Vai al contenuto
Melius Club

bosal

RME ADI-2 Pro

Messaggi raccomandati

stanzani

@BasBass anche secondo me un alimentatore lineare esterno è poco sensato. questi sono ingegneri coi contro-coglioni (scusate il francese) a quanto vedo: il lavoro di purificazione e' eseguito dai regolatori interni. Poi certo si puo' provare ma senza pregiudizi (ovvero sena sapere cosa suona)

p.s. il supporto e' eccellente: li ho contattai e mi hanno risposto gentilmente e con grande competenza)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
apprendista
44 minuti fa, stanzani ha scritto:

Lo AD2 pro puo' essere usato per pilotare direttamente dei finali, ovvero: funziona come pre?

grazie

Si

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
apprendista

E aggiungo, ha anche il livello regolabile in vari step: + 4, +13, +19 + 24 dbu...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
stanzani

@apprendista lo supponevo. il controllo di volume e' eseguito direttamente nel DAC AKN (stesso chip del mio Teac UD-503)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
bibo01
1 hour ago, stanzani said:

lo supponevo. il controllo di volume e' eseguito direttamente nel DAC AKN (stesso chip del mio Teac UD-503)

...ma in modalità DSD il controllo del volume non funziona. 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
apprendista

Vero...così come è vero che l'rme ha diverse modalità di funzionamento: "usb", "dac mode", "preamp mode"; ho letto nel manuale che ci sarebbe addirittura una modalità "analog to analog"...

Il manuale oltre a essere in inglese è parecchio voluminoso (circa 100 pagine, sono riuscito  a tradurlo solo in parte); capire tutte le funzionalità richiede un pò di tempo, almeno per me...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
stanzani

@apprendista per controllare il volume nel dominio  digitaale il DSD deve essere convertito in PCM

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
apprendista

@stanzani si, grazie..l'avevo letto.

La cosa al momento mi interessa relativamente perché non ho dsd nativi (a parte qualcosina) né ho intenzione di convertirli in pcm; attualmente l'uso principale che sto facendo dell'rme è riprodurre i file 44 in pcm sovracampionando a 768khz...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
BasBass
8 ore fa, stanzani ha scritto:

anche secondo me un alimentatore lineare esterno è poco sensato. questi sono ingegneri coi contro-coglioni (scusate il francese) a quanto vedo: il lavoro di purificazione e' eseguito dai regolatori interni. Poi certo si puo' provare ma senza pregiudizi (ovvero sena sapere cosa suona)

p.s. il supporto e' eccellente: li ho contattai e mi hanno risposto gentilmente e con grande competenza)

Ho appena ordinato un alimentatore lineare multi rail "serio" per la realizzazione del nuovo PC Server (che sarà alimentato in full linear) e, avendo a disposizone più linee di alimentazione a 12V una di esse la proverò con l'RME, così potrò appurare se ci saranno miglioramenti rispetto all'alimetatorino switching di serie. Vi terrò informati non appena arriverà (spero presto).

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
FabioSabbatini

 appena letto questo:

https://www.soundonsound.com/reviews/rme-adi-2-pro

tra le varie cosucce realizzo solo ora che c'è anche, oltre all'eq normale a 30 bande, un eq parametrico a 5 bande, canali anche non linkati

Impressive

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
apprendista

Si..oltre alla analizzatore di spettro c'è un parametrico molto accurato...diciamolo pure...è una vera figata...B|

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
FabioSabbatini

...e anche un loudness compensation. E mille altre cose. Se per caso, come ritengo possibile, dovesse suonare (fatti salvi i sacrosanti gusti personali) non significativamente peggio di qualunque altro dac, direi che esistono modi più efficaci di buttare via i soldi nel nostro hobby

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
apprendista

Per chi si volesse "buttare" adesso su rme, consiglierei il nuovo adi2 dac, di prossima uscita. Costa meno ed è ancor più votato all'home listening...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
FabioSabbatini

se non serve la parte AD, direi di sì e alla grande pure. Lo aggiungo "al buio" alla mia short list di raccomandati, assieme al Benchmark dac3 (sentito ieri nel mio impianto), lyra2, yggy (non pop, pur bravissimo)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
apprendista

Benchmark e Schiit però costano parecchio di più...il Prism è una macchina pure interessante...ma provare questa roba è praticamente impossibile...¬¬

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
simomat

@stanzani Ciao scusa del ritardo nella risposta. L'AD2 è molto versatile e come pre se la cava bene. Ho provato direttamente con i diffusori attivi ed il risultato è più che buono. Tra l'altro puoi regolare tutti i parametri di uscita. Una macchina veramente completa.

Se sei in zona Milano sono disponibile a farla provare.

Ciao.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
skunk

Io sono di Ravenna, ho collegato l’adi alle focal sm9 e va che è una favola. Per le tante funzioni presenti ancora faccio fatica a dare un giudizio, perché serve veramente molto tempo per esplorarle tutte. Certo il parametrico a 5 bande è un gioiello per come funziona. Una cosa mi ha stupito rispetto ad altri equalizzatori che avevo provato. L’intervento non peggiora la qualità del segnale, un intervento per aumentare la risposta sui bassi con un equalizzatore di solito mi faceva percepire una perdita di coesione, più bassi, ma più confusione, perdita di qualità complessiva, con l’Adi2 mi sembra solo di avere un diffusore diverso più generoso in basso. Forse merito anche delle Focal.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
apprendista

...e avresti anche la possibilità di agire sulle regolazioni delle Focal.

