Vai al contenuto
  • Annunci

    • K-Tribes Team

      Problemi di login?   31/12/2017

      Scrivici usando il tasto [Contatti] in alto sulla destra.
luigi61

Che spettacolo! Bowers & Wilkins Factory Video: 803 D3

Messaggi raccomandati

luigi61

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
baldo68

Bello !!!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ste73

Quella che si chiama ingegnerizzazione.

Il mobile costa una fortuna, in oggetti di tal pregio piango nel vedere che i woofer sono collegati con due faston da 10 cent cadauno. Potevano metterci, senza limitazioni di costo, morsetti professionali... e poi ci pensa il gatto a rovinare la laccatura, o la domestica con lo scopettone :D :D

 

Ciao

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
luigi61
Quella che si chiama ingegnerizzazione.

Il mobile costa una fortuna, in oggetti di tal pregio piango nel vedere che i woofer sono collegati con due faston da 10 cent cadauno. Potevano metterci, senza limitazioni di costo, morsetti professionali... e poi ci pensa il gatto a rovinare la laccatura, o la domestica con lo scopettone :D :D

 

Ciao

... per fortuna non ho il gatto e la domestica non entra in sala musica  :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite

Per quello ho una music-room 6x8 sigillata dal resto del mondo con porta blindata, allarme, filo spinato ed alta tensione... :D

Chi entra muore!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ste73
Per quello ho una music-room 6x8 sigillata dal resto del mondo con porta blindata, allarme, filo spinato ed alta tensione... :D

Chi entra muore!

 

Ottimo!! ;-)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
goodmax

Bel filmato!

 

p.s.: vorrei vedere un cantinaro a fare anche solo il mobile della 803 d3...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
mouse63

Boh...tutta sta bellezza non la vedo ... Sono le solite bew ... :-?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
aldina

molto bello e chiaramente molto ben presentato da un marketing moderno e ammiccante.

si comprende  la differenza tra le possibilità costruttive di un grande marchio dell'audio industry con i produttori artigianali.

vien quasi voglia di comprarle.

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Esprit

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
GianGastone
molto bello e chiaramente molto ben presentato da un marketing moderno e ammiccante.

si comprende  la differenza tra le possibilità costruttive di un grande marchio dell'audio industry con i produttori artigianali.

vien quasi voglia di comprarle.

Allora i mobili di queste li diamo al gatto...fatti i tagli, assemblaggio e pareggiature varie sono fatte a mano a suon morsetti, vinilica e levigatrice, la verniciatura a mano, gli at se li fanno fare. Ergo e' un prodotto artigianale.

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
aldina

Infatti Sergio. Per me Wilson e B&W son due realtà equivalenti dell'audio industry moderna. Credo che i numeri costruttivi siano abbastanza simili anche se Wilson non ha in catalogo una linea entry level come il costruttore inglese.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
ernesto62

... Veramente impressionante. B&W è una realtà a livello industriale

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
PIEP

... e a differenza di altre marche, pure nostrane, ha sempre avuto, democraticamente, linee di prodotti completi alla portata di tutti, o quasi, e cmq sotto il millino ... =D>

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
camaro71
Infatti Sergio. Per me Wilson e B&W son due realtà equivalenti dell'audio industry moderna. Credo che i numeri costruttivi siano abbastanza simili anche se Wilson non ha in catalogo una linea entry level come il costruttore inglese.

 

non credo proprio che wilson sforni tanti diffusori come b&w

b&w è un colosso, wilson una azienda medio/piccola

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
GianGastone

Domanda, la tipologia di realizzazione pratica determina sempre e comunque la qualita'?

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite
Domanda, la tipologia di realizzazione pratica determina sempre e comunque la qualita'?

Non la qualità in assoluto. Di certo determina un livello costante di qualità

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
GianGastone

Allora mattiamola cosi', vado dalla falegnameria con cnc, mi porto a casa le tavole, le monto e incollo con la dima sempre realizzata al cnc. Volendo posso fare le pareti curvilinee, e' sufficiente fresare le oppurtune scanalature longitudinali e mettere in dima.

 

Sono un piccolo artigiano ovviamente, cos'hanno i miei diffusori per essere incostanti?

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite
Allora mattiamola cosi', vado dalla falegnameria con cnc, mi porto a casa le tavole, le monto e incollo con la dima sempre realizzata al cnc. Volendo posso fare le pareti curvilinee, e' sufficiente fresare le oppurtune scanalature longitudinali e mettere in dima.

