Jump to content
Melius Club

Xabaras

Diffusori attivi: perchè nessuno se li fila?

Recommended Posts

Esprit
le casse attive non se le fila (quasi) nessuno e questo si spiega da solo
inutile fare tanti giri di parole   

^#(^ ^#(^
Solo pochi uomini hanno avuto una relazione con top model. In base al tuo ragionamento sarebbero sfigati... :-))

Share this post


Link to post
Share on other sites
giordy60

 Silvio non dire così, diciamo che sono stati fortunati ( ad avere una relazione con una top model )  ;)

per rimanere in tema monitor attivi io li ha a casa da oltre 2 anni e non penso di tornare indietro.
ho letto di utenti che criticano i monitor, non ci vedo nulla di strano leggo di utenti che criticano diffusori tradizionali dai costi quasi proibitivi ai più, ho letto critiche sulle trombe, sui dipoli, sulle planari, sui bassi reflex, sulle sospensioni pneumatiche.......evviva le critiche anche sui monitor attivi 
:D
buona musica a tutti, indipendentemente da come la si ascolta.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Member_0055

Bravo giordy, se famo du spaghi.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Paky33
Un diffusore PRO, se di qualità, ti fa sentire TUTTO quelo che c'è nel disco. Poi che quello che ascolti non ti piaccia, è un'altro paio di maniche.

Ritengo molto difficile che un qualunque diffusore "home" a parità di livello, suoni come il corrispondente PRO.

Perche' lo ritieni un dato assoluto?

 

Lo ritengo un dato.... dato dall'esperienza fatta.

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
VELUT LUNA

 Monitor professionali multiamplificati:

- Genelec 1037C + sub7070 (mid/main monitor)

- Neumann KH120 (nearfield monitor)

 

Sorgenti / Pre:

DAC North Star Design Supremo + PRE Norma SC-2 Reference

 

Disponibili per ascolti guidati su appuntamento presso la sede di VELUT LUNA, sita in Casalserugo (Padova).

 

Per appuntamenti contattare:

info@velutluna.it

oppure

inbox Velut Luna di VHF

Share this post


Link to post
Share on other sites
PIEP

221950d1298675953-new-studio-two-control

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
GianGastone
Un diffusore PRO, se di qualità, ti fa sentire TUTTO quelo che c'è nel disco. Poi che quello che ascolti non ti piaccia, è un'altro paio di maniche.

Ritengo molto difficile che un qualunque diffusore "home" a parità di livello, suoni come il corrispondente PRO.

Perche' lo ritieni un dato assoluto?

 

Lo ritengo un dato.... dato dall'esperienza fatta.

 

La mia esperienza non conferma la tua, niente di male in tutto cio', ovviamente...

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
eduardo

Share this post


Link to post
Share on other sites
Xabaras
@bastiano hai posta in inbox

 

E però così non vale. :)

Share this post


Link to post
Share on other sites
eduardo

E'  davvero fastidioso assistere a queste dispute che sarebbero ridicole anche tra bambini,  figuriamoci tra gente della nostra eta'.

Bravo Giordy,  equilibrato come al solito.
Personalmente ho poca esperienza di ascolto di questi sistemi,  e quello che ho ascoltato non mi ha convinto.
Pero'  mi piacerebbe approfondire,  magari con piu'  calma ed in condizioni un po'  piu'  controllate (non in fiere).

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
VELUT LUNA

...(omissis)...

Pero'  mi piacerebbe approfondire,  magari con piu'  calma ed in condizioni un po'  piu'  controllate (non in fiere).

 
corretta riflessione.

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
dufay

Il confronto sistema di altoparlanti amplificato contro stesso sistema passivo è un modo per chiarirsi le idee.

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Cano

Direi che sia l'unico modo...anche perché un diffusore può piacere o no a prescindere dal fatto che sia attivo

Share this post


Link to post
Share on other sites
bastiano

Quando ne ho avuto la possibilità ho condiviso con gli amici del forum alcune mie installazioni

a Tradate 8 anni fa circa con Marco Lincetto

a Padova con un impianto Home Theater Atmos 

con valutazioni mediamente positive.. qualcuna entusiastica alcune critiche incentrate più sulla sorgente ( a Padova Oppo 105) e, naturalmente, su altri aspetti ultra raffinati che non spostano di un decibel (dovrei dire millimetro ma siamo in campo audio) le elevate performance dei sistemi che ho scelto di adottare nelle mie installazioni (ormai una decina tra pubbliche e private controllate con domotica) dopo aver valutato il rapporto q/p di decine di altre soluzioni, anche con ottimi diffusori passivi PMC. B&W, ProAc di fascia medio alta.