Ho la stessa accoppiata...confermo l'alto grado di soddisfazione...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
stanzani

OT: le vostre focal, per quanto esteticamente orride :) sembrano proprio eccellenti!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
apprendista

Sui gusti non discuto, hanno sicuramente una forma poco convenzionale; quello che posso dirti è che sono rifinite in maniera eccellente. Quello che forse impatta di più è la sistemazione in ambiente: avrebbero bisogno di stand larghi 50 cm e alti almeno 70 cm (o 60, per chi come me usa gli isoacoustic), che sopportino anche un certo peso.

Pur a volerseli far costruire, si rischia di avere degli stand mastodontici.

Al momento le ho posizionate, provvisoriamente, su una coppia di tavolini Ikea (quelli più robusti) ma ho dovuto mettere degli spessori per alzarle ulteriormente...ammetto che esteticamente non è il massimo...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
skunk

Io le ho sulla scrivania, su un piedistallo a mo’ di hi fi sono un pochino sgraziate, ma su una scrivania sono “tecniche”, ma non brutte, oltretutto sono rifinite in modo eccellente. Gli isoacoustic isolano fino a un certo punto, pensavo di spostarle fuori, su piedistallo, ma a filo scrivania.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
apprendista

@skunk l'importante è che siano a filo, o solo qualche cm interne...altrimenti il piano d'appoggio becca le risonanze dell' woofer

Cercherò di escogitare un supporto che sia poco invasivo; i pochi "ad hoc" (argosy) sono per sale di registrazione, hanno altezza minima 90 cm...¬¬

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
skunk

Non riesco ad accedere alla funzione loudness, riesci a darmi la sequenza per arrivarci? Dovrebbe essere un click dopo il parametrico, ma non compare...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
apprendista

ehm...io nemmeno ricordavo che ci fosse...perdonami ma il manuale lo devo ancora aprire...:ph34r:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
skunk

C’ è una sorta di loudness attivo, puoi scegliere l’ampiezza dell’intervento ed è progressivo al crescere del volume. Per esempio imposti un +6 sui bassi è un + 4 sugli alti ottieni a basso volume quegli incrementi, vedi la famiglia di curve sul manuale. A mano a mano che aumenti il volume cala l’incremento, fino ad annullarsi completamente a volume medio, cioè quando non ce n’ è più bisogno.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
apprendista

Ho tradotto il manuale in italiano (più o meno)....vado a leggere

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
apprendista

trovato...devi andare su main output 1/2 - Settings...premi la manopolina superiore su ad/da source entrando in quel menù...poi ruoti la manopolina inferiore facendo fare uno scatto in senso antiorario...e hai il menù del loudness...

Non penso di usarlo...ma è un'altra feature interessante...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
skunk

Funziona non bene, di più, a basso volume il suono è più ricco e piacevole e alzando il volume l’effetto si attenua fino a scomparire. Dovrebbe essere di default in ogni amplicatore, anzi penso che in qualche ampli ci sia, più o meno nascosto.  Il giusto livello di bassi ad ogni volume.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
stanzani

qualcuno ha provato la sezione A/D? Gentilmente @simomat mi ha fatto visita e abbiamo collegato l'uscita del pre fono (un Aqvox) all'ingresso A/D e selezionato la sensibilita' massima, e quindi ascoltato in cuffiama abbiamo sperimentato due fenomeni

-  il volume percepito in cuffia era abbastanza basso

- non siamo riusciti a inviare il segnale campionato del pre phono al PC e farlo tornare al DAC dello RME (da e per USB)

Il PC monta JRiver e la funzione Live era abitata (WDM driver on, ovvero tutte le sorgenti audio del PC vengono elaborate da JRiver)

tempo permettendo contattero' il supporto RME

grazie

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
apprendista

Non ho ancora provato, devo prima prendermi un prephono e una testina per rimettere in moto il vpi.

Ti faccio alcune domande più semplici: l'ingresso analogico può essere usato "liscio"? o il segnale viene convertito per forza di cose in digitale? Propenderei per la seconda ipotesi...in tal caso il percorso del segnale analogico (giradischi ) non sarebbe a/d/a? Perché farlo tornare indietro al pc?

Quanto al volume delle cuffie, una banalità: avete settato la modalità "hi-power"?

Confermo la bontà del prodotto, ma anche la difficoltà di accedere alle varie funzioni del menù.

Purtroppo ci vuole tempo (che non ho) e un minimo di impegno, il manuale è lungo e molto dispersivo...

Non l'ho voluto restituire per pigrizia, ma se trovassi qualcuno interessato a prendere il mio, potrei optare per il nuovo dac "liscio"...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

  • Statistiche forum

    293.344
    Discussioni Totali
    6.308.165
    Messaggi Totali

Facebook

About Melius Club

Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con codice fiscale 07710391215.
Powered by K-Tribes.

Follow us

×

Informazione Importante

Privacy Policy