Jump to content
Melius Club

wiking

Bose 901

Recommended Posts

dadox

@robyroadster O graffette o colla, da lì non si scappa. Come tutti gli altoparlanti al mondo, le viti stanno attorno al cestello, quindi il solo modo per accedervi è togliere la tela anteriore.

Share this post


Link to post
Share on other sites
robyroadster

@dadox 

Incredibile che nella 901 VI la griglia posteriore sia stata modificata ad incastro e si toglie facilmente mentre quella posteriore è un rebus.

Forse è stata modificata per ottenere prestazioni migliori senza griglie posteriori?

Potevano scrivere qualcosa sul manuale di istruzioni a riguardo.

Share this post


Link to post
Share on other sites
robyroadster

Proseguo gli ascolti con l’Lp della Classic Record:

The New Symphony Orchestra Of London, Alexander Gibson ‎– Witches' Brew

È incredibile la naturalezza che si percepisce con le 901 e la fluidità di emissione.

Il calore e la piacevolezza del suono valvolare si esprime come non ho mai sentito con tutti gli altri diffusori.

Il dettaglio, pure quello altro che!

Finalmente riesco a percepire le sonorità delle sale da concerto anche a casa.

Forse l’assenza del crossover il segreto di tanta naturalezza, che però non basterebbe se non ci fosse l’emissione degli altoparlanti  posteriori, che dona una dispersione naturale.

Vista la lontananza dalle pareti un aiutino del sub Velodyne DD12 glie lo do, poi vedremo se spostando le 901 in posizione consona si potrà toglier.

La naturalezza e insisto con questo termine a mio avviso si esalta con gli strumenti naturali e quindi con la musica classica.

Naturalezza, fluidità e coerenza della risposta in frequenza che non va a privilegiare alcuna gamma, altrimenti non ci sarebbe naturalezza.

Share this post


Link to post
Share on other sites
AlfonsoD
Il 27/9/2019 Alle 21:39, robyroadster ha scritto:

Fisicamente la stanza date le dimensioni non mi consente di scendere sotto i 57Hz ma con le 901 ci arrivo sicuramente.

Scusami, ma da dove ti viene questo calcolo?

Non avrai sviluppato la massima lunghezza d'onda che entra per intero nella diagonale maggiore del volume a tua disposizione, vero?

Altrimenti in macchina non potremmo udire nulla sotto i 150hz ed in cuffia solo gli alti.

Per favore, se leggete cazzate in giro, evitate di riportarle come certezza sul forum: qualcuno potrebbe addirittura crederci.

Share this post


Link to post
Share on other sites
dadox

@AlfonsoD In effetti Bose dichiara discesa sulle basse fino a 35hz. Ovviamente non con la presenza di un sub, ma posso garantire che riproducendo un brano con un basso continuo veramente “carico”, la stanza pare “gonfiarsi” come un pallone. 😂

Share this post


Link to post
Share on other sites
AlfonsoD

I dati scritti sulle cartuscelle vanno sempre interpretati ed inseriti nel contesto.

Eppoi cosa significa 35hz? a quanti db sotto rispetto allo 0db? e con che SPL?

Per esempio, ci sono casse con woofer da 16cm che dichiarano estensioni fino ai 30hz e altre con woofer da 38cm che dichiarano i 40hz; secondo te questi numeri hanno gli stessi parametri di lettura?

Share this post


Link to post
Share on other sites
dadox

@AlfonsoD be', nelle prove effettuate e pubblicate sulle riviste, i risultati si equiparavano al pari di un woofer da 38 cm. Va tenuto conto dell’insieme, ovvero la sinergia della matrice acustica interna e dei drivers comunicanti fra loro, che per la loro dimensione risultano piccoli e velocissimi nei transienti, nonché robustisimi. Va tenuto conto della esasperata distanza dal muro posteriore di @robyroadster , in questo caso la perdita di riflessione e di conseguenza della maggior parte dell’impatto sulle basse frequenze è rimarchevole; dovrebbero stare al massimo alla metà di tale misura, figuriamoci...

Share this post


Link to post
Share on other sites
AlfonsoD
1 ora fa, dadox ha scritto:

be', nelle prove effettuate e pubblicate sulle riviste, i risultati si equiparavano al pari di un woofer da 38 cm.

Ma nel mio commento precedente, non mi riferivo alle capacità dinamiche e di estensione delle 901, ma ho fatto una semplice osservazione su un'affermazione: "isicamente la stanza date le dimensioni non mi consente di scendere sotto i 57Hz ma con le 901 ci arrivo sicuramente".

Mi chiedevo da dove venisse questo calcolo (e l'ho anche suggerito), ma sopratutto IN BASE A QUALE LEGGE FISICA ne traevi la conclusione, e cioè che quella (57hz) era la minima frequenza riproducibile nel tuo ambiente.