 

A Padova son venuti molti amici , qualcuno decisamente ostile ai sistemi amplificati ma le sue critiche si sono potute incentrare sulla sua personale affezione ad un certo tipo di suono che, da quel che ho capito, viene prodotto da un solo tipo di diffusori. 

 

A Milano Hi Fidelity 2016 su sollecitazione dell'amico Marco Lincetto ho allestito una stanza con una coppia di KH310 una di KH120 e un sub KH805  tutte di Casa Neumann, nota nel mondo per i suoi microfoni, immancabili in uno studio di registrazione.

 

Ho scelto, d'accordo con Marco una soluzione "minimalista" ovvero solo un player Oppo105 (usato senza utilizzare lo stadio d uscita a Valvole) collegati direttamente ai diffusori, passando per il sub e alternandone l'ascolto con o senza.

 

L'apprezzamento riscontrato è stato ben superiore alle previsioni. 

Curioso il fatto che in diverse positive recensioni, che ho letto sul dopo manifestazione, molte si fossero soffermate sul fatto che ho volutamente utilizzato cavi fono-rete (eresia nel mondo Hi-Fi perchè affianca segnale e alimentazione) e prese multiple da supermercato.

 

Vero che il il sub non era taratissimo e che la stanza vibrava con i 18 Hz (veri) ma 

L'ho già scritto da qualche altra parte: a fine serata di domenica è entrato nella stanza 113 Pierre Bolduc e c'è rimasto per quasi un'ora, attratto, passando in corridoio, dal suono dei KH310, (a proposito del 3D sul suono dell'altra stanza) e, facendo i complimenti per i monitor ha definito l'impianto ascoltato tra i migliori tre dell'intera manifestazione (una mezza dozzina di persone lo può testimoniare).

Sono iscritto, da appassionato, a VHF Forum da 12 anni, e non sono mai, neppure indirettamente,  intervenuto con finalità commerciali. 

Da quando è stato richiesto agli iscritti di precisare se sono, o meno operatori del settore, ho indicato la mia attività che si sviluppa in progettazione e realizzazione di sistemi complessi.

 

Avendo per primo ( e forse unico) in Italia ad aver utilizzato i grandi Monitor Klein Hummel ho la possibilità di far ascoltare (a Padova) e, volendo) acquistare questi monitori a condizioni più vantaggiose dei già ottimi prezzi di alcuni distributori on line. 

 

In questo 3D ne ho letto di tutti i colori: cross over realizzati malamente, stadi finali altrettanto, vibrazioni dannose (non vale anche per gli xover passivi?) cavi scadenti ecc.

 

Opinioni che naturalmente tutti sono liberi di sostenere e difendere, magari argomentandole.

Io concordo senza dubbi su una: i monitor da studio sono bruttacchi.

 

Sul resto, vi piaccia o no, non ci sono confronti.

Se non si vogliono investire ( ?) soldi in cavi, punte, stand ecc. ma acquistare sistemi "tutto succo" con il suono piu fedele possibile alla registrazione, non c'è alternativa, a  parità di prezzo. 

Se qualcuno è in grado di proporre una catena completa alternativa ad un sistema lettore+monitor di costo pari o inferiore sono curiosissimo (e non solo io ) di sperimentarla, ci mancherebbe. C'è sempre da imparare.

Share this post


Link to post
Share on other sites
dufay

Le tue casse Bastiano suonano molto bene ma c'è chi come me cerca cose diverse.

Share this post


Link to post
Share on other sites
blueray
Un diffusore PRO, se di qualità, ti fa sentire TUTTO quelo che c'è nel disco. Poi che quello che ascolti non ti piaccia, è un'altro paio di maniche.