 

Sono un piccolo artigiano ovviamente, cos'hanno i miei diffusori per essere incostanti?

Il controllo del processo: che in una grande azienda industrializzata è standardizzato e testato.

B&W ma pure Wilson non può permettersi di produrre diffusori non identici come caratteristiche non solo sonore ma anche estetico - costruttive.

Io mica voglio dire che un piccolo artigiano possa fare cose egregie: semplicemente una industria produce x prodotti identici per cui io , acquirente, ho la certezza di quanto sto acquistando. Con il piccolo artigiano non è così garantito. tutto qui

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
aldina
Allora mattiamola cosi', vado dalla falegnameria con cnc, mi porto a casa le tavole, le monto e incollo con la dima sempre realizzata al cnc. Volendo posso fare le pareti curvilinee, e' sufficiente fresare le oppurtune scanalature longitudinali e mettere in dima.

 

Sono un piccolo artigiano ovviamente, cos'hanno i miei diffusori per essere incostanti?

Il controllo del processo: che in una grande azienda industrializzata è standardizzato e testato.

B&W ma pure Wilson non può permettersi di produrre diffusori non identici come caratteristiche non solo sonore ma anche estetico - costruttive.

Io mica voglio dire che un piccolo artigiano possa fare cose egregie: semplicemente una industria produce x prodotti identici per cui io , acquirente, ho la certezza di quanto sto acquistando. Con il piccolo artigiano non è così garantito. tutto qui

concordo del tutto con la risposta di senek65

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
GianGastone

Se ossevate la costruzione delle Wilson e' totalmente manuale, morsetti, colla, orbitale, verniciatura.

Nei fatti tipicamente artigianale, vanno male? No. Hanno prestazioni dissimili? Non credo. Sono diverse tra loro? Non mi pare.

 

La meccanizzazione spinta ha dei costi iniziali elevatissimi poi da amortizzare, B&W se lo puo' permettere anche per ovvi motivi di tempo di realizzazione amortizzati con numeri molto grandi, Wilson no.

 

Quale differenza ci puo' essere tra i pezzi al cnc di Wilson o B&W e i miei? Nessuna, ho il cnc a pochi kilometri da casa tra l' altro.

Poi io mi doterei di opportune dime di montaggio, Wilson non le ha. Sonus assembla tutto a mano, curvature comprese. In dima. Non hanno adeguata ripetitivita' costruttiva? Non mi sembra.

 

Scusate, nessuna polemica, ma credo non abbiate molta esperienza di costruzione in genere.

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
jazzandroll
Il mobile costa una fortuna, in oggetti di tal pregio piango nel vedere che i woofer sono collegati con due faston da 10 cent cadauno.

Trattasi di puro pragmatismo, lontano anni luce dalle fissazioni audiofile, anche perchè non credo che connessioni auree avrebbero determinato un risultato drammaticamente differente, e questa ne è la lampante prova.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
PIEP

... infatti: mica si parla di piedini di processori x pc o apparecchi el.medicali, ma di roba con principi e tecnologie elettromeccaniche quasi ottocentesche ...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite
Se ossevate la costruzione delle Wilson e' totalmente manuale, morsetti, colla, orbitale, verniciatura.

Nei fatti tipicamente artigianale, vanno male? No. Hanno prestazioni dissimili? Non credo. Sono diverse tra loro? Non mi pare.

 

La meccanizzazione spinta ha dei costi iniziali elevatissimi poi da amortizzare, B&W se lo puo' permettere anche per ovvi motivi di tempo di realizzazione amortizzati con numeri molto grandi, Wilson no.

 

Quale differenza ci puo' essere tra i pezzi al cnc di Wilson o B&W e i miei? Nessuna, ho il cnc a pochi kilometri da casa tra l' altro.

Poi io mi doterei di opportune dime di montaggio, Wilson non le ha. Sonus assembla tutto a mano, curvature comprese. In dima. Non hanno adeguata ripetitivita' costruttiva? Non mi sembra.

 

Scusate, nessuna polemica, ma credo non abbiate molta esperienza di costruzione in genere.

Secondo me se tu che non ha idea di cosa sia la produzione industriale. E Wilson mica è un piccolo artigiano. Non c'entra il macchinario in se: c'entra il pensiero industriale.