Per il resto non discuto.

Share this post


Link to post
Share on other sites
dadox

@AlfonsoD Non so, io non ho mai tirato in ballo le frequenze. Lo ha fatto lui, casomai. Io sento le emozioni, nient’altro.😊

Share this post


Link to post
Share on other sites
robyroadster
14 ore fa, AlfonsoD ha scritto:

Scusami, ma da dove ti viene questo calcolo?

Non avrai sviluppato la massima lunghezza d'onda che entra per intero nella diagonale maggiore del volume a tua disposizione, vero?

Altrimenti in macchina non potremmo udire nulla sotto i 150hz ed in cuffia solo gli alti.

Per favore, se leggete cazzate in giro, evitate di riportarle come certezza sul forum: qualcuno potrebbe addirittura crederci.

Non serve scaldarsi per così poco...senza polemica che non è mai costruttiva.

Sicuramente avrai ragione tu ma in rete e non solo c’è un po di confusione.

Mi ricordo che molti anni fa su un numero di Suono si diceva questo e poco tempo fa mi è stato fatto notare, da una persona del settore,

non essendo esperto nello specifico mi pareva plausibile.

Anche su TNT viene riportata tale pensiero:

https://www.tnt-audio.com/clinica/room_acoustics2.html

Le stanze sono in grado di contenere in modo coerente quelle lunghezze d'onda che possono essere fatte stare nelle dimensioni della stanza. La frequenza più bassa che possa essere riprodotta da un diffusore in una stanza di solito è quella dove la distanza maggiore dal driver di un diffusore ad una superficie piana riflettente è λ/2. Questa sarà anche, generalmente,l'onda stazionaria di frequenza più bassa dallo speaker al muro e viceversa.

Interessante la parola “coerente”

Giussani invece la vede mi pare in maniera diversa e parla di Propagazione contro pressione:

http://www.renatogiussani.it/limite-inferiore-basse-frequenze-in-ambiente-dascolto/

Fatto sta che un buon sub nella mia piccola esperienza aiuta tutti i miei diffusori quindi lo uso a prescindere da λ/2.

Share this post


Link to post
Share on other sites
robyroadster

Tornando alle 901 argomento fulcro può solo che fare piacere la possibilità degli invitati che con questo diffusore possono godere del suono a prescindere dalla posizione che non è più obbligata al vertice del triangolo

Share this post


Link to post
Share on other sites
dadox

@robyroadster La 901nei primi anni della sua produzione ovviamente finì nelle fauci del giornalismo del settore americano. A quei tempi si poteva incappare nei giudizi di autentici mostri sacri dell'ingegneria acustica di quei tempi. In particolare ci fu chi etichettò la 901 come il miglior sistema di diffusori al mondo. Va tenuto conto che questo progetto fu senza alcun dubbio ciò che diede il via al fenomeno Bose, che fece letteralmente mettere in moto la produzione su larga scala, e dal quale (cosa inusuale) nacque la costola PRO, dedicata dal concetto originale del driver a banda larga equalizzato attivamente.

Share this post


Link to post
Share on other sites
AlfonsoD
10 ore fa, robyroadster ha scritto:

 in rete e non solo c’è un po di confusione.

Ecco, questo è il punto: credere ciecamente a quello che scrive il GURU di turno.

Se questa cosa fosse vera, non avrebbero neanche inventato le cuffie, tanto avrebbero suonato come due tweeter.

10 ore fa, robyroadster ha scritto:

Giussani invece la vede mi pare in maniera diversa e parla di Propagazione contro pressione

Questo invece è un esempio di persona che studia la materia (e poi non se la tiene per sé come quelli che non ne sanno nulla e sembrano custodire i segreti del Graal).

Purtroppo il compianto Giussani non è stato mai preso in considerazione come alcuni "professori" (spesso autonominatisi tali) che sparano a destra e a manca senza prendere la mira.

10 ore fa, robyroadster ha scritto:

Le stanze sono in grado di contenere in modo coerente quelle lunghezze d'onda che possono essere fatte stare nelle dimensioni della stanza. La frequenza più bassa che possa essere riprodotta da un diffusore in una stanza di solito è quella dove la distanza maggiore dal driver di un diffusore ad una superficie piana riflettente è λ/2. Questa sarà anche, generalmente,l'onda stazionaria di frequenza più bassa dallo speaker al muro e viceversa.

Leggi bene questa frase, e vedi che non c'è scritto che le frequenze al di sotto di quella incriminata non possano essere riprodotte (neanche LC è l'ultimo arrivato, ma spesso quello che scrive viene -male- interpretato), solo che al di sotto di quella frequenza si creano un poco di casini, casini di quelli che non si risolvono con i tappeti ed i pannelli bugnati.

