e disponibile.

Ho tralasciato fuori dal contest le Grimm Audio perché “complete” costano più di 46.000 Sterline e sono quindi (oltre che fuori budget) anche fuori concorso, essendo quasi il 50% più care delle altre contendenti (le Kii Three / BXT complete di controller costano 27.000 Sterline). Quindi rimarrebbero: 

Kii Three Vs. D&D 8c: per lui vincono le 8c. Suono più completo per l’estensione in gamma bassa. Non sono solo sfumature, anche se il carattere dei due diffusori è comunque diverso, forse più monitor le 8c.

Kii Three / BXT Vs. D&D 8c: vincono le Kii. Tornano ad essere complessivamente migliori in tutte le gamme, anche agli estremi più bassi e suonano sempre trasparenti e corrette (scompaiono, come si suole dire). Come rovescio della medaglia il modulo BXT costa più di una coppia di 8c stand alone, per cui alla fine il tutto è sbilanciato dal prezzo (le Kii “complete” vengono il doppio delle Dutch&Dutch). Avendo il budget, non c’e comunque tema di discussione.

Kii Three / BXT Vs ATC: no match. Lui avrebbe in casa delle 50, ma è proprio il concetto ad essere diametralmente opposto. A parte il fatto che le Kii sono un sistema finito (basta aggiungere uno streamer, o un computer via USB, un player via SPdif o un giradischi via XLR) mentre alle ATC bisogna aggiungere un Pre ed un DAC almeno (o un DAC con controllo del volume e che abbia la possibilità di accettare altri ingressi) ed i cablaggi. MA soprattutto la differenza totale (il “diametralmente opposta”) è che le Kii le metti in ambiente, regoli col controller la posizione dalle pareti (quindi il famoso lobo del cardioide) e suonano, 15 min e via. Le ATC vanno messe in ambiente con una certa cura (la solita che si riserva ad oggetti di questa qualità e caratura) e servirebbe un sistema di DRC per “pareggiare i conti”. 

Quindi sarebbe come confrontare mele e pere. Ed io voglio comperare mele 💪🏻🏻

Abbiamo quindi convenuto che ascolteremo il sistema Kii Three / BXT completo (si può escludere il modulo BXT dal controller digitale) Vs. D&D 8c anche se non vi nascondo che per estetica e “cuore”, propendo già per le Kii complete.

Ma le orecchie me lo confermeranno o meno, e poi comunque balla una certa cifra di differenza, devono essere proprio “giustificati”.

Una piccola preview di quello che succederà a settembre (inizio, spero). 👍🏻 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Gici HV

@AlbertoPN sbaglio o le Kii possono essere collegate ad un normalissimo pre senza dover per forza ricorrere al loro controller? Complete dei loro subwoofer quanto costano?

Share this post


Link to post
Share on other sites
sfabio
2 ore fa, AlbertoPN ha scritto:

@sfabio mi ero dimenticato di scrivere ... ma quanto brutte sono ? 😂😂😂

Non intendevo certo proporti di mettertele in casa 😂😂😂

Anche perché con quel che costano ti fai il 7+1 completo con i miei diffusori! 😱

Share this post


Link to post
Share on other sites
AlbertoPN

@Gici HV non sbagli affatto. Puoi collegarle in modo “tradizionale” ed allora per la taratura ed il loro ottimale inserimento in ambiente hai dietro al pannello due trigger da girare con un cacciavite a taglio, ed “il bello” è che essendo trasparenti se il tuo pre o il tuo DAC (sei libero di usarne uno esterno se ti va) hanno un suono “caratterizzato” (confacente ai tuoi gusti) lo ritroverai paro paro. Credo sia una caratteristica unica e speciale. Il kit completo three / BXT (e controller) viene in UK qualcosa poco più di 27.000 Sterline. In Italia il distributore ufficiale AudioGraffiti le mette a circa 31.000 euro con la stessa configurazione. 

Prima mi sono dimenticato di scrivere una sottolineatura avuta nella chiacchierata con il gentiluomo inglese; fra i punti “in sospeso” mi ha fatto notare che questo sistema non è per chi è abituato a giocare o sperimentare con cambi di elettroniche, cavi o altro: arriva già fatto e finito, ed anche se ribadisco quanto scritto in precedenza con la trasparenza ed il mantenimento del carattere di una catena esterna collegata, in teoria così si prende e così muore. Per me non è un problema, ma per qualcuno, lecitamente, potrebbe esserlo. 