Tu puoi fare, teoricamente, come fa Wilson: ma io noncredo che i risultati intermini di constanza possano essere uguali

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite
... infatti: mica si parla di piedini di processori x pc o apparecchi el.medicali, ma di roba con principi e tecnologie elettromeccaniche quasi ottocentesche ...
Che però "giustamente" essendosi inventati un preciso targhet di mercato di nicchia,del superfluo lussuoso ti fanno pagare cifre molto consistenti.

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
GianGastone
Se ossevate la costruzione delle Wilson e' totalmente manuale, morsetti, colla, orbitale, verniciatura.

Nei fatti tipicamente artigianale, vanno male? No. Hanno prestazioni dissimili? Non credo. Sono diverse tra loro? Non mi pare.

 

La meccanizzazione spinta ha dei costi iniziali elevatissimi poi da amortizzare, B&W se lo puo' permettere anche per ovvi motivi di tempo di realizzazione amortizzati con numeri molto grandi, Wilson no.

 

Quale differenza ci puo' essere tra i pezzi al cnc di Wilson o B&W e i miei? Nessuna, ho il cnc a pochi kilometri da casa tra l' altro.

Poi io mi doterei di opportune dime di montaggio, Wilson non le ha. Sonus assembla tutto a mano, curvature comprese. In dima. Non hanno adeguata ripetitivita' costruttiva? Non mi sembra.

 

Scusate, nessuna polemica, ma credo non abbiate molta esperienza di costruzione in genere.

Secondo me se tu che non ha idea di cosa sia la produzione industriale. E Wilson mica è un piccolo artigiano. Non c'entra il macchinario in se: c'entra il pensiero industriale.

Tu puoi fare, teoricamente, come fa Wilson: ma io noncredo che i risultati intermini di constanza possano essere uguali

Perche' i miei risultati non potrebbero essere costanti quanto Wilson? Io addirittura i pezzi provenienti dal cnc li monterei in dima proprio per avere maggiore costanza, Wilson le dime non le usa. E pareggia manualmente di orbitale. Ergo sono piu' preciso io.

Se guardi il processo costruttivo di Wilson e' da piccolo artigiano. Aldila' dei numeri prodotti.  Sonus, e' un artigiano Sonus? No come economia e organizzazione, si per la realizzazione pratica.

 

L'unica cosa che non potrei permettermi e' la curvatura a pressa dei piallaci, non altro. Ma solo per motivi di costo.

 

Guarda che un po' idee riguardo i processi industriali ce lle ho, ho lavorato sia in grandi produzioni che in piccole.

Alcune fortemente meccanizzate, altre manuali. Poi posso dirti che ho realizzato diverse dime. L' argomento costruzione lo conosco, per questo ne scrivo. Tra le varie anche utilizzo di cnc, per piani e anche per tubi  con tagli di questi a variazione di gradi.

 

Passando da spessori di decimi di millimetro fino a sedici centimetri.

 

Ho lavorato nella meccanica fine con macchine utensili di alta precisione e nella carpenteria pesante, costruzione di piattaforme petrolifere e reattori chimici.

 

Ora controllo il lavoro altrui in situazioni a forte dissimilitudine.

 

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite

Ma dai! di veramente hi-tech nella realizzazione dei diffusori in generale c'è poco o niente.

Non ci sono chi sa quali tolleranze di lavorazione strette, forse qualche cosa in più nei componenti degli altoparlanti ma anche quì niente di particolare.

Il marketing,le chiacchere,il fumo negli occhi,quelli si sono elevati.

imho.

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
GianGastone

Abbastanza.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
luigi61

Se si avesse la modestia di osservare con attenzione anche solo l'imballo delle 803d3 e, perché no, sballare personalmente i diffusori, capirebbe che siamo su un livello ingegneristico e costruttivo per il quale ci si può entusiasmare.

Non ho mai avuto una così grande percezione di "valore" acquistando un oggetto hi-fi.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
GianGastone

Allora, ingegneristico niente da dire, costruttivo ottimo ma oggigiorno normale.Luigi, sballando le casse al massimo puoi valutare la bellezza delle finiture. Non altro. Ingegneristico piedini a parte le dovresti aprire. Anche gli at. Detto genericamente sia chiaro.

 

Mi sa che che fate i periti con gli occhi...

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

  • Statistiche forum

    281.655
    Discussioni Totali
    5.873.867
    Messaggi Totali

Facebook

About Melius Club

Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con sede legale e operativa nell’Incubatore certificato Campania NewSteel in Napoli via Coroglio 57/d e codice fiscale 07710391215.

Powered by K-Tribes.

Follow us

×