Ritengo molto difficile che un qualunque diffusore "home" a parità di livello, suoni come il corrispondente PRO.

quotone....

Share this post


Link to post
Share on other sites
dufay

Mhhhh cosa c'è in un disco? Tutto esce dai sistemi amplificati o dai sistemi pro?

Cosa significa poi sistema pro?

Molti sistemi usati nel professionale hanno gli stessi trasduttori del sistema home, anzi a volte sono proprio gli stessi sistemi e viceversa in casa alcuni usano sistemi usati nel professionale.

A mio parere la distinzione pro home non ha ragione di esistere. Ci sono solo cose buone e meno buone.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest

quello che tanti dimenticano sempre è che a casa magari un impianto deve suonare in 15 mq con i vicini a fianco.

altro è lo studio di registrazione, il salone da concerto, un teatro oppure un evento live.

Share this post


Link to post
Share on other sites
lampo65
quello che tanti dimenticano sempre è che a casa magari un impianto deve suonare in 15 mq con i vicini a fianco.

altro è lo studio di registrazione, il salone da concerto, un teatro oppure un evento live.

 

Io ho solo dei dubbi sul discorso nearfield- main-mid, cioè che casse ci vogliono per ascoltare da 3-3.5 metri?

Per il resto mi aspetterei di fare meno casino con una cassa attiva e bella grossa magari...

Share this post


Link to post
Share on other sites
Colombo Riccardo

convivendo da 10 anni con monitor da studio in casa ritengo molto difficile far entrare nella casa

di un audiofilo un diffusore di questo tipo.

ciao
Riki

Share this post


Link to post
Share on other sites
lampo65

Dopodichè chiaramente l'estetica gioca un ruolo importante. Una piccola torretta ci sta bene ovunque e del resto alcuni produttori le stanno proponendo attive.

Share this post


Link to post
Share on other sites
eduardo
convivendo da 10 anni con monitor da studio in casa ritengo molto difficile far entrare nella casa

di un audiofilo un diffusore di questo tipo.

ciao
Riki
Dipende.
Io, a casa mia, non mi farei problemi.  

Share this post


Link to post
Share on other sites
eduardo
convivendo da 10 anni con monitor da studio in casa ritengo molto difficile far entrare nella casa

di un audiofilo un diffusore di questo tipo.

ciao
Riki
Che monitor hai ?

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest
quello che tanti dimenticano sempre è che a casa magari un impianto deve suonare in 15 mq con i vicini a fianco.

altro è lo studio di registrazione, il salone da concerto, un teatro oppure un evento live.

 

Io ho solo dei dubbi sul discorso nearfield- main-mid, cioè che casse ci vogliono per ascoltare da 3-3.5 metri?

Per il resto mi aspetterei di fare meno casino con una cassa attiva e bella grossa magari...

 


 

di solito a quella distanza li, che è in linea con quella media di ascolto visto il continuo ridimensionarsi degli appartamenti, le classiche cassette di medio livello senza eccezionali pretese. le dimensioni contano, se non hai l' ambiente non c'è niente da fare, come far fare ad un asiatico dipinto di nero le interpretazioni bbc in categoria ebony di you p. così facciamo contenti anche giang e bluesm

sul discorso casino e distorsione concordo, i vicini si lamentano se distorce, non per il volume alto senza distorsione ( circa, poi a tutto c'è un limite ), poi chiaro anche il discorso estetico e di inserimento in ambiente, se non hai spazio una classica coppia di sf che suonano bene a centro stanza non te le godrai mai. idem per i dipoli, open baffle, trombe che stanno bene montate a sbalzo fuori casa con sfiatatoio all' interno ( voi credete che stia scherzando ma c'è chi lo ha fatto )

Share this post


Link to post
Share on other sites
Colombo Riccardo
convivendo da 10 anni con monitor da studio in casa ritengo molto difficile far entrare nella casa

di un audiofilo un diffusore di questo tipo.

ciao
Riki
Che monitor hai ?2 Genelec 1238A + 2 sub Genelec 7270A

vado direttamente in digitale bilanciato dal computer al sistema Genelec e vario il volume del sistema

tramite il suo telecomando.

ciao
Riki

Share this post


Link to post
Share on other sites
goodmax

Avendo per primo ( e forse unico) in Italia ad aver utilizzato i grandi Monitor Klein Hummel ho la possibilità di far ascoltare (a Padova) e, volendo) acquistare questi monitori a condizioni più vantaggiose dei già ottimi prezzi di alcuni distributori on line. 