Ti lascio la video rece di John Darko (in inglese): 

Share this post


Link to post
Share on other sites
AlbertoPN
38 minuti fa, sfabio ha scritto:

Anche perché con quel che costano ti fai il 7+1 completo con i miei diffusori! 😱

@sfabio  be' certo, perché il WAF estremo con le tue Reginette del Ballo non scatta, no ? 😂😂😂🙈

Share this post


Link to post
Share on other sites
sfabio
10 minuti fa, AlbertoPN ha scritto:

@sfabio  be' certo, perché il WAF estremo con le tue Reginette del Ballo non scatta, no ? 😂😂😂🙈

Il WAF non l'avevo nemmeno considerato, per le donne che conosco io al massimo sarebbero accettabili dei diffusori RCF da supermercato incassati nel soffito...

Comunque le KII le ho sentite in versione senza sub ad un paio di fiere, e posso confermare la neutralità e trasparenza, che a tanti potrebbero non piacere 🙂

Share this post


Link to post
Share on other sites
AlbertoPN
5 minuti fa, sfabio ha scritto:

Comunque le KII le ho sentite in versione senza sub ad un paio di fiere, e posso confermare la neutralità e trasparenza, che a tanti potrebbero non piacere 🙂

@sfabio io la apprezzo decisamente, è in fondo quello che si cerca tarando impianto ed usando correzioni acustiche: impianto neutro che deve “sparire” e lasciare semplicemente che la musica venga riprodotta il più possibile per come era stata pensata (utopia, visto che non si conosce di persona il fonico o chi ha messo le mani al master e non eravamo presenti al momento della registrazione).

Se hai un impianto “trasparente”, poi, se vuoi, puoi applicare tutte le modifiche che ti interessano; se ne hai già uno caratterizzato, è quasi impossibile farlo diventare “trasparente”. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
delirio

@AlbertoPN 

Grazie Alberto.

Immaginavo fosse lui.

Prendere appuntamento anche solo per entrare nello shop lo trovo ridicolo.

@sfabio

sono quei posti che non fanno sentirmi a mio agio if i can’t afford the product

Vivo a Londra da 21 anni ormai, ed i tempi son cambiati, per come la vedo io😉

Share this post


Link to post
Share on other sites
AlbertoPN

@delirio non è il primo negozio che trovo con queste modalità di apertura al pubblico, in USA mi sono scontrato tante volte con questo tipo di realtà (soprattutto system integrator) ed anche nella civilissima Italia ci sono rivenditori che adottano lo stesso metodo di lavoro.

Personalmente non mi fa ne caldo e ne freddo, se devo essere onesto.

Anzi, se telefonando e prendendo appuntamento sono certo di trovare il set-up che interessa già pronto per l’ascolto, non mi dispiace affatto. Che poi non venda al dettaglio è una sua scelta e di li il fatto di avere la show room sempre aperta come altri negozi.

Al telefono e per mail non mi ha dato l’impressione di essere snob o altro, però non lo conosco di persona e non ci ho avuto a che fare direttamente; vende poi Brand che sono costosi di loro (tranne la RME 😂) e se vai da lui in cerca di qualcosa è ovvio che sai anche a cosa vai in contro. Ti saprò dire, in caso.

Invece hai altri reseller da indicarmi su Londra o zone abbastanza limitrofe ? Mi pare di leggere fra le righe che non ti sta simpatico o non ti sei trovato bene con lui ...

Share this post


Link to post
Share on other sites
delirio

Dont get me wrong Alberto, nessun problema con lui.

Semplicemente non mi rotrovo con questo modo di visitare negozi, anche solo per il piacere di “osservare”.

Londra ormai ha poco rimasto.

Puoi comunque provare KJ in Cavendish street, Audio Lounge in Wigmore st.

Share this post


Link to post
Share on other sites
5mare
11 ore fa, AlbertoPN ha scritto:

Italia il distributore ufficiale AudioGraffiti le mette a circa 31.000 euro con la stessa configurazione

allettante !!

🤨

Share this post


Link to post
Share on other sites
Gici HV
11 ore fa, AlbertoPN ha scritto:

. In Italia il distributore ufficiale AudioGraffiti le mette a circa 31.000 euro con la stessa configurazione. 