Share this post


Link to post
Share on other sites
robyroadster

@dadox 

Il 27/9/2019 Alle 13:20, dadox ha scritto:

la versione Tulip fa parte del catalogo di un “customizzatore” tedesco.

Scusa se torno sull’argomento ma tulip non si riferisce agli stand?

Dici che quella rifinitura non era fatta dalla Bose, chi la faceva?

klang Stark?

A proposito ho visto che fornisce dei twetter aggiuntivi cosa ne pensi? Non mi pare ce ne sia bisogno.

Se non ricordo male gli avevi inviato una mail per avere un preventivo per la riconatura e il prezzo era di 400€, ma che materiale usa?

Share this post


Link to post
Share on other sites
robyroadster

Ho letto ora che il materiale della sospensione Thullin di Klang Stark è gomma naturale.

Share this post


Link to post
Share on other sites
dadox

@robyroadster si era klang-Stark. Non so se quelle sospensioni offrano il corretto “ammortizzatore”. Durevoli si, rispetto all’originale. Ma non vorrei applicassero eccessiva resistenza. In ogni caso, se le fanno strapagare...

Share this post


Link to post
Share on other sites
robyroadster

Ho trovato una foto della 901 VI serie senza griglia frontale dove c’è un quadratino in cui è scritto 

“staple here only”

Presumo per togliere la copertura.

Ma toccando la tela nell’angolo non la sento al tatto.

2A9D5944-2FEF-48CD-A5AC-94BECC584E59.jpeg

Share this post


Link to post
Share on other sites
robyroadster

http://www.klang-stark.de/fs_historie.html

Ora leggo che la mia versione è dell’1987

La Serie VI è stata introdotta nell'estate del 1987 in Nord America. Per la guida del mercato, c'era una versione di modello in impiallacciatura chiara con finiture marrone chiaro e i corrispondenti supporti marrone chiaro. Nel secondo anno furono sostituiti dal modello "custom": d'ora in poi disponibile nella struttura in simil frassino impiallacciato nero in plastica, oppure come "Classic" in impiallacciatura chiara con fodere marrone scuro. Il classico modello speciale della serie VI è il "Limited" - successivamente "Concerto": a questo è stata data una finitura esclusiva in lacca per pianoforte. Le guance in legno dei modelli Custom e Classic sono state sostituite con pannelli laterali in alluminio spazzolato. I modelli ben conservati raggiungono già prezzi elevati per gli amanti.

Share this post


Link to post
Share on other sites
dadox

@robyroadster staple here only significa piantate le graffette soltanto qui

Share this post


Link to post
Share on other sites
dadox

@robyroadster la Concerto ha l’equalizzatore attivo nero col frontalino color oro e le serigrafie chiare (ma non bianche), tipo color avorio.

Share this post


Link to post
Share on other sites
robyroadster

@dadox 

Grazie.

trovate finalmente le graffette da ogni angolo del frontale a 3/5 righe di tramatura orizzontali e 3/5 verticali,

si vede solo con la lente di ingrandimento color rame dello stesso colore della trama.

Senza lente di ingrandimento non le avrei mai viste.

A4C87749-784B-43E7-820D-15EEB128F30D.jpeg

Share this post


Link to post
Share on other sites
robyroadster

BE3FD353-C84B-47EE-8FDB-6E7F848B07D6.jpeg

Share this post


Link to post
Share on other sites
robyroadster

Qualcuno ha mai provato a collegare 2 coppie in stereo 2 su un canale di destra e 2 sul canale di sinistra sovrapposte?

Share this post


Link to post
Share on other sites
dadox

@robyroadster Potrei, ma servirebbe solo a far casino. Al limite 2 su piedistallo e 2 appese, ma a me appese non piacciono...

Share this post


Link to post
Share on other sites
robyroadster

@dadox 

in steck no?

Tu hai 2 coppie?

Se non sbaglio dovresti con 2 coppie di diffusori aumentare di 3 db la pressione dimezzando la distorsione, ma con diffusori  a direct reflection forse l’effetto cambia ancor di più?

Per l’impedenza si dovrebbe arrivare a 4 ohm.

Share this post


Link to post
Share on other sites
dadox

@robyroadster Si, ma se ben sistemate non saprei che farmene di tutta questa riserva di energia. Giá così alzando un po' il volume l’intero muro “canta”🎤🎼 Anni addietro quando a livello embrionale apparve la quadrifonia su vinile, Bose offriva Il pre quadrifonico da abbinare a due finali 1800 e due coppie di 901 da posizionare alla parete anteriore e posteriore rispetto all’ascoltatore.

Share this post


Link to post
Share on other sites

  • Statistiche Forum

    299495
    Total Topics
    6625087
    Total Posts

Facebook

About Melius Club

Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con codice fiscale 07710391215.
Powered by K-Tribes.

Follow us

×
×
  • Create New...

Important Information

Privacy Policy