 

In questo 3D ne ho letto di tutti i colori: cross over realizzati malamente, stadi finali altrettanto, vibrazioni dannose (non vale anche per gli xover passivi?) cavi scadenti ecc.

 

Opinioni che naturalmente tutti sono liberi di sostenere e difendere, magari argomentandole.

Io concordo senza dubbi su una: i monitor da studio sono bruttacchi.

 

Sul resto, vi piaccia o no, non ci sono confronti.

Se non si vogliono investire ( ?) soldi in cavi, punte, stand ecc. ma acquistare sistemi "tutto succo" con il suono piu fedele possibile alla registrazione, non c'è alternativa, a  parità di prezzo. 

Se qualcuno è in grado di proporre una catena completa alternativa ad un sistema lettore+monitor di costo pari o inferiore sono curiosissimo (e non solo io ) di sperimentarla, ci mancherebbe. C'è sempre da imparare.

quoto.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Esprit
quello che tanti dimenticano sempre è che a casa magari un impianto deve suonare in 15 mq con i vicini a fianco.

altro è lo studio di registrazione, il salone da concerto, un teatro oppure un evento live.

Ho i vicini ed ho 2200 watt su 4 monitor. Posso farli suonare con un filo di volume anche alle 4 di notte come dare qualche bordata in pieno pomeriggio. Non vi è nessuna differenza con chi, non avendo un luogo "isolato", utilizza diffusori ed amplificazioni separate. Quindi possono non piacere gli uni rispetto agli altri ma non certo per questo motivo. :)

Share this post


Link to post
Share on other sites
Esprit
Io ho solo dei dubbi sul discorso nearfield- main-mid, cioè che casse ci vogliono per ascoltare da 3-3.5 metri?
Per il resto mi aspetterei di fare meno casino con una cassa attiva e bella grossa magari...
Io vivo in un "quasi" piccolo monolocale, utilizzo midfield, quella distanza lì non è un problema. Anzi forse ci si potrebbe muovere anche un poco di più.

Share this post


Link to post
Share on other sites
gabri65

Salve a tutti

quindi ,da profano di sistemi attivi, volendo sostituire un integrato e rispettivi diffusori passivi (DALI ZENZOR 3 + AMPLI MARANTZ  ) cosa mi consigliate volendo connettere direttamente un MARANTZ NA 8005 per avere un incremento di prestazioni ,rimanendo su prezzi "normali"  ? Servirebbe,in questo caso ,che i diffusori stessi abbiano il controllo del volume .
La mia è pura curiosità ,ma mai dire mai .anche perche non sono mai riuscito ad ascoltarne nessuno di qualità adeguata

Share this post


Link to post
Share on other sites
totem
Salve a tutti
quindi ,da profano di sistemi attivi, volendo sostituire un integrato e rispettivi diffusori passivi (DALI ZENZOR 3 + AMPLI MARANTZ  ) cosa mi consigliate volendo connettere direttamente un MARANTZ NA 8005 per avere un incremento di prestazioni ,rimanendo su prezzi "normali"  ? Servirebbe,in questo caso ,che i diffusori stessi abbiano il controllo del volume .
La mia è pura curiosità ,ma mai dire mai .anche perche non sono mai riuscito ad ascoltarne nessuno di qualità adeguata

 

Tutti hanno il controllo del volume, la maggior parte posto sul retro del diffusore e quindi scomodo da regolare, a meno di non avere un preampli.

Per consigliarti bisognerebbe sapere almeno il budget a disposizione, le dimensioni dell'ambiente dove li posizionerai e perché no, anche i tipi di musica che prediligi ascoltare.

Share this post


Link to post
Share on other sites

  • Statistiche Forum

    294941
    Total Topics
    6441939
    Total Posts

Facebook

About Melius Club

Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con codice fiscale 07710391215.
Powered by K-Tribes.

Follow us

×
×
  • Create New...

Important Information

Privacy Policy