...il triplo delle Dutch &Dutch 8c...😳

Share this post


Link to post
Share on other sites
AlbertoPN

@5mare be' non penso sia “colpa sua”. Ad ogni modo, non per fare l’avvocato del diavolo, ma se per ogni cassa (lasciamo stare il modulo BXT per adesso) pensi agli altoparlanti, a 6 amplificatori, a 6 DAC ed un DSP, moltiplichi per due (le casse stereo) e aggiungi quello che serve per i due BXT (6 altoparlanti, 6 amplificatori e 3 DAC per ognuno dei due), più un pre amplificatore (digitale / analogico) per il controllo del volume e la gestione dell’emissione acustica (per la room correction fatta “dall’altra parte”) ed i cablaggi ... per ottenere un risultato simile, sei sicuro risparmieresti in modo significativo ?

Non c’e poi tema di discussione per l’estetica e l’inserimento in ambiente.

Con un progetto pensato e confezionato da zero, per cui con una resa “garantita” (diciamo). 

Share this post


Link to post
Share on other sites
AlbertoPN

@Gici HV difatti dalla chiacchierata col rivenditore le 8c sono le reali vincitrici in termini assoluti.

Ripeto, mancano le Grimm (anche senza il modulo sub + DSP) ma che comunque costano MOLTO di più delle D&D ed anche delle Kii Three senza modulo extra. Come soluzione “singola” le 8c hanno un suono leggermente più ruffiano delle Kii, ma hanno una maggiore estensione in basso e regalano quindi più coinvolgimento, rendendo praticamente ininfluente l’uso di un sub esterno (comunque prevista come opzione) per ambienti di cubatura importante.

Esteticamente sono proprio indiscutibilmente monitor o pro. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Gici HV

@AlbertoPN A Milano,con un brano di Zimmer,la dinamica e i bassi erano incredibili, uno dei pochi impianti che ho rimpianto a casa mia...

Share this post


Link to post
Share on other sites
5mare
2 ore fa, AlbertoPN ha scritto:

5mare be' non penso sia “colpa sua”.

Non volevo dire questo...lungi da me. 

Osservavo solo con stupore misto a divertimento l'escalation dei prezzi di tanti marchi semisconosciuti nella totale noncuranza degli appassionati.

Share this post


Link to post
Share on other sites
5mare
2 ore fa, AlbertoPN ha scritto:

ma se per ogni cassa (lasciamo stare il modulo BXT per adesso) pensi agli altoparlanti, a 6 amplificatori, a 6 DAC ed un DSP, moltiplichi per due (le casse stereo) e aggiungi quello che serve per i due BXT (6 altoparlanti, 6 amplificatori e 3 DAC per ognuno dei due), più un pre amplificatore (digitale / analogico) per il controllo del volume e la gestione dell’emissione acustica (per la room correction fatta “dall’altra parte”) ed i cablaggi ... per ottenere un risultato simile, sei sicuro risparmieresti in modo significativo ?

2 mila euro in tutto ?

Share this post


Link to post
Share on other sites
AlbertoPN
17 minuti fa, 5mare ha scritto:

2 mila euro in tutto ?

@5mare se è uno scherzo non l’ho capito, ma se questo è l’approccio costruttivo alla questione, torno a fare quello che stavo facendo e ti saluto 👍🏻

Share this post


Link to post
Share on other sites
5mare
4 minuti fa, AlbertoPN ha scritto:

se è uno scherzo non l’ho capito, ma se questo è l’approccio costruttivo alla questione, torno a fare quello che stavo facendo e ti saluto

era un paradosso evidentemente...non ti arrabbiare per così poco  

Share this post


Link to post
Share on other sites
otaner
2 ore fa, Gici HV ha scritto:

A Milano,con un brano di Zimmer,la dinamica e i bassi erano incredibili, uno dei pochi impianti che ho rimpianto a casa mia...

Ascoltate da audiograffiti; concordo! "dinamica e bassi incredibili".

Non riesco ad immaginare quale pressione sonora possano generare con l'apposita espansione (sub).

Renato

Share this post


Link to post
Share on other sites

  • Statistiche Forum

    297398
    Total Topics
    6544674
    Total Posts

Facebook

About Melius Club

Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con codice fiscale 07710391215.
Powered by K-Tribes.

Follow us

×
×
  • Create New...

Important Information

Privacy Policy